HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Magazine
SONDAGGIO
Grandi bomber in Italia: chi la spunterà come capocannoniere?
  Vincerà Dzeko, è il centravanti più in forma della Serie A
  La spunterà ancora Higuain, è il goleador della squadra più forte
  Il trono tornerà ad un italiano, la rivelazione Belotti
  La sorpresa sarà totale: vincerà il falso nove Mertens
  Il titolo tornerà ad Icardi, già re dei bomber nel 2015

TMW Mob
A tu per tu

...con Corvino

"Ho ancora voglia di calcio. Juve, tutto come previsto. Cerci passato inosservato alla Fiorentina? Era finito un ciclo. Montella coerente e coraggioso. Viola, ti auguro di fare meglio dei miei anni. Miccoli, non ti ho preso in giro"
16.04.2014 00.00 di Alessio Alaimo  Twitter:    articolo letto 24667 volte
© foto di Giacomo Morini

"Ho visto tante partite, la voglia di non sentirti lontano ti porta a vedere calcio, ad aggiornarti, informarti. Per essere sempre pronto e per farti sempre una cultura personale migliore". Pantaleo Corvino ha ancora voglia di calcio. Di calcio ad alti livelli. La carriera parla per lui, ma non è ancora tempo di mettere in soffitta macchina, telefono e occhio. L'occhio di chi ha individuato diversi talenti e ancora vuole stupire, proprio come qualche anno fa. "Ma il futuro - dice Corvino a TuttoMercatoWeb - non dipende mai solo da quello che vorresti fare tu, bensì anche da ciò che ti viene prospettato. La passione e la voglia però, non mancano mai".

Che serie A vede da fuori?
"Diversa. Più povera di valori, ricordo che la Fiorentina arrivava quarta. Ma giocavamo contro la Juventus di Moggi e Trezeguet, l'Inter di Mourinho e il Milan del primo Kakà e di Seedorf, Maldini e Costacurta. Oggi questi valori ci sono?".

No. Cosa farebbe per migliorare il nostro campionato?
"Quello che ho sempre fatto: miscelare le qualità in base alle potenzialità del club in cui sto".

La Juve ha messo in cassaforte un altro scudetto.
"Sta mantenendo fede alle aspettative: vincerà il terzo campionato di fila".

Si aspettava di più dal Napoli?
"Sta facendo il suo campionato, è una squadra di valore. Poi ogni società tende sempre a voler fare di meglio. Ma il terzo posto è un ottimo risultato".

Grande protagonista a Torino, quasi snobbato da qualcuno a Firenze. Alessio Cerci adesso è un uomo mercato di spessore.
"Il trio d'attacco della mia ultima Fiorentina era Cerci, Gilardino fino a gennaio e Jovetic. A centrocampo avevo Behrami, Montolivo e Lazzari. Ma era finito un ciclo e quando si verifica questo tante cose vengono alterate".

A proposito di Jovetic, potrebbe tornare in Italia. Come lo giudica?
"È stato infortunato, ma quando ha giocato ha fatto bene e parecchi gol. Un giocatore se va da una parte ha delle aspettative, si aspetta di giocare sempre. Ma quando è stato impiegato ha dato il massimo lasciando anche il segno. Poi la valutazione è soggettiva e tocca ad ognuno di noi decidere se è meglio fare il Papa a Roma oppure il parroco a Brescia".

E Ljajic? Alla Roma poche partite da titolare, ma quando è entrato ha dato il suo contributo.
"Non ha giocato da titolare fisso, ma in un grande club, una squadra che sta dimostrando grandi cose ci può stare. Ljajic è un giocatore importante, si alterna con altri calciatori importanti".

Alla Juventus Osvaldo sta facendo fatica. Giusto riscattarlo?
"È arrivato nel mercato di gennaio, in un contesto già collaudato. E soprattutto in una squadra con la Juventus ci può stare di far fatica ad inserirsi subito, ma il giocatore è forte. Se la Juve lo ha preso è perché crede in lui. Poi ognuno ha il termometro e il polso delle proprie situazioni".

Delio Rossi: anni importanti tra Lecce, Lazio e Palermo. Poi la Fiorentina e la Sampdoria, due esperienze non esaltati. Tornerà protagonista?
"L'ho avuto a Lecce e alla Fiorentina. Nella carriera di un allenatore ci sono momenti positivi e negativi, è un ottimo allenatore".

Neto e Romulo protagonisti: uno a Firenze, l'altro a Verona. Due sue scoperte.
"Sono contento. Neto, Romulo, Ljajic, Seferovic, Nastasic, De Silvestri... erano tutte alternative dell'ultima squadra che ho lasciato".

Che Fiorentina vede nel futuro?
"In sette anni siamo stati una delle squadre che ha fatto più punti e ottenuto tanti successi. Mi auguro che possa fare meglio di quello che ho fatto io".

Montella l'uomo giusto per un ciclo come il suo con Prandelli?
"È un allenatore che si sta dimostrando molto bravo, intelligente. Un tecnico coraggioso e coerente"

Il Lecce andrà in serie B?
"Ha fatto trenta, è giusto che faccia trentuno. Sarebbe bello andare in B per una piazza che merita ben altre categorie rispetto a quella attuale e per la società che ha fatto degli sforzi".

