VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi sarà il prossimo allenatore dell'Inter?
  Stefano Pioli
  Antonio Conte
  Diego Pablo Simeone
  Mauricio Pochettino
  Leonardo Jardim
  Marco Silva
  Luciano Spalletti
  Unai Emery

TMW Mob
A tu per tu

...con Gomez

"Vicino alla Fiorentina, il Metalist ha detto no: ma a giugno voglio tornare in Italia. Se consiglio l'Ucraina? Non parlerò mai male del mio club, ma la mia famiglia qui non sta bene. Maxi Lopez, dimostra chi sei. Icardi, devi crescere"
16.02.2014 00.00 di Alessio Alaimo  Twitter:    articolo letto 16170 volte
© foto di Federico De Luca

Viola mancato. Papu Gomez ha sfiorato, accarezzato la Fiorentina nel mercato di gennaio. E invece no, niente da fare. Il Metalist si è opposto alla cessione in prestito. Così ancora quattro mesi in Ucraina, poi Gomez lascerà la sua attuale squadra e ritornerà a giocare nel calcio che conta. "La mia idea non è cambiata, io e la mia famiglia vogliamo tornare a vivere in Italia. E io ho voglia di tornare a giocare in serie A", ammette Gomez a TuttoMercatoWeb.

Qualche mese e poi finirà il campionato. Lascerà l'Ucraina, no?
"Mi sto trovando comunque bene. Stiamo facendo il ritiro, manca poco all'inizio del campionato. Dobbiamo giocare da marzo a maggio al massimo, tra qualche mese finirà il campionato. Poi valuterò insieme al mio procuratore e al Metalist le offerte".

A gennaio poteva andare alla Fiorentina...
"Sono stato vicino alla Fiorentina, ma il Metalist non mi ha voluto cedere in prestito. Ho parlato con Pradè, mi ha detto che mi voleva. Questo mi ha fatto piacere. Ma poi la società ha detto di non volermi cedere in prestito. Vedremo a giugno cosa accadrà. Ora voglio fare un grande campionato con il Metalist, poi vediamo. Il mio pensiero però non è cambiato: voglio tornare in Italia".

Si può dire che la Fiorentina è la sua squadra preferita per giugno?
"Firenze è una bella città. Nella Fiorentina c'è Montella che mi conosce bene e sarebbe un motivo in più per andare. Io andrei con molto piacere. Ma chi mi vuole deve pagare la cifra che chiede il Metalist, sei-sette milioni per pagare il cartellino. La Fiorentina è una grande squadra, chiunque vorrebbe vestire viola".

Col senno di poi consiglierebbe ai suoi colleghi di andare al Metalist?
"Io ho scelto di venire qui perché avrei giocato le Coppe, poi però la squadra è stata eliminata per un problema precedente. Qui pagano molto bene. Ognuno decide ciò che vuole. Il mio problema non è il Metalist, ma la mia famiglia non si trova bene, voglio ritornare in Italia. Ma mai parlerò male del Metalist".

E il suo Catania, si salverà? Intanto è tornato Maran.
"Sono contento del suo ritorno, è un grande mister, gli auguro tutto il bene del mondo. Si a lui che al preparatore atletico De Bellis. La colpa non è di Maran. Parlo sempre con tutti i ragazzi argentini del Catania, credono nella salvezza: sarà dura, ma alla fine ce la faranno. Glielo auguro".

Cosa è successo ai rossoazzurri?
"Non serve che parli male di qualcuno: società, staff tecnico o calciatori. Ora è importante che tutti insieme provino a fare il loro meglio per il Catania, per salvarlo. Poi a luglio sicuramente ci sarà qualche cambiamento: sono state fatte tante cose male, non so di chi sia la colpa. Il presidente è un uomo intelligente, che saprà cambiare e mettere a posto le cose quando sarà il momento".

Maxi Lopez intanto ha cambiato aria ed è andato alla Sampdoria.
"Maxi è un grande calciatore, spero che tutti vedano il giocatore che s'è visto a Catania tre anni fa. La sua vita privata non è un problema mio, voglio che giochi tranquillo e sia felice in campo. Con Mihajlovic, che lo conosce, farà molto bene".

