HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Alla ricerca di facce, teste e cuori nuovi: Zanetti patrimonio da non perdere

Nato a Sassocorvaro il 31 maggio 1939, allievo di Gianni Brera, Severo Boschi, Aldo Bardelli ed Enzo Biagi. Collabora con la Rai come opinionista/editorialista sportivo.
11.05.2014 00.00 di Italo Cucci   articolo letto 19349 volte
Alla ricerca di facce, teste e cuori nuovi: Zanetti patrimonio da non perdere

Non amo il perbenismo, detesto il politicamente corretto, non sopporto ruffiani e sepolcri imbiancati, mi batto da sempre contro i cialtroni: il calcio è un grande contenitore di vicende e personaggi disgustosi ed è per questo che considero un danno l'uscita di scena di Javier Zanetti, non a caso salutato con unanime affetto e rispetto dagli avversari sul campo nella sua ultima partita in nerazzurro a San Siro e da tantissimi altri collezionati su vari fronti in diciannove anni che ne hanno consolidato la fama di calciatore e di uomo. Non è retorica, credete, né ho intenzione di fare di Javier un santino o uno di quei personaggi deamicisiani sempre meno attraenti e simpatici dei "cattivi" che ci offriva "Cuore". Un forte fra tanti deboli dediti a scaramucce e finzioni infantili; un duro autentico, se si tien conto che oggi esibire virtù è meno gratificante che cialtroneggiare; un semplice e spontaneo maestro di vita se è vero che in un ventennio non ha interpretato scandali. Pensavo, mentre la folla nerazzurra gli tributava un trionfo d'affetto, quanto la Milano delle persone perbene gli debba proprio nei giorni dell'ennesima esibizione truffaldina di concittadini illustri o meschini; nè mi colpiva negativamente l'assenza dalla curva di quei tifosi in gran parte fasulli che amano esibirsi in oscenità varie, dal razzismo alla stupidità, dalla volgarità all'intolleranza. Nè mi si dica che sto sconfinando: proprio in queste ore si parla del calcio come ulteriore espressione di un'Italia vittima di una grave depressione sociale e culturale, e mentre impazzano i Nuovi Fusti della violenza e dell'intrallazzo è giusto rammentare quelli che Leo Longanesi chiamava i Vecchi Fusti. Zanetti - uno di questi, oggi che si ritira - ne ha ricordati tre davanti a San Siro: Peppino Prisco, Giacinto Facchetti e Benito Lorenzi, tre figure dominanti una storia ch'è singolare sentirsi rammentare da un ragazzo argentino che ha saputo pescarli nel secolo dell'Inter fitto di protagonisti eccellenti. Peppino il supertifoso colto e ironico, Giacinto il capitano esemplare della Beneamata, Benito l'espressione più naturale e spontanea della Pazza Inter: avrà provato un'emozione ancor più forte, a sentir salutare "Veleno", Sandrino Mazzola che lo ebbe come un padre quando fu portato per mano, insieme al fratellino Ferruccio, sul campo di San Siro con la maglietta nerazzurra che non avrebbe mai più tradito. Ho ritrovato in Xavier il calcio delle mie antiche stagioni, il calcio delle Bandiere, dei Capitani Coraggiosi, degli Eroi della Domenica che ispiravano adulti e bambini che ne collezionavano le figurine e ne conoscevano i dettagli di carriera mentre oggi accanto al nome di un pedatore figura innanzitutto il prezzo. Se non v'aggrada, prendete questa nota come lo sfogo di un nostalgico rompiballe. Per me, uno come Zanetti non va perso: e non penso soltanto alla dirigenza dell'Inter, che potrebbe non essere una promozione, ma a una figura centrale di un calcio che ha bisogno di facce, teste e cuori nuovi.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Le infiltrazioni mafiose nel calcio e i falsi moralisti. Milan, dopo la colletta il problema sarà di Mirabelli. Verona, comunque andrà sarà un fallimento! Foggia, da De Zerbi a Stroppa il vero vincitore è Di Bari 27.03 - Quando c'è la Nazionale bisogna cercare altre notizie, altrimenti televisioni e giornali chiudono. Si punta sul mercato o su questioni extra. Hanno aiutato, in questa fase, il closing del Milan e le indagini della Procura Federale sulle intercettazioni della Juventus. Se a fare i...
Telegram

EditorialeDI: Marco Conterio

Il closing del Milan: la figura di Yonghong Li e tutti gli scenari futuri del club. Valzer delle panchine: tanto ruota attorno a Spalletti. Tutti i colpi delle grandi da Bernardeschi a Manolas fino a Kessie 26.03 - Forse, ci siamo. Il Milan sta per diventare del misterioso Yonghong Li in... Prestito con obbligo di riscatto. Già. Perché i soldi per il closing arriverebbero al broker cinese dagli Stati Uniti, dal fondo Elliott, che finanzierebbe così la chiusura del passaggio del club. Li è rimasto...

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.