HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
      
Editoriale

A Milanello cadono le foglie e presto anche le teste: ecco cosa succederà. Zeman stia attento: la rivoluzione del calcio viene da Roma, ma è tutta di Strama. Mazzarri? È diventato grande

Nato a Milano il 3/7/1978, laureato in Scienze ambientali presso l'Università dell'Insubria di Como, da ottobre 2008 è Capo Servizio Sport presso il quotidiano "Libero". Opinionista tv per Sportitalia, Mediaset Premium e Telelombardia.
18.09.2012 00.00 di Fabrizio Biasin  articolo letto 32674 volte
© foto di Federico De Luca

Esistono dei mestieri assai strani: quello che monta i moli in mezzo al mare, l'inventore delle barzellette che compaiono sul gelato "Cucciolone", lo scrittore di dialoghi per la soap "Un posto al sole", l'allenatore di calcio. Ecco, quest'ultimo tra tutti è decisamente il lavoro più balordo.

In realtà ce n'è uno anche peggiore, l'allenatore di calcio stipendiato da Zamparini, creatura mitologica nella quale tutti prima o poi ci siamo imbattuti: essa è supponente e pensa di poter scampare alla mannaia dello Zampa, essa si illude con mantra autoprodotti tipo "ah, sarò io il primo a convincere il malefico friulano a tenere un mister per più di 37 secondi netti", essa è infine masochista, perché in cuor suo sa che la prenderà in quel posto prima che il panettone venga servito con la crema chantilly.

E, dunque, salutiamo con affetto mister Sannino, vittima predestinata dopo un mercato - quello del Palermo - troppo brutto per essere vero. E salutiamo anche mister Gasperini, che torna in sella dopo la tragicommedia vissuta in casa Inter. Ha scelto la sfida più difficile, c'è chi dice che non mangerà le "ossa dei morti", dolce tipico di inizio novembre. Si vedrà.

Sul barcone dei tecnici dannati c'è spazio per molti. Allegri è apparentemente tranquillo, dice "sono sereno", ma sa bene che la situazione è alquanto compromessa. Chi bazzica Milanello confida che l'atmosfera è strana, come se tutti sapessero che al prossimo passo falso il buon Galliani dovrà alzare bandiera bianca per fare quello che tanti tifosi rossoneri si augurano: una imprevedibile rivoluzione copernicana. Troppa depressione in casa Milan e con le casse vuote l'unica soluzione si chiama Inzaghi, l'ex bomber che allena da cinque minuti ma che tutti sognano di vedere in panchina vicino a Tassotti. Allegri pare rassegnato, sa che la sua squadra rischia persino con l'Anderlecht, si sente solo, ma se c'è una colpa non è unicamente della società. Un allenatore messo spalle al muro può fare due cose: 1) Abbandonare la barca perché "Non ci sono più le condizioni per proseguire". 2) Lottare.

Allegri ha scelto la terza via: campa in attesa di un miracolo. Strampalate ipotesi di miracolo: 1) Bojan si alza di 25 cm in una notte, vede il suo naso crescere neanche fosse una pinna, comincia a dire "Cazzo guardi!" a giornalisti a caso e segna 28 gol. 2) Pato acquista online la cura miracolosa di Vanna Marchi, si libera del malocchio, diventa improvvisamente leader e segna 30 gol. 3) Gattuso entra di nascosto nello spogliatoio con una calza di nylon in testa, malmena mezza squadra e minaccia: "Se non vincete lo scudetto torno con i miei cugggini". 4) Boateng decide di tirare da meno di 70 metri di distanza. 5) Constant diventa bello 6) Niang dice: "Sono Niang, ve lo giuro". La sensazione è che tutti questi miracoli insieme non si realizzeranno. La sensazione è che Inzaghi abbia sponsor importanti in seno alla società. La sensazione è che Allegri avrebbe fatto meglio a mantenere buoni rapporti con almeno un paio di senatori.

La questione "rapporti con i propri pupetti" riguarda da vicino anche Stramaccioni, il tizio che più lo guardi e più noti una curiosa somiglianza con Mister Bean. Contro il Torino il tecnico di Roma ha avviato un vero e proprio stravolgimento tattico. I fatti sono due: o si è fumato il cervello, o ha le idee chiarissime. Propendiamo per la seconda. Diciamola tutta: la partita di domenica è stata brutta, ma chi parla di "provincialismo" davvero non ha capito una mazza. Stramacciò ha chiesto ai suoi di cambiare mentalità: tanto possesso palla (molto nella propria trequarti, ma fa nulla), giocatori intercambiabili (Cambiasso che passava dalla difesa a centrocampo in continuazione), esterni che si alternano, cattiveria alla bisogna. Magari farà la fine del celeberrimo Oronzo Canà e del suo 5-5-5, magari invece entrerà a far parte del riservatissimo club di quelli che in campo erano mezze tacche e in panchina hanno fatto miracoli (Sacchi, Mourinho, il sottoscritto al torneo di Pinerolo quando sedeva sulla panchina dei Giovanissimi della Guanzatese).

Furbo Stramacciò, che ottiene consensi tra i tifosi nerazzurri con un inno all'orgoglio bauscia ("Noi provinciali? Mai!") e veste i panni del Mourinho de noantri. Già, Mou, nuovissimo Mou, geniale Mou, va in conferenza prima di Real-City e dice: "La colpa è mia, non riesco a motivare i giocatori". Chi scrive è convinto che codesta sia una panzana detta apposta per dare un ultimatum a Casillas e fratellini. Se stasera il Real non vince, Josè sbotta come non mai: scommettiamo?

