VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi sarà il prossimo allenatore dell'Inter?
  Stefano Pioli
  Antonio Conte
  Diego Pablo Simeone
  Mauricio Pochettino
  Leonardo Jardim
  Marco Silva
  Luciano Spalletti
  Unai Emery

TMW Mob
A tu per tu

...con Imborgia

"Cotonou Agreement? Ok agli stranieri, ecco la ricetta per salvare i settori giovanili. Parma, ci pensa Leonardi. Palermo male? Zamparini richiami subito Perinetti. Catania, alla fine andrai in A..."
11.10.2014 00.00 di Alessio Alaimo  Twitter:    articolo letto 11885 volte
...con Imborgia

Verso il Cotonou Agreement nel calcio. Così da equiparare i calciatori degli stati ACP ai comunitari. "Ho letto pareri contrastanti. Ho letto di mercanti, di giocatori scarsi e tante altre cose", dice a TuttomercatoWeb l'ex responsabile del mercato del Parma, Antonio Imborgia che interviene per dire la sua.

Quindi?
La realtà è che in Bundesliga c'è, in Olanda anche, in Belgio pure, in Spagna e Francia idem. Nei Paesi progrediti calcisticamente il Cotonou Agreement c'è, in Italia no. Se entra in maniera libera l'extracomunitario il calciatore italiano non subisce il contraccolpo. Il problema è un altro".

Cioè?
"Abbiamo abbandonato la cultura del lavoro fatto nel settore giovanile, ma più che altro manca il coraggio di far giocare i giovani italiani. Faccio un esempio...".

Prego.
"Se il Parma non vende Parolo e non deve rinunciare a Gargano e Marchionni, non schiera Mauri che è un '96. Parlo del Parma perché è stata la mia ultima esperienza. Secondo me il problema non sono gli extracomunitari, ma la loro regolamentazione. Basterebbe mettere delle restrizioni".

Restrizioni di che tipo?
"Di natura economica e di vita. Bisognerebbe mettere un tetto minimo sul salario del calciatore extracomunitario, con l'obbligo di portare i più bravi e non tutti così da mettere un limite. Se porti un extracomunitario deve avere una paga minima che non può essere il minimo federale, in questo modo sei più attento quando fai l'investimento come già accade in Olanda".

Dunque ok agli stranieri. Spieghiamo meglio l'idea?
"Puoi avere tutti gli stranieri che vuoi, ma il 50% dei tuoi calciatori deve essere di formazione italiana e non necessariamente italiano. A Parma per esempio avevamo dei giocatori di colore che sono nati in Italia. Basterebbe mettere dei paletti intelligenti. Faccio un esempio: nell'Inter spesso l'unico giocatore italiano schierato è Ranocchia, con lui al massimo, c'è D'Ambrosio. Qual è la differenza tra ventisette calciatori francesi, tedeschi, olandesi e avere quindici extracomunitari? Non colgo la differenza a tutela del settore giovanile italiano. Troppo facile far giocare Rugani o Romagnoli, sono dei predestinati. La colpa non può essere del Cotonou Agreement se i prodotti provenienti dai settori giovanili italiani sono pochi".

Uno sguardo al suo ex Parma, il momento è delicato. Che succede?
"Sicuramente non eravano preventivabili gli infortuni di Cassani, Paletta e Biabiany. Purtroppo sono successi, quindi c'è da gestire questa situazione. Il Parma non ha immediatamente centrato l'obiettivo: dopo la perdita di questi giocatori non è stata fatta una valutazione reale di quello che poteva essere l'obiettivo. E con questo organico va focalizzato l'obiettivo primario. Il Parma ha dovuto cambiare mentalità in tempo reale. E non c'è stata una visione immediata. Ma la società gialloblù ha un dirigente forse sottostimato, che meriterebbe un club molto più importante: Leonardi sa già quello che deve fare e ha la chiave di lettura per risolvere tutti i problemi"

E da palermitano, come vede il Palermo che arranca?
"Zamparini ha cambiato pensiero, probabilmente vuole riportare Ceravolo allo scouting e per questo ha contattato Nicola Salerno. L'errore principale è cambiare il pilota in una macchina che va bene. E quando parlo del pilota parlo di Perinetti, un grande dirigente. Ogni tanto però qualche complimento me lo facesse anche lui (sorride, ndr).
Rispetto molto un presidente quando fa delle scelte, ma non ho capito la scelta estiva. Nulla di personale nei confronti di Ceravolo, ma l'unica cosa che deve fare Zamparini è richiamare Perinetti: prima lo fa e meglio è per il Palermo".

