HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
A tu per tu

...con Imborgia

"Addio al Parma scelta ponderata, mi lascio bene. Belfodil, Saponara e la crescita di Sansone operazioni che sento mie. Oltre 150 acquisti in questo mercato? Scelta di Leonardi, ha puntato sulla quantità. Padova? Orgoglioso se chiamasse"
02.01.2014 00.00 di Alessio Alaimo  Twitter:   articolo letto 10404 volte
© foto di Federico De Luca

La fine di un ciclo. E un addio senza rancori, che lascia le porte aperte, perché no, ad un ricongiungimento in futuro. Antonio Imborgia lascia il Parma. Una scelta ponderata, al di là del legame contrattuale. Perché quando hai dato tutto e fatto bene, è meglio salutarsi. Il calcio va veloce, la ruota gira costantemente. E vive di emozioni e motivazioni. L'ex responsabile del mercato gialloblù si concede a TuttoMercatoWeb per spiegare il suo addio e raccontare qualche aneddoto...

Imborgia, perché ha lasciato il Parma?
"Non è successo niente. Non c'è niente di strano. Il mio contratto scadeva nel giugno 2015, ma io vivo di emozioni, sensazioni e passioni. È stata una mia valutazione, non ho mai vissuto i contratti per la loro durata o per l'importo economico. Per me i contratti sono motivo di crescita professionale e quando sono andato a Parma l'ho fatto per misurarmi in una realtà importante. Volevo capire se ero all'altezza, quando ho capito di esserlo ho preferito interrompere. Ma, anzi, con Leonardi e con il presidente il rapporto è solido. Non escludo che questo sia un arrivederci, magari a Parma un giorno, potrei tornarci. Avevo il mio spazio, tutte le operazioni in entrata ed in uscita sono state condivise e portate avanti insieme".

Il suo bilancio? L'addio, così, su due piedi, sembra strano.
"Ho solo ricordi positivi, ma ho sentito di dover lasciare. Lo so, il calcio è strano: quando si va via c'è sempre una motivazione, ma io non ho né un altro posto dove andare e neppure dei problemi con qualcuno. A Leonardi ho comunicato questa scelta due mesi fa, devo dire che l'ha anche subita. Ma quando prendo una decisione non bado ai soldi o al contratto. Il Parma è una società organizzata dove tutti vorrebbero andare e c'è un gruppo di lavoro come pochi".

Un acquisto che sente suo?
"Sono state tutte scelte condivise, ma...".

Prego...
"Ho letto da qualche parte, ma non ricordo dove, che sono andato via dal Parma senza lasciare traccia. Invece mi piace ricordare che ho forzato un po' per l'arrivo di Belfodil e anche per quello di Saponara quando doveva ancora esplodere e non aveva espresso il suo potenziale nell'Empoli. Se avere a metà con il Milan un giocatore come Saponara a 1,5 milioni contro i 4 pagati dai rossoneri e vendere la metà di Belfodil all'Inter per soldi e Cassano vuol dire non lasciare traccia ben venga.
Faccio un altro esempio: l'anno scorso Sansone non giocava mai e stava andando in B al Sassuolo, io e Preiti invece abbiamo convinto lo staff tecnico e l'amministratore delegato che forse sarebbe stato meglio dare un'opportunità al ragazzo. In questo siamo stati bravi, perché sapere aspettare i giocatori non è facile. Ma di calciatori, nel gruppo Parma, che troveranno sbocchi importanti, ce ne sono altri".

In estate il mercato del Parma ha fatto discutere: oltre centocinquanta operazioni, perché?
"Una scelta di Leonardi, che ha voluto puntare sulla qualità. Bisognerebbe chiedere a lui nel dettaglio. A tal proposito le operazioni condotte da me sono state Ghezzal per arrivare alla metà di Ceppitelli del Bari; Berardocco e Misuraca che è un ragazzo del 1990 preso a parametro zero in cerca di rilancio, così abbiamo sfruttato la collaborazione con il Nova Gorica".

