HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
-10 alla fine del mercato: da chi aspettarsi il grande colpo?
  Atalanta
  Bologna
  Cagliari
  Chievo Verona
  Crotone
  Empoli
  Fiorentina
  Genoa
  Inter
  Juventus
  Lazio
  Milan
  Napoli
  Palermo
  Pescara
  Roma
  Sampdoria
  Sassuolo
  Torino
  Udinese

TMW Mob
Calcio2000

Recoba: "Jovetic ha talento. Dybala ha classe pura"

25.12.2015 17.16 di Chiara Biondini  Twitter:    articolo letto 26212 volte
Fonte: Calcio2000
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Nessuno ha esaltato la fantasia più del Chino Recoba, il pupillo di Massimo...
Ci manca già... Uno come lui, con un talento smisurato, è difficile trovarne, forse impossibile. In tanti sono rimasti ammaliati dalla sua classe, uno su tutti quel Massimo Moratti che, di fatto, lo ha sempre considerato il suo unico, vero pupillo. Alvaro Recoba, alla veneranda età di 39 anni, ha deciso di dire basta. Il suo magico sinistro è andato in pensione ma, nella mente di ogni tifoso di calcio, di quel calcio sbarazzino, le sue giocate resteranno impresse nella memoria per sempre... Non cogliere l'occasione di scambiare due parole con il Chino sarebbe un delitto... Uno così vale sempre il prezzo del biglietto...

Buongiorno Chino, che effetto fa non correre più dietro ad un pallone? Ti manca già il campo?
"No, affatto (ride ndr). Ogni giorno che passa, mi sento meglio. Onestamente, durante l'ultimo anno con il Nacional, non mi sentivo più come negli anni passati, avevo meno voglia e quindi è stato giusto mollare".

Avendo più tempo, sei tornato in Italia... Come l'hai trovata? Ti ricordavi così il nostro Paese?
"Devo dire che, rispetto ai miei tempi all'Inter, ho trovato una Milano molto cambiata. Sarà per l'Expo... Mi sembra più moderna".

E la gente? Sai che qui ti hanno amato tanto...
"La gente prova ad andare avanti, facendo del suo meglio. C'è crisi in Italia, così come in quasi tutto il mondo. Anche in Uruguay non è semplice... Guarda, ho visto tantissime persone, tutte ad abbracciarmi e farmi i complimenti. Mi ha fatto davvero un grande piacere...".

Sicuramente avrai sentito anche Massimo Moratti, il tuo primo tifoso...
"Sì, assolutamente... Siamo andati a cena insieme".

E come l'hai trovato, ora che non è più il patron dell'Inter?
"L'ho visto molto più rilassato, almeno fino a quando non abbiamo cominciato a parlare di calcio... È sempre stato il primo tifoso della squadra e lo è ancora oggi, solo che adesso non deve prendere certe decisioni, quindi la vive in maniera diversa la sua fede nerazzurra. Comunque, appena si è cominciato a discutere sul serio di calcio, ho rivisto il solito presidente, quello che ama il calcio alla follia".

A distanza di tanti anni, quanto pensi di dovere a Moratti?
"Moltissimo. Ha sempre creduto in me, non solo quando le cose andavano per il verso giusto. È sempre stato al mio fianco, soprattutto quando tante persone dicevano che non servivo all'Inter e che ero un peso per la società. Lui è sempre stato sincero con me e io sono sempre stato sincero con lui. Per questo siamo andati sempre d'accordo".

Parliamo un po' della nuova Inter del Mancio...
"L'ho vista un paio di volte e mi è piaciuta. Mi sembra una squadra con carattere. Ecco, ma dico in generale, a livello di qualità mi pare che, in Serie A, ci sia meno talento rispetto ai miei tempi. Indubbiamente si cerca di fare più gioco ma manca la fantasia. C'è ancora più attenzione per i moduli tattici e meno spazio per il talento. Vedo l'Italia leggermente indietro rispetto a Inghilterra, Spagna e Germania, almeno da questo punto di vista del talento puro".

Ma questa Inter può vincere lo Scudetto?
"È presto per dare giudizi , sicuramente hanno intrapreso la strada giusta. Il carattere c'è ed è già tantissimo".

Chi ti piace degli attuali campioni che militano in Italia?
"Dell'Inter mi piace Jovetic. Se parliamo di talento, Jovetic è uno che ne ha... Poi vado pazzo per Balotelli, uno che ha i numeri. Come classe pure, invece mi piace Dybala. È piccolo ma la palla la sa toccare bene...".

