HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus agli ottavi: ora può arrivare fino in fondo in Europa?
  Sì, la squadra ha le possibilità di tornare a giocarsi la Champions
  No, è presto per fare certi giudizi e servirà un mercato invernale importante
  Sì, col rientro progressivo degli infortunati la squadra è da titolo
  No, troppa la differenza con le big spagnole, inglesi e tedesche

TMW Mob
Altre Notizie

Torino, Mihajlovic: "Contento della vittoria ma la gara va gestita meglio"

27.11.2016 07.15 di Elena Rossin   articolo letto 2743 volte
Fonte: Torinogranata.it
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport

L'allenatore del Torino, Sinisa Mihajlovic, ha commentato la vittoria sul Chievo Verona. Ecco che cosa ha detto:
Come giudica la partita dei suoi con il Chievo?
"Mah, ho detto che sapevo che sarebbe stata una partita difficile e così è stata. Partiamo dalle cose positive, per noi era fondamentale vincere questa partita per la classifica e anche per l'avversario che abbiamo incontrato poiché sicuramente il Chievo è stato l'avversario che ci ha messo più in difficoltà fra quelli che abbiamo affrontato qui in casa. Quando non si è belli bisogna essere cinici, cattivi e concreti e noi lo siamo stati. Nelle ultime due partite non abbiamo giocato bene, ma abbiamo comunque conquistato sei punti e significa che stiamo un po' migliorando anche sotto questo punto di vista. Abbiamo il migliore attacco della serie A e abbiamo conquistato venti punti in nove giornate (dalla sesta alla quattordicesima giornata comprese, ndr). Queste sono le cose positive. Siccome sono un allenatore onesto voglio dire anche le cose negative. Il Chievo nei primi venticinque minuti del primo e del secondo tempo ha giocato meglio di noi. Loro hanno fatto il Toro e noi no perché eravamo imbambolati, poi i gol di Iago hanno cambiato la partita. Devo fare i complimenti a Maran e al Chievo e sicuramente se avessero pareggiato non avrebbero rubato nulla. Noi se vogliamo andare avanti dobbiamo sicuramente ricominciare a giocare meglio di come abbiamo fatto nelle ultime due partite".
E' una questione fisica o di testa?
"Non è una questione fisica, una squadra non sta bene una settimana e la successiva sta male. Tutto parte dalla testa, anche quando si tratta di una questione fisica è una questione di testa. Il Chievo ha fatto bene, ha chiuso tutti gli spazi e noi non eravamo in partita e abbiamo fatto fatica per merito degli avversari e anche un po' per demerito nostro. Come avevo detto, queste sono le partite dove si deve trovare un modo o un altro per vincere. Ci siamo riusciti e per questo sono contento per il risultato, ma, come ho detto, sicuramente dobbiamo ricominciare a giocare meglio perché continuando così a lungo andare è difficile continuare a vincere le partite".
Ha detto che dovete fare meglio, ma questo meglio esattamente in che cosa consiste?
"Ho sempre detto ai miei giocatori che dobbiamo seguire i nostri due princìpi: di gioco e morali. Diciamo che i princìpi morali li stanno seguendo perché la squadra per novanta-novantacinque minuti combatte e lotta e ha lo spirito da Toro, quello che distingue il dna del Toro da sempre. Per quel che riguarda i princìpi di gioco intendo che noi dobbiamo avere sempre lo stesso atteggiamento e giocare mettendo sempre in pratica quello che si prova in allenamento e non perdere la testa, non farsi prendere dall'ansia se non si riesce a sbloccare il risultato o comunque se si vede che le cose non vanno bene. Quando capitano queste situazioni bisogna ragionare di più e cercare di muovere la palla più velocemente, avere maggiore personalità nelle giocate. Lo dicevo un mese fa, sono tutte le cose che una squadra deve sapere: quando addormentare o velocizzare il gioco e quando è il momento di fare una certa determinata cosa. I giocatori che sono in campo devono riconoscere le differenti situazioni e comportarsi di conseguenza. Su questo dobbiamo ancora migliorare, non ci sono dubbi che siamo migliorati rispetto all'inizio del campionato, ma ci vuole tempo per farlo ulteriormente. In certi tipi di partite dobbiamo essere sempre una squadra, stare compatti e ognuno deve fare il suo compito, senza esagerare o strafare, ma facendo le cose per bene. Quando ci sono momenti di difficoltà bisogna essere uniti e ragionare sapendo che ci sono menti in cui si soffre e altri in cui, magari, si deve dare qualche cosa in più. E' nella gestione dei diversi momenti della partita che dobbiamo fare meglio".
Maran nell'analisi della partita ha detto che non può prescindere dagli episodi, sottintendendo che devono essere intesi come errori arbitrali a sfavore del Chievo.
"Non voglio commentare episodi a favore, forse ci stava un rigore per loro come per noi c'erano alcuni rigori qualche partita fa. Questo è il calcio, io giudico la prestazione e parlo della partita e non di altre cose. Comunque sono stato sincero e ho detto che il Chievo ha fatto bene e, infatti, gli ho fatto i complimenti e ho anche detto che se avessero pareggiato non avrebbero rubato nulla. Non so quanti altri avrebbero detto una cosa del genere, ma è la verità".
Iago Falque ha detto che è stato decisivo il fatto che lei ha mandato a scaldare Boyé nel primo tempo.
"Se è così, lo faccio scaldare sempre dal primo minuto e Iago mi fa subito gol. Falque non era partito bene, ma non solo lui ma tutta la squadra, aveva sbagliato alcuni passaggi e non era entrato in partita e di conseguenza non mi era piaciuto, poi quando ha visto Boyé ha fatto due gol. Se serve questo ben venga, farò scaldare tutti quelli della panchina e vediamo se questo è il problema. Sono contento che abbia fatto due gol bellissimi. L'altro ieri scherzavamo con Petrachi sulla rete di Suso nel derby e il direttore diceva che Suso è come Iago Falque ed io gli ho detto che Iago certi gol li aveva fatti solo in allenamento e mai in gara e poi ieri li ha fatti anche in partita, quindi va bene".
Castan sembra che stia tornando quello che si era visto nella Roma prima dell'operazione alla testa, come giudica le prestazioni del giocatore?
"Castan fa sempre il suo, e quando arrivano meno palle giocabili per gli attaccanti avversari anche per lui è più facile. E' un giocatore che ha esperienza, carattere, personalità e non a caso quando lui è in campo riusciamo quasi sempre a vincere o comunque non perdiamo. Sta tornando ai livelli, questa è una nostra scommessa, sua, della società, mia, di farlo tornare ai livelli dei tempi di quando giocava nella Roma. Lui si sta impegnando molto, ma deve ancora fare della strada, non è facile, però, si sta comportando bene".
Martedì ci sarà la Coppa Italia e non ci saranno altre conferenze stampa, questo torneo è un impiccio o un'occasione per vedere chi ha giocato meno?
"Non è un impiccio perché per noi la Coppa Italia è un obiettivo al quale teniamo molto, non giocando le coppe ci rimangono solo campionato e Coppa Italia, quindi dobbiamo andare il più avanti possibile e magari anche vincerla. Non so chi giocherà, ma qualche cambio lo faremo, vedremo come sta chi ha giocato ieri sera. Fra due giorni torneremo in campo e, come dico sempre, non ho undici titolari, ma ventidue e quindi ci sarà la possibilità per chi ha giocato meno di mettersi in mostra. Non so quanti ne cambierò, questo devo ancora deciderlo, ma è sicuramente una partita fondamentale per noi e vogliamo fare bene".
Nell'altra partita di Coppa Italia aveva detto che giocando con una squadra che milita in una categoria inferiore era d'obbligo vincere, sarà sicuramente così anche martedì anche se Gattuso e il Pisa cercheranno di mettervi in difficoltà?
"Non ho mai sentito di squadre che giochino per perdere. Tutti giocano per vincere, specialmente noi e anche il Pisa verrà qua per vincere. Noi non dobbiamo sottovalutare nessuno perché il Pisa è una squadra tosta, che fa pochi gol, ma che ne prende anche pochi, quindi, vanno presi sul serio poiché, come ho detto, per noi la Coppa Italia è un obiettivo fondamentale e chi giocherà dovrà dare il massimo. Bisognerà tenere la tensione alta e fare la nostra partita cercando di vincere e sapendo che noi siamo più forti e se giocheremo da Toro vinceremo. Dipenderà molto da noi, loro non possono vincere questa partita siamo solo noi che possiamo perderla, con tutto il rispetto per il Pisa, ma penso che noi siamo più forti al di là di chi giocherà".


