HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Magazine
SONDAGGIO
Grandi bomber in Italia: chi la spunterà come capocannoniere?
  Vincerà Dzeko, è il centravanti più in forma della Serie A
  La spunterà ancora Higuain, è il goleador della squadra più forte
  Il trono tornerà ad un italiano, la rivelazione Belotti
  La sorpresa sarà totale: vincerà il falso nove Mertens
  Il titolo tornerà ad Icardi, già re dei bomber nel 2015

TMW Mob
Editoriale

Allarme Milan: la disfatta non è iniziata ora. Le tappe della crisi. Juve, nulla è cambiato da Conte ad Allegri. 7 giorni per dare un senso a questo mercato

Nato ad Avellino il 30-09-1983, vive e lavora a Milano. Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb. Contatto Twitter: MCriscitiello
26.01.2015 00.00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 47514 volte
Allarme Milan: la disfatta non è iniziata ora. Le tappe della crisi. Juve, nulla è cambiato da Conte ad Allegri. 7 giorni per dare un senso a questo mercato

I colpevoli sono finiti: prima Allegri, poi Seedorf e adesso Inzaghi. Il Milan non ha più nessuno da buttare in pasto a stampa e tifosi. In un anno sono stati bruciati tre allenatori, o pseudo tali. Prima il Mister dell'ultimo scudetto rossonero, diventato brocco all'improvviso e siccome Barbara non lo voleva ma Galliani sì, cacciamo Max per colpire Adriano. Arriva l'olandese che allenatore non è ma per una vita è stato l'uomo di Berlusconi, nello spogliatoio dei campioni. Arriva con il marchio del Presidente e, purtroppo, si porta dietro anche l'arroganza che lo ha sempre contraddistinto. La panchina personale, l'autista e gli addetti stampa personali. Di Van Gaal ha solo la nazionalità. I risultati, inizialmente, non arrivano e Galliani gli fa la guerra interna. Seedorf si gioca male tutte le carte extracampo e, poco alla volta, perderà anche la fiducia di Silvio. Barbara e Adriano decidono di non farsi più la guerra, le fesserie di Seedorf ridanno potere a Galliani che, però, nel frattempo perde un pezzo importante della sua vita operativa: Ariedo Braida. Di fatto perde anche Raiola, braccio destro sul mercato, perchè Raiola non ha molto interesse a stare dove non ci sono i soldi per fare business. Il Milan si costruisce la fossa da solo ma non se ne rende conto. Le operazioni marginali sono interessanti: casa Milan, un progetto intelligente, Fly Emirates, un'operazione ambiziosa ma alla base manca la cosa più importante, il valore della squadra. Il brand non perde appeal, i calciatori però non hanno una storia e soprattutto non hanno valore. Alla guida del Milan arriva un'altra vecchia bandiera dell'ultimo Milan vincente: Pippo Inzaghi. Fa parte dell'operazione simpatia ma soprattutto è l'allenatore che avrebbe dovuto rilanciare il potere interno di Adriano Galliani. "Lo seguo io, è un mio figlioccio e con i consigli giusti farà bene". L'operazione simpatia finisce per smontare Pippo e la scommessa persa torna a far salire sul banco degli imputati anche Galliani. Il mercato è un fallimento dietro l'altro, da Balotelli a Torres, il club rossonero non ne indovina mezza. Di giovani la società non ne lancia e i parametri zero con ingaggi di lusso è una politica che non paga. Il Milan è alla deriva, senza una rete scouting ma soprattutto senza idee e qualità. E i procuratori che prima facevano le fortune della società, poco alla volta, sono scomparsi perchè è rimasto poco da mungere. Cerci un acquisto ininfluente, Suso di prospettiva ma qui manca un vero allenatore. Inzaghi potrà diventarlo; oggi non lo è. Ha bisogno di tempo, come tutti i comuni mortali che iniziano a fare un lavoro nuovo. Diventerà bravo, certo, ma il Milan ha bisogno di un tecnico che già lo sia. Ben venga Spalletti con idee e carisma. Subito dopo ben vengano anche acquisti mirati perchè, di questi tempi, conviene spendere qualche soldo in cartellini e risparmiarlo sugli ingaggi. Abbassare il costo del lavoro è la prima cosa. Aprire gli orizzonti asiatici con la borsa è un'ottima idea ma questa società ha bisogno di costruire, immediatamente, una rete di osservatori. Il Milan non gira il Mondo e senza soldi questa scelta la paghi a caro prezzo.
