VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Brasile 2014

ESCLUSIVA TMW - Padovan: "Prandelli ha fatto altri mestieri e male"

25.06.2014 12.49 di Gaetano Mocciaro  Twitter:    articolo letto 34986 volte
© foto di Federico De Luca

Ai microfoni di Tuttomercatoweb il noto giornalista Giancarlo Padovan commenta il fallimento azzurro ai Mondiali.

Secondo fallimento mondiale consecutivo. Il secondo posto agli Europei è stato solo fumo negli occhi?

"Un risultato positivo o negativo è sempre risultato e non so se è fumo negli occhi. Ha illuso certamente molti e gran parte della stampa che ha sostenuto che Prandelli fosse un santo e la squadra competitiva. Questo non è vero. 4 anni fa c'erano le macerie del Sudafrica ora del Brasile. Prandelli non ha inciso in maniera positiva in un calcio palesemente in crisi. Il fumo negli occhi è stato gettato dai giornalisti della stampa italiana che dicevano che Prandelli era un grande ma in realtà è un mediocre. Si è incartato in una crociata mediatica a proposito dell'etica e della moralità. Un allenatore che parlava come fosse il capo di stato o il premier. Ha parlato poco di calcio e si è visto, non so se perché ne sa poco o se volesse nascondere i difetti. Fatto sta che ci siamo illusi di avere una sorta di guru che sosteneva battaglie e ci siamo dimenticati che l'allenatore deve fare l'allenatore. Prandelli ha fatto altri mestieri e male".

Sorpreso da come sono andate le cose?

"Il risultato non mi sorprende, io ero pessimista anche dopo la partita con l'Inghilterra. Bastava vivisezionare quella partita, dove abbiamo avuto occasioni fortunate e fortunose. Le dimissioni sono un istituto che pochi frequentano, doveroso che Prandelli e Abete le abbiano date e va dato loro merito, visto che in genere, specie dopo un contratto firmato, non si fanno".

Chi può essere il ct giusto?

"Chi dopo Prandelli non so. Certamente avrà un compito arduo, difficile. Il problema è anche l'allenatore ma non solo. Il punto è che la nostra qualità è bassa e costruire una Nazionale competitiva è quasi impossibile. Se le condizioni sono il poco tempo a disposizione se non le amichevoli e lo scarso bacino d'utenza su cui pescare c'è poco da sorridere. Possiamo imputare a Prandelli di non aver portato Rossi e Destro ma sono quisquiglie. La realtà è che non siamo capaci di concorrere con altre squadre. C'è un concetto di gioco confuso, giocatori di una certa età o senza stimoli o travolti dal clima o con poca esperienza internazionale. Fatto sta che non siamo all'altezza del resto d'Europa, e sottolineo Europa, non resto del mondo. Questo torneo ha palesato una crisi in corso del Vecchio Continente, con l'eliminazione di Spagna, Inghilterra, Italia e forse Portogallo. Questo è stato un Mondiale particolare, dove l'hanno fatta da padrona le centro e sudamericane, evidentemente meglio preparate o non risentono di questo clima che è una delle cause della nostra debacle. La prima è il gioco, l'idea di gioco che non c'era. Prandelli era confuso perché evidentemente si è occupato di altro, tipo fare il giudice del codice etico, per poi arrivare a fare una gara col 3-5-2 che poi è diventato un 3-6-1, che nemmeno l'italia del primo dopoguerra. Un atteggiamento difensivo totale nella speranza di conservare lo 0-0, che poi con l'uscita di Immobile abbiamo rinunciato a tirare in porta. Dopo aver subito il gol di Godin mi sono chiesto come potevamo segnare, visto che non avevamo punte".

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Brasile 2014
Altre notizie
Telegram
CANALI TMW
CANALI TMW SQUADRE
ALTRI CANALI TMW
27 aprile 2014, muore Vujadin Boskov, un mito della Sampdoria Il 27 aprile 2014 muore a Novi Sad Vujadin Boskov. Da calciatore- era un centrocampista - arrivò in Italia negli anni Sessanta, alla...
TMW RADIO - I Collovoti: "Icardi l'eccezione, Zapata da brividi" Top Babacar: stava prendendo qualche critica per non essere il degno sostituto di Kalinic e che non fosse da Fiorentina,...
TMW RADIO - Scanner: "Gli agenti dei calciatori, una figura discussa" In questa puntata di Scanner andata in onda su TMWRadio, l'avvocato Giulio Dini ha parlato degli agenti dei calciatori...
Juventus portabandiera e la leggenda del calcio spettacolo: Allegri ha creato un gruppo super, per un gioco semplice È' innegabile che se dobbiamo parlare di una squadra italiana che rappresenti al meglio in Europa la nostra bandiera in questo momento...
NESTI-PENSIERO – Volete sapere cosa ha in mente Tavecchio, con l'aria che tira? In questo spazio, riassumo tutte le mie opinioni sull'attualità calcistica, in dimensione-diario, in ordine decrescente, dalla più...
L'altra metà di ...Leonardo Perez Federica, la compagna di Leonardo Perez, attaccante dell'Ascoli, è intevenuta ai microfoni di TMWRadio nella rubrica...
Fantacalcio, Probabili Formazioni con Indici di Schierabilità & Percentuale voto panchina 34^ Giornata--IN AGGIORNAMENTO- AGGIORNATO 27-04-2017  ORE 00:20 Tra parentesi troverete gli indici di schierabilità e la percentuale voto panchina, che vi aiuterà nel capire chi potrà...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 27 aprile 2017

Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi giovedì 27 aprile 2017.

   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.