L'Italia di Prandelli: dove arriverà?
"Mi auguro di vedere un Mondiale all'insegna dell'Italia".

La sorpresa?
"Qualche Nazione che metta in vetrina qualche talento interessante".

Chiusura d'obbligo su Fabrizio Miccoli: a Calcio2000 ha dichiarato che si è sentito preso in giro da lei perché non è rimasto alla Fiorentina dopo alcune promesse non mantenute. Cosa risponde?
"Considero Miccoli ancora un calciatore. Ragiona ancora da calciatore. Mi auguro che un giorno capisca ciò che non sta capendo adesso. Pensavo che potesse dirmi grazie non solo perché è andato al Benfica ma anche per altre cose, per quello che ho fatto per lui. Quando sei in comproprietà sai che corri il rischio di andare alle buste. Pensavo di tenerlo, invece lo persi per 200.000 euro. L'anno prima alla Fiorentina pagò 7 milioni di euro. All'inizio la Juve mi disse che era disposta a rinnovare la comproprietà, poi cambiò idea. E alle buste lo persi per una lieve differenza economica. Ciò che mi preme sottolineare è che non l'ho mai preso in giro. Non mi aspettavo le parole che ha detto, davvero...".

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie A tu per tu
...con Corsi 25.02 - "Una missione impossibile, ma noi ci proviamo". Così a TuttoMercatoWeb l'ex il presidente dell'Empoli, Fabrizio Corsi, in vista della partita di questa sera contro la Juventus. Otto punti sul Palermo. Quanto vi sentite con la salvezza in tasca? "Per niente. Dobbiamo giocarci...
Telegram

A tu per tu

...con Di Somma 24.02 - "È una partita importantissima per tutti e due". Così a TuttoMercatoWeb il dg del Benevento, Salvatore Di Somma presenta la partita contro il Bari. È uno scontro al vertice. "Giochiamo in casa, occupiamo una posizione di classifica importante e vogliamo mantenerla e consolidarla....

A tu per tu

...con Ardaiz 23.02 - Tutti pazzi per Joaquin Ardaiz. Sporting Lisbona e Barcellona ci pensano, lui intanto segna per il Danubio e per l'Uruguay Under 20. A caccia del titolo mondiale. Predestinato? Forse. "Io lavoro per la mia vita e la mia carriera, mi preparo per i momenti che verranno", dice Ardaiz...

A tu per tu

...con Hodgson 22.02 - Spettatore interessato. Guarda la Premier, un po' meno il calcio italiano. Roy Hodgson è comunque attento alle dinamiche del mondo del pallone e prepara il suo ritorno. "La Juve stasera gioca in casa o fuori?", domanda Hodgson, che torna a parlare alla stampa italiana e lo fa in esclusiva...

A tu per tu

...con Sebastiani 21.02 - Il sorriso ritrovato. E anche la voglia di lottare. I risultati cambiano gli umori, il Pescara torna a gioire. Tutto merito della manita, un 5-0 sul Genoa senza storia. "Si, ma siamo sempre ultimi...non abbiamo fatto niente", dice a TuttoMercatoWeb il presidente della società abruzzese,...

A tu per tu

...con Martorelli 20.02 - "L'uscita di De Laurentiis dopo la partita contro il Real Madrid è stata fuori luogo". Cosi a TuttoMercatoWeb l'operatore di mercato Giocondo Martorelli. "Il Napoli - prosegue Martorelli - sta offrendo prestazioni di grande livello, andare a Madrid e perdere comunque giocando una...

A tu per tu

...con Colomba 19.02 - "Alcune squadre come Juve e Roma si sono confermate di primissima fascia. Poi l'Inter, il Milan a tratti, la Lazio e la Fiorentina hanno dimostrato di essere di seconda fascia". Cosi a TuttoMercatoWeb Franco Colomba fa le carte al campionato. De Laurentiis e gli attacchi a Sarri:...

A tu per tu

...con Bonato 18.02 - La partita dei ricordi e delle emozioni. Il Sassuolo una tappa fondamentale per il percorso professionale di Nereo Bonato, oggi ds dell'Udinese. E domenica la squadra del dirigente bianconero sfiderà proprio il Sassuolo. "Sassuolo per me ha significato tanto. Un percorso entusiasmante...

A tu per tu

...con Simplicio 17.02 - Una nuova carriera per Fabio Simplicio. "Non mi vedo allenatore, sto cominciando a fare... il procuratore", dice a TuttoMercatoWeb l'ex centrocampista di Parma, Palermo e Roma. La Serie A sempre nel cuore, mai dimenticata. Simplicio studia ed osserva il campionato italiano, in attesa...

A tu per tu

...con Iachini 16.02 - Valigia, check in e... via. La scorsa settimana Beppe Iachini è volato in Inghilterra, a caccia dei segreti di Pep Guardiola. Nella casa del Manchester City. Qualche giorno fianco a fianco con Pep, per studiarlo e per aggiornarsi. "Tra noi c'è un bel rapporto professionale, era venuto...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.