Fatica anche il Catania, che insegue la promozione dalla B alla A.
"Sta pagando una sorta di ambientamento alla categoria. Andare a giocare a Vercelli, Chiavari o Cittadella non è la stessa che giocare a San Siro. Sotto il profilo tecnico è più difficile giocare contro la Juventus, ma il calciatore che viene dalla serie A magari approccia in modo diverso alla B. È successo anche al Palermo con Gattuso. Questo può essere curato da una struttura sportiva che conosce la categoria, il campionato. Ma paradossalmente per il Catania, affrontare la B è la prima volta. Per tutti. Tranne che per Pellegrino e adesso Sannino. Ma alla fine il Catania andrà in serie A".

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie A tu per tu
...con Frey 22.04 - La partita delle emozioni. Da una parte il primo amore, dall'altra un amore sbocciato piano piano. Inter-Fiorentina, la partita di Sebastien Frey. "Quando giocavo nella Fiorentina era sempre considerata una grande partita, a livello di qualità l'Inter era superiore. Tutte le volte...
Telegram

A tu per tu

...con Di Somma 21.04 - Un ritiro per riordinare le idee. E per tornare a sorridere. "Siamo tranquilli, l'aria è serena. Qualche risultato sta venendo meno, ma siamo stati penalizzati dai risultati perché le prestazioni sono buone. Poi anche alcune decisioni arbitrali non ci hanno aiutato", dice il dg del...

A tu per tu

...con Joao Santos 20.04 - "Se in Milan e Inter sono entrati grandi capitali allora è giusto aspettarsi un grande mercato, molto caldo. Pensando però che Juve e Napoli hanno già una struttura pronta e non dovranno spendere chissà quanto". Così a TuttoMercatoWeb l'operatore di mercato Joao Santos in vista della...

A tu per tu

...con Sannino 19.04 - "La Juve ha dimostrato di non avere rivali in campionato, mentre per quanto riguarda la Champions il 3-0 è un bel bottino ma il Barça in casa è pericoloso". Così a TuttoMercatoWeb Giuseppe Sannino fa le carte alla sfida di Champions League in scena stasera. Passerà la Juve? "Io...

A tu per tu

...con Canovi 18.04 - "Il Milan? Finisce un'era". Così a TuttoMercatoWeb l'operatore di mercato Dario Canovi a proposito del passaggio di consegne avvenuto in casa Milan. Da Silvio Berlusconi a Yanghong Li. "Il ricordo personale con il Milan di Berlusconi risale a quando abbiamo firmato il contratto per...

A tu per tu

...con Di Carlo 17.04 - "Sia noi che il Cesena veniamo da una vittoria importante, siamo in salute e sicuramente sarà una bella partita. Il Cesena in casa gioca a ritmi alti, andrà affrontato senza arretrare troppo". Domenico Di Carlo analizza così a TuttoMercatoWeb la partita che andrà in scena questa sera...

A tu per tu

...con Battistini 16.04 - Closing Milan, si cambia. Da Silvio Berlusconi a Li Yonghong. "Quella di Berlusconi è stata un'era vincente, purtroppo in parte sporcata da una cattiva gestione degli ultimi anni che comunque non toglie ciò che ha fatto l'ex presidente per il Milan", dice a TuttoMercatoWeb l'operatore...

A tu per tu

...con Bonato 15.04 - "Una partita così si prepara da sola... giochiamo in un contesto gratificante e quindi le motivazioni vengono da sole. Sappiamo quali sono le qualità del Napoli". Così a TuttoMercatoWeb il ds dell'Udinese, Nereo Bonato, in vista della partita contro il Napoli. A questo punto...

A tu per tu

...con De Fanti 14.04 - Closing Milan, affare fatto. E c'è un nuovo management, composto da Mirabelli e D'Ottavio con la regia di Fassone. "Mirabelli e D'Ottavio? A me sinceramente stupisce che si continui a parlare di loro come se fossero due persone alle prime armi", dice l'ex ds del Sunderland Roberto...

A tu per tu

...con Falcinelli 13.04 - "Ci credevamo quando eravamo a meno undici, figuriamoci adesso". Non si ferma e ha voglia di lottare e fare l'impresa, l'attaccante del Crotone Diego Falcinelli. Testa bassa e lavorare, per continuare a sperare. E dopo la vittoria sull'Inter c'è ancora più convinzione. "Stiamo provando...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.