HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Al San Paolo un protagonista inaspettato. Sarri ha il gioco, gli manca la continuità. Allegri e Sinisa, tempi duri. Bologna, Rossi è nei guai

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
28.09.2015 12.27 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 77526 volte
© foto di Balti Touati/PhotoViews

I napoletani sono fatti così. Così come? Loro ti danno il cuore e l'anima ma se li tradisci sei morto. A Benitez hanno dato fiducia incondizionata perché aveva un bel faccione con le guanciotte rosse e perché aveva il profilo international. A Bigon hanno dato fiducia perché se su google un napoletano digita "Bigon", gli esce il tricolore. A Sarri e Giuntoli la fiducia incondizionata non l'hanno concessa e al San Paolo non vanno fin quando non avranno dimostrato di essere da Napoli. A Benitez alla fine l'hanno ripudiato, ora lentamente iniziano ad innamorarsi del progetto azzurro. Meno riflettori ma più punti. Per ora i punti sono ancora pochi ma si vedono sprazzi di bel Napoli. Prima l'Europa League, poi la Lazio e adesso la Juventus. A questo Napoli manca ancora la costanza. Aggiungerei: ci mancherebbe. E' una squadra che ha cambiato modo di lavorare. Nel senso che adesso lavora prima oziava. Sarri, per quanto mi riguarda, ha già vinto. Ha trovato la posizione ad Insigne e Lorenzo è ispiratissimo. Bisogna aggiustare ancora un pò la difesa e poi il Napoli potrà puntare in alto. Quanto alto? Non lo so, siamo a fine settembre. Sapete chi mi è piaciuto sabato sera? Orsato di Schio. Presuntuoso come pochi, però, ha avuto un metro di direzione all'inglese che a me fa impazzire. Quando i calciatori svengono entrerei nel televisore e li farei alzare tirandoli per la maglietta. Orsato, sin dall'inizio, ha lasciato giocare e non è caduto nelle varie trappole, dell'una o dell'altra squadra. Napoli e Juventus sono andate a mille all'ora e questo lo si deve soprattutto alla direzione di Orsato. Più gare così e meno interruzioni. Ci divertiremmo tutti di più. La Juventus non c'è, inutile girarci attorno. L'anno dopo aver vinto, quasi, tutto fai fatica. A maggior ragione se in quell'estate ti privi di Tevez, Pirlo e Vidal. Giocare con Padoin, Zaza e Dybala non è la stessa cosa. Siamo curiosi di capire perché uno come Dybala sia costato quasi 40 milioni. Attenzione: è un gran calciatore ma per 40 milioni sul mercato c'era ben altro. Ad esempio Allan che a Napoli sta facendo benissimo e alla Juventus un rubapalloni così sarebbe servito tantissimo. Sembra una beffa visto l'asse Torino-Udine. Prendi Isla, Pereyra e Asamoah e poi perdi Allan per 13 milioni di euro? Piccoli, o grandi, errori di valutazione. La Juventus ha meno fame e non è cattiveria della squadra bensì logica conseguenza di un epopea che volge al termine. Non si può vincere sempre. Allegri non fa miracoli. Il miracolo è stato al primo anno confermare quanto fatto da Conte e migliorare la posizione europea. Oggi i bianconeri devono ricostruire. Tevez andava trattenuto, anche se chiedeva un ingaggio leggermente più alto ed è brutto dirlo ma andava "obbligato" con le buone a restare un altro anno alla Juve. Tante partenze eccellenti, meno fame e tanti infortuni sono la logica conseguenza di un flop più grave del previsto. La Vecchia Signora tornerà ma nel frattempo sta perdendo troppo terreno per rientrare in una corsa scudetto lontanissima ma almeno bisogna salvare il salvabile: la qualificazione in Champions. Tempi duri anche per Sinisa. Un po' come Sarri paga l'incostanza di una squadra ancora troppo fragile e non pronta a grandi livelli. Sarebbe ora che il Milan finisse una partita senza prendere gol; ci accontenteremmo anche di uno 0-0. Casomai non con Carpi e Frosinone. Mihajlovic dovrà lavorare ancora tanto. Già sta facendo tanto per questo Milan che in alcuni ruoli è completamente scoperto e dove è coperto, in attacco, ancora non ha trovato la giusta alternanza tra gli interpreti. Sarà un Milan da Europa League, servirà a poco ma almeno si tornerebbe a respirare aria d'Europa. Comunque è ancora presto per dare giudizi e fare previsioni.
Non è presto, invece, per piangere sul Carpi. Meglio la B con dignità che essere lo zimbello della serie A. Dispiace. In più le squadre che realizzano un sogno e non possono condividerlo con la propria città non andrebbero ammesse alla serie A. Un pò come la licenza Uefa. Per partecipare devi avere dei requisiti. Lo stadio deve essere il primo requisito. Male male il Bologna che cade in casa con l'Udinese. Delle due l'una: o Corvino ha sbagliato la costruzione della squadra o Delio Rossi non gira più come una volta. Noi votiamo la seconda. Rossi ha trovato la serie A grazie ad una traversa miracolata. Non avrebbe meritato di vincere i play off. Sembra un allenatore superato e la sua squadra gioca male e non raccoglie. Destro non fa più la differenza neanche nel Bologna e pensare che lo scorso anno a gennaio Galliani gli andava a portare le brioche a casa, al suono della sveglia. Se il Bologna vuole svoltare deve andare da Guidolin ed offrirgli un bel biennale, altrimenti, saranno guai fino alla fine e Saputo non perderà altri mesi prima di fare una rivoluzione completa.
Buona settimana...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.