VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi sarà il prossimo allenatore dell'Inter?
  Stefano Pioli
  Antonio Conte
  Diego Pablo Simeone
  Mauricio Pochettino
  Leonardo Jardim
  Marco Silva
  Luciano Spalletti
  Unai Emery

TMW Mob
A tu per tu

...con Bjelica

"Il mio Spezia, niente corsa e tanto lavoro con la palla. Questo gruppo ha fame. Serie A? Un sogno, non un obiettivo. Costruiamo il futuro. Kramaric da big. E io penso al presente..."
11.11.2014 00.00 di Alessio Alaimo  Twitter:    articolo letto 14962 volte
© foto di LR Press

"Abbiamo creato un buon gruppo. Un gruppo sano". Sorride Nenad Bjelica, allenatore dello Spezia. Spezia che vola e sogna, sulle ali dell'entusiasmo. Dallo scetticismo iniziale - anche interno al club - a risultati su risultati. E il meglio deve ancora venire. Bjelica parla a TuttoMercatoWeb.

Mister, cominciano a vedersi i frutti del suo lavoro.
"Tutti devono sentirsi utili per la squadra. Lavorando si può fare bene. Stiamo facendo buoni risultati e davanti ai nostri tifosi offriamo anche bel gioco. Stiamo dimostrando un livello alto di gioco. Basti pensare che abbiamo vinto contro Livorno e Pescara. Questo gruppo ha fame".

Obiettivo serie A?
"Obiettivo no. Sogno si. Abbiamo una squadra nuova, con tanti giocatori nuovi. Era difficile pensare che tutto funzionasse bene come sta funzionando adesso. Abbiamo fatto un piano triennale: in tre anni vogliamo andare in serie A e stiamo lavorando. Funziona tutto bene, ma dobbiamo andare avanti così perché mancano ancora tante partite. Abbiamo fatto tredici chilometri, ma ne mancano ancora tanti. L'obiettivo è preparare la squadra per il futuro".

All'inizio su di lei c'era un po' di scetticismo, anche interno al club. Tant'è che c'erano stati dei problemi anche relativi al preparatore atletico, che lei non utilizza.
"Era normale che qualcuno fosse scettico e non sicuro del mio lavoro. Io lavoro in maniera diversa. Faccio lavoro fisico con la palla e non con la palla. Questa è la differenza tra il mio lavoro e chi lavora in Italia. Vero, non tutti erano sicuri che il mio metodo di lavoro avesse successo. E adesso stanno arrivando i risultati, perché tutti si sono adattati al mio metodo. I ragazzi sono contenti. Lavoriamo duramente, ma sempre con la palla. E i risultati hanno cambiato l'opinione di qualcuno che poteva essere scettico. Era una cosa nuova per la gente, per la squadra e per qualcuno che lavora per la società. Ma penso che il mio modo di lavorare sia giusto. Anche se a qualcuno può sembrare strano che non voglia il preparatore atletico perché non conosce il metodo di lavoro moderno che magari non si usa in Italia. Ma anche il Napoli fa lo stesso lavoro nostro. Non perdiamo tempo con la corsa secca. È un modo europeo di fare l'allenatore: succede lo stesso in Germania o in Austria e non l'ho certo scoperto io".

Italia-Croazia, il 16 novembre. Come la vede?
"Una partita aperta. La Croazia sta crescendo, la squadra si è rinnovata e sembra sicura, organizzata. Mi aspetto una bella partita. Ma anche l'Italia è cambiata ed é diversa con Conte rispetto al Mondiale. Sarà una partita dura per entrambe. Croazia e Italia se la giocheranno per primo e secondo posto".

Il giocatore da tenere d'occhio?
"Kramaric è in forma, è cresciuto tanto. È diventato un idolo del Rijeka ed è importante anche per la Nazionale. Negli ultimi tempi ha avuto un exploit importante".

Exploit da big italiana?
"È un giocatore da grande squadra italiana. È cresciuto. Non gioca bene solo in campionato ma anche in Europa, questo fa di lui un giocatore importante".

E lei, in futuro, si vede in una grande in serie A?
"Sono contento allo Spezia. Stiamo facendo un buon lavoro qui e penso a fare bene qui. Non ho tempo di pensare dove posso arrivare. Sono ambizioso, è normale. Voglio arrivare in una grande squadra. Ma la strada è lunga e devo migliorare ogni giorno".

