HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Doppio confronto Napoli-Juventus: come finirà?
  La Juve vincerà entrambe le gare
  Il Napoli avrà la meglio in entrambe le sfide
  La Juve mantiene il vantaggio in A ma perde in Coppa
  Il Napoli recupera in A ma esce in Tim Cup

TMW Mob
Editoriale

Allegri: firma ok nonostante Real e Psg. Milan 2012-2016: dall'asse Seedorf-Pato a La Scala-Gatti. Inter: è messa peggio del Milan. Famedio: ricordati di Cesare Maldini

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
30.04.2016 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 37334 volte

Allegri resta alla Juventus, Allegri firma. E' l'esito, naturale ma che non possiamo definire scontato rispetto alle puntate precedenti, di una vicenda che ha accompagnato gli ultimi mesi bianconeri. Allegri aveva deciso di incontrare la dirigenza, per un punto d'orgoglio, a Scudetto conquistato. La Società ha sospettato che dietro quell'attesa ci fossero o il Real Madrid o il Paris Saint Germain. E' per questo che i dirigenti juventini si sono guardati in giro, cenando e telefonando. A sua volta, Allegri ha lasciato fare, ben sapendo di non aver avuto offerte da quei Club ma avendo ben chiaro che forte di uno Scudetto unico, assoluto e storico nel suo genere, l'ultima parola l'avrebbe avuta lui. E così è, così sarà. Allegri, il tecnico campione d'Italia e in questo momento ancora vice campione d'Europa che la Juventus campione di tutto in questi anni prese nell'estate del 2014 nonostante nella stessa stagione fosse facilmente raggiungibile anche Seedorf, sta per annunciare il suo prolungamento, felice di aver prolungato.

E' dal Gennaio 2012 che il Milan vive anni strani, anni non da Milan, come dicono in maniera sacrosanta i tifosi, anni in cui il Milan vero è il primo a non riconoscersi. E per attivare un gorgo del genere, non basta un sassolino o un venticello, ma tutta una serie di piccole slavine, di valanghe successive, fino alla valle. Che, sportivamente ed economicamente parlando, in questo momento è di lacrime. Il primo piccolo smottamento nel Gennaio 2012 con l'intervista natalizia di Pato contro Allegri che spacca e inquieta lo spogliatoio rossonero primo in classifica. A difendere con chiarezza Pato in quella circostanza naturalmente Seedorf. E quando Pato rimane al Milan, proprio nel Gennaio 2012 e proprio nel momento in cui il Club rossonero sembrava sul punto di comporre la coppia d'attacco Ibra-Tevez che avrebbe vinto tutti gli Scudetti che sta vincendo oggi la Juventus, è proprio Seedorf a incoraggiarlo pubblicamente. Da quel momento, fino al gol di Muntari, fino allo Scudetto perso a favore della Juventus di Conte (con il Milan campione d'Italia non sarebbero partiti Ibra e Thiago e non avrebbero smesso tutti i big storici nello stesso momento), anno dopo anno, di gradino in gradino, dentro la scatola nera di un circolo vizioso perfetto, in una situazione nella quale è inevitabile che ciascuno produca difficoltà, errori e contraddizioni, arriviamo ad oggi. Fa male, non fa dormire la notte, è un presente cupo e impotente. Ma il Milan ha sempre generato sé stesso e il Milan di questi strani anni ha generato l'esatto punto in cui tutto il mondo rossonero si ritrova. Una zolla storica in cui almeno il buon Gatti si lamenta per qualcosa nell'assemblea degli Azionisti, visto che lo stesso trambusto lo faceva quando il Milan perdeva le Finali di Champions League come quella di Istanbul o arrivava secondo a 88 punti in Campionato con tanto di Semifinale di Champions League con il Barcellona. Che c'entra Seedorf con La Scala? Entrambi hanno saputo unire e compattare tutto ciò che è storicamente difficile unire e compattare. Compliments.