Il Milan ha perso Allegri ma Allegri non ha perso il Milan. Il tecnico di Livorno ha preso l'unico treno vincente che c'era da prendere. Con lui, La Juventus non ha sofferto il passaggio da Conte ad un nuovo allenatore. Marotta e Paratici hanno fatto la scelta migliore: il problema non deve mai essere quello di trattenere qualcuno che se ne vuole andare ma essere pronti a trovarne uno che non faccia rimpiangere quello precedente. Alla Juventus nessuno sente la mancanza di Conte. Per questione di modi, di stile ma anche di punti. Non è cambiato niente e se qualcosa è cambiato, di sicuro, è cambiato in meglio. Allegri, dal suo arrivo, avrà sbagliato 2-3 partite. Accadde anche all'attuale Ct della Nazionale. In Champions se la gioca e in Coppa Italia vuole arrivare fino in fondo. La Roma ha pareggiato a Firenze, il + 7 significa almeno il verde del tricolore sulla prossima maglia bianconera. La Roma non è all'altezza dello scudetto e se la Juventus spreca 7 punti di vantaggio su Garcia, allora, significa che finora abbiamo visto un altro film. Discorso, quasi, chiuso a gennaio. Che barba, che noia. Per fortuna c'è il mercato che un pò ci farà divertire, almeno per altri 7 giorni.
L'Inter prenderà ancora un calciatore, la Juventus qualcosa farà, il Milan dovrebbe svegliarsi con l'attaccante e un difensore centrale. Curioso di capire se Quagliarella resta a Torino o sarà ceduto. La Lazio prepara il colpo da bomber, mentre, il Parma dovrebbe prendere un allenatore navigato e di esperienza che in questo mare ci sia già passato. La situazione è disperata ma Donadoni andava cambiato tre mesi fa e Crespo non è la soluzione giusta.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
La Juve d'Europa non si ferma neanche sul mercato, Bacca ancora Cina, l'Inter guarda alla Roma e al futuro 23.02 - Promossa. A pieni voti. La Juventus versione Europa viaggia, come in campionato. Uno 0-2 pesante sul campo sempre delicato del Porto, il modulo offensivo confermato da Allegri senza timori e la tensione con Bonucci già alle spalle: la Juve risponde con una vittoria importante, fondamentale,...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan, un ex Juve per l'attacco... Inter-Berardi, passi avanti! Roma, troppe parole sullo stadio. Napoli, Sarri deve restare 22.02 - Forse neppure Beautiful, mitica soap opera statunitense (in onda dal 1987…), è durata di più. Il tanto agognato closing pare alle porte. Finalmente il Milan scoprirà i suoi nuovi capi e, altrettanto finalmente, ci comincerà a pensare, in grande, per il mercato. Saranno due i primi,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve, Allegri e gli sfoghi: ecco cosa c'è dietro la multa a Bonucci. Milan: 2 cose sui cinesi (ma occhio al "boicottaggio"). Inter: decisioni prese e da prendere a prescindere dalla Champions (e Pioli...). Napoli: c'è il "patto"  21.02 - Ciao. Vogliamo stupire De Laurentiis. Lui e quelli che non credono in noi. Noi abbiamo la "cazzimma" e lo dimostreremo compilando il primo editoriale "a caso" della storia. Partiamo dalle cose importanti: le marchette. Questa settimana ne abbiamo raccolte cinque. (Le marchette...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Svolta Milan: Fassone e Mirabelli, ecco cosa c'è in agenda. De Laurentiis, squadra e mister in pubblico vanno sempre difesi. Figc, Tavecchio 60%-Abodi 40%. E quell'assalto a Renzo... 20.02 - Il calcio è strano e per questo ci piace così tanto. Zeman torna a Pescara e in un colpo solo consente di festeggiare il primo successo sul campo agli abruzzesi e fa più gol lui in 90 minuti che Oddo in un girone e mezzo. Il Torino è durato 3 mesi poi Sinisa si è squagliato come già...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

