VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

Allarme rosso Inter: arriva D'Ambrosio, ma Thohir ha un problema serio. Balotelli, l'influenza e il piano di Mino che fa felice B. Alla Roma la lotteria della Befana: Nainggolan c'è, ecco chi parte. Mercato Juve: due sfide da vincere

Nato a Milano il 3/7/1978, laureato in Scienze ambientali presso l'Università dell'Insubria di Como, da ottobre 2008 è Capo Servizio Sport presso il quotidiano "Libero". Opinionista tv per Mediaset Premium e Telelombardia.
07.01.2014 00.00 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 70498 volte
© foto di Federico De Luca

Poche ciance, che c'è parecchia roba da dire e non vorrei che all'improvviso mi colpisse la terribile influenza di stagione, la "wandona", quella che stronca un sacco di atleti con anticorpi da due chili l'uno, figuriamoci noialtre mezzeseghe.

E allora bei veloci diciamo che crediamo all'influenza di Icardi, ma non lo perdoniamo. Due mesi di "picci-picci", cuori e minchiatine in stile "Jersey Shore" consigliano lo spegnimento totale di Twitter e social vari. Il rischio è l'incazzatura definitiva dei tifosi dell'Inter, già surgelati dalle parole di Ausilio: "In attacco non arriva nessuno". Per quel che sappiamo noi, la situazione è persino più grave. Detto che per D'Ambrosio dovrebbe essere fatta, il problema sono le altre 434234 questioni da sistemare. Guarin resta per mancanza di acquirenti (per fortuna, di meglio a quattro soldi non c'è niente), Ranocchia pure, Mazzarri chiede una punta e Thohir gli risponde "chi non salta lossonelo è".

A guardar bene c'è totale assenza di comunicazione, soprattutto il patron sembra non aver capito il comandamento numero 1 del perfetto presidente di serie A: "In Italia vincere senza spendere è impossibile". Anche in Europa, tra l'altro. Anche nel mondo. Anche nell'universo. Forse in Indonesia no. Ecco, le soluzioni sono due: 1) L'Inter si iscrive al campionato indonesiano. 2) L'Inter decide di acquistare secondo la legge non scritta del "chi più spende meno spende".

Quella attuale è una squadra che al massimo può arrivare al quarto posto. In Italia quarto posto significa "niente". L'Europa League? E' buona solo se "cadi" dalla Champions e ti ritrovi ai sedicesimi, se invece la affronti dall'inizio è esclusivamente una rottura di balle. E non venitemi a raccontare che "il ranking è importante è bla bla bla". Tutte stupidate: la vecchia Coppa Uefa era fighissima, l'Europa League no. Solo per Thohir terzo o quarto posto sono la stessa cosa perché tanto "è l'anno zero". Il problema è che senza investimenti sarà anno zero anche il prossimo. E quello successivo. E via andare. E allora è il caso di spendere subito. Un sondaggio per Osvaldo c'è stato, ma di fronte al prezzo i dirigenti hanno fatto come Baglioni.

La regola è: "Nessun giocatore dall'ingaggio superiore ai 3 milioni può arrivare". Scelta saggia, solo che l'altro diktat è "si può comprare solo se si vende". In definitiva aspettiamoci qualche baratto come si faceva nella preistoria e niente più. E allora la domanda - retorica - è una e una sola: si stava meglio quando si stava peggio? Almeno Moratti allo stadio ci andava sempre e se gli girava spendeva persino i soldi che non poteva spendere.

Appuntino anche a Mazzarri, ultimo a dover essere criticato ma fastidioso nelle conferenze post-gara come una manciata di sabbia del mar Caspio negli slip. Per il sempre sorridente tecnico toscano le colpe in ordine sparso sono: degli arbitri, del terreno di gioco, della befana che vien di notte con le scarpe tutte rotte, di mia nonna in carriola. Capiamo la sua frustrazione, ma piuttosto che accampare scuse davanti alle telecamere sarebbe meglio spiegare a Erick cosa significa l'espressione "cavare il sangue dalle rape".

Per dire, Nainggolan. Lo voleva l'Inter "ma solo a determinate condizioni", lo voleva il Milan "ma solo a determinate condizioni", ci ha fatto un pensierino la Juve ma ha capito che avrebbe acquistato poco più di una riserva, infine se l'è preso la Roma che ha battuto al fotofinish il Napoli. Parliamoci chiaro: il belga "fenomenale" i partenopei ce l'hanno già (il dottor Mertens), quello del Cagliari gioca in un altro ruolo, sicuramente è un buon giocatore ma niente di più. Per un motivo o per l'altro, però, piaceva un po' a tutti. E alla fine se l'è preso Sabatini, uno che senza far troppe chiacchiere produce fatti orca la miseria. Poi vai a capire quel che accadrà in casa giallorossa. Noialtri siamo certi che a giugno arriverà l'assegnone per Pjanic firmato da quei ciuccia-petrolio degli arabi. E Pjanic partirà, perché Sabatini è bravo a "portare a casa" ma soprattutto è bravissimo a vendere il ghiaccio agli esquimesi.