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Altre Notizie
Altre notizie
App Store Play Store Windows Phone Store
 
CANALI TMW
CANALI TMW SQUADRE
ALTRI CANALI TMW
TMW RADIO - I Collovoti: "Wallace superficiale, Mandzukic l'alfiere, 3 a Lulic" Fulvio Collovati, opinionista, ex calciatore di Milan e Inter, ha parlato oggi a TMW Radio per dare i suoi voti...
La corazzata cinese pronta alla colonizzazione nello stivale, si salvano Juve e le realtà davvero italiane. Anche i Della Valle cederanno alla tentazione? La Juve si riaccende, ritrova lo spirito e spegne l'Atalanta, anche se non potrà mai essere il Leicester italiano, rimane...
NESTI-pensiero "live" - Il mondo del calcio e' molto superstizioso: niente closing, per carita', fino a quando il Milan sara' in zona Champions! In questo spazio, riassumo tutte le mie opinioni sulla stagione calcistica 2016-2017, in ordine decrescente, dalla più recente...
L'altra metà di ...Fabio Cannavaro Daniela Arenoso, moglie di Fabio Cannavaro, attuale tecnico del Tianjin Quanjian, ex giocatore di Juve, Napoli e Inter,...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 10 dicembre 2016

Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi sabato 10 dicembre 2016.

   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.