HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
A tu per tu

...con Sala

"Juve, Drogba meglio di Robben: prendilo! Ok all'Amburgo, ma vorrei tornare in Italia. Il Napoli a Londra, pagata l'inesperienza. Morosini, quante domande..."
22.04.2012 00.00 di Alessio Alaimo  articolo letto 6006 volte
© foto di Richard Sellers/Sportsphoto

Uno lo ha sfidato, con l'altro ci ha giocato insieme. Jacopo Sala, centrocampista offensivo dell'Amburgo, ex Chelsea, a TuttoMercatoWeb.com racconta la sua esperienza tedesca, con un occhio a Robben e Drogba, nomi che circolano in orbita Juventus. Intanto il giovane cresciuto nel settore giovanile dell'Atalanta si gode il suo momento. Perché tutto va per il meglio.
È così?
"Sì, mi sono ambientato, tutto va benissimo. Sto avendo il mio spazio cercando di dimostrare il mio valore. Sono contento".

Il suo punto di riferimento?
"Lampard, un modello per tutti. Ho avuto la fortuna di allenarmi con lui, riuscire a rubare qualcosa dai suoi allenamenti è stato importante. Si allena al 110% tutti i giorni ed è un grandissimo calciatore".

Si è allenato anche con Drogba, a cui pensa la Juventus.
"Per la Juventus che crea ma non finalizza molto penso che Didier sarebbe l'ideale. Però è particolarmente legato al Chelsea, è un leader sia in campo che fuori".

Quindi la Juve non ha speranze?
"Penso sia molto difficile che lasci il Chelsea. Sicuramente farebbe comodo a qualsiasi squadra. Come lui ce ne sono pochi, contro il Barcellona ha tenuto da solo l'attacco della squadra".

I bianconeri tengono d'occhio anche Robben. Meglio lui o Drogba?
"Didier, per il motivo che ho spiegato prima. È un finalizzatore e come lui ce ne sono pochi. Poi Robben è un grandissimo giocatore, starebbe bene in qualsiasi squadra. Secondo me alla Juve potrebbe fare bene. Ha avuto esperienze in grandi club, farebbe fare il salto di qualità ai bianconeri. Anche lui".

E lei, quando torna in Italia?
"L'Italia è casa mia. Un giorno vorrei tornare a giocare nel mio Paese, ma per ora qui sto bene in Germania e far bene".

La sua ex Atalanta sorpende.
"Sta facendo molto bene. Nessuno avrebbe mai pensato che potesse fare così bene soprattutto partendo da meno sei. Sono contento per il presidente che ha fatto tante cose per città e società".

La settimana scorsa ci ha lasciato Morosini.
"Non l'ho mai incontrato, all'epoca ero negli esordienti. Però tutti lo descrivono come una persona fantastica. Basta vedere quanta gente è andata al funerale e scritto sui social network".

Morire a ventisei anni giocando a calcio. Fa riflettere, no?
"Soprattutto a quell'età non se lo aspetta nessuno. Si pensa a quello che è successo, ovvio. Mi chiedo come sia possibile che si verifichi un episodio simile con tutte le visite e i controlli a cui ci sottoponiamo. Come è possibile che non abbiano trovato prima eventuali problemi? È strano, ti fa riflettere. E deve far pensare anche i medici. Tutti".

Un po' di tempo fa ci aveva visto giusto: il Chelsea a Stamford Brige ha annientato il Napoli.
"Ho visto la partita. Il Napoli in campo internazionale non ha esperienza, il Chelsea sì. Gli azzurri hanno un grande potenziale, negli anni potranno fare benissimo. Però il Chelsea è un'altra cosa. L'eliminazione dalla Champions League è stata una batosta, ma la squadra ha tutto per rialzarsi e chiudere bene il campionato".

ARTICOLI CORRELATI

TuttoMercatoWeb.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie A tu per tu
...con Bolzoni 27.03 - Lavoratore silenzioso. Quando scende in campo non delude mai. Francesco Bolzoni probabilmente si aspettava di trovare più spazio nel Palermo di Giuseppe Iachini. "Sì, certo. Dopo la stagione dell'anno scorso è normale. Quando ho giocato ho sempre fatto il mio, ma è giusto...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

A tu per tu

...con Caliandro 26.03 - Un caso più mediatico che reale. Mauricio Pinilla, attaccante dell'Atalanta, nella scorsa giornata di campionato, ha messo a segno un gol importante. Contro il Napoli. E apriti cielo, tante polemiche per un presunto fallo sul poco attento Henrique. "Io mi concentrerei più sul...

A tu per tu

...con Sebastiani 25.03 - "Per noi Baroni non ha mai traballato". Parola del presidente del Pescara, Daniele Sebastiani, a TuttoMercatoWeb. "Quando i risultati non arrivano - continua Sebastiani - la piazza e i giornali mettono nel mirino l'allenatore. Ci voleva del tempo, lo sapevamo. Abbiamo...

A tu per tu

...con Preiti 24.03 - "Ora abbiamo interlocutori seri. Anziché avere uno pseudo presidente ci sono due curatori che stanno gestendo la situazione". Così a TuttoMercatoWeb il dt del Parma, Antonello Preiti aggiorna sulle vicende di casa gialloblù. Cosa è cambiato? "I curatori hanno fatto due...

A tu per tu

...con Stellone 23.03 - Chiamatelo predestinato. Roberto Stellone è il nuovo che avanza, uno degli allenatori più preparati. E il suo Frosinone fin qui ha sorpreso tutti. "Stiamo andando al di là delle aspettative iniziali. Eravamo partiti con l'obiettivo di mantenere la categoria e valorizzare i...

A tu per tu

...con Accardi 22.03 - "Far andare via Sabatini sarebbe un errore. Non dimentichiamoci che la Roma è seconda in classifica, sta passando un momento particolare che può capitare a tutti". Parla così a TuttoMercatoWeb l'agente Fifa Beppe Accardi, a proposito del momento difficile che attraversano i...

A tu per tu

...con Cassarà 21.03 - Sicuramente non è un personaggio silenzioso. Il mondo del calcio deve ancora conoscerlo bene, Pierpaolo Cassarà intanto fa già parlare di sè. È il nuovo presidente del Varese. E il suo impatto è stato "assolutamente positivo", dice a TuttoMercatoWeb. "La struttura - prosegue...

A tu per tu

...con Mezzaroma 20.03 - Quando fallisci o sei costretto a chiudere bottega, non è mai bello. C'è passato il Bari l'anno scorso, così come il Siena che non è riuscito ad iscriversi al campionato di quest'anno e adesso tocca al Parma con oltre duecentomilioni di debiti. ""Le cifre fanno paura, sono...

A tu per tu

...con Imborgia 19.03 - Antonino Imborgia è uno che non le manda mai a dire. Sincero, schietto, come lo vedi. Ex responsabile del mercato del Parma e anche ex vice presidente del Varese, da dove è andato via troppo presto per lasciare il segno. Imborgia parla per la prima volta del suo addio al...

A tu per tu

...con Gattuso 18.03 - Lottatore, guerriero. Lo era in campo, lo è anche da allenatore. Gennaro Gattuso è uno che non si ferma davanti a niente. E se da calciatore ha vinto tutto, da allenatore ha deciso di iniziare nel modo più difficile. Dal presidente Constantin a Sion a Zamparini a Palermo, fino...
 
 
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.