HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Al Napoli non serve una rivoluzione, ma una seria riorganizzazione. De Laurentiis ha bisogno di manager competenti, per non sprecare altre risorse come quelle investite negli ultimi due anni

Laureato in Giurisprudenza, scrittore, giornalista professionista, radiocronista dal 1985 e telecronista Mediaset Premium per le partite del Napoli. Corrispondente di Tuttosport, coordinatore per Piùenne, produce e conduce "Si gonfia la rete"
31.05.2015 00.00 di Raffaele Auriemma  articolo letto 24912 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Il conforto per l'addio arriva dall'esperienza del passato, dalla capacità (o chiamatela fortuna) mostrata da De Laurentiis nei momenti delle scelte coraggiose. Accadde due anni fa, con il contemporaneo saluto di Mazzarri e Cavani, dopo aver già ceduto Lavezzi 12 mesi prima: il Napoli dei grandi trionfi, a dispetto dei nomi per nulla blasonati in organico, era stato smantellato ed andava ricostruito. In tasca quasi 100 milioni e il furor di popolo che reclamava ancor più, convinsero De Lauremtiis che l'ora era giunta per fare il salto di qualità e spingere il motore "a tutta" in direzione scudetto. Non è andata così e le due Coppe (Italia e di Lega) non addolciscono il rimpianto per aver investito il patrimonio quasi tutto, senza nemmeno il conforto dell'incremento garantito dalla partecipazione alla Champions League. Tutto da rifare? Non proprio. L'esperienza fatta dal presidente in queste due stagioni di alti e bassi, gli avranno permesso di elaborare per bene cosa serve veramente e cosa occorre meno in una società di calcio come il Napoli. Di cosa dotarsi? Una organizzazione societaria diversa, composta da elementi di provata esperienza e professionalità, oltre ad una figura di alto spessore che possa fare da tramite tra spogliatoio e club. Manager, ai quali affidare carta bianca per ciò che concerne le proprie competenze. In una sola parola: delegare. Questa forma verbale non è mai stata coniugata dal presidente prima d'ora, per la necessità di guardare in prima persona i fatti di casa Napoli e limitare al minimo i potenziali errori. Ma in nessun grande club il presidente assume le sembianze di uno e trino, basti vedere come sono organizzate le strutture societarie delle squadre che hanno vinto lo scudetto negli ultimi 10 anni. L'esempio più eclatante, quello portato a conoscenza del popolo azzurro da De Laurentiis nella conferenza stampa per l'addio di Benitez, è quello della Juventus. La domanda che ronza nella testa del patron è la seguente: perché nelle ultime due stagioni, quelle vissute con l'intento del salto di qualità, la Vecchia Signora ha speso 50 milioni meno del Napoli e ha vinto due scudetti con oltre 20 punti di vantaggio sugli azzurri? Se poi andiamo indietro nel tempo, riportandoci all'inizio della gestione De Laurentiis, ci accorgiamo che il Napoli ha il decimo saldo passivo (differenza entrate/uscite) al mondo dietro ManCity, Real Madrid, Chelsea, Barcellona, Manchester United, Psg, Liverpool, Bayern e Zenit, in virtù del -213 milioni di euro sui complessivi 389 investiti nell'acquisto dei cartellini. I soldi sono stati spesi, talvolta non bene, proprio per la carenza di quella organizzazione societaria che il patron ha in mente di mettere in piedi in tempi anche brevi. Il secondo punto è legato alla capacità di individuare il meglio che occorre per la competitività della squadra. "La Juventus ha acquistato Tevez a 9 milioni e Pogba a parametro zero, confermando che non è necessario prendere calciatori da 40, 50 o 60 milioni", il riferimento di De Laurentiis è corretto, ineccepibile, ma bisognoso di due passaggi per l'applicazione pratica del concetto. Il primo è quello della tempestività: il Napoli è società in grado di anticipare tutti sul tempo? La risposta è "no", se si considera la necessità che il ds segnali il nome al presidente, che lo stesso si convinca, che poi il contratto passi dalle mani dell'amministratore Chiavelli e che il calciatore accetti di cedere tutti i diritti di immagine. Un percorso ad ostacoli che non sempre i rinforzi individuati hanno piacere di affrontare. Secondo punto: l'ingaggio. I calciatori presi a zero accettano di giocare per squadre che gli garantiscono contratti migliori e il Napoli finora non è stata la società che ha fatto prevalere la logica dell'ingaggio maggiore sul risparmio sul cartellino. Tutte queste considerazioni saranno state fatte certamente dal presidente e dal suo staff con la conclusione logica che non basta prendere grandi allenatori con i calciatori più forti, se dietro al campo di gioco non c'è una struttura armoniosa, affiatata, dove ognuno abbia dei compiti precisi. E dove il presidente possa fare, debba fare, soltanto il presidente.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
06.12 - Ciao. Volevo commentare insieme a voi gli esiti del referendum, ma mentre ci pensavo mi si è materializzata in testa l'immagine di Brunetta che esulta e se la tira come se avesse qualche merito. Mi sono spaventato. Sono cose più grosse di me: i referendum, non Brunetta. Per...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Michele Criscitiello

05.12 - Mi e vi devo fare una promessa: in questo mio spazio del lunedì non parlerò più del closing Milan fino alla firma del contratto, alla stipula davanti al notaio, ai comunicati ufficiali e alle foto di rito. Anche se dovessero arrivare altri 100 milioni di euro dalle banche...

Editoriale DI: Andrea Losapio

04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme, come...

Editoriale DI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.