Poi ci sono gli altri. C'è Zeman, il tecnico che fuma come se fosse perennemente in sala parto, ma che non riesce a liberarsi dei soliti difetti. Dice il precisino: "Mica è colpa sua se Stekelenburg e Burdisso si ingroppano in area e lasciano al Gila un pallone facile facile". Vero, ma a un bel punto bisogna uscire dall'equivoco. Se a Zeman si chiede di "far divertire" allora va bene così: la Roma vincerà tante partite segnando tanti gol, ma perderà anche tanti punti qua e là per eccesso di sicurezza. Se a Zeman si chiede la "zona-Champions" allora bisogna fare un passo indietro: serve più concretezza, anche a costo di vedere un calcio più noioso.

E Mazzarri? E Montella? E Ciruzzo Ferrara? E Petkovic? Se la godono e fanno bene. Il tecnico del Napoli al quarto anno nel Golfo conosce alla perfezione umori del suo presidente e qualità dei giocatori: i partenopei sono la vera anti-Juve. Ma i complimenti veri sono per Montella: impeccabile, pacato, minuzioso e... fortunato. Con Jovetic in squadra il torneo di Pinerolo lo vinci ad occhi chiusi.

Ultime su Conte. Venerdì è in programma la prima udienza al Tnas, poi sapremo. Non devono essere giorni facili per il tecnico bianconero, sballottato da mesi tra gabbiotti in plexiglas, viaggi su e giù per l'Italia a deporre, conferenze stampa, clamorose imitazioni di comici con parrucchini. Il momento è decisamente delicato, ma quando butta male mettetevi nei panni del barbiere di Constant. Constant: "Pino, dammi una spuntata al baffo". Il barbiere: "Non sono Pino! Lasciami in pace! Sono Traorè".

(Non che il sottoscritto sia un adone, sia chiaro. Twitter: @ FBiasin).


TuttoMercatoWeb.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
21.08 - Qui Londra, centro del mercato. Soprattutto se c'è Mino Raiola, dopo quella visita a Milanello che non poteva essere e non è stata casuale. Perché su Mario Balotelli adesso c'è chi si muove sotto traccia. E' il Liverpool, la più interessata tra le squadre che cercano un...
App Store Play Store Windows Phone Store
 
Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli
20.08 - Che sia l'uomo giusto non ci sono dubbi. L'Italia, ormai ridotta ad una parvenza di squadra, ha bisogno di un allenatore di carattere, di quelli che non guardano in faccia a nessuno. Conte trova una Nazionale che ricorda molto la Juventus del suo primo anno bianconero. Come...
Editoriale DI: Fabrizio Biasin
19.08 - Ciao. Sono in spiaggia. Sarò sincero: ho la stessa voglia di scrivere che ha un coccaro di urlare "coccobello" alle 17.45 in una spiaggia del Mar Morto. In più - diciamolo onestamente - son tre giorni che non leggo lo straccio di un quotidiano, non scarico le mail, riduco le...
Editoriale DI: Michele Criscitiello
18.08 - Oggi a Roma Carlo Tavecchio si prenderà definitivamente la Federazione Italiana Gioco Calcio. Alla faccia della stampa che lo ha massacrato per la banana indigesta, alla faccia dei finti moralisti e di quei tifosi che preferivano soluzioni diverse. La nostra linea è stata...
Editoriale DI: Raffaele Auriemma
17.08 - Forse non tutti hanno ancora capito l'importanza della doppia sfida contro l'Athletic Bilbao. Superare il preliminare di Champions è un obiettivo che va oltre l'aspetto meramente tecnico e la soddisfazione sportiva da regalare ai tifosi, rappresenta un atto fondamentale per...
Editoriale DI: Mauro Suma
16.08 - L'ultimo Mondiale non è stato la kermesse degli attaccanti. A parte qualche bagliore, gli eroi di Brasile 2014 non sono stati prime e seconde punte. A riempire titoli e pagine sono stati invece loro, i portieri. La storia umana di Ochoa, la rivelazione tecnica di Keylor...
Editoriale DI: Stefano Borghi
15.08 - La Mano de Dios nel calcio argentino ha un'applicazione concreta e comprovata. Ora sappiamo che è anche ripetuta, perchè dalla notte del 13 Agosto non è più solo un'esclusiva di Maradona, ma anche il motivo della svolta, l'ennesima, nella storia ultracentenaria del San Lorenzo...
Editoriale DI: Luca Marchetti
14.08 - Stavolta la cena è durata più del previsto, verso le 23.30... Difficile capire subito quale sia stato l'esito. Ma goi argomenti già li conoscevamo: parlare di Dzemaili, parlare dell'attaccante esterno. E se per il centrocampista del Napoli la strategia sembrava chiara, per...
Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli
13.08 - Finalmente Milan. Dopo la miracolosa cessione di Robinho arrivano le prime operazioni di mercato degne di nota. Ecco Diego Lopez, un buon acquisto, un portiere che ispira fiducia. Ora serve un top player, serve il buon Silvio Berlusconi. Vedo il Milan come vecchio albero...
Editoriale DI: Fabrizio Biasin
12.08 - Milano d'agosto è uno schifo (volevo mettere "una merda", ma rischiavo la clamorosa censura dell'editore). Non credete a chi vi dice "Uh che bella la città, mi piace tanto, poveracci quelli che sono al mare, l'estate in città è divina, andare in vacanza ormai è out,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510