HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

A gennaio altra invasione di stranieri, ma perché? Servirebbero le scuse a Benitez...

Nato a Magenta il 28/4/1974, giornalista professionista dal 2001. Vanta collaborazioni con diverse testate web e cartacee, oltre ad esperienze da telecronista. Opinionista Campionato dei Campioni. Direttore del mensile cartaceo CALCIO2000
12.11.2014 00.00 di Fabrizio Ponciroli   articolo letto 26277 volte
© foto di Federico De Luca

Sono oltremodo preoccupato. Non per il maltempo (anche) ma per la prossima finestra di mercato. Mentre tutti, il nostro Ct Conte in testa, si affannano a ribadire come sarebbe vitale dare più spazio a giocatori di patria italiana, sento miriadi di nomi stranieri pronti ad invadere la nostra serie A. Inter, Milan, Roma, Napoli, Juventus, tutte sono già al lavoro per strappare il giovane talento estero o il "bollito" campione che vuole sperimentare, prima della pensione, il nostro scalcinato campionato. La domanda è d'obbligo: ma perché? Onestamente fatico a darmi e darvi una risposta sensata. Ultimamente mi sto appassionando al campionato Primavera e, ve lo assicuro, ne vedo parecchi di giovincelli che, se ben pungolati, potrebbero far bene anche in Serie A (soprattutto quella di adesso, decisamente di bassissimo livello). E allora perché svenarsi per campioncini nati fuori dal Bel Paese? Mi pare che tutti stiano seguendo il sogno Pogba. La Juventus, con il francese, ha fatto il colpaccio. Lo ha pagato zero e ora vale un fottio di milioni. Ma per un Pogba preso ci sono tantissimi Alhassan o Saviola (non me ne vogliano i due diretti interessati, ho nominato i primi due che mi sono venuti in mente come rappresentanti di news e old generation estera) che non hanno, diciamo così, lasciato il segno. Mentre, lato azzurro, quando si decide di investire veramente sui giovani, i risultati non sono poi tanto male, come ci dimostrano nomi nuovi come Coda, Bonazzoli, Romagnoli e tanti altri. E allora, su dai, proviamo a rischiare un po', no? Penso al Milan. Kramaric e Suso per gennaio? Ma anche no, due della Primavera che fu di Inzaghi no? Stesso discorso vale per le altre big italiane. Ripeto, sono preoccupato... Passiamo ora ad un altro "caso scottante". Benitez. Per settimane ho assistito ad un impietoso attacco nei confronti dello spagnolo. In un amen sembrava che Rafa fosse diventato un incapace totale. I mali del Napoli erano tutti colpa sua e delle sue troppo rigide certezze tattiche. Adesso, d'improvviso, Rafa è tornato genio assoluto. Ragazzi, basta (e mi ci metto pure io). Smettiamola di giudicare un calciatore per uno stop sbagliato e un allenatore per un cambio non indovinato. Il Napoli era forte prima e lo è adesso, così come Benitez è un grande allenatore, a prescindere dai risultati che conseguirà in questa e nelle prossime stagioni. Quando uno ha vinto tanto, non può esserci riuscito per caso. Questa è l'unica verità che vale per il mondo allenatori. Guardate Allegri. Ha vinto con il Milan, eppure ha dovuto aspettare mesi per ricevere i complimenti della piazza. Non va bene. Dovremmo avere più pazienza e giudicare l'operato di chiunque al termine della stagione e non dopo ogni 10' di partita. Mal costume nostro? Sì, purtroppo sì. Tanti dicono: "E' il mestiere dell'allenatore, sanno i rischi a cui vanno incontro". No, sbagliato. L'allenatore, per definizione, è uno che allena i giocatori. Per noi, invece, sono o santi o boia, dipende da che momento accendiamo la TV...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Il closing del Milan: la figura di Yonghong Li e tutti gli scenari futuri del club. Valzer delle panchine: tanto ruota attorno a Spalletti. Tutti i colpi delle grandi da Bernardeschi a Manolas fino a Kessie 26.03 - Forse, ci siamo. Il Milan sta per diventare del misterioso Yonghong Li in... Prestito con obbligo di riscatto. Già. Perché i soldi per il closing arriverebbero al broker cinese dagli Stati Uniti, dal fondo Elliott, che finanzierebbe così la chiusura del passaggio del club. Li è rimasto...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Spalletti, ora è addio. E la Juve aspetta. Allegri più lontano. Inter, Suning 150 milioni per lo Scudetto. Milan, se salta il closing Donnarumma al Real 17.03 - La Roma è fuori dall’Europa nonostante la vittoria e una gara di grande spessore tecnico e agonistico e, se tanto mi da tanto, Spalletti è fuori dalla Roma. Non faccio altro che seguire le sue indicazioni e il suo ragionamento. Ancora pochi giorni fa ha ribadito che senza tituli (alla...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.