HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Allegri: deve scacciare l'ombra di Marcello Lippi. Mihajlovic: Milan, silenzio ed esperienza. Sinisa, la Lazio lo studia con attenzione. Juve e Inter: arbitri che fanno tremare

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
31.10.2015 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 32742 volte

Il calcio non è solo ingiusto, è anche obliquo, strano, subdolo. Perché due mesi di calcio non decisivo devono mettere in discussione il protagonista di uno Scudetto, di una Finale Champions, di una Coppa Italia, di una Supercoppa, di dieci mesi storici? Non c'è risposta, non c'è ricetta, non c'è panacea. C'è solo il calcio, con le sue ombre cinesi e i suoi serpentelli sotto le foglie. Ombre cinesi, già. Cinesi come gli ultimi trascorsi di Marcello Lippi. Al bel Marcello farebbe male il cuore dover essere costretto a sostituire Massimiliano Allegri, l'uomo che lui ha in simpatia, l'allenatore che lui stima tantissimo. Lippi tifa perché la Juventus e Allegri si riprendano, ma se così non dovesse essere l'ex Ct non potrebbe sfuggire al richiamo della sua, unica, vera foresta, quella bianconera. La dirigenza sabauda dovrebbe riflettere sul fatto che il rapporto fra Max e lo spogliatoio è intatto (altrimenti sia Buffon che Evra se ne sarebbero stati zitti, evitandosi il duro lavoro della reprimenda al posto dell'allenatore e in evidente solidarietà con l'allenatore), ma l'unico padre nobile della juventinità in grado di rendere stabile la stagione e di raffreddare il braciere della nostalgia per Antonio Conte, sarebbe proprio lui: Marcello Lippi.

Sinisa Mihajlovic è un uomo: potrebbe tornare in buona con chi lo critica in maniera aspra ed eccessiva anche solo attenuando un suo importante rapporto di comunicazione, ma per amicizia e rispetto non lo fa. Sinisa Mihajlovic è un allenatore: nel momento difficile non fa il permaloso o il giro delle sette chiese, ma fa le scelte. Di campo, di squadra. Buone, meno buone, ma senza paura e senza deconcentrarsi curando i rapporti extra campo. Così sono nati Ely, Calabria e Donnarumma, così sono tornati alla luce Alex e Cerci, così sta tornando Bertolacci sotto l'effetto della sostanziosa e non strombazzata preparazione dell'ottimo professor Bovenzi. Uscito in zona Cesarini dalla tagliola del trequartista, Sinisa dopo il Tir dello 0-4 con il Napoli non ha fatto il sergente di ferro o di coccio. Ha fatto molto più semplicemente l'allenatore sereno, stabile, lucido, anche a costo di apparire impopolare con le sue scelte. Cinque soli tiri concessi a tre avversari in 270 minuti: questo è stato il Milan nelle ultime tre-quattro settimane, sotto la guida salda e professionale del suo allenatore.

Non sappiamo come andrà la stagione, abbiamo il massimo della stima e del rispetto per Mihajlovic, anche e soprattutto per la serenità con cui ammette pareri diversi dai suoi ma comunicati in maniera schietta e leale. E in cuor nostro pensiamo che un allenatore così solido il Milan debba tenerselo stretto per tanto, tanto tempo. Ma il calcio è il calcio. E i suoi sviluppi, quelli più scontati come quelli più imprevedibili, possono avere mille e una tonalità. Ma, proprio nella settimana di Lazio-Milan e proprio in un momento in cui Stefano Pioli viene discusso sulla piazza biancoceleste per alcune sue scelte, il calendario del Campionato si diverte a fare pat pat sulla spalla del Milan: occhio che la cara vecchia Lazio di Sinisa non vede l'ora...

Erano 13 mesi che Gianluca Rocchi non veniva designato per arbitrare la Juventus. L'abbinamento Rocchi-Juventus o Rocchi-Roma è stato accuratamente evitato fin da quel Juventus-Roma del Settembre 2014, da quel 3-2 inchiodato dalla bocca rinfrescata di Bonucci. Non era giusto. Ed è quindi giusto che Rocchi torni a dirigere la Juventus. Ma qualche osservatore si chiede: ma proprio nel derby il grande ritorno? Con Rocchi arbitro, ma senza (lo ricordiamo ai complottisti sul tema) i gol di Rocchi, la squadra bianconera ha vinto 3 derby torinesi fra i mugugni granata. Stesse perplessità, che ci auguriamo come spesso accade che il calcio sappia smentire sul campo, hanno accompagnato la designazione di Rizzoli per Inter-Roma: 5 vittorie su 6 per l'Inter contro la Roma, nelle occasioni in cui ha diretto la gara il fischietto bolognese. Non c'è grande cultura sportiva dietro questi riferimenti, ce ne rendiamo conto. Le uniche statistiche pre-partita devono essere quelle delle squadre e dei giocatori, dei veri protagonisti. Ma l'Italia è l'Italia e le designazioni di Rocchi e Rizzoli, invertite fra Torino e Milano, avrebbero reso meno rumoroso l'avvicinamento alle due partite.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Una settimana da Kalinic. La Juventus chiude il mercato, la Roma lo apre, il Milan con Deulofeu aspetta Gomez dall'anno prossimo. Serie A più divertente: sarebbe meglio ridistribuire i proventi televisivi 22.01 - Non mi capita molto spesso di parlare bene della mia categoria professionale. Anche perché è in continuo movimento, c'è chi si ancora a vecchi capisaldi - perché nato con la carta stampata e, più in generale, non digitale - e chi mette zizzania perché pensa di cambiare completamente...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Mauro Suma

Cercasi fotografo per Deulofeu. Juve-Milinkovic Savic: qualcosa è cambiato. Allegri circondato dagli Inzaghi. Simeone, nuovo snodo Inter-Juve 21.01 - Esattamente due anni fa. Il sabato precedente Milan-Atalanta, il Milan sognava Witsel. Ma nel frattempo si preparava ad accontentarsi di Suso. Svanito infatti in poche ore il sogno Witsel, stessa sorte che sarebbe capitata ad altri Club notoriamente più capaci sul mercato, e persa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.