De Laurentiis, lo sai che hai affrontato Modric e CR7 al Bernabeu? Marotta, Verratti come Higuain: si migliora solo con un'altra 'follia'. Rodriguez, trattativa alla Perisic: dettagli e retroscena di una lunga maratona 19.02 - Ma cosa si aspettava De Laurentiis? Mercoledì sera, in attesa dell'arrivo di Sarri nella sala stampa, ammetto di essere rimasto spiazzato dalle dichiarazioni del presidente del Napoli. Stupito. E mi sono presto accorto che non ero l'unico. Venivamo da giorni in cui il numero...

EditorialeDI: Mauro Suma

Simeone-Juve e Conte-Inter, le ultime dal fronte. De Laurentiis non protegge il Napoli di Madrid. Milan, il lavoro di Montella. C'è Valeri, ma il Milan deve stare calmo 18.02 - Sognare e ipotizzare non cosa nulla. E soprattutto può essere utile ad uscire, finalmente, non se ne può più, dall'ultimo Juventus-Inter. Nella speranza che non ci siano più dettagli e pagliuzze da esaminare per intere trasmissioni di quella partita, i tifosi bianconeri e nerazzurri...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sarri prigioniero del Napoli, divorzio impossibile. Chelsea accelera per Bernardeschi, ieri mezza Europa a seguire l'asso viola. Milan, pronti cento milioni per il mercato. Spalletti prima scelta per la Juve 17.02 - Le accuse a Sarri, inaspettate e immotivate, del presidente De Laurentiis (con due i, mi raccomando) hanno fatto saltare in aria lo spogliatoio del Bernabeu e trasformato una onesta sconfitta in un’altra drammatica puntata della serie "I due nemici". E adesso cosa succederà? Ho...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il peso della Champions e le panchine che iniziano i loro valzer con largo anticipo… 16.02 - Dobbiamo essere onesti e realisti. Il Napoli ha giocato con coraggio: ha guardato il Real negli occhi. Gli ha messo anche paura. Poi la qualità delle giocate (anche quelli “improvvisate” come il gol di Casemiro) e soprattutto la personalità e l’esperienza degli avversari ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Real Madrid-Napoli, il giorno del giudizio... Cassano, nessuno si fa avanti! C'è la fila per Allegri ma... 15.02 - Finalmente ci siamo. Oggi è il giorno della verità. Il blasonato Real Madrid, la squadra delle stelle, quella del Pallone d’Oro CR7, ospita, nel mitico Bernabeu, il bel Napoli di Sarri, ossia la compagine che gioca il miglior calcio in tutt’Europa. Una sfida “galattica”, un confronto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: le pulci al Pipita e l'ultima (scomoda) parola sul caso-arbitri. Inter: la "scoperta" di Pioli, un partente...Eun nuovo arrivo! Turbolenze Milan, strane telefonate, risposte sul campo: occhio alle scelte cinesi...Napoli: dimentica i complimenti 14.02 - Ciao. È finito Sanremo. Ha vinto uno che cantava con uno scimmione di fianco. Davvero bravo (anche il cantante). Sanremo è incredibile perché puoi avere tutte le rotture di balle del mondo ma fa niente "tanto c'è Sanremo". "Mamma hai cambiato le pile del polmone d'acciaio della...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.