HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
È il giorno di

È il giorno di... Mudingayi

L'Inter per realizzare un grande sogno
19.07.2012 07.00 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 14896 volte
© foto di Federico De Luca

Una piccola presentazione, in realtà, c'è già stata. E' la sera del 5 luglio, in scena c'è la Top 11 TMW e Gaby Mudingayi - come su può vedere dalla foto - riceve dai tifosi presenti una maglia dell'Inter. Il calciatore di origini congolesi s'intimidisce, quasi la rifiuta per scaramanzia visto che la trattativa è ancora tutta in corso. Poi la apre, la presenta al pubblico e, pochi secondi dopo, la restituisce al tifoso che gliel'ha lanciata.

Oggi, 14 giorni dopo la divertente parentesi, possiamo dire che quella pseudo presentazione ha portato bene. E' tempo di fare un passo avanti, di indossare per davvero quella maglia tanto attesa. La trattativa, circa quattro mesi dopo il primo contatto, è stata finalmente definita. Mundingayi voleva fortemente l'Inter e anche in tempi non sospetti - quando cioè anche altre squadre importanti come il Napoli l'avevano richiesto - ha sempre dato priorità ai nerazzurri. Lui nella rifondazione totale che sta portando avanti Moratti con i suoi assistenti di mercato ci calza a pennello, tassello perfetto per il centrocampo a tre. Un modulo - il 4-3-3 usato da Stramaccioni - di cui conosce tutti i meccanismi avendolo già interpretato alla Lazio sotto la guida di Delio Rossi.

"Vado all'Inter per mettermi a disposizione del mister. Davanti a me ci sono dei campionissimi", ha dichiarato ieri Mudingayi con la modestia di sempre. Segno distintivo della sua carriera. Abituato a guadagnarsi sempre tutto sul campo, il calciatore nato in Congo, ma di nazionalità belga ha accettato la sua nuova destinazione senza se e senza ma. Nessuna garanzia per il posto da titolare, solo la convinzione che - mettendosi a disposizione del gruppo - ha tutte le carte in tavola per guadagnarsi uno spazio importante nel nuovo progetto di Stramaccioni. Nessuna preferenza nemmeno su quello che deve essere il suo ruolo a centrocampo. "Tanto sempre in mezzo al campo gioco, mezzala o centrale cambia poco", ha fatto sapere. Insomma, testa bassa e pedalare. Così è sempre stato abituato, fin da quando a 15 anni ha cominciato a giocare a calcio.

L'Inter ha scommesso su di lui e per Mudingayi - alla sua quarta esperienza in Italia dopo Torino, Lazio e Bologna - ha inizio un nuovo e importante passaggio per la sua carriera. In Italia si trova benissimo, il paese ideale in cui presumibilmente continuerà a vivere anche una volta appese le scarpette al chiodo. Quello nerazzurro è, però, uno di quei treni che nella vita di un calciatore passano una sola volta. Guai a non sfruttare l'occasione, anche perché da realizzare c'è un ultimo grande sogno: tornare stabilmente in Nazionale e trascinare il Belgio fino alla fase finale del prossimo Mondiale, competizione a cui Gaby non ha mai partecipato vista la mancata qualificazione dei Diavoli Rossi nelle ultime due edizioni. Glielo auguriamo, sarebbe il coronamento perfetto di una carriera più unica che rara, fatta di sacrifici, gioie e sudore. Un passato difficile trasformato in punto di forza per guardare sempre con ottimismo al futuro.

Ora, però, è tempo di concentrarsi sul presente. L'Inter e i suoi tifosi lo attendono...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie È il giorno di
Altre notizie
App Store Play Store Windows Phone Store
 
CANALI TMW
CANALI TMW SQUADRE
ALTRI CANALI TMW
19 gennaio 1991, muore Dino Viola il presidente del secondo scudetto della Roma Il 19 gennaio 1991 muore Dino Viola, negli anni Ottanta presidente della Roma. Laureato in ingegneria, aveva aperto in Veneto nel dopoguerra...
TMW RADIO - I Collovoti: "Sousa ha battuto Allegri, bene Gagliardini" Top Kalinic: non solo perché ha bruciato Buffon, è stato l'incubo per la “BBC”, c'è da chiedersi se è il caso di lasciarlo...
TMW RADIO - Dini: "Clausola rescissoria non prevista nel nostro ordinamento" La clausola rescissoria “In Italia non esiste, è un istituto che non è disciplinato, la si chiama impropriamente rescissoria,...
La Fiorentina fa tornare la Juve tra i comuni mortali nella serata di Antognoni. Giancarlo a Firenze come Maradona a Napoli Non è stata, non è e non sarà mai una partita come tutte le altre. Per Firenze, non c'è niente da fare, la partita contro la Juventus...
NESTI Channel (carlonesti.it) - Il nuovo logo della Juve vuole esprimere "coraggio". Confermo: ci vuole un bel "coraggio" nel tradire la storia così... In questo spazio, riassumo tutte le mie opinioni sulla stagione calcistica 2016-2017, in ordine decrescente, dalla più recente alla...
L'altra metà di ...Emanuele Giaccherini Per la rubrica L'altra metà di... in onda su TMW Radio, Barbara Carere ha intervistato, Dania Gazzani, moglie...
Fantacalcio, Consigli Low Cost 21^ giornata Secondo il dizionario di TuttoFantacalcio: "Dicesi Low Cost quel tipo di calciatore che se presente all'interno della vostra formazione di giornata e se...
Mondiale a quarantotto squadre, bravo Infantino. Chi gà i schei gà vinto, il denaro muove il mondo La decisione del Presidente Infantino, condivisa dalla Fifa, di portare il Mondiale di Calcio da trentadue a quarantotto squadre a...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 19 gennaio 2017

Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi giovedì 19 gennaio 2017.

   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.