HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Allarme rosso Inter: tra Mancini e club un problema nascosto che ha solo una soluzione (e Icardi...). Milan: Miha fa i fatti, la società ha un'altra idea. Juve: Allegri nel futuro, ma c'è un'alternativa (inventata!). La scelta del Napoli per vi

02.02.2016 14.55 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 89643 volte
© foto di Alessio Alaimo

Ciao. Sono stato al mercato. Quello del calcio. Lo fanno in un albergo, a Milano, si chiama Ata. Dalla prossima sessione probabilmente cambieranno sede, qui pare che chiudano tutto. Ieri fuori dall'albergo c'erano dipendenti incazzati neri: dentro si parlava di stipendi milionari, fuori di stipendi normali. Ovviamente i salari "normali" rischiano di saltare. E quindi in nome della demagogia più pura e del totale populismo che mi contraddistingue, manifesto sincera solidarietà a loro e urlo un donchisciottesco "no al calcio moderno, no alla peitivù!". Servirà a qualcosa? No, ma almeno ho gridato il mio dissenso e sembro una persona buona e sensibile.

Vi dicevo dell'albergo. Siccome oltre a essere buono e sensibile sono anche molto professionale e preparato, ieri ho varcato le soglie del calciomercato per la seconda volta in vita mia. La prima, l'estate scorsa per cinque minuti con il solo scopo di ritirare l'accredito per rimpinguare la mia collezione di accrediti. Ne ho già sei. Per capirci: se per caso hai un'amante e ti fai la pausa pranzo con annessa bottarella all'Ata, è statisticamente probabile che tu abbia avuto a che fare molto più di me con agenti, procuratori, terzini e trattative. Di sicuro con "amichette", vecchio trombatore da pausa pranzo che non sei altro, anche se dubito che da quelle parti accettino prenotazioni "a ore". E comunque, come dicevamo, la struttura chiude, molto meglio se a questo punto ti indirizzi al Guglielmotel, celebre struttura del Nord Italia che solo per il nome merita le 5 stelle lusso. Anzi, a questo punto speriamo che tutto il mercato del calcio si trasferisca al Guglielmotel. Sarebbe divertente, anche se per questioni di privacy si rischierebbero gaffe clamorose. Esempio: "Eccoci in collegamento dal Gugliemotel! Intervistiamo l'agente del terzino Scaccabarozzi, nel frattempo sullo sfondo potete vedere l'ingegner Meloni con maiala annessa che lascia la stanza dopo 47 minuti netti di serratissima trattativa. Come vedete la maiala sale sulla stessa macchina del Meloni. Evidentemente era compreso l'obbligo di riscatto". Converrete che non si può fare. E comunque stiamo divagando. Come sempre.

E dunque sono stato all'Ata. Non sono un grande intenditore, ma a me è parsa una sessione di mercato piuttosto sottotono. Un Eder di qua, un Perotti di là, un Regini di lì, un Paloschi lassù e poco altro. Giusto così, anche se all'Ata con l'approssimarsi dell'ora di chiusura sembrava tutto di importanza vitale. "Oh Biasin sai qualcosa di Criniti della Vigor Pompese? Eh? L'hanno venduto? E  Carminati? Va con diritto o obbligo di riscatto? Dimmelo se lo sai!". Per non fare la figura di quello che non sapeva niente ho attivato la modalità "risposta standard": "Beh, guarda, la trattativa è avanzata ma potrebbe esserci un inserimento dell'ultim'ora, non darei la cosa per fatta". Con alcune frasi "di maniera" e molta faccia da culo tutti possono cavarsela egregiamente, fidatevi. 

Domanda: "Ma quindi l'Inter fa qualcosa all'ultimo?". Risposta: "Il mercato è virtualmente chiuso, salvo opportunità che la proprietà terrebbe in considerazione, certo tutto è molto difficile per questioni di carattere economico. Ausilio comunque è molto attento". Il nulla. 

Domanda: "Ma la Juve non fa niente?". Risposta: "Per migliorare il livello tecnico della rosa, la Juve dovrebbe prendere un giocatore da 30 milioni. Ma i giocatori da 30 milioni non si muovono a gennaio. Quindi la Juve non fa niente. A meno che si palesino delle possibilità, il ché non è impossibile. Questo è il mercato del resto. Marotta comunque è molto attento". Aria fritta. 

Domanda: "Il Napoli non prende un'altra pedina per rimpinguare la rosa?". Risposta: "Inutile stravolgere una squadra che funziona. Il Napoli fa bene a non toccare certi meccanismi. Però potrebbe prendere qualcuno se si presentassero delle opportunità che al momento non possiamo escludere. Giuntoli comunque è molto attento". Il vuoto.

Domanda: "Il Milan non prende nessuno?". Risposta: "Forse un cugino della Satta". Simpatica risposta atta a mascherare la totale mancanza di notizie. 

