HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Bomber d'Italia: chi sarà il re dei cannonieri 2016/17?
  Pavoletti
  Berardi
  Higuain
  Dybala
  Callejon
  Milik
  Dzeko
  Icardi
  Bacca
  Kalinic
  Borriello
  Immobile
  Muriel

TMW Mob
Calcio2000

Speciale Bari con Vino, Defendi, Alberti e Doronzo

Vi regaliamo l'intervista completa dello scorso mese di Calcio2000!! In edicola trovi già il nuovo numero!
15.08.2014 15.00 di Chiara Biondini  articolo letto 13698 volte
Fonte: Di Alessio Alaimo per Calcio2000 n200 di Luglio
© foto di Federico Gaetano

IN EDICOLA TROVI IL NUOVO NUMERO DI CALCIO2000: PER SCOPRIRE I CONTENUTI LEGGI LA PRESENTAZIONE: http://www.tuttomercatoweb.com/calcio2000/calcio2000-nuovo-numero-con-rami-cairo-pasqual-e-tanti-altri-583477

"Una famiglia, un gruppo vero". Una stagione da ricordare, che potrebbe essere racchiusa così, nelle parole del team manager Claudio Vino . Il Bari ha stupito tutti, probabilmente nessuno - neppure in squadra e in società - si aspettava una stagione così. Sorprendente, bella, emozionante. Mille problemi. Il fallimento, la rinascita. E una cavalcata incredibile. Emozioni e sensazioni difficilmente ripetibili. In campo e fuori. Con il futuro che sembra più radioso che mai con la nuova proprietà, sotto la regia di Gianluca Paparesta, che tra lo scetticismo di tutti - anche interno al club - ha stupito e mosso passi concreti risollevando la società dalle macerie. E adesso Bari può sognare.

Calcio2000 ripercorre in esclusiva le tappe della stagione insieme ai protagonisti: l'allenatore Roberto Alberti, il capitano Defendi, il team manager Claudio Vino - figura di raccordo tra squadra e società - e il segretario Piero Doronzo, diciotto anni al servizio del Bari. E una storia ancora tutta da scrivere.

"La stagione è stata straordinaria, c'è stata grande alchimia tra città, tifosi e squadra", dice Alberti, trascinatore del Bari insieme a Zavettieri, altra guida fondamentale nella stagione dei galletti. "La società è fallita - ricorda l'allenatore biancorosso - ma è successo qualcosa di straordinario, che rimarrà nella storia non solo del Bari. Il calcio offre anche queste opportunità".
Alberti riavvolge l'album dei ricordi. Quali sono stati i momenti decisivi? "Per la salvezza la partita decisiva è stata quella contro il Lanciano, lì abbiamo capito che ci saremmo potuti salvare. Il sogno invece lo abbiamo cominciato a coltivare dopo la vittoria di Varese: lì siamo ripartiti. Ma ci è servita anche la sconfitta di Modena, per compattarci. E anche il mercato di gennaio, con gli arrivi di Lores, Delvecchio, Nadarevic, Zanon e Cani ha fatto scattare la scintilla". Un'impresa resa possibile anche dal supporto della dirigenza, malgrado l'assenza di una proprietà. "Ma Angelozzi e il segretario Doronzo - prosegue Alberti - non ci hanno fatto mai mancare nulla, i ragazzi poi sono stati straordinari. E non dimentichiamoci dei curatori fallimentari, ci hanno permesso di stare tranquilli. Con loro c'è stata grande sintonia fin da subito".

