HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
      
A tu per tu

...con Sala

"Juve, Drogba meglio di Robben: prendilo! Ok all'Amburgo, ma vorrei tornare in Italia. Il Napoli a Londra, pagata l'inesperienza. Morosini, quante domande..."
22.04.2012 00.00 di Alessio Alaimo  articolo letto 5952 volte
© foto di Richard Sellers/Sportsphoto

Uno lo ha sfidato, con l'altro ci ha giocato insieme. Jacopo Sala, centrocampista offensivo dell'Amburgo, ex Chelsea, a TuttoMercatoWeb.com racconta la sua esperienza tedesca, con un occhio a Robben e Drogba, nomi che circolano in orbita Juventus. Intanto il giovane cresciuto nel settore giovanile dell'Atalanta si gode il suo momento. Perché tutto va per il meglio.
È così?
"Sì, mi sono ambientato, tutto va benissimo. Sto avendo il mio spazio cercando di dimostrare il mio valore. Sono contento".

Il suo punto di riferimento?
"Lampard, un modello per tutti. Ho avuto la fortuna di allenarmi con lui, riuscire a rubare qualcosa dai suoi allenamenti è stato importante. Si allena al 110% tutti i giorni ed è un grandissimo calciatore".

Si è allenato anche con Drogba, a cui pensa la Juventus.
"Per la Juventus che crea ma non finalizza molto penso che Didier sarebbe l'ideale. Però è particolarmente legato al Chelsea, è un leader sia in campo che fuori".

Quindi la Juve non ha speranze?
"Penso sia molto difficile che lasci il Chelsea. Sicuramente farebbe comodo a qualsiasi squadra. Come lui ce ne sono pochi, contro il Barcellona ha tenuto da solo l'attacco della squadra".

I bianconeri tengono d'occhio anche Robben. Meglio lui o Drogba?
"Didier, per il motivo che ho spiegato prima. È un finalizzatore e come lui ce ne sono pochi. Poi Robben è un grandissimo giocatore, starebbe bene in qualsiasi squadra. Secondo me alla Juve potrebbe fare bene. Ha avuto esperienze in grandi club, farebbe fare il salto di qualità ai bianconeri. Anche lui".

E lei, quando torna in Italia?
"L'Italia è casa mia. Un giorno vorrei tornare a giocare nel mio Paese, ma per ora qui sto bene in Germania e far bene".

La sua ex Atalanta sorpende.
"Sta facendo molto bene. Nessuno avrebbe mai pensato che potesse fare così bene soprattutto partendo da meno sei. Sono contento per il presidente che ha fatto tante cose per città e società".

La settimana scorsa ci ha lasciato Morosini.
"Non l'ho mai incontrato, all'epoca ero negli esordienti. Però tutti lo descrivono come una persona fantastica. Basta vedere quanta gente è andata al funerale e scritto sui social network".

Morire a ventisei anni giocando a calcio. Fa riflettere, no?
"Soprattutto a quell'età non se lo aspetta nessuno. Si pensa a quello che è successo, ovvio. Mi chiedo come sia possibile che si verifichi un episodio simile con tutte le visite e i controlli a cui ci sottoponiamo. Come è possibile che non abbiano trovato prima eventuali problemi? È strano, ti fa riflettere. E deve far pensare anche i medici. Tutti".

Un po' di tempo fa ci aveva visto giusto: il Chelsea a Stamford Brige ha annientato il Napoli.
"Ho visto la partita. Il Napoli in campo internazionale non ha esperienza, il Chelsea sì. Gli azzurri hanno un grande potenziale, negli anni potranno fare benissimo. Però il Chelsea è un'altra cosa. L'eliminazione dalla Champions League è stata una batosta, ma la squadra ha tutto per rialzarsi e chiudere bene il campionato".

ARTICOLI CORRELATI

TuttoMercatoWeb.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie A tu per tu
20.11 - Lo sfogo di Antonio Conte, le carte al campionato e uno sguardo al futuro. Serse Cosmi non ha fretta di tornare in panchina, aspetta e riflette. In attesa della soluzione migliore. Intanto parla a TuttoMercatoWeb. Cosmi, Conte e lo sfogo: che ne pensa? "Niente di nuovo:...
App Store Play Store Windows Phone Store
 
A tu per tu
19.11 - Leeds al sapore d'Italia. I risultati arriveranno, la squadra del Presidente Cellino costruita dal ds Nicola Salerno è di valore. Questione di tempo. E a fare gol ci pensa Mirco Antenucci, il bomber della squadra inglese assistito da Silvio Pagliari. Antenucci, uno dei...
A tu per tu
18.11 - In campo per il calcio, ma anche per la solidarietà. Italia-Albania, appuntamento a Genova, questa sera. Una partita speciale per Gianni De Biasi, allenatore italiano, che stasera sfiderà gli azzurri di Conte. E parla a TuttoMercatoWeb. De Biasi, che partita sarà? "Una...
A tu per tu
17.11 - Lotta a due in campionato, Roma-Juventus? "No, il Napoli per come sta giocando nell'ultimo periodo è ancora da considerare una possibile outsider", dice a TuttoMercatoWeb l'ex dirigente azzurro, oggi all'Atalanta, Pierpaolo Marino che sottolinea: "Con la classifica attuale il...
A tu per tu
16.11 - Dopo la vittoria contro la Pro Vercelli il Vicenza cerca continuità. Appuntamento alle ore 18, quando al Partenio la formazione biancorossa sfiderà l'Avellino. Due formazioni in salute. Obiettivi diversi, anche se alla lunga per la squadra di Pasquale Marino non è escluso che...
A tu per tu
15.11 - Genova in alto. Sorride la Samp, sorride il Genoa di Gasperini. E mentre per le posizioni di vertice sembra tutto già abbastanza delineato con Juventus e Roma, per il resto è bagarre. "Ma non solo Juve e Roma, ci metterei anche il Napoli", dice a TuttoMercatoWeb il dirigente...
A tu per tu
14.11 - "La Croazia ha sempre avuto dei buoni giocatori. Noi abbiamo una storia diversa, più importante. Sarà una partita equilibrata e difficile, ma siamo favoriti". Parole firmate Davide Ballardini, sulla partita che andrà in scena domenica sera a San Siro tra Italia e Croazia. L'ex...
A tu per tu
13.11 - Avanti con Devis Mangia. E il ds Stefano Antonelli resiste, malgrado le voci che lo vorrebbero lontano da Bari. Ma la sua poltrona oggi non traballa, perché il Bari programma presente e futuro con il suo direttore sportivo. "Tutti nel nostro mondo siamo giudicati dai...
A tu per tu
12.11 - E ora continuità. Massimo Maccarone si carica sulle spalle l'Empoli. Una settimana per recuperare le energie, poi lo scontro diretto contro il Parma. Consapevoli di aver ottenuto un grande risultato contro la Lazio. "Ma eravamo tranquilli anche prima, anche se magari un po'...
A tu per tu
11.11 - "Abbiamo creato un buon gruppo. Un gruppo sano". Sorride Nenad Bjelica, allenatore dello Spezia. Spezia che vola e sogna, sulle ali dell'entusiasmo. Dallo scetticismo iniziale - anche interno al club - a risultati su risultati. E il meglio deve ancora venire. Bjelica parla a...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   

Utilizzo dei Cookie

CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.