HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
-10 alla fine del mercato: da chi aspettarsi il grande colpo?
  Atalanta
  Bologna
  Cagliari
  Chievo Verona
  Crotone
  Empoli
  Fiorentina
  Genoa
  Inter
  Juventus
  Lazio
  Milan
  Napoli
  Palermo
  Pescara
  Roma
  Sampdoria
  Sassuolo
  Torino
  Udinese

TMW Mob
Colpi d'Ala

Epoca di virus, la globalizzazione infetta tutto e tutti. Stranieri in campo, dati sempre più allarmanti: qualcuno ricorda una formazione della Nazionale?

Nato a Roma, ha vestito le maglie di Parma, Fiorentina, Lecce, Perugia, Reggiana, Roma e Nazionale italiana. Ha vinto una Coppa Italia con la Roma e una Coppa delle Coppe, una Coppa UEFA, una Supercoppa UEFA e una Coppa Italia, tutte col Parma.
04.12.2015 07.35 di Alberto Di Chiara   articolo letto 34780 volte

Che viviamo un periodo storico particolare non ci sono grandi dubbi. Cambiamenti epocali, crisi di valori, di identità, controindicazioni ovunque, qualunque cosa si mangi, qualunque cosa si tocchi. Sembra che quasi tutto sia virale. Nel calcio poi, noi italiano ci siamo inevitabilmente snaturati. Non poteva essere altrimenti. Ho sempre considerato il calcio la metafora della vita e non poteva che finire cosi. Il calcio è cambiato, il mondo è cambiato. Globalizzazione, questa parola quasi magica, che dovrebbe portare aggregazione, lo dice quasi la parola stessa, ha portato in parte cose positive, ma dall'altra ad una profonda crisi di valori e di identità molto pericolosa. Gli ultimi fatti drammatici accaduti ne sono purtroppo un esempio brutale.

Sfido chiunque a ricordarsi a memoria una formazione, anche della propria squadra. Prima i giocatori si riconoscevano anche senza il nome dietro la maglia. Prima per arrivare in Nazionale occorreva avere centinaia di presenze nella massima serie, salvo rare eccezioni. Prima il capitano di una squadra era il simbolo della città stessa. Zoff, Del Piero, Buffon, Antognoni, Di Bartolomei, Totti, Rivera, Baresi, Maldini, Mazzola, Bergomi... solo per citarne alcuni. Oggi bandiere non ce ne sono più. Cambia tutto troppo velocemente. La Nazionale ha perso gran parte del suo fascino agli occhi della gente. Sempre meno persone vanno allo stadio. Non c'è più l'attesa dell'evento calcistico perché ce ne propinano troppi quasi ogni giorno e di livello molto basso. Gli stranieri sono la maggioranza, una tendenza che incide in maniera negativa nello sviluppo dei vivai. Poi capita che i giovani di prospettiva vengono supervalutati, Bertolacci e Romagnoli fanno scuola. Ed ecco che le società si rivolgono all'estero per andare a pescare giovani a buon prezzo. Manca un controllo serio sulla gestione delle società da parte di una federazione che forse avrebbe bisogno di essere controllata lei stessa. Della serie chi controlla il controllore. Basta guardare quello che succede anche nei piani alti della FIFA e dell'UEFA. A livello tecnico avevamo i migliori portieri del mondo e per antonomasia il Brasile i peggiori. Anche qui, inversione di ruoli. Speriamo che Donnarumma porti il cambiamento di tendenza. Non ci sono più difensori. Non c'è più un regista italiano degno di nota, l'ultimo forse Pirlo. La generazione di fenomeni si è andata esaurendo dopo l'ultimo Mondiale 2006. Personalità e campioni dentro e fuori dal campo ce ne sono sempre meno.

Chi cerca di distinguersi lo fa senza rispetto ed in maniera sguaiata. Balotelli tanto per fare un esempio, si presentava al raduno della nazionale in Ferrari e vestito come Eminem. Nel campionato di serie A la percentuale di italiani in squadra è molto bassa. Solo il Sassuolo (92%), il Frosinone (72%) e il Chievo (63%) sono nettamente sopra la media. Fiorentina, Roma, Napoli, Udinese sono dal 20% in giù. Capibile che Conte faccia fatica ad assemblare una Nazionale credibile. Il raggiungimento degli Europei in anticipo sulla tabella di marcia è stato un grande risultato proprio per questi motivi. Ma non voglio passare per quello che vive solo del passato: sono del parere che bisogna guardare avanti ed adeguassi ai tempi, ma non si possono perdere di vista certi equilibri, certi valori, certe tradizioni, che sono le fondamenta di tutto il castello che fin qui abbiamo costruito . Vorrei tanto rispondere, a chi me lo chiedesse, senza esitazione che la formazione della Nazionale è: Zoff, Gentile, Cabrini...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Colpi d'Ala
Altre notizie
App Store Play Store Windows Phone Store
 
CANALI TMW
CANALI TMW SQUADRE
ALTRI CANALI TMW
24 gennaio 1954, la tv italiana trasmette la prima partita di calcio Il 24 gennaio 1954 a San Siro l'Italia batte in l'Egitto per 5-1 in un incontro di qualificazione ai Mondiali che si sarebbero disputati...
TMW RADIO - I Collovoti: "Chiesa da 8. Bene i giovanissimi di Gasp" Top Federico Chiesa: seconda vittoria consecutiva per questa Fiorentina, che lancia definitivamente questo giovane...
TMW RADIO - Dini: "Clausola rescissoria non prevista nel nostro ordinamento" La clausola rescissoria “In Italia non esiste, è un istituto che non è disciplinato, la si chiama impropriamente rescissoria,...
La Fiorentina fa tornare la Juve tra i comuni mortali nella serata di Antognoni. Giancarlo a Firenze come Maradona a Napoli Non è stata, non è e non sarà mai una partita come tutte le altre. Per Firenze, non c'è niente da fare, la partita contro la Juventus...
NESTI Channel (carlonesti.it) - Che dire deļla Juve formato "carica dei 101"? Con il sacrificio di tutti (Mandzukic esemplare), sarà replicabile In questo spazio, riassumo tutte le mie opinioni sulla stagione calcistica 2016-2017, in ordine decrescente, dalla più recente alla...
L'altra metà di ...Mariano Izco Emanuela Zappalà, compagna del centrocampista argentino del Chievo Mariano Izco, è stata ospite della trasmissione di...
Fantacalcio, Infortunati & Squalificati 22^ Giornata Aggiornato 24/01/17 h 20:48 ATALANTA: in recupero:  in dubbio: Gomez, Dramè out: Kessie (Coppa d'Africa), Suagher squalificati: diffidati: Kessie,......
Mondiale a quarantotto squadre, bravo Infantino. Chi gà i schei gà vinto, il denaro muove il mondo La decisione del Presidente Infantino, condivisa dalla Fifa, di portare il Mondiale di Calcio da trentadue a quarantotto squadre a...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 24 gennaio 2017

Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi martedì 24 gennaio 2017.

   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.