Ora occhi sul futuro: smentite a parte, andrà al Padova?
"Con Penocchio ci conosciamo, lo vedevo la domenica, qualche volta in casa e qualche altra volta in trasferta. Con lui ho un buonissimo rapporto, mentre con Andrea Valentini ho un rapporto d'amicizia. Andrea mi ha chiesto ogni tanto cosa pensassi del Padova, ma come capita con altre persone del mondo del pallone. Non sono andato via da Parma per andare al Padova. Ma se dovessi ricevere una chiamata sarei orgoglioso. Ad oggi non mi hanno chiamato, quindi sono fantasie che partono da Padova".

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie A tu per tu
...con Jankovic 27.09 - "Mi hanno cercato in Israele, ma voglio stare vicino alla mia famiglia. Cerco una sistemazione a me congeniale, aspetto. E a breve penso che tornerò in campo". Bosko Jankovic ha detto addio all'Hellas Verona, ma è pronto a ricominciare. Ancora in Europa. "Non è tempo di andare...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

A tu per tu

...con Matteoli 26.09 - "Entrambe vengono da un momento delicato, non sarà una partita facile dal punto di vista mentale". Il doppio ex Gianfranco Matteoli, oggi osservatore per l'Inter, parla a TuttoMercatoWeb di Cagliari-Sampdoria in scena stasera. Voci su Rastelli, che oggi deve allontanare i...

A tu per tu

...con Colantuono 25.09 - "Il campionato ha confermato le ipotesi dell'estate: la Juve protagonista, come il Napoli. E c'è stato il risveglio dell'Inter. Tutto nella norma. Con la sorpresa Chievo...". Cosi a TuttoMercatoWeb Stefano Colantuono in attesa di tornare protagonista fa le carte al campionato...

A tu per tu

...con Lucchesi 24.09 - Situazione societaria in divenire a Pisa. Tra vicende societarie e di campo. "Da un punto di vista societario c'è la volontà di vendere da parte della Famiglia Petroni, ma con l'interlocutore di Dubai fanno fatica a trovare un accordo totale. Era stato firmato un preliminare,...

A tu per tu

...con Troianiello 23.09 - Dici Gennaro Troianiello e pensi alla sua spontaneità e simpatia. Ti vengono in mente anche i video divertenti dell'anno scorso. Ma anche un curriculum di tutto rispetto che parla chiaro: Troianiello è l'uomo delle promozioni in serie A. L'Hellas Verona ha fiutato l'affare e...

A tu per tu

...con Constant 22.09 - "Sono in Grecia, mi alleno con un preparatore atletico di fiducia". Kevin Constant attende. Telefono sempre in mano, pronto a rispondere alla chiamata giusta, che arriverà. E intanto parla a TuttoMercatoWeb. Scusi, ma che ci fa in Grecia? "Perché il mio avvocato è qui,...

A tu per tu

...con Carli 21.09 - "Da tre anni mi chiedono come ci prepariamo alle grandi partite, bello perché vuol dire che siamo in serie A: giocare contro le big ci porta soddisfazione, per noi è quasi impensabile e dbbiamo affrontare tutte le partite con il massimo dell'entusiasmo. Abbiamo davanti una...

A tu per tu

...con Petkovic 20.09 - Vittoria e sorrisi, per respirare e salvare la panchina. Sì, perché Frank De Boer ha rischiato di salutare la serie A dopo poche partite. "L'Inter ha meritato, ci sono altre squadre oltre la Juve che possono giocarsela e competere proprio contro i bianconeri", dice a...

A tu per tu

...con Cornacini 19.09 - "Alle milanesi serve tempo per esprimersi al meglio, il mercato è stato bloccato dalle vicende societarie". Così a TuttoMercatoWeb l'operatore di mercato brasiliano Leonardo Cornacini. "La Juve? Rimane la squadra favorita". L'Inter aspetta Gabigol per il futuro... "Giocare...

A tu per tu

...con D'Agostino 18.09 - "Bella partita, tra due squadre un po' in difficoltà. Sicuramente si vedrà bel gioco, ma entrambe in questo momento non sono molto spettacolari, mi sembrano macchinose". Cosi a TuttoMercatoWeb il doppio ex di Fiorentina e Roma, Gaetano D'Agostino. Da che parte sta questa...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.