Piena sintonia anche con il capitano, Defendi. "Per come è cominciato l'anno - dice il centrocampista - ci siamo presi una rivincita: il ritiro, l'allenatore (Gautieri, ndr) che non si presenta, mille problematiche. Siamo stati fantastici, è stata una grande stagione. Il momento chiave? Il fallimento ha fatto scattare la scintilla, si è rivista la gente allo stadio. Un tifo come il nostro aiuta tantissimo. Poi il direttore Angelozzi e il segretario Doronzo sono stati fantastici, per loro siamo come figli. Hanno fatto di tutto per farci stare bene, nonostante tutto. E anche i curatori fallimentari hanno contribuito molto per non farci mancare nulla. Siamo una famiglia, ci siamo aiutati a vicenda nei momenti più difficili". E il futuro porta il nome di Gianluca Paparesta: "Lo abbiamo conosciuto poco. Mi auguro che la proprietà abbia voglia di fare qualcosa di importante e di grande a Bari". Defendi però ci tiene a fare una dedica particolare per la stagione del Bari: "Per i magazzinieri e per le signore delle pulizie, tutte persone che anche quando non prendevano stipendi si presentavano al posto di lavoro e ci davano l'abbigliamento pulito per farci allenare. Questa stagione è stata soprattutto la loro vittoria".

E sorride anche Claudio Vino, team manager. "Con Angelozzi e Doronzo la società è stata presente, il mio ruolo è stato quello di coordinare la programmazione: le problematiche che subentrano nei ragazzi giorno dopo giorno, la gestione delle trasferte. Ma con questo gruppo tutto è stato più semplice, non è una frase fatta. Siamo diventati una famiglia, davvero. I ragazzi sono stati estremamente positivi, è la verità. Le difficoltà iniziali ci hanno stimolato e aiutato". La parola poi a Piero Doronzo, il segretario e deus ex machina della società.

Doronzo, una stagione importante: dal fallimento al sogno. Come è andata?
"Si è creata un'alchimia che difficilmente si ripeterà. A memoria non ricordo una cosa del genere: una squadra abbandonata, fallita, che riscopre il sostegno dei tifosi. Un sostegno imprescindibile. La squadra è stata brava a trascinare i tifosi e viceversa. I curatori fallimentari hanno fatto anche i presidenti. Tutte le componenti hanno permesso di ottenere un grande risultato: aver riavvicinato una città alla squadra del cuore".

Che contributo avete dato lei e Angelozzi nei mesi del fallimento?
"Angelozzi e Vinella in tante occasioni hanno anticipato dei soldi, ma al di là di questo abbiamo cercato di dare tranquillità. Si correva il rischio di precipitare in maniera vertiginosa. Ma i ragazzi sapevano che li avremmo difesi e sostenuti in qualsiasi circostanza. Non gli abbiamo mai fatto pesare le difficoltà: per ogni cosa c'eravamo sempre".

Ma perché il Bari è fallito?
"Davvero, non lo so. Il Bari aveva il bilancio come fiore all'occhiello: c'era ricchezza. Poi un lento declino, il distacco della tifoseria, la retrocessione. E quando retrocedi ti porti dietro i contratti di Serie A. Abbiamo fatto un miracolo con Conte, ma sono convinto che dopo il primo anno di Ventura - e l'addio di Perinetti - sarebbe stato meglio risanare la società, anche a costo di retrocedere. Bisognava risanare, ma questa cosa era di competenza della proprietà. Serviva dire: "Abbiamo dei debiti, con i contributi risaniamo la società e facciamo un campionato che se ci va bene ci salviamo e ripuliamo. Altrimenti, se retrocediamo, il bilancio è comunque salvo". Quando hai una società pulita e retrocedi puoi subito ritentare di vincere il campionato l'anno dopo. Una volta Vincenzo Matarrese mi disse: "Piero, avevi ragione". Una frase che non dimenticherò mai".

Ha lavorato con quattro direttori sportivi: chi quello a cui è più legato?
"A tutti. Con Regalia c'era un rapporto più di rispetto perché era molto più grande di me. Con Perinetti sono stati tre anni bellissimi in cui abbiamo vinto, a Fausto Pari sono legato anche se gli anni sono stati difficili e Angelozzi lo conosco da trent'anni: con Guido sono stati quattro anni bellissimi, intensi, con sofferenze. Vincere sempre sarebbe bello, ma le sofferenze aiutano".