Basta ciance. Veniamo a noi. Domenica è stato il giorno del derby, forse ne avete sentito parlare. È stato il derby di Mihajlovic che umilia Mancini, dell'Inter che nel 2016 fa i conti e si ritrova gambe all'aria, di un tecnico confuso, ansioso, angosciato e un filo angosciante per certi atteggiamenti decisamente fuori dalle righe. Il derby perso dai nerazzurri, ma soprattutto dal suo allenatore, per molto tempo coccolato e difeso da quelli come me che scendono e salgono sui carri alla bisogna, e ora massacrato per totale assenza di logica. Noialtri siamo pessimi, per carità, ma in questo caso abbiamo trovato terreno fertile grazie al mister che clamorosamente ha offerto il fianco ai critici della prima e della ultima ora. Mancini è attualmente indifendibile, anche da parte di chi gli vuol bene. 

Così abbiamo scritto a caldo su ilsensodelgol.it, pochi minuti dopo il 3-0 di San Siro:

"Se in rosa hai il capocannoniere del campionato a 22 anni e lo lasci col culo in panca, allora sei indifendibile.

Se fai i capricci perché "ho bisogno di un altro attaccante", te lo comprano, e per tutta risposta lasci fuori il capocannoniere del campionato a 22 anni, allora sei indifendibile.

Se fai l'isterico in conferenza perché il tuo amico e collega fa una battuta, ma alla prova del campo il collega ti dà una lezione, allora sei indifendibile.

Se hai una rosa costruita secondo le tue necessità, messa insieme con i sacrifici di un club con le pezze al culo e il risultato è "io a 50 anni quel gol lo facevo", allora sei indifendibile.

Se "ho preso un attaccante ed è andato via un centrocampista e capisco che la cosa possa sembrare illogica", e poi la cosa risulta decisamente illogica, allora sei indifendibile.

Se al 31 gennaio di te in stagione ci si ricorda non per una mirabolante azione della squadra, non per uno schema ben eseguito, ma per un'invettiva/denuncia rivolta a un collega "che mi ha detto frocio e finocchio", allora sei indifendibile. 

Se "in Inghilterra sì che c'è cultura", se "non è possibile che gli arbitri facciano certi errori", se "Sinisa basta far battute", ma poi i risultati sono un ciuffo sempre più incolore e lo stipendio più alto tra i tecnici della serie A, beh, allora, perdonaci Mancio, ma sei indifendibile". 

Ecco, se "a caldo" siamo stati piuttosto severi, "a freddo" il giudizio non cambia. L'Inter non è una squadra composta da fenomeni - il club non se li può permettere e, nonostante tutto, ha già bloccato Banega per giugno - ma il gruppo è più che competitivo, messo insieme secondo le indicazioni del suo allenatore, un gruppo che può perdere di fronte a un avversario più forte, ma non di fronte a uno più motivato e grintoso. Nessuno deve avere più motivazioni dell'Inter, altrimenti non si giustifica lo stipendio del suo tecnico. Il terzo posto è ancora possibile, ci mancherebbe, a patto che Mancini decida di fare un passo indietro: meno improvvisazione, meno voglia di stupire, meno "spigolature" nei confronti di chi lo critica e - soprattutto - dei suoi giocatori; al contrario più semplicità, concretezza, maggiori punti fermi e volontà di affrontare una battaglia comune, di squadra, e non quella "personale" che il mister di Jesi sta combattendo fuori e dentro il campo da Inter-Lazio in poi.

Mihajlovic, per dire, la sua battaglia la vive praticamente dal primo momento in cui ha messo piede a Milanello. Gliene abbiamo dette di ogni, noi e - in maniera più velata -chi lo ha assunto. Lui ha sbagliato, si è incazzato, ha incassato critiche e sputato risposte, ma mai ha smesso di lavorare. Semplicemente... ha fatto il "Mihajlovic". Chi scrive qualche mese fa twittò: "Sinisa disse che non avrebbe mai allenato il Milan. Ha mantenuto la promessa". Risate facili nel periodo peggiore dei rossoneri. Per tutta risposta il tecnico sì è guardato intorno, ha "semplificato" il suo lavoro, ha eliminato fantasie e fantasisti e ha dato certezze a un gruppo numericamente limitato, con tanti difetti, ma certamente sempre compatto alle spalle del suo condottiero. Parliamoci chiaro, Mihajlovic non ha fatto miracoli, ma ha dato una lezione a chi lo dava per morto, spacciato. Ora la squadra è emotivamente a mille, difficilmente basterà per conquistare il terzo posto (e la riconferma), per questo spiace constatare che il club a gennaio non abbia colto la possibilità di dare una bella mano al suo allenatore. I rossoneri hanno liberato spazio - se ne sono andati i Cerci, i Suso, i De Jong - ma si sono "dimenticati" di regalare rinforzi a un gruppo che a centrocampo, anche solo per una questione numerica, ne aveva bisogno come il pane. 

