HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
A tu per tu

...con Giannini

"Io, il primo allenatore di Simeone: vi racconto Diego. Cholo, stasera senza paura: sul campo hai più esperienza di Mourinho. In finale vorrei il derby di Madrid"
30.04.2014 00.00 di Alessio Alaimo  Twitter:   articolo letto 11888 volte
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport

Correva l'anno 1990, il Pisa giocava a buoni livelli e in quella stagione, in Toscana, militava Diego Pablo Simeone. Un giovane di belle speranze e grandi prospettive per il futuro. Una valigia carica di sogni e ambizioni per il futuro. E tanta voglia di imporsi nel calcio che conta. Il 9 settembre l'esordio in serie A, contro il Bologna. Le stagioni a Pisa però, per Simeone, nonostante le cinquantacinque presenze condite da sei gol, non sono molto positive. Così lascia l'Italia, va al Siviglia. E lì dimostra tutto il suo potenziale, lo nota l'Atletico Madrid che decide di acquistarlo. E nel 1997 il ritorno in Italia, c'è la chiamata dell'Inter. Un'occasione da sfruttare. Inter e Atletico Madrid, le due squadre - insieme alla Lazio - che il Cholo ha ancora nel cuore. Lui che adesso fa l'allenatore in Spagna, proprio all'Atletico, dove sta vivendo un sogno. Un sogno che si chiama finale di Champions League, questa sera a Stamford Bridge la partita di semifinale di ritorno contro il Chelsea. Si riparte dallo 0-0 dell'andata. Luca Giannini è stato il primo allenatore di Simeone in Italia, al Pisa. Nel 1990. Colui che lo ha fatto esordire, oggi lo racconta a TuttoMercatoWeb. E questa sera davanti alla tv ci sarà anche lui, con un pizzico di emozione. Ripensando a quel Diego Simeone. E a quello di adesso, che ha fatto strada e non vuole svegliarsi dal sogno europeo, che parla anche un po' italiano, come il direttore sportivo internazionale dei Colchoneros, Andrea Berta. E come Simeone che l'Italia non l'ha mai dimenticata. E in futuro chissà.

Giannini, quel giovane che nel 1990 giocava per la prima volta in serie A oggi si gioca l'accesso alla finale di Champions.
"Sono contento, Diego merita i successi che sta avendo. Perché è una grande persona. Me lo ricordo come uno che non ci stava mai a perdere, un professionista esemplare. Uno che arrivava all'allenamento mezz'ora-quaranta minuti prima e andava via quando già tutti se n'erano andati".

Che effetto le fa vederlo oggi a giocarsi la finale?
"Una cosa o si fa bene o è meglio non farla, lui sta facendo benissimo. Dà sempre il massimo, del resto visto il personaggio non potrebbe essere altrimenti. Sono felice, gli auguro le migliori fortune".

Stasera però è una missione quasi impossibile, contro il Chelsea. A Stamford Bridge.
"Beh, Davide contro Golia. Quando giochi contro un avversario più forte di te non vuoi mai essere da meno. E poi cosa manca all'Atletico Madrid per essere forte? Nulla. Se la giocherà ad armi pari. L'Atletico ha tecnica, qualità, furore agonistico. E poi ha il Cholo...".

Dall'altra parte c'è Mourinho.
"Sì, ok. Ma Diego ha più esperienza di campo, ha giocato ad alti livelli. Mourinho no. E questo per il Cholo può essere un vantaggio".

All'andata il Chelsea costruì le barricate. Si aspetta lo stesso atteggiamento dall'Atletico?
"No. Diego non aspetterà l'avversario in quel modo plateale. Anche se il calcio è fatto anche di ripartenze, contropiede, strategie. Sarà una bella partita. E l'Atletico Madrid non è inferiore".

Cosa direbbe oggi a Simeone?
"Che il calcio lo ha portato avanti nella vita, lui ci ha messo grande impegno e professionalità. Vorrei chiamarlo, ma evito perché non voglio disturbare. Non ha bisogno di consigli, sa quello che deve fare. E l'importante è impegnarsi, anche se sbagli devi essere consapevole di dare il massimo. Sempre. Mi auguro che l'Atletico arrivi in finale. Quella di Diego è e sarà sempre una squadra senza paura".

