HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
È il giorno di

E' il giorno di... Pogba

Un nuovo Vieira arriva alla Juventus
26.07.2012 07.00 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 21082 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Una trattativa lunghissima, cominciata a gennaio quando si provò a portare il calciatore a Torino fin dalla sessione invernale di calciomercato. Tira e molla continui col Manchester United che proprio non ne voleva sapere di dover salutare il suo pupillo classe '93 a costo zero. Alla fine, però, anche un sempre tenace Ferguson s'è dovuto arrendere all'evidenza: Paul Pogba è un nuovo calciatore della Juventus. Il centrocampista si libera a parametro zero dai red devils e - tra oggi e domani - effettuerà le visite mediche prima di firmare l'accordo col suo nuovo club.

"Il mio gioco si ispira a Vieira", ha detto il giovane francese classe '93. Un esempio calzante e, soprattutto, significativo per i tifosi bianconeri che nella stagione 2005/06 hanno avuto modo di visionare da vicino le prestazioni dell'ex capitano dell'Arsenal. Utile in entrambe le fasi di gioco, con 186 centimetri a disposizione Pogba fa certamente della sua stazza fisica l'arma in più. Prestanza e personalità, come dimostra la sua presenza fissa in mezzo al campo in tutte le nazionali giovanili francesi. Pogba, per ora, è arrivato fino alla selezione under-19 con la Juventus che, in tal senso, deve rappresentare il trampolino di lancio per una convocazione nella selezione maggiore. La scelta di lasciare Manchester è stata dettata soprattutto dal pochissimo spazio in prima squadra. Mai sceso in campo in Premier League, Pogba nell'ultima stagione ha giocato solo pochi minuti in partite di Carling Cup ed Europa League.

Il calciatore lascia lo United tre anni dopo il suo arrivo che scatenò un vero e proprio caso nei palazzi della Fifa. Il Le Havre, che a soli 16 anni vide andar via uno dei calciatori più importanti del suo settore giovanile, denunciò l'operazione sostenendo che Pogba avesse accettato il trasferimento solo dopo la promessa del Manchester United alla sua famiglia di una casa e del pagamento di 87mila sterline. Una causa durata quasi un anno, chiusa con un accordo economico tra i due club e che, nel frattempo, aveva visto l'ingresso in gioco anche del Torcy, club che a sua volta aveva accusato il Le Havre di essersi comportato esattamente allo stesso modo dello United dodici mesi prima. Incidente diplomatico con non pochi strascichi anche dal punto di vista etico.

Tornando, però, al presente è impossibile non parlare del regista dell'operazione Pogba-Juventus: Mino Raiola, fattore sempre più determinante nelle trattative delle nostre big. E' stato il noto procuratore a proporre il calciatore al club bianconero e a portare avanti l'operazione, nonostante a Manchester si facesse di tutto per blindare il ragazzo. "E' un grandissimo talento - ha detto Raiola -. Nasce come centrocampista centrale, ma può ricoprire tutti i ruoli in mezzo al campo: sia mezzala interna che da play davanti alla difesa. E' un centrocampista completo".

Tutti in attesa di vederlo in campo, quindi. Nell'estate in cui i club italiani stanno cedendo all'estero i loro migliori giovani, la Juventus è l'unica società che si muove controcorrente.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie È il giorno di
Altre notizie
App Store Play Store Windows Phone Store
 
CANALI TMW
CANALI TMW SQUADRE
ALTRI CANALI TMW
TMW RADIO - I Collovoti: "Niang indisponente, Banega non ha convinto" Fulvio Collovati, campione del Mondo dell'82 ai microfoni di TMW Radio ha dato i suoi voti all'ultima giornata di campionato. Top Szczęsny...
TMW RADIO - Dini: "Fatturato portoghese e tedesco i più cresciuti negli ultimi 10 anni" L'avvocato Giulio Dini, che cura gli interessi tra le tante cose dell'allenatore della Roma, Luciano Spalletti,agente di calciatori...
La Fiorentina fa tornare la Juve tra i comuni mortali nella serata di Antognoni. Giancarlo a Firenze come Maradona a Napoli Non è stata, non è e non sarà mai una partita come tutte le altre. Per Firenze, non c'è niente da fare, la partita contro la Juventus...
NESTI Channel (carlonesti.it) - Portare a 48 squadre i Mondiali, in un calcio già sovradimensionato, è come riempire un obeso di cioccolato per guarirlo In questo spazio, riassumo tutte le mie opinioni sulla stagione calcistica 2016-2017, in ordine decrescente, dalla più recente alla...
L'altra metà di ...Emanuele Giaccherini Per la rubrica L'altra metà di... in onda su TMW Radio, Barbara Carere ha intervistato, Dania Gazzani, moglie...
Fantacalcio, Indisponibili dopo la 20^ giornata...IN AGGIORNAMENTO Torniamo con la nostra Rubrica per far chiarezza sugli Infortuni avvenuti durante l'ultima giornata di campionato e chiarire anche i tempi di recupero,...
Mondiale a quarantotto squadre, bravo Infantino. Chi gà i schei gà vinto, il denaro muove il mondo La decisione del Presidente Infantino, condivisa dalla Fifa, di portare il Mondiale di Calcio da trentadue a quarantotto squadre a...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 17 gennaio 2017

Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi martedì 17 gennaio 2017.

   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.