HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Allegri, che differenza rispetto a un anno fa: quale è il modulo della Juve? Garcia come Benitez: senza difesa non vai da nessuna parte. De Laurentiis, i giovani e le serie minori: l'altra strada per competere con le big d'Europa

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Comunicazione presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
08.11.2015 16.12 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 40912 volte
© foto di TuttoMercatoWeb.com

Come gioca la Juventus? La domanda a novembre inoltrato ancora non ha ricevuto risposta. O meglio, in ogni partita riceve una risposta diversa, con buona pace di quanto accaduto negli ultimi quattro anni. I tifosi del Napoli hanno ben chiari titolari e riserve della squadra partenopea. Stesso discorso per quelli della Fiorentina e per quelli dell'Inter. Per i sostenitori bianconeri invece ogni gara è come l'estrazione del lotto.
Un anno fa tutti giustamente elogiavano Allegri perché il 4 novembre 2014, in occasione della sfida contro l'Olympiacos, passò dalla difesa a tre a quella a quattro con risultati immediatamente eccezionali. Quella Juventus aveva una sua fisionomia, c'erano protagonisti e comparse. Fu un cambio tanto radicale quanto importante anche perché figlio unico di madre vedova. Adesso, invece, Allegri è in confusione totale. Cambia modulo e giocatori partita dopo partita senza chiarezza e senza un filo logico: prima il 3-5-2, poi la difesa a quattro. Prima il trequartista, poi il 4-3-3 per esaltare le caratteristiche di Cuadrado. Che caos. Così non si va da nessuna parte, sia in Italia che in Europa. Il recupero di Lichtsteiner ridà ad Allegri una certezza, ma è chiaro che la continuità di rendimento in Serie A - e quindi il ritorno tra le primissime in classifica - passa per delle certezze che adesso i bianconeri non hanno.
Poi, c'è un altro problema. Ma questo era più semplice da prevedere. "Non ci si siede attorno a un tavolo senza sedie", ha detto in settimana ai nostri microfoni un ex bianconero come Domenico Marocchino. Il riferimento era all'addio di tre leader come Pirlo, Vidal e Tevez non adeguatamente sostituiti. Al loro posto, infatti, sono stati presi Khedira, Hernanes e Dybala. Giocatori che per motivi diversi hanno un rendimento nemmeno paragonabile a quello del predecessori. La squadra, almeno per ora, è più debole.

La Juventus, nonostante una rosa nettamente più forte rispetto a quella delle altre squadre, non ha insomma ancora capito come risalire la classifica. La notizia che da due anni aspettava la Roma, a questo punto la candidata più accreditata per lo Scudetto.
Eppure, i giallorossi non convincono. O meglio, Rudi Garcia non convince. La vittoria contro il Bayer Leverkusen è stata una boccata d'ossigeno fondamentale per evitare l'aperta contestazione, ma la difesa della Roma resta pur sempre tra le peggiori della competizione. Hanno incassato più reti solo BATE Borisov e Maccabi Tel Aviv, dieci gol subiti in quattro partite. Con questa media sarà già un miracolo superare il girone.
Rudi Garcia ha gli stessi problemi riscontrati da Benitez un anno fa, con l'unica differenza che questa Roma è molto più forte. E quindi diecimila soluzioni in più per risolvere le partite. Gli svarioni difensivi però alla lunga potranno diventare un handicap decisivo. Per questo, urge una soluzione immediata. Il Napoli ha risolto il problema cambiando allenatore, Garcia se vorrà vita lunga nella Capitale dovrà trovare quanto prima una soluzione ed evitare figuracce una gara si e l'altra pure a giocatori come Manolas, De Rossi e Rüdiger, che non è l'ultimo arrivato nonostante il pessimo avvio di stagione.

Capitolo finale dedicato come sempre alla Serie B. Premessa: quando De Laurentiis, in un mare di dichiarazioni edulcorate e rivedibili, afferma che le serie minori dovrebbero servire per far giocare solo italiani e giovani ha perfettamente centrato il punto. Solo in questo modo nei prossimi anni la Serie A potrà competere con campionati come Bundesliga, Liga e Premier che hanno introiti che noi non abbiamo. Serve puntare sui giovani, prima e meglio degli altri. Per ora, invece, lo facciamo meno e peggio.
Precisato ciò, non mancano le eccezioni. Diawara e Sensi pochi mesi giocavano nel San Marino e guardate ora. Il primo è un pilastro del Bologna in Serie A, il secondo è il calciatore più ambito del momento. E hanno entrambi una valutazione di mercato non inferiore ai dieci milioni di euro.
Sono due esempi lampanti, ma non sono gli unici. Perché la cadetteria di talenti sui quali puntare abbonda. Un esempio? Arturo Calabresi, prodotto del settore giovanile della Roma più noto al momento per essere il figlio della Iena di Italia Uno piuttosto che per le sue gesta da calciatore. Presto però la situazione cambierà, anche perché questo polivalente difensore ha dimostrato a 19 anni di poter già dire la sua in Serie B. La crescita passerà anche da periodi come questo in cui più che minuti collezionerà panchine. Del suo definitivo salto di qualità in pochi però hanno dei dubbi, basta che non lo si lasci marcire fuori dal rettangolo verde per troppo tempo. Specialità nella quale il nostro calcio è decisamente esperto.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il no per Tolisso, nasconde qualcosa di grosso (ma occhio ad Agnelli...). Milan: i fissati sulla questione cinese e un futuro grandi-nomi. Inter: occhio, arriva la "scelta di Pioli". Napoli: la "bellezza" della sofferenza 10.01 - Eccoci qua. Sono stato quattro giorni in ferie. In Valtellina. A mangiare pizzoccheri. La caratteristica dei pizzoccheri è che il primo giorno sono buonissimi, il secondo ti fanno venire l’acetone, il terzo cementano e al quarto non ci arrivi. Nel senso che muori. Siccome il 6 gennaio...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter-Gagliardini: avere i soldi non significa buttarli. Juve, batti un colpo da Juve. Ferrero, posa i fazzoletti. Basta con le mogli-addette stampa! 09.01 - Gasperini dovrebbe spiegare meglio il significato della frase: "Gagliardini non convocato per rispetto dell'Inter". E il rispetto per i tifosi dell'Atalanta dov'è? La verità è che il Mister ha sbagliato la risposta e avrebbe fatto più bella figura a dire la verità. Le parole che non...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.