HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Allegri: firma ok nonostante Real e Psg. Milan 2012-2016: dall'asse Seedorf-Pato a La Scala-Gatti. Inter: è messa peggio del Milan. Famedio: ricordati di Cesare Maldini

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
30.04.2016 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 37256 volte

Allegri resta alla Juventus, Allegri firma. E' l'esito, naturale ma che non possiamo definire scontato rispetto alle puntate precedenti, di una vicenda che ha accompagnato gli ultimi mesi bianconeri. Allegri aveva deciso di incontrare la dirigenza, per un punto d'orgoglio, a Scudetto conquistato. La Società ha sospettato che dietro quell'attesa ci fossero o il Real Madrid o il Paris Saint Germain. E' per questo che i dirigenti juventini si sono guardati in giro, cenando e telefonando. A sua volta, Allegri ha lasciato fare, ben sapendo di non aver avuto offerte da quei Club ma avendo ben chiaro che forte di uno Scudetto unico, assoluto e storico nel suo genere, l'ultima parola l'avrebbe avuta lui. E così è, così sarà. Allegri, il tecnico campione d'Italia e in questo momento ancora vice campione d'Europa che la Juventus campione di tutto in questi anni prese nell'estate del 2014 nonostante nella stessa stagione fosse facilmente raggiungibile anche Seedorf, sta per annunciare il suo prolungamento, felice di aver prolungato.

E' dal Gennaio 2012 che il Milan vive anni strani, anni non da Milan, come dicono in maniera sacrosanta i tifosi, anni in cui il Milan vero è il primo a non riconoscersi. E per attivare un gorgo del genere, non basta un sassolino o un venticello, ma tutta una serie di piccole slavine, di valanghe successive, fino alla valle. Che, sportivamente ed economicamente parlando, in questo momento è di lacrime. Il primo piccolo smottamento nel Gennaio 2012 con l'intervista natalizia di Pato contro Allegri che spacca e inquieta lo spogliatoio rossonero primo in classifica. A difendere con chiarezza Pato in quella circostanza naturalmente Seedorf. E quando Pato rimane al Milan, proprio nel Gennaio 2012 e proprio nel momento in cui il Club rossonero sembrava sul punto di comporre la coppia d'attacco Ibra-Tevez che avrebbe vinto tutti gli Scudetti che sta vincendo oggi la Juventus, è proprio Seedorf a incoraggiarlo pubblicamente. Da quel momento, fino al gol di Muntari, fino allo Scudetto perso a favore della Juventus di Conte (con il Milan campione d'Italia non sarebbero partiti Ibra e Thiago e non avrebbero smesso tutti i big storici nello stesso momento), anno dopo anno, di gradino in gradino, dentro la scatola nera di un circolo vizioso perfetto, in una situazione nella quale è inevitabile che ciascuno produca difficoltà, errori e contraddizioni, arriviamo ad oggi. Fa male, non fa dormire la notte, è un presente cupo e impotente. Ma il Milan ha sempre generato sé stesso e il Milan di questi strani anni ha generato l'esatto punto in cui tutto il mondo rossonero si ritrova. Una zolla storica in cui almeno il buon Gatti si lamenta per qualcosa nell'assemblea degli Azionisti, visto che lo stesso trambusto lo faceva quando il Milan perdeva le Finali di Champions League come quella di Istanbul o arrivava secondo a 88 punti in Campionato con tanto di Semifinale di Champions League con il Barcellona. Che c'entra Seedorf con La Scala? Entrambi hanno saputo unire e compattare tutto ciò che è storicamente difficile unire e compattare. Compliments.

Fossimo negli interisti e negli addetti ai lavori interisti, ci preoccuperemmo molto di più della dichiarazione di Mancini ("Se lo dice Thohir che rimaniamo tutti e due...") piuttosto che sopravvalutare il comunicato sulla "cooperazione strategica" dei manager Suning. L'Inter non raggiunge nessuno dei primi 3 posti in Campionato dal 2011 con Leonardo e ha conti di molto peggiori nel tempo rispetto al Milan. Se la cava mediaticamente perché ha un ambiente e una tifoseria più compatti, perché ha generato meno amarezze con le cessioni eccellenti che invece dal canto suo il Milan ha fatto nel 2009 e nel 2012. Ma proprio per questo ha maturato negli anni debiti e conti molto peggiori. Conti che stanno presentando il conto. E mentre il Milan il suo Silvio Berlusconi ce l'ha ancora, l'Inter fra non molto dovrà tornare da Massimo Moratti pregandolo di riprendersi il Club. Negheranno, si offenderanno, faranno circolare nomi mirabolanti di nuovi acquisti, ma l'onda d'urto della quinta stagione consecutiva, la prossima, senza partecipare alla Champions League rischia di provocare un effetto a catena. Nonostante i casini, sia veri che creati ad arte, del Milan tengano tutto coperto. Ma la coperta mediatica è corta. E i fatti non possono attendere.

Si avvicinano le elezioni comunali milanesi, ma siamo qui ad augurarci che la politica cittadina faccia presto. Molto presto. Sempre più presto. Il grande, generoso e ospitale cielo di Milano ospita dallo scorso 3 Aprile un milanese illustre. Nato a Trieste, ma milanese d'adozione. Uno sportivo che ha ricoperto di gloria e prestigio la città di Sant'Ambrogio. Ecco perché il Famedio non può attendere troppo. Il Famedio, la casa dei milanesi illustri al cimitero Monumentale di Milano, è il giusto destino di Cesare Maldini.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.