HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Colpi d'Ala

Eterno Totti: dopo ieri, Spalletti e Pallotta non hanno scampo. E la società, cosa fa? Castori astronauta: si compri un poker di droni

Nato a Roma, ha vestito le maglie di Parma, Fiorentina, Lecce, Perugia, Reggiana, Roma e Nazionale italiana. Ha vinto una Coppa Italia con la Roma e una Coppa delle Coppe, una Coppa UEFA, una Supercoppa UEFA e una Coppa Italia, tutte col Parma.
21.04.2016 00.00 di Alberto Di Chiara   articolo letto 17437 volte

Siamo allo sprint finale e anche ieri a contare sono state la passione e i grandi calciatori. Totti in quattro minuti ha racchiuso tutto questo, rispondendo nella maniera migliore a tutti e portando la Roma da una crisi profonda alla Champions visto la sconfitta di un Inter che ormai non commentiamo nemmeno più. Fiorentina sempre più a corrente alternata. Solo contorta nelle sue vicende come al solito mal gestite.

La vicenda Sousa sta infatti diventando una telenovela. Ma è mai possibile che a Firenze non ci sia un rapporto normale tra allenatori e giocatori con la società, sia contrattuale che professionale oltre che umano, basato su unità di intenti? Contratti sempre cavillosi e mai chiari, sempre con penali quasi mai rispettate, comunicazioni fuori tempo, poco filtro, nessuna connessine tra i dirigenti. Parlando di un club di calcio florido e solido sotto il profilo finanziario come quello viola, c'è da capire come si arrivi a gestire situazioni così semplici andandosi a complicare la vita e facendosi anche contestare dalla città nonostante i buoni risultati.

Ma torniamo alla telenovela di Spalletti vs Totti. Certo vedere Er Pupone, che appena Spalletti gli dà la possibilità, entra in campo a Bergamo e con due tocchi fare un gol e un assist (peraltro inutile per Dzeko), poi in soli 4 minuti contro il Torino, nemmeno dopo pochi secondi risalva la Roma con una doppietta incredibile che lo fa entrare ancora di più nella leggenda, si fa fatica a non capire perché abbia ancora voglia di giocare. Un campione senza fine. Pallotta e Spalletti non ne possono non tenerne conto, non hanno scampo. E' stata fuori luogo secondo me la dichiarazione a caldo di Spalletti subito dopo la partita a Bergamo, riguardo Dzeko che sarebbe disturbato dalla presenza e dalla personalità di Totti. Un giocatore super pagato dalla Roma, e non un giovane di primo pelo, se si lascia condizionare da queste cose è da biasimare. È una diatriba, tra un allenatore che ha avuto il grande merito, almeno fino a questo momento, di risollevare una Roma allo sbando, e Totti stesso. Il fuoriclasse romano è indiscutibilmente un simbolo per questa squadra e per tutta la città quindi un patrimonio da gestire. Io allora mi domando, aldilà delle cose dette e non dette tra i due personaggi, aldilà di chi può avere più torto o ragione, la società in tutto questo che fa? Un po' di filtro, un intervento quantomeno di facciata...niente di niente.

Insomma si parla per giorni delle vicende e il futuro dei soliti noti, mentre non si dà spazio a realtà anche se minori come quella di Castori che sta salvando il Carpi con 5/11 di squadra che qualche mese fa giocavano in Lega Pro. E invece di cosa si parla? Del drone di Brocchi! Bisogna capire che il calcio è più semplice di come ce lo vogliono lasciare intendere. Allenamenti a porte chiuse, droni, pseudo tattiche segrete... ma dove siamo... in guerra? Mi vien da ridere. Il calcio è fatto di passioni e rapporti oltre che di tecnica. Ci vendono fumo. Un allenatore deve saper vestire tutte le tattiche che meglio vestono i propri giocatori (Mazzone docet). Passione, emozione rispetto. Castori lo sta facendo a Carpi ma nessuno gli dà più di tanto importanza, gli consiglio al prossimo allenamento di fare una seduta presentandosi con tuta spaziale e ben quattro droni al seguito, forse un po' di interesse lo susciterà anche lui ne sono sicuro.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Colpi d'Ala
Altre notizie
App Store Play Store Windows Phone Store
 
CANALI TMW
CANALI TMW SQUADRE
ALTRI CANALI TMW
TMW RADIO - I Collovoti: "Sousa ha battuto Allegri, bene Gagliardini" Top Kalinic: non solo perché ha bruciato Buffon, è stato l'incubo per la “BBC”, c'è da chiedersi se è il caso di lasciarlo...
TMW RADIO - Dini: "Fatturato portoghese e tedesco i più cresciuti negli ultimi 10 anni" L'avvocato Giulio Dini, che cura gli interessi tra le tante cose dell'allenatore della Roma, Luciano Spalletti,agente di calciatori...
La Fiorentina fa tornare la Juve tra i comuni mortali nella serata di Antognoni. Giancarlo a Firenze come Maradona a Napoli Non è stata, non è e non sarà mai una partita come tutte le altre. Per Firenze, non c'è niente da fare, la partita contro la Juventus...
NESTI Channel (carlonesti.it) - Portare a 48 squadre i Mondiali, in un calcio già sovradimensionato, è come riempire un obeso di cioccolato per guarirlo In questo spazio, riassumo tutte le mie opinioni sulla stagione calcistica 2016-2017, in ordine decrescente, dalla più recente alla...
L'altra metà di ...Emanuele Giaccherini Per la rubrica L'altra metà di... in onda su TMW Radio, Barbara Carere ha intervistato, Dania Gazzani, moglie...
FANTACALCIO, Infortunati & Squalificati 21^ Giornata Aggiornato 17/01/17 h 18:15 ATALANTA: in recupero: in dubbio: Konko out: Carmona (China cup), Kessie (Coppa d'Africa),...
Mondiale a quarantotto squadre, bravo Infantino. Chi gà i schei gà vinto, il denaro muove il mondo La decisione del Presidente Infantino, condivisa dalla Fifa, di portare il Mondiale di Calcio da trentadue a quarantotto squadre a...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 18 gennaio 2017

Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi mercoledì 18 gennaio 2017.

   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.