Icardi invece, all'Inter, a parte il gol di ieri, va a corrente alternata.
"Gli manca tanto per essere un top player. È distratto, deve migliorare tanto. Ha avuto tanti infortuni, ma deve migliorare e pensare solo al calcio. Giocare nell'Inter è difficile, davanti ha grandi campioni e lui deve imparare dai vari Samuel, Milito e Zanetti. Solo così potrà diventare un giocatore importante".

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie A tu per tu
...con Frey 22.04 - La partita delle emozioni. Da una parte il primo amore, dall'altra un amore sbocciato piano piano. Inter-Fiorentina, la partita di Sebastien Frey. "Quando giocavo nella Fiorentina era sempre considerata una grande partita, a livello di qualità l'Inter era superiore. Tutte le volte...
Telegram

A tu per tu

...con Di Somma 21.04 - Un ritiro per riordinare le idee. E per tornare a sorridere. "Siamo tranquilli, l'aria è serena. Qualche risultato sta venendo meno, ma siamo stati penalizzati dai risultati perché le prestazioni sono buone. Poi anche alcune decisioni arbitrali non ci hanno aiutato", dice il dg del...

A tu per tu

...con Joao Santos 20.04 - "Se in Milan e Inter sono entrati grandi capitali allora è giusto aspettarsi un grande mercato, molto caldo. Pensando però che Juve e Napoli hanno già una struttura pronta e non dovranno spendere chissà quanto". Così a TuttoMercatoWeb l'operatore di mercato Joao Santos in vista della...

A tu per tu

...con Sannino 19.04 - "La Juve ha dimostrato di non avere rivali in campionato, mentre per quanto riguarda la Champions il 3-0 è un bel bottino ma il Barça in casa è pericoloso". Così a TuttoMercatoWeb Giuseppe Sannino fa le carte alla sfida di Champions League in scena stasera. Passerà la Juve? "Io...

A tu per tu

...con Canovi 18.04 - "Il Milan? Finisce un'era". Così a TuttoMercatoWeb l'operatore di mercato Dario Canovi a proposito del passaggio di consegne avvenuto in casa Milan. Da Silvio Berlusconi a Yanghong Li. "Il ricordo personale con il Milan di Berlusconi risale a quando abbiamo firmato il contratto per...

A tu per tu

...con Di Carlo 17.04 - "Sia noi che il Cesena veniamo da una vittoria importante, siamo in salute e sicuramente sarà una bella partita. Il Cesena in casa gioca a ritmi alti, andrà affrontato senza arretrare troppo". Domenico Di Carlo analizza così a TuttoMercatoWeb la partita che andrà in scena questa sera...

A tu per tu

...con Battistini 16.04 - Closing Milan, si cambia. Da Silvio Berlusconi a Li Yonghong. "Quella di Berlusconi è stata un'era vincente, purtroppo in parte sporcata da una cattiva gestione degli ultimi anni che comunque non toglie ciò che ha fatto l'ex presidente per il Milan", dice a TuttoMercatoWeb l'operatore...

A tu per tu

...con Bonato 15.04 - "Una partita così si prepara da sola... giochiamo in un contesto gratificante e quindi le motivazioni vengono da sole. Sappiamo quali sono le qualità del Napoli". Così a TuttoMercatoWeb il ds dell'Udinese, Nereo Bonato, in vista della partita contro il Napoli. A questo punto...

A tu per tu

...con De Fanti 14.04 - Closing Milan, affare fatto. E c'è un nuovo management, composto da Mirabelli e D'Ottavio con la regia di Fassone. "Mirabelli e D'Ottavio? A me sinceramente stupisce che si continui a parlare di loro come se fossero due persone alle prime armi", dice l'ex ds del Sunderland Roberto...

A tu per tu

...con Falcinelli 13.04 - "Ci credevamo quando eravamo a meno undici, figuriamoci adesso". Non si ferma e ha voglia di lottare e fare l'impresa, l'attaccante del Crotone Diego Falcinelli. Testa bassa e lavorare, per continuare a sperare. E dopo la vittoria sull'Inter c'è ancora più convinzione. "Stiamo provando...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.