HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Calcio2000

Atalanta, Monachello: "Ho 3 anni di contratto spero di diventare un punto fermo"

25.12.2015 15.06 di Chiara Biondini  Twitter:    articolo letto 9485 volte
© foto di Federico De Luca

Calcio2000 questo mese ha incontrato Gaetano Monachello, 21enne attaccante dell'Atalanta e dell'Under 21 con una storia davvero particolare... vi regaliamo questa antepirma su TMW per questo giorno di Natale.

"Con l'Atalanta è stata una trattativa estenuante, ormai avevo quasi perso le speranze. È durata quasi due mesi, ogni giorno c'era una complicazione, un documento che mancava o qualcos'altro che impediva la conclusione dell'affare. Quando mi hanno dato la notizia ero felicissimo, anche perché sapevo che l'Atalanta è una società molto attenta ai giovani e per me questa è un'occasione da sfruttare".

Anche se davanti ti sei ritrovato gente come Denis e Pinilla?
"Quando mi hanno acquistato, sapevo di essere la terza punta, ma già allenarmi con giocatori di questa classe ed esperienza è un sogno che si realizza. Per me l'attacco dell'Atalanta è di altissimo livello: Denis e Pinilla sono due grandi centravanti, ma poi c'è anche gente come Papu Gomez e Moralez, e tanti altri, da cui puoi imparare ogni giorno qualcosa. Poi mi danno tanti consigli, mi dicono quali movimenti fare, cosa fare in determinate situazioni. È vero, lo spazio è quello che è, ma sto crescendo e me lo sto ritagliando in Under 21, che per me è qualcosa di eccezionale, perché siamo convocati in 24 di solito, su una lista di 50, e già essere dentro è un orgoglio. Figuriamoci quando gioco".

Se qualche tempo fa ti avessero detto: "Sarai convocato in Under 21 e segnerai una doppietta"?
"Non ci avrei creduto, sono onesto. Non ti nascondo che ho passato momenti difficili, ho versato anche qualche lacrima, a volte ho pensato di aver perso tutto, ma alla fine ho sempre lavorato duro per riconquistare quello che avevo perso. Mi son sempre detto: "Forse ho sbagliato, ma ormai è inutile starci a pensare, vediamo come uscirne". E alla fine ce l'ho fatta".

E adesso consiglieresti l'esperienza all'estero ad un giovane come te che non trova spazio da noi?
"Sì, ma solo se ha... gli attributi. Ci vuole carattere e tanta forza di volontà, perché a volte attraversi periodi davvero difficili, sei sfiduciato, sei solo e hai paura di non farcela. In quei momenti se non sei forte, rischi di mollare definitivamente".

E ora probabilmente te la godi anche di più...
"È vero, la sensazione è proprio quella, sono orgoglioso di essere arrivato qui dopo tutto quello che ho passato e quando ho un'occasione, cerco di sfruttarla al meglio".

Per un "emigrante" come te, vestire l'azzurro è qualcosa di speciale?
"Assolutamente sì, perché quando sei lontano dall'Italia, ti manca e apprezzi di più il tuo paese. Poterlo rappresentare non ha prezzo, soprattutto perché ormai credevo di non riuscire più a rientrare nel giro".

E invece eccoti qua, all'Atalanta e in Under 21, entrambe protagoniste di una grande partenza, tra l'altro...
"Vero. Devo essere sincero, quella dell'Atalanta mi ha stupito, perché non credevo potessimo iniziare così bene. Però a Bergamo c'è un grande ambiente, i tifosi sono molto passionali, la squadra è forte e abbiamo un mister molto preparato e che ci fa giocare bene. Quello dell'Under 21, invece, sapevo già che era un grande gruppo, ci sono giocatori eccezionali come Romagnoli e Rugani, che mi hanno davvero impressionato, ma anche Bernardeschi, Mandragora, Cataldi e tutti gli altri sono molto, molto forti".

Che obiettivo ti sei posto ad inizio stagione?
"Quello di far parte di questo gruppo e ritagliarmi spazio nell'Atalanta e nell'Under 21. Per ora sono soddisfatto e spero di riuscire a fare ogni giorno meglio. Ho 3 anni di contratto con l'Atalanta e spero di diventare un punto fermo di questa squadra per ripagare la fiducia che mi hanno dimostrato".

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Calcio2000
Altre notizie
App Store Play Store Windows Phone Store
 
CANALI TMW
CANALI TMW SQUADRE
ALTRI CANALI TMW
21 gennaio 1971, Djalma Santos dà l'addio al calcio: il miglior terzino destro della storia Il 21 gennaio 1971 all'età di quarantuno anni Djalma Santos dà l'addio al calcio, dopo una gara contro il Gremio. E' stato considerato...
TMW RADIO - I Collovoti: "Sousa ha battuto Allegri, bene Gagliardini" Top Kalinic: non solo perché ha bruciato Buffon, è stato l'incubo per la “BBC”, c'è da chiedersi se è il caso di lasciarlo...
TMW RADIO - Dini: "Clausola rescissoria non prevista nel nostro ordinamento" La clausola rescissoria “In Italia non esiste, è un istituto che non è disciplinato, la si chiama impropriamente rescissoria,...
La Fiorentina fa tornare la Juve tra i comuni mortali nella serata di Antognoni. Giancarlo a Firenze come Maradona a Napoli Non è stata, non è e non sarà mai una partita come tutte le altre. Per Firenze, non c'è niente da fare, la partita contro la Juventus...
NESTI Channel (carlonesti.it) - Il nuovo logo della Juve vuole esprimere "coraggio". Confermo: ci vuole un bel "coraggio" nel tradire la storia così... In questo spazio, riassumo tutte le mie opinioni sulla stagione calcistica 2016-2017, in ordine decrescente, dalla più recente alla...
L'altra metà di ...Mariano Izco Emanuela Zappalà, compagna del centrocampista argentino del Chievo Mariano Izco, è stata ospite della trasmissione di...
Fantacalcio, Le Fantasfide della 21^ Giornata L'obiettivo di questa rubrica è presentare ai nostri lettori fantallenatori le più intriganti Fantasfide di giornata. Vi presentiamo le varie sfide in...
Mondiale a quarantotto squadre, bravo Infantino. Chi gà i schei gà vinto, il denaro muove il mondo La decisione del Presidente Infantino, condivisa dalla Fifa, di portare il Mondiale di Calcio da trentadue a quarantotto squadre a...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 21 January 2017

Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi Saturday 21 January 2017.

   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.