HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Eder e Vazquez in azzurro: ritenete giuste queste convocazioni?
  Convocazione giuste, hanno dimostrato il loro valore durante la stagione
  Giocatori meritevoli, ma sono stranieri: perché far loro vestire la maglia azzurra?
  Ci sono calciatori italiani più meritevoli, scelte sbagliate
  Germania e Francia hanno vinto Mondiali con gli oriundi, è giusto puntarci

TMW Mob
Altre Notizie

Le curiosità di Bundes - Due crisi un colpevole: Klaus Allofs

08.03.2013 06.45 di Tommaso Maschio  articolo letto 3099 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

In questa stagione di Bundesliga ci sono due grandi squadre in crisi di risultati e prestazioni, accomunate però da un denominatore comune che risponde al nome di Klaus Allofs. Il dirigente tedesco è infatti è l'artefice sia del Werder Brema sia del Wolfsburg, due club partiti con ambizioni europee e che ora si ritrovano, a causa del ritorno di un Augsburg trasformato completamente rispetto alla prima parte di stagione, a lottare nei bassifondi della classifica guardandosi attentamente le spalle dopo che la distanza dal terzultimo posto è scesa sotto i 10 punti.

Allofs ha chiuso la sua decennale esperienza in forza al Werder Brema a novembre dopo aver costruito una squadra giovane e ambiziosa che sulla carta avrebbe dovuto migliorare il nono posto della scorsa stagione. Gli acquisti, fra gli altri, di de Bruyne, Petersen, Elia, Gebre Selassie sembravano andare nelle direzione giusta, ma per un motivo o per l'altro non hanno reso come sperato facendo precipitare la formazione di Schaaf a ridosso di una zona retrocessione che ora inizia a far paura. Il Werder manca infatti non solo di continuità, ma anche di quel carattere necessario per districarsi nella lotta salvezza. L'addio di Allofs a novembre ha inoltre creato un pericoloso scollamento fra squadra e dirigenzanche ha avuto pesanti ripercussioni su tutto l'ambiente, portando il club a scivolare progressivamente lontano dalla lotta per l'Europa e sempre più vicino a quella salvezza.

Messosi alle spalle un progetto iniziato e non completato come quello del Werder Brema, Allofs ha così deciso di salpare verso Wolfsburg per risollevare le sorti di un club che appena quattro stagioni fa si laureava campione di Germania, ma che nelle ultime stagioni ha spesso navigato nelle retrovie ed è alla seconda rivoluzione nel giro di due anni. Fin dal suo arrivo le difficoltà non sono mancate: una rosa non all'altezza, tanti gruppi divisi nello spogliatoio e un allenatore - Magath - che aveva litigato con il clan brasiliano capitanato da Diego. Problemi di difficile soluzione che Allofs ha affrontato a muso duro esonerando Magath e mettendo d'accordo, almeno temporaneamente, le varie anime dello spogliatoio per far marciare la squadra unita fino a fine stagione con l'obiettivo di centrare la permanenza in Bundesliga. Per il resto il lavoro di Allofs è stato deficitario con un solo arrivo di spessore - Perisic dal Borussia Dortmund - e qualche cessione di secondo piano. Un lavoro sul mercato che non ha cambiato il volto di una squadra in difficoltà come invece molti speravano dopo il suo arrivo.

Una stagione fallimentare su due fronti per Allofs, che ora spera solo di vedere entrambe le sue squadre salvarsi e restare nella massima divisione per poi concentrarsi sulla nuova stagione con spirito ritrovato e senza la macchia di una retrocessione - del Werder o del Wolfsburg che sia - che sentirebbe in buona parte sua.

ARTICOLI CORRELATI

TuttoMercatoWeb.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Altre Notizie
Altre notizie
App Store Play Store Windows Phone Store
 
CANALI TMW
CANALI TMW SQUADRE
ALTRI CANALI TMW
I Collovoti - Tevez infinito, Mancini non ci capisce più nulla... Mancini: Ogni volta che la sua Inter perde, e ormai succede troppo spesso, meriterebbe addirittura di vincere. Delle due l'una,...
Caso Muller, sentenza folle: la signora giudice non ama il calcio. E meno male che questa volta non è la giustizia italiana... Heinz Muller, il calcio e un contratto a tempo determinato. In Germania, dove c'è una legge secondo la quale dopo ventiquattro...
Nesti: "Ora gli oriundi chiedono che gli italiani, non siano più convocati!" Sintesi dei miei commenti su Radio Sportiva - Vogliamo metterla sul ridere? Dopo lo splendido gol di Eder, ora sono gli oriundi...
L'altra metà di ...Diego Armando Maradona Junior Diego Armando Maradona Junior e la sua futura moglie Nunzia si sono conosciuti su un social network e dopo il loro primo...
Pato,  saudade  milanese e voglia di riscatto in Serie A I segnali lanciati verso l'Italia sono sempre più costanti: Alexandre Pato sogna di tornare in Serie A dopo esserne uscito nel...
Le minacce degli ultrà. E Ferrier non divenne il primo  colored  del Verona 18 presenze in due anni, due maglie indossate più una soltanto virtualmente. Maickel Ferrier non verrà certamente ricordato...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi  01 aprile 2015

Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 01 aprile 2015.

 
 
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.