Ma un Chino Recoba c'è in giro?
"Ogni giocatore ha le sue caratteristiche, difficile fare paragoni. Di Messi non ce ne sono altri, così come di Cristiano Ronaldo o, parlando dei tempi in cui giocavo io, di gente come Javier Zanetti... Pensa? Ci potrà essere ancora uno come Javier Zanetti? Non credo proprio...".

Nel calcio di oggi, dove potrebbe giocare uno con il talento di Recoba?
"Potrei giocare ovunque, in qualsiasi squadra, non ho dubbi".

Senti, ci racconti come sei riuscito a fare tanti gol eccezionali... Penso ai gol da posizioni impossibili o da metà campo, come quello contro l'Empoli...
"Non ci pensi, ascolti solo l'istinto. C'è una voce che ti dice: 'Tira, tira...' e tu non fai altro che ascoltarla. Almeno per me è sempre stato così...".

Hai chiuso la tua carriera con un altro titolo con il Nacional... Come è stato il tuo ritorno in Uruguay?
"Beh, direi che ho risposto sul campo a chi credeva fossi finito. Mi sono tolto tante soddisfazioni, mi sono divertito tanto, in campo e fuori".

Ora che hai smesso, mi dici quale è il gol a cui sei più legato e perché?
"Non ho dubbi: il gol su punizione con cui abbiamo vinto il derby con il Penarol (novembre 2014, Nacional-Penarol 2-1). Eravamo sotto 0-1, abbiamo pareggiato a tempo quasi scaduto e, al 95', su punizione, ho trovato la rete della vittoria. La gente è impazzita, c'erano persone che piangevano. Un delirio totale, non lo dimenticherò mai".

Tempo fa, hai detto che, se avessi avuto la testa di Zanetti, avresti fatto molto di più nel calcio... Ne sei ancora convinto?
"Certamente, ma Javier Zanetti è stato un marziano, essere come lui era impossibile. Quindi sono contento di aver fatto quello che ho fatto, sempre decidendo con la mia testa".

La classica punizione alla Recoba...
"(ride ndr) Sì, e al momento giusto direi... Guarda, è stato pazzesco. Come se il destino abbia voluto regalarmi un'ultima grande gioia. Sembrava un film".

Stai già pensando a cosa fare adesso che hai smesso di correre dietro al pallone?
"Tempo ne ho per decidere... Sicuramente dovrò studiare per restare nel mondo del calcio. Più che fare l'allenatore, mi piacerebbe diventare dirigente di qualche club, magari di quelli che ho conosciuto da giocatore, così da dare una mano".

Insomma, di tornare in campo non se ne parla più?
"Ma scherzi? No, basta...".

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Calcio2000
Altre notizie
App Store Play Store Windows Phone Store
 
CANALI TMW
CANALI TMW SQUADRE
ALTRI CANALI TMW
24 gennaio 1954, la tv italiana trasmette la prima partita di calcio Il 24 gennaio 1954 a San Siro l'Italia batte in l'Egitto per 5-1 in un incontro di qualificazione ai Mondiali che si sarebbero disputati...
TMW RADIO - I Collovoti: "Chiesa da 8. Bene i giovanissimi di Gasp" Top Federico Chiesa: seconda vittoria consecutiva per questa Fiorentina, che lancia definitivamente questo giovane...
TMW RADIO - Dini: "Clausola rescissoria non prevista nel nostro ordinamento" La clausola rescissoria “In Italia non esiste, è un istituto che non è disciplinato, la si chiama impropriamente rescissoria,...
La Fiorentina fa tornare la Juve tra i comuni mortali nella serata di Antognoni. Giancarlo a Firenze come Maradona a Napoli Non è stata, non è e non sarà mai una partita come tutte le altre. Per Firenze, non c'è niente da fare, la partita contro la Juventus...
NESTI Channel (carlonesti.it) - Che dire deļla Juve formato "carica dei 101"? Con il sacrificio di tutti (Mandzukic esemplare), sarà replicabile In questo spazio, riassumo tutte le mie opinioni sulla stagione calcistica 2016-2017, in ordine decrescente, dalla più recente alla...
L'altra metà di ...Mariano Izco Emanuela Zappalà, compagna del centrocampista argentino del Chievo Mariano Izco, è stata ospite della trasmissione di...
FANTACALCIO, DEULOFEU AL MILAN: cosa cambia fantacalcisticamente Nome: Gerard Deulofeu Ruolo: Attaccante Presenze stagione 2016/17: 11 Gol stagione 2016/17: 0 Assist stagione 2016/17:...
Mondiale a quarantotto squadre, bravo Infantino. Chi gà i schei gà vinto, il denaro muove il mondo La decisione del Presidente Infantino, condivisa dalla Fifa, di portare il Mondiale di Calcio da trentadue a quarantotto squadre a...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 24 gennaio 2017

Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi martedì 24 gennaio 2017.

   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.