Qui Juve, club che ha fatto bene a non pigiare sull'acceleratore. I bianconeri hanno pescato o "bloccato" qua e là prospetti di livello, giocatori che difficilmente vestiranno la maglia bianconera ma probabilmente genereranno plusvalenze (Lapadula, Ganz). Il gruppo delle 12 vittorie di fila si rinforzerà a giugno, magari puntando finalmente al giocatore "sopra la media" che Allegri chiede timidamente da oltre un anno. Ecco, il vero nodo è proprio lì: super Max resterà sulla panca dei bianconeri anche la prossima stagione? La risposta non è scontata, anche se al momento non si vedono nubi all'orizzonte e dall'Inghilterra - rumors dei tabloid a parte - non è arrivata alcun genere di offerta. Se per qualsiasi motivo le parti dovessero dirsi addio, attenti a un vecchio pallino dei bianconeri, quel Giampaolo che tanto bene sta facendo a Empoli. C'è qualcosa di concreto in questo nome? No, è una cazzata che ho sparato io, ma nella quale credo molto. Portate pazienza.

Poi il Napoli, strategicamente lucido a non intaccare il giocattolo perfetto costruito dalla triade DeLa-Giuntoli-Sarri. Il patron per un periodo ha pensato di spendere e spandere per arrivare a un difensore e un centrocampista di primissimo piano, ma poi ha capito che il comandamento della leggendaria Orietta Berti ("finché la barca va, lasciala andare") si sposa bene anche con il mondo del calcio. Dice lo scettico calcando la mano sulle solite frasi fatte: "E se a Higuain viene il raffreddore?". Risposta: toccherà a Gabbiadini, ad Hamsik, a Mertens, a Insigne, ad Allan, mica a quattro scemi. E alla peggio il Pipita si soffierà il naso e prenderà un'aspirina alla faccia dei menagramo.

Solo la Roma ha sfruttato davvero questa sessione per riparare agli inciampi dell'ultimo Garcia. A Spalletti il compito di mettere in piedi in fretta e furia una squadra in grado di tornare in corsa per la Champions League. Il compito è arduo, El Shaarawy e Perotti possono dare una mano ma la sensazione è che i problemi della Roma in fondo siano sempre stati altri. 

In chiusura un appello: siamo preoccupati per Genova. Legittimo da parte di Samp e Genoa pensare di incassare per garantire stipendi e continuità, ma lo stravolgimento di gennaio ci sembra un vero e proprio azzardo, soprattutto se visto in prospettiva futura.

Saluti e baci. Chiude anche questo mercato. Quello dei colpi "a salve", quello di tutta una serie di direttori sportivi, dirigenti, operatori di mercato che hanno dovuto contare gli spicci in tasca. Nessuno che si sia ricordato di Jonathan, il Divino. Perdonali Jonny, non sanno quello che fanno.

(Twitter @FBiasin @ilsensodelgol)


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il no per Tolisso, nasconde qualcosa di grosso (ma occhio ad Agnelli...). Milan: i fissati sulla questione cinese e un futuro grandi-nomi. Inter: occhio, arriva la "scelta di Pioli". Napoli: la "bellezza" della sofferenza 10.01 - Eccoci qua. Sono stato quattro giorni in ferie. In Valtellina. A mangiare pizzoccheri. La caratteristica dei pizzoccheri è che il primo giorno sono buonissimi, il secondo ti fanno venire l’acetone, il terzo cementano e al quarto non ci arrivi. Nel senso che muori. Siccome il 6 gennaio...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter-Gagliardini: avere i soldi non significa buttarli. Juve, batti un colpo da Juve. Ferrero, posa i fazzoletti. Basta con le mogli-addette stampa! 09.01 - Gasperini dovrebbe spiegare meglio il significato della frase: "Gagliardini non convocato per rispetto dell'Inter". E il rispetto per i tifosi dell'Atalanta dov'è? La verità è che il Mister ha sbagliato la risposta e avrebbe fatto più bella figura a dire la verità. Le parole che non...

EditorialeDI: Marco Conterio

Ferrero, Sarri & co: ora basta! Una decisione arbitrale sbagliata non può portare ancora a simili reazioni. Juventus, perdere Witsel non è un peccato. Roma, Feghouli bel colpo. Caso Kalinic: cifre folli, immobilismo viola e la reazione di Sousa 08.01 - Renzo Ulivieri, presidente dell'Assoallenatori, disse chiaramente che i tecnici arebbero dovuto evitare di parlare di decisioni arbitrali. E siccome nell'universo calcio, nel posto gara, i microfoni sono accesi anche per i presidenti, sarebbe stata cosa buona e giusta se quelle parole...

EditorialeDI: Mauro Suma

Merdeka e le Cayman, passi - Huarong e le Vergini, alt! Romagnoli out e Caldara in - Rincon: maquillage perfetto 07.01 - Dalle altre parti sono diventati bravi. Quando, qualche mese fa, il Corriere della Sera scoprì che le azioni Inter di Thohir erano in pegno alla finanziaria Merdeka, senza centralino telefonico e senza uffici, una sorta di società virtuale online alle Isole Cayman, tutto venne tacitato...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.