E ora il Milan. Il 3-0 all'Atalanta è il preludio a una rimonta che porterà il Milan in zone dignitose della classifica. E' scritto nel dna di Allegri: gennaio è il mese della riscossa. Però non basta per far finta di nulla. Negli ultimi giorni son successe cose che non possono passare inosservate. C'è la febbre di Balotelli, una variante della "wandona": la "raiolite". Nessuno mette in dubbio il malessere di Mario, tutti hanno visto che contro i bergamaschi ce l'ha messa tutta e ha giocato con buon piglio. Ma la verità è che bomber e Milan concordano su un solo punto: entrambi gradirebbero la separazione. Berlusconi ce l'ha fatto capire, Mino ha detto "non è vero" e quando dice "non è vero" è probabile che sia vero. Il problema è che manca il pesce da far abboccare: in Inghilterra Mario ha tanti ammiratori ma nessun vero corteggiatore. Si attenderà il Mondiale prima dei saluti di rito e dei milioni svolazzanti nelle tasche di questo e quell'altro.

Ma al momento il problema non è neanche Mario, semmai la questione dirigenziale. Chi fa il mercato in casa Milan? Honda e Rami son colpi targati Galliani, dirigente più o meno messo da parte. In Brasile si parla di incontro tra l'"ad 1" e Seedorf, tecnico designato. Se c'è stato (e non ci sono conferme) di sicuro non ha sancito la pace tra i due. Di sicuro l'"ad 1" ha fatto quattro chiacchiere col vecchio amico Leonardo, niente di più. E allora la verità è che dal mercato arriverà poco altro, forse un centrocampista di secondo piano.

L'altra certezza è che ai Berlusconi non sono piaciute le parole di Allegri: parlare di "match salvezza" con l'Atalanta sarà anche "dire la verità", ma certe evidenze è meglio mascherarle se sei il tecnico del Milan. E poi: qual è il senso della dichiarazione "ho deciso l'estate scorsa che sarebbe stato l'ultimo anno al Milan. L'ho confidato a Galliani prima di Natale"? Come dire: sono io che me ne vado, non voi che mi mandate via. Ecco, 3-0 con l'Atalanta a parte, è ora che qualcuno faccia capire che - rivoluzioni in atto a parte - il Milan era, rimane e sempre sarà una cosa seria.

Infine la Juve. La Signora. La squadra che a inizio stagione qualcuno aveva definito "in apparente crisi per mancanza di bava alla bocca" (sì, anche quel minchione attualmente alla tastiera). Ebbene, Conte l'ha messa in quel posto a tutti. Il mercato invernale non porterà stravolgimenti, perché non avrebbe alcun senso. Il vantaggio in classifica consente di lavorare alla prossima stagione, soprattutto alla conferma di Pirlo e Pogba. Attenzione: con l'Andrea nazionale ci sarà da lottare. La promessa di Ancelotti è concreta e probabilmente il ragazzo temporeggerà fino all'ultimo prima di prendere una decisone (questioni di durata del contratto). Per Pogba la faccenda è diversa: la Signora ha il coltello (e che coltello...) dalla parte del manico. Il ragazzo resterà a Torino per almeno un'altra stagione a meno di offerte parigine vicine ai 60-70 milioni (probabili, tra l'altro). E Giovinco? Possibile un prestito già a gennaio, anche se mister Antonio non vorrebbe lasciarlo partire. Per convincerlo la dirigenza ha costretto Tevez a vestirsi da befana argentina. La consegna della calza colma di dolciumi ha tranquillizzato Seba. Sono state feste meravigliose per i bianconeri, "assassini" del campionato.

Ultime due righe dedicate a Pepito Rossi. Anzi no, a Rinaudo. Il ragazzo ha fatto una stronzata, lo sa, non c'è bisogno di dirgli "cattivone, scimunito ecc ecc". Chi ha giocato cinque minuti anche solo all'oratorio sa che certe cose sono animalesche ma possono capitare. Per fortuna ci ha pensato la provvidenza a risolvere la faccenda: due mesi di stop non sono uno scherzo, ma al Mondiale Pepito ci sarà. Buon per lui (ragazzo fantastico a detta di tutti), buon per noi (di meglio Prandelli non ha, neanche a cercare con il lanternino), buon per Rinaudo che avrebbe avuto il groppo per il resto della carriera ed è stato massacrato anche oltre le sue colpe.

Hanno ammazzato Pablo, Pablo è vivo! E con un po' di culo ci fa vincere il Mundial. (twitter: FBiasin).


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...
Telegram

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, Berlusconi takes it all. Il 4-3-3 di Montella. Mercato, il grande centravanti. Napoli, Mertens a Manchester 15.04 - Il bene di famiglia non è più della famiglia, ma non tutto è perduto. Silvio Berlusconi è entrato, salutatissimo presidente della Storia rossonera, nel mito uscendo dalla quotidianità, il suo caro amico fidato Paolo Scaroni siede nel Cda di Casa Milan, sua figlia Barbara presiede...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.