E poi ha una guida importante in società: Igor Budan, che ha alle spalle una promozione in serie A da dirigente - al Palermo - e il campionato italiano lo conosce bene.
"Mi ha aiutato molto le prime settimane. Non conoscevo il calcio italiano. Igor mi ha dato buone informazioni, sia dal punto vista professionale che personale su alcuni calciatori. È stato molto utile, è sempre presente e aiuta tanto i ragazzi. Il suo ruolo all'interno della società è molto importante".

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie A tu per tu
...con Frey 22.04 - La partita delle emozioni. Da una parte il primo amore, dall'altra un amore sbocciato piano piano. Inter-Fiorentina, la partita di Sebastien Frey. "Quando giocavo nella Fiorentina era sempre considerata una grande partita, a livello di qualità l'Inter era superiore. Tutte le volte...
Telegram

A tu per tu

...con Di Somma 21.04 - Un ritiro per riordinare le idee. E per tornare a sorridere. "Siamo tranquilli, l'aria è serena. Qualche risultato sta venendo meno, ma siamo stati penalizzati dai risultati perché le prestazioni sono buone. Poi anche alcune decisioni arbitrali non ci hanno aiutato", dice il dg del...

A tu per tu

...con Joao Santos 20.04 - "Se in Milan e Inter sono entrati grandi capitali allora è giusto aspettarsi un grande mercato, molto caldo. Pensando però che Juve e Napoli hanno già una struttura pronta e non dovranno spendere chissà quanto". Così a TuttoMercatoWeb l'operatore di mercato Joao Santos in vista della...

A tu per tu

...con Sannino 19.04 - "La Juve ha dimostrato di non avere rivali in campionato, mentre per quanto riguarda la Champions il 3-0 è un bel bottino ma il Barça in casa è pericoloso". Così a TuttoMercatoWeb Giuseppe Sannino fa le carte alla sfida di Champions League in scena stasera. Passerà la Juve? "Io...

A tu per tu

...con Canovi 18.04 - "Il Milan? Finisce un'era". Così a TuttoMercatoWeb l'operatore di mercato Dario Canovi a proposito del passaggio di consegne avvenuto in casa Milan. Da Silvio Berlusconi a Yanghong Li. "Il ricordo personale con il Milan di Berlusconi risale a quando abbiamo firmato il contratto per...

A tu per tu

...con Di Carlo 17.04 - "Sia noi che il Cesena veniamo da una vittoria importante, siamo in salute e sicuramente sarà una bella partita. Il Cesena in casa gioca a ritmi alti, andrà affrontato senza arretrare troppo". Domenico Di Carlo analizza così a TuttoMercatoWeb la partita che andrà in scena questa sera...

A tu per tu

...con Battistini 16.04 - Closing Milan, si cambia. Da Silvio Berlusconi a Li Yonghong. "Quella di Berlusconi è stata un'era vincente, purtroppo in parte sporcata da una cattiva gestione degli ultimi anni che comunque non toglie ciò che ha fatto l'ex presidente per il Milan", dice a TuttoMercatoWeb l'operatore...

A tu per tu

...con Bonato 15.04 - "Una partita così si prepara da sola... giochiamo in un contesto gratificante e quindi le motivazioni vengono da sole. Sappiamo quali sono le qualità del Napoli". Così a TuttoMercatoWeb il ds dell'Udinese, Nereo Bonato, in vista della partita contro il Napoli. A questo punto...

A tu per tu

...con De Fanti 14.04 - Closing Milan, affare fatto. E c'è un nuovo management, composto da Mirabelli e D'Ottavio con la regia di Fassone. "Mirabelli e D'Ottavio? A me sinceramente stupisce che si continui a parlare di loro come se fossero due persone alle prime armi", dice l'ex ds del Sunderland Roberto...

A tu per tu

...con Falcinelli 13.04 - "Ci credevamo quando eravamo a meno undici, figuriamoci adesso". Non si ferma e ha voglia di lottare e fare l'impresa, l'attaccante del Crotone Diego Falcinelli. Testa bassa e lavorare, per continuare a sperare. E dopo la vittoria sull'Inter c'è ancora più convinzione. "Stiamo provando...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.