VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

2013: i dieci oscar del calcio italiano

Nato ad Avellino il 30-09-1983 vive a Milano dal 2005. Per 9 anni caporedattore Calcio e volto principale della testata "Sportitalia". Dal 2007 dirige Tuttomercatoweb. Organizzatore e conduttore dei Gran Galà del Calcio AIC 2011 e 2012
06.01.2014 00.00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 34786 volte
© foto di Federico De Luca

Anno nuovo, vita nuova, calcio nuovo...macché! L'Italia, tra uno scandalo e l'altro, guarda avanti. Guarda a quel Mondiale che dirà addio a Cesare Prandelli, guarda ad un'Europa sempre meno italiana e ad un futuro con più ombre che luci. E' tempo, ancora, di bilanci. Dopo il pagellone dei Direttori Sportivi, vogliamo consegnare 10 oscar virtuali ai protagonisti del nostro calcio, consapevoli che non avremmo avuto tempo in un editoriale se avessimo voluto consegnare i tapiri. Dieci posson bastare, come le dieci ragazze di Lucio Battisti.

Un oscar di diritto va ad Antonio Conte. Miglior allenatore italiani, stravince il campionato a mani basse ed è pronto a servire il tris. La vittoria sulla Roma è un'ulteriore conferma. Lo Scudetto, la Juve, lo ha già vinto a gennaio. Scudetto che sta ai giallorossi come Laura Pausini all'hip hop.
I bianconeri avrebbero potuto fare meglio in Europa ma la squadra ancora non è pronta per vincere la Champions, certo poteva e doveva passare il turno. Comunque è il miglior allenatore italiano in Italia anche per il 2013. Speriamo il Real non se ne accorga.

Vince il premio anche l'Avvocato Beppe Bozzo, da Cosenza ma trapiantato a Roma. Lavora senza megafono, non nasconde false residenze a Montecarlo, gestisce calciatori e allenatori di primo livello e oltre a fare gli interessi dei suoi assistiti lavora bene anche per le società che lo chiamano per fare da intermediario. W la gente che si fa da sola e soprattutto w la meritocrazia.

Daniele Pradè ha dimostrato ai Della Valle che facendo calcio intelligente arrivano sia i risultati in campo che nel bilancio. Si sceglie validi collaboratori, ottime intuizioni e perfetta gestione dello spogliatoio.

L'Oscar alla carriera a Francesco Totti. Un esempio per i giovani. Fa beneficenza e non lo dice. Corre e si sacrifica come un 18enne ed è l'esempio del professionista. Averne di calciatori come Totti, un Panda.

Barbara Berlusconi ci ha conquistato con il carattere e la determinazione. Non avrà l'esperienza del padre, però, prima di alzare la mano e di chiedere la parola ha studiato in silenzio per due anni. Donna di carattere e dalle ottime intuizioni. Per il Milan può essere solo un bene il rapporto tra padre e figlia. Unico errore commesso: aver avuto una storia sentimentale con un tesserato della sua società. Ma si sa, al cuor non si comanda...

In Federazione è il nuovo che avanza. Il calcio italiano, però, non ama i giovani e preferisce tenerli in seconda fila. Demetrio Albertini è il futuro del pallone di casa nostra. Giovane con idee, influente nell'AIC e possibile DG del Milan. Avanti con Demetrio...

Oscar a Sergio Gasparin. In Italia, sapete come funziona? Mangiamo e ci dimentichiamo. Chi retrocede lavora, chi macina successi lo accantonano. O perché troppo bravo o perché a qualcuno dà fastidio. Gasparin con il Catania ha ottenuto numeri da record, grazie anche al lavoro passato di Pietro Lo Monaco, eppure oggi è osservatore di se stesso. W Cosentino, questo si che è calcio...

Un Oscar ad Infront Italy. Tutti ne parlano male perché ha le mani in pasto un pò ovunque. Paga la Lega e trova gli sponsor a diverse società di A ma se non fosse per Infront oggi il calcio italiano sarebbe già saltato in aria. Un miliardo all'anno per un prodotto che, forse, vale a malapena 600 milioni. Crea l'asta con Sky e prende soldi da Mediaset. Chiamateli scemi...

Del nostro Oscar non saprà cosa farsene, però, glielo spediamo lo stesso. Massimo Cellino ha difeso le idee, ha portato un progetto e si è messo contro le istituzioni per un maledetto stadio per il suo Cagliari. Si è fatto la galera con dignità e giocando tutte le partite in trasferta si è salvato fischiettando. Presidente, l'Oscar è suo. Ogni tanto lo guardi pensando ai momenti peggiori che le hanno fatto vivere in quest'ultimo anno maledetto.

10° Troppo facile, per chi sta leggendo, pensare... "Vabbè, ovvio che un Oscar finiva ad Udine". E, invece, come sempre me ne infischio degli invidiosi e con tutto il cuore consegno l'Oscar del 2013 a Gianpaolo Pozzo, proprietario dell'Udinese. Solo chi lo conosce lo ama. Il Presidente più longevo del nostro calcio, dopo 27 anni ancora non si è stancato di questa giungla. Dalle 9 alle 21 lo trovate allo stadio, dove c'è la società e la sua poltrona. Da lì controlla la nascita del nuovo Friuli, parla con allenatori, dirigenti e calciatori. Pozzo è il vero Presidente-Signore del nostro campionato. Poi qualcuno si chiede come faccia a funzionare alla perfezione il giocattolo. Collaboratori validissimi (Collavino-Rigotto-Giaretta-Campoccia) e delle intuizioni da Presidente-operaio. Ha un grande vantaggio, rispetto a tutti i colleghi: fa calcio perché ama la sua città e non per vantaggi imprenditoriali o politici. Poi, certo, un imprenditore deve anche chiudere in attivo il bilancio e a chi lo conosce ripete sempre una sua frase: "Non importa la cifra, quello che importa è che prima del primo numero ci sia sempre il segno +".

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: il segreto di una macchina perfetta (e una guida sul Monaco). Inter: terremoto in panchina, occhio ai nomi (e alle priorità). Milan: il pessimismo sui cinesi, la mossa sul mercato e 2 appunti a Montella. Napoli: non scherziamo su Sarri 25.04 - Come ogni anno dal lontano 2006 è iniziato il drammatico torneo di calcetto dedicato ai giornalisti: si chiama “Press League”, lo organizza un tizio di nome Luca Mastrorocco che poi è il papà di “Zona Gol” (questa citazione dovrebbe valere almeno due arbitraggi “comodi”: Luca, ci...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.