VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi sarà il prossimo allenatore dell'Inter?
  Stefano Pioli
  Antonio Conte
  Diego Pablo Simeone
  Mauricio Pochettino
  Leonardo Jardim
  Marco Silva
  Luciano Spalletti
  Unai Emery

TMW Mob
Editoriale

Allegri: deve scacciare l'ombra di Marcello Lippi. Mihajlovic: Milan, silenzio ed esperienza. Sinisa, la Lazio lo studia con attenzione. Juve e Inter: arbitri che fanno tremare

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
31.10.2015 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 32758 volte

Il calcio non è solo ingiusto, è anche obliquo, strano, subdolo. Perché due mesi di calcio non decisivo devono mettere in discussione il protagonista di uno Scudetto, di una Finale Champions, di una Coppa Italia, di una Supercoppa, di dieci mesi storici? Non c'è risposta, non c'è ricetta, non c'è panacea. C'è solo il calcio, con le sue ombre cinesi e i suoi serpentelli sotto le foglie. Ombre cinesi, già. Cinesi come gli ultimi trascorsi di Marcello Lippi. Al bel Marcello farebbe male il cuore dover essere costretto a sostituire Massimiliano Allegri, l'uomo che lui ha in simpatia, l'allenatore che lui stima tantissimo. Lippi tifa perché la Juventus e Allegri si riprendano, ma se così non dovesse essere l'ex Ct non potrebbe sfuggire al richiamo della sua, unica, vera foresta, quella bianconera. La dirigenza sabauda dovrebbe riflettere sul fatto che il rapporto fra Max e lo spogliatoio è intatto (altrimenti sia Buffon che Evra se ne sarebbero stati zitti, evitandosi il duro lavoro della reprimenda al posto dell'allenatore e in evidente solidarietà con l'allenatore), ma l'unico padre nobile della juventinità in grado di rendere stabile la stagione e di raffreddare il braciere della nostalgia per Antonio Conte, sarebbe proprio lui: Marcello Lippi.

Sinisa Mihajlovic è un uomo: potrebbe tornare in buona con chi lo critica in maniera aspra ed eccessiva anche solo attenuando un suo importante rapporto di comunicazione, ma per amicizia e rispetto non lo fa. Sinisa Mihajlovic è un allenatore: nel momento difficile non fa il permaloso o il giro delle sette chiese, ma fa le scelte. Di campo, di squadra. Buone, meno buone, ma senza paura e senza deconcentrarsi curando i rapporti extra campo. Così sono nati Ely, Calabria e Donnarumma, così sono tornati alla luce Alex e Cerci, così sta tornando Bertolacci sotto l'effetto della sostanziosa e non strombazzata preparazione dell'ottimo professor Bovenzi. Uscito in zona Cesarini dalla tagliola del trequartista, Sinisa dopo il Tir dello 0-4 con il Napoli non ha fatto il sergente di ferro o di coccio. Ha fatto molto più semplicemente l'allenatore sereno, stabile, lucido, anche a costo di apparire impopolare con le sue scelte. Cinque soli tiri concessi a tre avversari in 270 minuti: questo è stato il Milan nelle ultime tre-quattro settimane, sotto la guida salda e professionale del suo allenatore.

Non sappiamo come andrà la stagione, abbiamo il massimo della stima e del rispetto per Mihajlovic, anche e soprattutto per la serenità con cui ammette pareri diversi dai suoi ma comunicati in maniera schietta e leale. E in cuor nostro pensiamo che un allenatore così solido il Milan debba tenerselo stretto per tanto, tanto tempo. Ma il calcio è il calcio. E i suoi sviluppi, quelli più scontati come quelli più imprevedibili, possono avere mille e una tonalità. Ma, proprio nella settimana di Lazio-Milan e proprio in un momento in cui Stefano Pioli viene discusso sulla piazza biancoceleste per alcune sue scelte, il calendario del Campionato si diverte a fare pat pat sulla spalla del Milan: occhio che la cara vecchia Lazio di Sinisa non vede l'ora...

Erano 13 mesi che Gianluca Rocchi non veniva designato per arbitrare la Juventus. L'abbinamento Rocchi-Juventus o Rocchi-Roma è stato accuratamente evitato fin da quel Juventus-Roma del Settembre 2014, da quel 3-2 inchiodato dalla bocca rinfrescata di Bonucci. Non era giusto. Ed è quindi giusto che Rocchi torni a dirigere la Juventus. Ma qualche osservatore si chiede: ma proprio nel derby il grande ritorno? Con Rocchi arbitro, ma senza (lo ricordiamo ai complottisti sul tema) i gol di Rocchi, la squadra bianconera ha vinto 3 derby torinesi fra i mugugni granata. Stesse perplessità, che ci auguriamo come spesso accade che il calcio sappia smentire sul campo, hanno accompagnato la designazione di Rizzoli per Inter-Roma: 5 vittorie su 6 per l'Inter contro la Roma, nelle occasioni in cui ha diretto la gara il fischietto bolognese. Non c'è grande cultura sportiva dietro questi riferimenti, ce ne rendiamo conto. Le uniche statistiche pre-partita devono essere quelle delle squadre e dei giocatori, dei veri protagonisti. Ma l'Italia è l'Italia e le designazioni di Rocchi e Rizzoli, invertite fra Torino e Milano, avrebbero reso meno rumoroso l'avvicinamento alle due partite.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, Berlusconi takes it all. Il 4-3-3 di Montella. Mercato, il grande centravanti. Napoli, Mertens a Manchester 15.04 - Il bene di famiglia non è più della famiglia, ma non tutto è perduto. Silvio Berlusconi è entrato, salutatissimo presidente della Storia rossonera, nel mito uscendo dalla quotidianità, il suo caro amico fidato Paolo Scaroni siede nel Cda di Casa Milan, sua figlia Barbara presiede...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Nuovo Milan, ecco i piani di mister Li. Contratto a Donnarumma, risanamento e la borsa. Ma nel 2018 servono 350 milioni. Juve, Dybala simbolo di un grande progetto 14.04 - Tra nostalgia e qualche rimpianto, Berlusconi saluta il Milan con le lacrime agli occhi. Mancherà a tutti. Umano, molto umano. Ma, signori è fatta. Alla faccia di tutti quelli che fino all’ultimo hanno messo in dubbio perfino l’esistenza di Mister Li Yonghdong. Da ieri il Milan...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.