HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Adriano-Guarin-Eder: le scatole cinesi diventano pacchi cinesi. Napoli, Barba va preso subito. Roma-ElSha, un danno per entrambi. Serie B, le carte alle prime 10!

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
25.01.2016 14.16 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 52016 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Ad inizio mese la consideravamo l'opportunità della vita e - sotto sotto - eravamo convinti che l'Italia avesse fatto il "pacco" alla Cina. Luiz Adriano, Guarin e forse anche Eder, anche se quest'ultimo è ancora nel pieno dell'attività. Soldi importanti per le milanesi, utili o forse indispensabili per programmare un mercato decente in questo mese di gennaio. Abbiamo visto Luiz Adriano partire, farsi la fotografia con la sciarpa in cinese e, siccome non capiamo nulla di cinese, su quella sciarpa ci poteva stare anche scritto "tranquilli che torno presto" che non l'avremmo capita. Il Milan ci è rimasto male perché aveva fiutato l'affare e si era leccato i baffi. Ha accompagnato Adriano (non Galliani ma Luiz) fino allo scalo per paura che perdesse l'aereo, ma non aveva fatto i calcoli con l'approssimazione cinese. E' vero hanno i soldi ma sono ancora all'età della pietra con il calcio e bisogna prenderli con le pinze. Infatti società come Milan e Inter hanno l'obbligo morale di vigilare su tutta la trattativa e preoccuparsi anche dell'evolversi della stessa tra il club cinese e il calciatore. Così non è stato e il pasticcio è stato mondiale, con conseguenze importanti sul mercato del Milan. L'Inter aspetta ancora qualche giorno e prova a capire se davvero ci sono i margini per cedere Guarin a 18 milioni di euro ma, sinceramente, prendere Guarin a 18 significa o che c'è puzza di bruciato o che i cinesi sono talmente inesperti sul mercato che buttano via soldi per divertimento. Sta di fatto che il Milan e l'Inter nell'ultima settimana di operazioni sono bloccate. Il tempo stringe e stiamo ancora cercando di capire se va e dove va Ranocchia. Un male comune dei nostri direttori sportivi è che portano le trattative all'esasperazione, le chiudono all'ultimo minuto dell'ultimo giorno e proprio non riescono a programmare. Se ci fosse stata una società seria avrebbe già definito le operazioni a fine dicembre e regalato i rinforzi ai propri allenatori al 6 gennaio. Invece no. Poi giustamente Reja si lamenta del mercato aperto a gennaio. I direttori italiani si riducono all'ultimo in cerca dell'affare, ma attenzione: l'affare non c'è mai perché con 4 lenticchie e tre piselli non c'è molto da negoziare. Qualche scambio a destra e sinistra e qualche soldo dilazionato negli anni. Quando vi diciamo che siamo ridotti male non è per creare allarmismo ma per farvi capire in che mondo di pazzi viviamo. Non sono segnali positivi che i tre più ricchi del nostro calcio siano alla guida di Spezia, Sassuolo e Bologna. Sono tre bellissime città e tre grandissime piazze ma non sono le società che fanno girare l'economia. Il Bologna può fare affari con il Sassuolo e spende 500.000 euro per Floccari ma questo non ti cambia il sistema. La Roma li ha ma spende male. Milan e Inter sono alla canna del gas. Il Napoli è oculato, la Lazio ha il braccino corto e la Juventus li spende solo quando è convinta al 101%. Il mercato è povero e la maggior parte del danaro che esce dalle casse dei presidenti fa giri strani. Procuratori, direttori sportivi e intermediari. I veri ricchi del calcio sono quelli che i soldi non ce li mettono. Bravi loro. Vi avevamo anticipato, circa tre settimane fa, una bella notizia di calciomercato. Napoli fortissimo su Barba, il vero rinforzo per la difesa di Sarri è lui e l'obiettivo, seppur difficile, è prenderlo a gennaio e non aspettare giugno. Barba è un signor calciatore, ottimo difensore e al Napoli farebbe comodo subito. Giuntoli e Sarri hanno la stessa opinione di Barba e non hanno impiegato molto tempo a convincere De Laurentiis. Il rapporto con Corsi è straordinario e vogliono sfruttare la buona posizione in classifica dell'Empoli per anticipare l'operazione. Conviene a tutti. Vi terremo aggiornati. E' il giorno del ritorno in Italia di El Shaarawy. Un Faraone a Roma. Il Faraone, però, è ferito. E' reduce da una esperienza negativa a Montecarlo e se anche il Milan non lo trattiene, in questo Milan significa che c'è qualche problema serio. La Roma deve puntare, almeno, al terzo posto e si presenta con El Shaarawy come rinforzo per l'attacco. Non sembra un grande affare, anche se il calciatore non si discute per qualità che ha anche se non le ha mai espresse in pieno per colpa di continui problemi fisici e non è mai esploso. Operazione strana e discutibile. Potrà dare un contributo ma tutto dipenderà dalle condizioni fisiche. Anche Pepito Rossi era un fenomeno e ora l'abbiamo rispedito per l'ennesima volta in Spagna.
In serie B il bilancio parla chiaro e la classifica ha sempre ragione. Il Crotone è diretto in serie A. Lo capisci da mille particolari quando è il tuo anno. Juric ha fatto un miracolo perché la sua squadra quando gioca bene vince, quando gioca male vince. Ricci è un potenziale fenomeno e la Roma deve goderselo da subito, già dalla prossima stagione. Martella è il miglior esterno sinistro in circolazione e anche Cleiton e Capezzi fanno bella figura in una squadra che gira a meraviglia, anche quando è più cinica che bella. Il Cagliari andrà in serie A perché è nettamente la più forte e poi andranno decisi posizioni e partecipanti ai play off. Per la serie A diretta i giochi sono finiti, salvo clamorosi crolli, per i play off Pescara, Bari, Brescia, Novara, Avellino, Cesena, Spezia e Perugia se la giocheranno. Ne resteranno fuori due: Pescara? No di certo, la rosa fa la differenza. Stesso discorso del Bari. Tra queste due va deciso solo l'ordine di arrivo. Il Brescia è una bella squadra ma molto giovane, rischia nel girone di ritorno perché le squadre di Boscaglia spesso crollano alla lunga. Il Novara di questo mese mette a serio rischio quello che di buono ha fatto intravedere nel girone di andata dopo la settima giornata. Non segna da 4 partite, non recupera mai - una volta andato in svantaggio - e adesso la difesa subisce più reti alla prima occasione subita. Il vero problema è il rapporto occasioni create/gol segnati. Se la squadra attende e riparte fa male, se deve costruire fa fatica. Negli ultimi 16 metri la percentuale realizzativa è troppo bassa per fare sogni di gloria. L'Avellino è la squadra più in forma del momento ma per entrare nei play off deve sostituire degnamente Trotta. Tesser sta facendo i miracoli, dopo un girone di andata dove non poteva schierare una squadra decente in campo tra squalifiche, infortunii e uomini fuori ruolo. Grande lavoro del tecnico. Il Cesena non può fallire i play off per organico e aspettative. Farà un mercato importante a gennaio ma tra le prime 5 ci sta alla grande. Qualche dubbio sullo Spezia per i troppi caos societari alle spalle e il Perugia è un'altra squadra da play off sicuri ma deve migliorare la fase offensiva e deve rinunciare per due mesi al miglior giocatore che ha in organico: Parigini. Lotta aperta. Chi resterà fuori tra le due? E' un po' come giocare a mercante in fiera, attendiamo che il banco chiami le carte...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.