HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Calcio2000

Bertoni: "Ho sempre dato tutto per la Fiorentina"

20.01.2016 12.00 di Chiara Biondini  Twitter:    articolo letto 5570 volte
© foto di Federico De Luca

"Ho vinto un Mondiale segnando un gol in finale e ho conquistato una coppa Intercontinentale. Ho il rimpianto di non aver vinto lo scudetto in Italia, ma della mia carriera sono felicissimo. Non potevo certo chiedere di più". Parla così Daniel Ricardo Bertoni, campione del mondo con l'Argentina nel 1978, semplicemente il Puntero ai microfoni del mensile Calcio2000.
Portava il numero sette sulle spalle e quando arrivò a Firenze progressivamente diventò uno degli idoli della tifoseria.
"I dirigenti della Fiorentina vennero a vedermi alcune volte al Siviglia. In particolare si mosse il fratello del conte Pontello (all'epoca la famiglia proprietaria del club viola, ndr) e poi dopo alcuni incontri fu chiusa la trattativa intorno ai tre miliardi di lire. Venivo da una grande stagione al Siviglia, con cui avevo realizzato sedici reti. Ricordo la mia tensione dei primi giorni, un ambiente nuovo, una città da scoprire. La Fiorentina decise di farmi trascorrere i primi giorni in un hotel a ridosso del Ponte Vecchio. La vista era incredibile e non c'era modo migliore per iniziare quell'avventura. Alzarsi e vedere subito quella meraviglia ti dava subito una carica speciale".

"Ho sempre dato tutto per la Fiorentina, abbiamo sfiorato lo scudetto e sono convinto di aver lasciato un bel ricordo tra la tifoseria. Non a caso ho sempre avuto un buon rapporto con la gente". Quello scudetto sfuggì all'ultima giornata - nell'81/82 - per un pareggio contro il Cagliari dove fu annullato un gol molto probabilmente regolare ai viola. E a vincerlo fu la Juve... "Credo che quel campionato lo perdemmo fuori dal campo. Il potere della Juve, soprattutto in quel periodo, era forte in Italia e in Europa. Noi eravamo una squadra nuova, ben costruita, solida, sicura, agile, aggressiva. Eravamo forti anche in difesa dove Vierchowod svettava per la sua marcatura spesso implacabile. Peccato per l'infortunio di Antognoni (l'incidente alla testa nello scontro col portiere del Genoa Martina, ndr), era il nostro faro e con lui in campo magari potevamo fare di più. Ma non va dimenticato che Miani, che lo sostituì, fece comunque un gran campionato. E aggiungo che in quella partita col Cagliari ci fu annullato un gol regolare di Graziani: l'arbitro Mattei vide un mio fallo su Corti ma io non commisi nessuna scorrettezza". Che ricorda di quel giorno a Cagliari negli spogliatoio dopo la partita? "Il Conte Pontello mi disse: 'L'unico che poteva farci vincere lo scudetto eri te'. Ma io giocavo nella squadra, non ce la facemmo tutti insieme. Si vince e si perde tutti insieme. Eravamo stati bravi ad arrivare fin lì, poi purtroppo quella gara andò male, il Cagliari tra l'altro giocò quel match come una finale".

Daniel Bertoni a Gropina - 03.07.2015 - FIRENZE
 
© foto di Federico De Luca
Daniel Bertoni a Gropina - 03.07.2015 - FIRENZE
 
© foto di Federico De Luca
Daniel Bertoni a Gropina - 03.07.2015 - FIRENZE
 
© foto di Federico De Luca
ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Calcio2000
Altre notizie
App Store Play Store Windows Phone Store
 
CANALI TMW
CANALI TMW SQUADRE
ALTRI CANALI TMW
20 gennaio 1983, muore Manè Garrincha: fu l'Angelo dalle gambe storte Il 20 gennaio 1983 muore a Rio de Janeiro Manoel Francisco dos Santos, per tutti semplicemente Manè Garrincha. Ala destra dalla enormi...
TMW RADIO - I Collovoti: "Sousa ha battuto Allegri, bene Gagliardini" Top Kalinic: non solo perché ha bruciato Buffon, è stato l'incubo per la “BBC”, c'è da chiedersi se è il caso di lasciarlo...
TMW RADIO - Dini: "Clausola rescissoria non prevista nel nostro ordinamento" La clausola rescissoria “In Italia non esiste, è un istituto che non è disciplinato, la si chiama impropriamente rescissoria,...
La Fiorentina fa tornare la Juve tra i comuni mortali nella serata di Antognoni. Giancarlo a Firenze come Maradona a Napoli Non è stata, non è e non sarà mai una partita come tutte le altre. Per Firenze, non c'è niente da fare, la partita contro la Juventus...
NESTI Channel (carlonesti.it) - Il nuovo logo della Juve vuole esprimere "coraggio". Confermo: ci vuole un bel "coraggio" nel tradire la storia così... In questo spazio, riassumo tutte le mie opinioni sulla stagione calcistica 2016-2017, in ordine decrescente, dalla più recente alla...
L'altra metà di ...Emanuele Giaccherini Per la rubrica L'altra metà di... in onda su TMW Radio, Barbara Carere ha intervistato, Dania Gazzani, moglie...
Fantacalcio, Le Fantasfide della 21^ Giornata L'obiettivo di questa rubrica è presentare ai nostri lettori fantallenatori le più intriganti Fantasfide di giornata. Vi presentiamo le varie sfide in...
Mondiale a quarantotto squadre, bravo Infantino. Chi gà i schei gà vinto, il denaro muove il mondo La decisione del Presidente Infantino, condivisa dalla Fifa, di portare il Mondiale di Calcio da trentadue a quarantotto squadre a...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 20 January 2017

Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi Friday 20 January 2017.

   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.