Qualcuno a Bari, in maniera azzardata, ha dato la colpa dei problemi economici alla gestione Perinetti.
"Queste cose però dipendono da chi le mette in giro. Se a me dicono che devo arrivare a Milano con il motorino faccio di necessità virtù. Ma se mi dicono altre cose... Giorgio con noi ha vinto il campionato e i risultati parlano per lui. Il resto non conta".

Che rapporto ha con i Matarrese oggi?
"Non ci sentiamo più dal fallimento".

Il momento più brutto, per lei, il fallimento della società.
"Quando i libri vanno in tribunale non puoi dimenticarlo: finisce una storia, un'era. Quella è stata una pagina nera. Ma la notte di Venezia - era la stagione 2003/2004 - ho pianto, quando siamo retrocessi dalla B alla C. Per fortuna poi c'è stato il ripescaggio".

Il Bari ha una proprietà (i Matarrese) e nessuno va allo stadio, fallisce e i tifosi si avvicinano alla squadra. Strano, no?
"Quando lavori per una società devi sempre sposare la causa. Ricordo che quando sono arrivato a Bari c'era già contestazione, anche se le cose andavano bene. Un po' come quando moglie e marito non vanno d'accordo..."

I Matarrese torneranno ad interessarsi del Bari, da tifosi?
"Non lo so..."

E dal futuro cosa si aspetta?
"Spero che il Bari possa mantenere l'entusiasmo: una delle vittorie più belle. La società è in mani solide, questa è la cosa più importante".

Cosa ricorderà sempre della stagione?
"Che siamo morti e rinati tutti insieme".

IN EDICOLA TROVI IL NUOVO NUMERO DI CALCIO2000: PER SCOPRIRE I CONTENUTI LEGGI LA PRESENTAZIONE: http://www.tuttomercatoweb.com/calcio2000/calcio2000-nuovo-numero-con-rami-cairo-pasqual-e-tanti-altri-583477

I giocatori del Bari festeggiano a fine gara
© foto di Federico Gaetano
ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Calcio2000
Altre notizie
App Store Play Store Windows Phone Store
 
CANALI TMW
CANALI TMW SQUADRE
ALTRI CANALI TMW
TMW RADIO - I Collovoti: "Icardi un trascinatore, Milik un affare, Juve molle" Top Icardi: In questa giornata le emozioni non sono mancate, partiamo dal Derby d'Italia, era dal 2010 che l'Inter non batteva...
Sassuolo, esempio per tutto il movimento, mentre l'Inter crolla ancora. Sopravvalutata, mal gestita e presuntuosa: meglio pensare agli eroi paralimpici Facciamo un rapido resoconto europeo dopo la settimana di Coppe. Partiamo dall'alto: Juventus non brillantissima ma anche un...
NESTI-pensiero "live" - Mou: "Un giorno spacchero' la faccia a Wenger!". Dove sono quelli, che mi contestavano la priorita' umana di Ranieri su Mou? In questo spazio, riassumo tutte le mie opinioni sulla stagione calcistica 2016-2017, in ordine decrescente, dalla più recente...
L'altra met� di ...Kevin Lasagna Arianna Malacarne compagna dell'attaccante del Carpi Kevin Lasagna è intervenuta ai microfoni di TMW Radio nella rubrica...
 Un talento al giorno , Renzo Fucile: la garra argentina prende forma Chi ha familiarità con il calcio argentino, conoscerà certamente Renzo Fucile, giovane centrocampista o difensore...
IN TEMPO REALE TUTTI GLI AGGIORNAMENTI DELLE ULTIME DAI CAMPI DELLA 6^ GIORNATA ULTIMO AGGIORNAMENTO ORE 17:00 ? PER LE PROBABILI FORMAZIONI &...
24 settembre 1946, nasce il Calcio Catania Il 24 settembre 1946 dalla fusione fra Virtus Catania e la Catanese Elefante nasce il Club Calcio Catania. Viene designato come...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi  24 settembre 2016

Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 24 settembre 2016.

   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.