Fossimo negli interisti e negli addetti ai lavori interisti, ci preoccuperemmo molto di più della dichiarazione di Mancini ("Se lo dice Thohir che rimaniamo tutti e due...") piuttosto che sopravvalutare il comunicato sulla "cooperazione strategica" dei manager Suning. L'Inter non raggiunge nessuno dei primi 3 posti in Campionato dal 2011 con Leonardo e ha conti di molto peggiori nel tempo rispetto al Milan. Se la cava mediaticamente perché ha un ambiente e una tifoseria più compatti, perché ha generato meno amarezze con le cessioni eccellenti che invece dal canto suo il Milan ha fatto nel 2009 e nel 2012. Ma proprio per questo ha maturato negli anni debiti e conti molto peggiori. Conti che stanno presentando il conto. E mentre il Milan il suo Silvio Berlusconi ce l'ha ancora, l'Inter fra non molto dovrà tornare da Massimo Moratti pregandolo di riprendersi il Club. Negheranno, si offenderanno, faranno circolare nomi mirabolanti di nuovi acquisti, ma l'onda d'urto della quinta stagione consecutiva, la prossima, senza partecipare alla Champions League rischia di provocare un effetto a catena. Nonostante i casini, sia veri che creati ad arte, del Milan tengano tutto coperto. Ma la coperta mediatica è corta. E i fatti non possono attendere.

Si avvicinano le elezioni comunali milanesi, ma siamo qui ad augurarci che la politica cittadina faccia presto. Molto presto. Sempre più presto. Il grande, generoso e ospitale cielo di Milano ospita dallo scorso 3 Aprile un milanese illustre. Nato a Trieste, ma milanese d'adozione. Uno sportivo che ha ricoperto di gloria e prestigio la città di Sant'Ambrogio. Ecco perché il Famedio non può attendere troppo. Il Famedio, la casa dei milanesi illustri al cimitero Monumentale di Milano, è il giusto destino di Cesare Maldini.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Ferragosto con la Serie A? Favorevole... Milan, ansia da closing! Conte-Neymar, la verità! Totti, ci siamo? 29.03 - Settimana all’insegna delle polemiche… Tutti a lamentarsi, tutti a discutere, tutti a parlare (spesso inutilmente). Perché? Forse la pausa per la Nazionale o, forse, non possiamo proprio farne a meno delle polemiche… Non ne parlo, come al solito mi interessa soffermarmi su altro....
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: polemiche a raffica, un arrivo e un solo vero pericolo. Milan: la svolta, le ultime sul closing e i segreti di Mr Li. Inter: si sogna un colpo da sceicchi (ma occhio alle bufale)! Napoli sospeso tra Sarri e Higuain 28.03 - In quel tempo c'era la pausa per la Nazionale. E la pausa per la Nazionale portava polemiche sterili e invenzioni di mercato. E tu chiamavi i direttori sportivi e chiedevi "si parla molto di mercato, dimmi tutto!". E loro: "C'è la pausa per la nazionale, siamo in vacanza, vatti a...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Le infiltrazioni mafiose nel calcio e i falsi moralisti. Milan, dopo la colletta il problema sarà di Mirabelli. Verona, comunque andrà sarà un fallimento! Foggia, da De Zerbi a Stroppa il vero vincitore è Di Bari 27.03 - Quando c'è la Nazionale bisogna cercare altre notizie, altrimenti televisioni e giornali chiudono. Si punta sul mercato o su questioni extra. Hanno aiutato, in questa fase, il closing del Milan e le indagini della Procura Federale sulle intercettazioni della Juventus. Se a fare i...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il closing del Milan: la figura di Yonghong Li e tutti gli scenari futuri del club. Valzer delle panchine: tanto ruota attorno a Spalletti. Tutti i colpi delle grandi da Bernardeschi a Manolas fino a Kessie 26.03 - Forse, ci siamo. Il Milan sta per diventare del misterioso Yonghong Li in... Prestito con obbligo di riscatto. Già. Perché i soldi per il closing arriverebbero al broker cinese dagli Stati Uniti, dal fondo Elliott, che finanzierebbe così la chiusura del passaggio del club. Li è rimasto...

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.