HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Bomber d'Italia: chi sarà il re dei cannonieri 2016/17?
  Pavoletti
  Berardi
  Higuain
  Dybala
  Callejon
  Milik
  Dzeko
  Icardi
  Bacca
  Kalinic
  Borriello
  Immobile
  Muriel

TMW Mob
Colpi d'Ala

Juve, il pari di ieri un'amara consolazione: siamo diventati l'Italrugby. Roma, bandiere ammainate. Dopo Totti, non può toccare a Conti

Nato a Roma, ha vestito le maglie di Parma, Fiorentina, Lecce, Perugia, Reggiana, Roma e Nazionale italiana. Ha vinto una Coppa Italia con la Roma e una Coppa delle Coppe, una Coppa UEFA, una Supercoppa UEFA e una Coppa Italia, tutte col Parma.
25.02.2016 00.00 di Alberto Di Chiara  articolo letto 43859 volte

Semmai ce ne fosse stato bisogno, le partite di Champions disputate da Roma e Juventus, in attesa dei responsi dell'Europa League, hanno dimostrato che il nostro calcio arranca dietro allo strapotere tecnico e organizzativo delle corazzate europee. Le italiane non hanno sfigurato affatto di fronte alle loro grandi avversarie, hanno combattuto con tenacia e spirito per limitare i danni, qui sta il punto. È' ormai da anni che la Serie A non è il campionato con le squadre da battere e da temere. Siamo diventati, da protagonisti assoluti, degli sfidanti, coloro che tentano l'impresa. Ormai è una realtà. La Roma perde 2-0 in casa e ci si consola con il fatto di aver disputato una buona prestazione. La Juve viene presa a pallonate per un'ora, poi riesce grazie alla sua tenacia a recuperare una partita che sembrava persa, raggranellando percentuale di speranza per la partita di ritorno e tutti sono contenti. Siamo diventati come la nazionale di rugby. Tra le grandi siamo tra le ultime. Ci si accontenta di non prendere il cucchiaio di legno o ci si esalta per aver perso con un risultato non tennistico. Insomma siamo stati relegati al ruolo di partecipanti. Ci sediamo al tavolo dei grandi con la consapevolezza che il boccone del re non può toccare a noi.

Ma veniamo al caso Totti. Bandiere al tramonto. Polemiche e situazioni mal gestite, hanno creato malintesi e malcontento. C'è' di mezzo l'orgoglio, il passato, il presente e il futuro di uno dei più grandi calciatori della storia giallorossa. Ora, non mi inoltrerò in congetture e considerazioni su quello che è successo tra lui e Spalletti, in questi casi come si parla si sbaglia. Non mi schiero con nessuno perché non ci sono e non devono esistere schieramenti in casi come questo. E cominciano ad apparire come funghi offerte stratosferiche per il capitano vere o presunte, da ogni lido, arabi, cinesi, il Leicester del "romano" Claudio Ranieri. Addirittura un'offerta, con tanto di lettera aperta da parte del presidente Pier Luigi Berruti, affinché la sua carriera agonistica nel Trastevere (ex Smit), squadra dove Francesco aveva cominciato, pur di non farlo andare via dalla sua Roma. Pare che comunque le intenzioni della società, nel nome del suo presidente Pallotta, in accordo col giocatore, siano quelle di rinnovare per un altro anno agonistico, una sorta di stagione di saluti in stile Kobe Bryant, molto americano e quindi molto stuzzicante per un presidente a stelle e strisce come Pallotta. Nella Roma poi c'è un altro contratto in scadenza, quello di un altro mito giallorosso, Bruno Conti (MaraZico). Si vocifera anche di un suo presunto addio. Speriamo di no. Alla Roma romanista far digerire la eventuale perdita di due icone come Totti e Bruno Conti sarebbe veramente arduo da sopportare.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Colpi d'Ala
Altre notizie
App Store Play Store Windows Phone Store
 
CANALI TMW
CANALI TMW SQUADRE
ALTRI CANALI TMW
TMW RADIO - I Collovoti: "De Sciglio punto debole, Belotti incontenibile" Fulvio Collovati è intervenuto ai microfoni di TMW Radio per dare i suoi personali voti sulla gironata di Serie A appena...
Sassuolo, esempio per tutto il movimento, mentre l'Inter crolla ancora. Sopravvalutata, mal gestita e presuntuosa: meglio pensare agli eroi paralimpici Facciamo un rapido resoconto europeo dopo la settimana di Coppe. Partiamo dall'alto: Juventus non brillantissima ma anche un...
NESTI-pensiero "live" - Ma e' giornalismo, o inganno, titolare una frase di Ilary Blasy su Spalletti di circa 6 mesi fa? In questo spazio, riassumo tutte le mie opinioni sulla stagione calcistica 2016-2017, in ordine decrescente, dalla più recente...
L'altra met� di ...Kevin Lasagna Arianna Malacarne compagna dell'attaccante del Carpi Kevin Lasagna è intervenuta ai microfoni di TMW Radio nella rubrica...
 Un talento al giorno , Felix Uduokhai: il tuttofare della nuova Germania Oltre al grande fisico, Felix Uduokhai stupisce e non poco per la sua attitudine straordinaria nell'adattamento a qualunque...
AGGIORNATO 28-09-2016 ?ORE 20:30 ? Tra?parentesi troverete gli indici di schierabilit?, ossia un parametro che utilizziamo per indicarvi?i...
28 settembre 1969, Chinaglia segna alla prima da titolare in A. Alla Lazio inizia la sua era Il 28 settembre 1969 alla Lazio inizia l'era Chinaglia. L'attaccante di Carrara segna contro il milan il primo gol in serie A,...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi  28 settembre 2016

Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 28 settembre 2016.

   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.