HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Allegri, che differenza rispetto a un anno fa: quale è il modulo della Juve? Garcia come Benitez: senza difesa non vai da nessuna parte. De Laurentiis, i giovani e le serie minori: l'altra strada per competere con le big d'Europa

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Comunicazione presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
08.11.2015 16.12 di Raimondo De Magistris  Twitter:   articolo letto 40835 volte
© foto di TuttoMercatoWeb.com

Come gioca la Juventus? La domanda a novembre inoltrato ancora non ha ricevuto risposta. O meglio, in ogni partita riceve una risposta diversa, con buona pace di quanto accaduto negli ultimi quattro anni. I tifosi del Napoli hanno ben chiari titolari e riserve della squadra partenopea. Stesso discorso per quelli della Fiorentina e per quelli dell'Inter. Per i sostenitori bianconeri invece ogni gara è come l'estrazione del lotto.
Un anno fa tutti giustamente elogiavano Allegri perché il 4 novembre 2014, in occasione della sfida contro l'Olympiacos, passò dalla difesa a tre a quella a quattro con risultati immediatamente eccezionali. Quella Juventus aveva una sua fisionomia, c'erano protagonisti e comparse. Fu un cambio tanto radicale quanto importante anche perché figlio unico di madre vedova. Adesso, invece, Allegri è in confusione totale. Cambia modulo e giocatori partita dopo partita senza chiarezza e senza un filo logico: prima il 3-5-2, poi la difesa a quattro. Prima il trequartista, poi il 4-3-3 per esaltare le caratteristiche di Cuadrado. Che caos. Così non si va da nessuna parte, sia in Italia che in Europa. Il recupero di Lichtsteiner ridà ad Allegri una certezza, ma è chiaro che la continuità di rendimento in Serie A - e quindi il ritorno tra le primissime in classifica - passa per delle certezze che adesso i bianconeri non hanno.
Poi, c'è un altro problema. Ma questo era più semplice da prevedere. "Non ci si siede attorno a un tavolo senza sedie", ha detto in settimana ai nostri microfoni un ex bianconero come Domenico Marocchino. Il riferimento era all'addio di tre leader come Pirlo, Vidal e Tevez non adeguatamente sostituiti. Al loro posto, infatti, sono stati presi Khedira, Hernanes e Dybala. Giocatori che per motivi diversi hanno un rendimento nemmeno paragonabile a quello del predecessori. La squadra, almeno per ora, è più debole.

La Juventus, nonostante una rosa nettamente più forte rispetto a quella delle altre squadre, non ha insomma ancora capito come risalire la classifica. La notizia che da due anni aspettava la Roma, a questo punto la candidata più accreditata per lo Scudetto.
Eppure, i giallorossi non convincono. O meglio, Rudi Garcia non convince. La vittoria contro il Bayer Leverkusen è stata una boccata d'ossigeno fondamentale per evitare l'aperta contestazione, ma la difesa della Roma resta pur sempre tra le peggiori della competizione. Hanno incassato più reti solo BATE Borisov e Maccabi Tel Aviv, dieci gol subiti in quattro partite. Con questa media sarà già un miracolo superare il girone.
Rudi Garcia ha gli stessi problemi riscontrati da Benitez un anno fa, con l'unica differenza che questa Roma è molto più forte. E quindi diecimila soluzioni in più per risolvere le partite. Gli svarioni difensivi però alla lunga potranno diventare un handicap decisivo. Per questo, urge una soluzione immediata. Il Napoli ha risolto il problema cambiando allenatore, Garcia se vorrà vita lunga nella Capitale dovrà trovare quanto prima una soluzione ed evitare figuracce una gara si e l'altra pure a giocatori come Manolas, De Rossi e Rüdiger, che non è l'ultimo arrivato nonostante il pessimo avvio di stagione.

Capitolo finale dedicato come sempre alla Serie B. Premessa: quando De Laurentiis, in un mare di dichiarazioni edulcorate e rivedibili, afferma che le serie minori dovrebbero servire per far giocare solo italiani e giovani ha perfettamente centrato il punto. Solo in questo modo nei prossimi anni la Serie A potrà competere con campionati come Bundesliga, Liga e Premier che hanno introiti che noi non abbiamo. Serve puntare sui giovani, prima e meglio degli altri. Per ora, invece, lo facciamo meno e peggio.
Precisato ciò, non mancano le eccezioni. Diawara e Sensi pochi mesi giocavano nel San Marino e guardate ora. Il primo è un pilastro del Bologna in Serie A, il secondo è il calciatore più ambito del momento. E hanno entrambi una valutazione di mercato non inferiore ai dieci milioni di euro.
Sono due esempi lampanti, ma non sono gli unici. Perché la cadetteria di talenti sui quali puntare abbonda. Un esempio? Arturo Calabresi, prodotto del settore giovanile della Roma più noto al momento per essere il figlio della Iena di Italia Uno piuttosto che per le sue gesta da calciatore. Presto però la situazione cambierà, anche perché questo polivalente difensore ha dimostrato a 19 anni di poter già dire la sua in Serie B. La crescita passerà anche da periodi come questo in cui più che minuti collezionerà panchine. Del suo definitivo salto di qualità in pochi però hanno dei dubbi, basta che non lo si lasci marcire fuori dal rettangolo verde per troppo tempo. Specialità nella quale il nostro calcio è decisamente esperto.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...

Editoriale DI: Mauro Suma

Il 14 Dicembre del Milan. La confusione del Sassuolo. Pioli, il terzo scomodo. E' bruttissimo il calcio fra Biella e la Questura di Como 26.11 - All'esterno del Milan l'attesa spasmodica è per il 13 Dicembre. All'interno del Milan la curiosità e la suspence sono tutte per il 14 Dicembre. Chi entrerà a Casa Milan quel giorno? Le chiavi saranno sempre nelle stesse mani o saranno consegnate ai nuovi proprietari?...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

25.11 - L'ennesimo tentativo di agitare le acque attorno alla cessione del Milan è andato a vuoto. Questa volta è sceso in campo direttamente Silvio Berlusconi, spalleggiato dai soliti noti nel mondo della comunicazione, per cercare di depistare, spargere dubbi, insinuare situazioni...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Berlusconi insiste: si chiude, ma altrimenti... il Napoli stoppato in Champions, prenota una stellina brasiliana. E i giovani... 24.11 - La notte dopo il derby Berlusconi aveva dato certezze: il closing ci sarà, ma se così non dovesse essere sarei pronto a rimanere e vincere con un Milan giovane e italiano. Sembrava più una sorta di rassicurazione ai tanti tifosi del Milan contenti per come stavano andando le...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

Silvio, il difficile arriva adesso... Inter-James, si fa sul serio! Kean, un predestinato 23.11 - Lo capisco. Silvio Berlusconi sta soffrendo. Ormai ha capito che l'attimo in cui sarà costretto a dire addio, per sempre, al suo amato Milan è ormai alle porte. Il popolo rossonero gli ha tributato una coreografia da brividi, tutti lo hanno applaudito. Per ogni singolo tifoso...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.