HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Alla ricerca di facce, teste e cuori nuovi: Zanetti patrimonio da non perdere

Nato a Sassocorvaro il 31 maggio 1939, allievo di Gianni Brera, Severo Boschi, Aldo Bardelli ed Enzo Biagi. Collabora con la Rai come opinionista/editorialista sportivo.
11.05.2014 00.00 di Italo Cucci  articolo letto 19337 volte
Alla ricerca di facce, teste e cuori nuovi: Zanetti patrimonio da non perdere

Non amo il perbenismo, detesto il politicamente corretto, non sopporto ruffiani e sepolcri imbiancati, mi batto da sempre contro i cialtroni: il calcio è un grande contenitore di vicende e personaggi disgustosi ed è per questo che considero un danno l'uscita di scena di Javier Zanetti, non a caso salutato con unanime affetto e rispetto dagli avversari sul campo nella sua ultima partita in nerazzurro a San Siro e da tantissimi altri collezionati su vari fronti in diciannove anni che ne hanno consolidato la fama di calciatore e di uomo. Non è retorica, credete, né ho intenzione di fare di Javier un santino o uno di quei personaggi deamicisiani sempre meno attraenti e simpatici dei "cattivi" che ci offriva "Cuore". Un forte fra tanti deboli dediti a scaramucce e finzioni infantili; un duro autentico, se si tien conto che oggi esibire virtù è meno gratificante che cialtroneggiare; un semplice e spontaneo maestro di vita se è vero che in un ventennio non ha interpretato scandali. Pensavo, mentre la folla nerazzurra gli tributava un trionfo d'affetto, quanto la Milano delle persone perbene gli debba proprio nei giorni dell'ennesima esibizione truffaldina di concittadini illustri o meschini; nè mi colpiva negativamente l'assenza dalla curva di quei tifosi in gran parte fasulli che amano esibirsi in oscenità varie, dal razzismo alla stupidità, dalla volgarità all'intolleranza. Nè mi si dica che sto sconfinando: proprio in queste ore si parla del calcio come ulteriore espressione di un'Italia vittima di una grave depressione sociale e culturale, e mentre impazzano i Nuovi Fusti della violenza e dell'intrallazzo è giusto rammentare quelli che Leo Longanesi chiamava i Vecchi Fusti. Zanetti - uno di questi, oggi che si ritira - ne ha ricordati tre davanti a San Siro: Peppino Prisco, Giacinto Facchetti e Benito Lorenzi, tre figure dominanti una storia ch'è singolare sentirsi rammentare da un ragazzo argentino che ha saputo pescarli nel secolo dell'Inter fitto di protagonisti eccellenti. Peppino il supertifoso colto e ironico, Giacinto il capitano esemplare della Beneamata, Benito l'espressione più naturale e spontanea della Pazza Inter: avrà provato un'emozione ancor più forte, a sentir salutare "Veleno", Sandrino Mazzola che lo ebbe come un padre quando fu portato per mano, insieme al fratellino Ferruccio, sul campo di San Siro con la maglietta nerazzurra che non avrebbe mai più tradito. Ho ritrovato in Xavier il calcio delle mie antiche stagioni, il calcio delle Bandiere, dei Capitani Coraggiosi, degli Eroi della Domenica che ispiravano adulti e bambini che ne collezionavano le figurine e ne conoscevano i dettagli di carriera mentre oggi accanto al nome di un pedatore figura innanzitutto il prezzo. Se non v'aggrada, prendete questa nota come lo sfogo di un nostalgico rompiballe. Per me, uno come Zanetti non va perso: e non penso soltanto alla dirigenza dell'Inter, che potrebbe non essere una promozione, ma a una figura centrale di un calcio che ha bisogno di facce, teste e cuori nuovi.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme, come...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...

Editoriale DI: Mauro Suma

Il 14 Dicembre del Milan. La confusione del Sassuolo. Pioli, il terzo scomodo. E' bruttissimo il calcio fra Biella e la Questura di Como 26.11 - All'esterno del Milan l'attesa spasmodica è per il 13 Dicembre. All'interno del Milan la curiosità e la suspence sono tutte per il 14 Dicembre. Chi entrerà a Casa Milan quel giorno? Le chiavi saranno sempre nelle stesse mani o saranno consegnate ai nuovi proprietari?...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

25.11 - L'ennesimo tentativo di agitare le acque attorno alla cessione del Milan è andato a vuoto. Questa volta è sceso in campo direttamente Silvio Berlusconi, spalleggiato dai soliti noti nel mondo della comunicazione, per cercare di depistare, spargere dubbi, insinuare situazioni...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.