HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Bomber d'Italia: chi sarà il re dei cannonieri 2016/17?
  Pavoletti
  Berardi
  Higuain
  Dybala
  Callejon
  Milik
  Dzeko
  Icardi
  Bacca
  Kalinic
  Borriello
  Immobile
  Muriel

TMW Mob
Colpi d'Ala

Cinque italiane in Europa, a temere per il proprio futuro. Serie A, serve un reset tecnico e programmatico, ripartendo dai vivai. E se dobbiamo guardare a Belgrado...

Nato a Roma, ha vestito le maglie di Parma, Fiorentina, Lecce, Perugia, Reggiana, Roma e Nazionale italiana. Ha vinto una Coppa Italia con la Roma e una Coppa delle Coppe, una Coppa UEFA, una Supercoppa UEFA e una Coppa Italia, tutte col Parma.
18.12.2015 16.59 di Alberto Di Chiara  articolo letto 77997 volte

Nonostante la crisi tecnica evidente che sta vivendo il nostro calcio, in Europa sono ancora cinque le squadre che ci rappresentano. È questa direi che è una nota molto positiva. La differenza sostanziale rispetto ai tempi passati sta però nella sostanza: prima le nostre erano squadre di prima fascia assolutamente da evitare e da temere, oggi dobbiamo essere noi a sperare di non incontrare le squadre più forti. Questo vale ugualmente per la Nazionale di Conte naturalmente. Non tantissimo tempo fa un girone con Belgio, Svezia e Irlanda veniva accettato con più soddisfazione, ora con malcelato timore.

Noi siamo rimasti al palo rispetto ad altre nazioni europee, che invece con umiltà e raziocinio hanno investito in uomini e strutture per rinverdire e ridisegnare le proprie federazioni e riassettare quei settori giovanili da noi quasi abbandonati. E' stata insomma fatta ripartire con i giusti criteri la macchina Calcio, da noi inceppata da un po' di anni. Il nostro sistema è da ridisegnare, da rinverdire, da cambiare in quasi tutto. La federazione è ostaggio della Lega e delle società, che a loro volta sono ostaggio delle tv, degli sponsor e di alcuni procuratori. Bisogna resettare tutto e ripartire, come hanno fatto a suo tempo in Germania e ultimamente in Belgio dove la ristrutturazione e l'investimento sui settori giovanili ha costruito una squadra tra le più temibili a livello europeo.

Unaa classifica stilata dal CIES sentenzia che il nostro calcio è uno dei peggiori in Europa nonché tra i più vecchi con una età media di 27,3 anni. Non sforniamo più giovani talenti ormai da troppo tempo. Ci siamo fermati al Mondiale del 2006. I Totti, i Pirlo, i Del Piero non ci sono più a parte qualche rara eccezione. Ajax, Partizan Belgrado e Barcellona sono tra le migliori società a livello europeo in termini di settore giovanile. Tra le prime 100, sempre secondo il CIES, l'Inter è la prima tra le italiane al 77° posto e l'Atalanta all'89°.

Il Barcellona spende coca 20 milioni di euro l'anno per la propria cantera, contro i circa 50 complessivi di tutte le società di serie A italiane. Molte società in Italia piuttosto che investire somme di questo genere, trovano più semplice e conveniente acquistare a prezzi stracciati giovani provenienti da campionati esteri minori, che poi spesso si rivelano non adatti per lo più al nostro calcio. L'unica via è diventata quella di rilanciare qualche talento un po' arrugginito dallo scarso utilizzo nel club di appartenenza. Siamo diventati un ripiego. Calcolando il fatto che le squadre che hanno il numero di giocatori italiani sopra la media, sono il Sassuolo col 92%, il Frosinone e il Chievo. Squadre di alta classifica come Inter, Napoli, Fiorentina, sono sotto il 20%. Nell'Inter i pochi italiani sono l'allenatore e forse il magazziniere, nella Fiorentina neanche l'allenatore. I vivai devono ritornare ad essere linfa vitale per le società sia economicamente parlando che tecnicamente e di conseguenza rilanciare una Nazionale priva ormai di identità.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Colpi d'Ala
Altre notizie
App Store Play Store Windows Phone Store
 
CANALI TMW
CANALI TMW SQUADRE
ALTRI CANALI TMW
TMW RADIO - I Collovoti: "Icardi un trascinatore, Milik un affare, Juve molle" Top Icardi: In questa giornata le emozioni non sono mancate, partiamo dal Derby d'Italia, era dal 2010 che l'Inter non batteva...
Sassuolo, esempio per tutto il movimento, mentre l'Inter crolla ancora. Sopravvalutata, mal gestita e presuntuosa: meglio pensare agli eroi paralimpici Facciamo un rapido resoconto europeo dopo la settimana di Coppe. Partiamo dall'alto: Juventus non brillantissima ma anche un...
NESTI-pensiero "live" - Mou: "Un giorno spacchero' la faccia a Wenger!". Dove sono quelli, che mi contestavano la priorita' umana di Ranieri su Mou? In questo spazio, riassumo tutte le mie opinioni sulla stagione calcistica 2016-2017, in ordine decrescente, dalla più recente...
L'altra met� di ...Kevin Lasagna Arianna Malacarne compagna dell'attaccante del Carpi Kevin Lasagna è intervenuta ai microfoni di TMW Radio nella rubrica...
 Un talento al giorno , Gorka Fidalgo: il nuovo Salgado del Real Madrid Un piccolo nuovo Salgado per il Real Madrid. Centrale o terzino destro proprio come il noto ex calciatore dei blancos, il...
Torniamo con la nostra Rubrica per far chiarezza sugli Infortuni avvenuti durante l'ultima giornata di campionato e chiarire anche i tempi di...
Il 26 settembre 1961 il Peñarol vince la Coppa Intercontinentale. Gli uruguayani diventano così la prima squadra sudamericana a...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi  26 settembre 2016

Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 26 settembre 2016.

   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.