Che finale immagina?
"La mia speranza è che a giocarsela siano l'Atletico e il Real Madrid. Un pezzo d'Italia per parte. E poi, buona partita a tutti. A Diego auguro buona fortuna, ma sa quello che fa. Sempre".

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie A tu per tu
...con De Biasi 29.09 - Italiane impegnate in Europa League. "Il Sassuolo vince", dice chiaro e deciso il ct della Nazionale Albanese Gianni De Biasi, a TuttoMercatoWeb Per tutte le nostre italiane una giornata favorevole. "Il Qarabag non è male, anche se la Fiorentina è superiore e quindi per i...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

A tu per tu

...con Valcareggi 28.09 - "Le distanze tra Juve e Napoli si sono un po' accorciate, i bianconeri devono giocare alla grande tutte le partite. Il Napoli con il dopo Higuain non ha fatto danni, a metà campo è forte, Zielinski e Hamsik sono due fenomeni e la rosa è imbarazzante da quanto è forte. Sarà una...

A tu per tu

...con Jankovic 27.09 - "Mi hanno cercato in Israele, ma voglio stare vicino alla mia famiglia. Cerco una sistemazione a me congeniale, aspetto. E a breve penso che tornerò in campo". Bosko Jankovic ha detto addio all'Hellas Verona, ma è pronto a ricominciare. Ancora in Europa. "Non è tempo di andare...

A tu per tu

...con Matteoli 26.09 - "Entrambe vengono da un momento delicato, non sarà una partita facile dal punto di vista mentale". Il doppio ex Gianfranco Matteoli, oggi osservatore per l'Inter, parla a TuttoMercatoWeb di Cagliari-Sampdoria in scena stasera. Voci su Rastelli, che oggi deve allontanare i...

A tu per tu

...con Colantuono 25.09 - "Il campionato ha confermato le ipotesi dell'estate: la Juve protagonista, come il Napoli. E c'è stato il risveglio dell'Inter. Tutto nella norma. Con la sorpresa Chievo...". Cosi a TuttoMercatoWeb Stefano Colantuono in attesa di tornare protagonista fa le carte al campionato...

A tu per tu

...con Lucchesi 24.09 - Situazione societaria in divenire a Pisa. Tra vicende societarie e di campo. "Da un punto di vista societario c'è la volontà di vendere da parte della Famiglia Petroni, ma con l'interlocutore di Dubai fanno fatica a trovare un accordo totale. Era stato firmato un preliminare,...

A tu per tu

...con Troianiello 23.09 - Dici Gennaro Troianiello e pensi alla sua spontaneità e simpatia. Ti vengono in mente anche i video divertenti dell'anno scorso. Ma anche un curriculum di tutto rispetto che parla chiaro: Troianiello è l'uomo delle promozioni in serie A. L'Hellas Verona ha fiutato l'affare e...

A tu per tu

...con Constant 22.09 - "Sono in Grecia, mi alleno con un preparatore atletico di fiducia". Kevin Constant attende. Telefono sempre in mano, pronto a rispondere alla chiamata giusta, che arriverà. E intanto parla a TuttoMercatoWeb. Scusi, ma che ci fa in Grecia? "Perché il mio avvocato è qui,...

A tu per tu

...con Carli 21.09 - "Da tre anni mi chiedono come ci prepariamo alle grandi partite, bello perché vuol dire che siamo in serie A: giocare contro le big ci porta soddisfazione, per noi è quasi impensabile e dbbiamo affrontare tutte le partite con il massimo dell'entusiasmo. Abbiamo davanti una...

A tu per tu

...con Petkovic 20.09 - Vittoria e sorrisi, per respirare e salvare la panchina. Sì, perché Frank De Boer ha rischiato di salutare la serie A dopo poche partite. "L'Inter ha meritato, ci sono altre squadre oltre la Juve che possono giocarsela e competere proprio contro i bianconeri", dice a...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.