HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Allegri ha i campioni, Montella ha la squadra. Il Milan e la nemesi dei rigori. La Juventus senza cabina di regia. Suso, un Bruno Conti in salsa spagnola

24.12.2016 09.14 di Mauro Suma   articolo letto 44181 volte

Da che calcio è calcio, questo è uno sport che si ribella al mercato. E' una materia, quella del pallone, che non ammette l'ultima parola. Pronunci i nomi di Higuain e Pjanic e sembra che gli avversari si sbriciolino da soli. No, il calcio non è questo. Puoi comprare a destra e a manca, a poppa e a prua, ma se poi manca un certo tipo di spirito e la giusta coesione, i contratti dell'estate possono anche fallire la prova del nove. Nella partita secca, certo, non sul lungo periodo, ma quando la partita secca è importante e pesante come quella di Doha, sono conti molto salati quelli che non tornano alla Juventus. Dall'altra parte, un allenatore reduce da una parentesi nervosa e anomala come quella della Sampdoria, destinatario di un mercato spernacchiato da tutti, ha saputo mettere le mani nella pasta come si deve. Vincenzo Montella non ha in squadra i campioni che ha Allegri, ma ha costruito un campione che Allegri non ha: il gioco. Il gruppo. La squadra. Allegri ha uno zoccolo duro italiano di grandi uomini, addizionati dalle scelte di mercato. Ma Montella, questa volta senza l'alibi del gol di Pjanic, ha affrontato per la seconda volta in due mesi da pari a pari la squadra inarrivabile e inavvicinabile. L'ha affrontata con il suo gruppo di uomini finalmente sereni e liberi da tante scorie, cui ha dato meccanismi e fiducia. E ha vinto ancora, due su due. La prima con l'episodio favorevole, la seconda senza. Solo con tanto tanto merito.

I rigori sbagliati contro Crotone e Roma, il palo e i salvataggi sulla linea contro l'Atalanta. L'aereo che non parte. Sembrava il solito Milan del circolo vizioso, dei social che sfottono, di una terra di mezzo senza vie d'uscita e senza luci in fondo al tunnel. Ecco invece che in una sola serata, il Milan mette tutti d'accordo, tutti in fila, tutti giù per terra. A Roma, l'errore due punto zero di Niang aveva chiarito che non era stata la pressione di Lapadula ad indurlo in errore contro il Crotone, mentre nella serie finale con la Juventus lo stesso Lapadula ha evidenziato di non essere uno specialista dei calci di rigore. Al di fuori di questo avvitamento negativo, hanno segnato tutti. Dal lucidissimo Bonaventura allo straordinario Suso, dall'inevitabile Kucka al predestinato Pasalic. Nella serie dei rigori di Doha, ci sono tre giocatori che hanno sbattuto in cantina una spianata strepitosa di luoghi comuni: Suso era il solito parametro zero, Kucka era l'amico di Preziosi, Pasalic invece aveva l'onore di essere il nuovo Van Ginkel. Tutte balle, poverine e anodine.

Quando, dopo i due tempi regolamentari, Marchisio parlava sul campo di Doha con gli occhi della vera Juve ad un Higuain poco convinto e poco coinvolto, si è intuito quello che stava per accadere. Al Pipita arrivavano pochi palloni, ma dall'anima della Juventus gli arrivava forte e chiaro un segnale: sei tu che devi muoverti in maniera diversa. Ci sono momenti in cui, quando non gioca allo Juventus Stadium, quella bianconera sembra una squadra scollegata, fatta di compartimenti stagni. Con vasi potenti e celebrati, ma tutt'altro che comunicanti. La società ha spostato lo scrigno della qualità dal centrocampo all'attacco. La forza nel mezzo è diventata, nella rosa, la potenza della trazione anteriore. Poi però sul campo succede che i muscoli da soli non vanno lontano. E' un centrocampo che lotta, che si inserisce, ma che pensa tremendamente poco quello juventino di oggi, che non dispone della valigetta con i codici e i tempi di gioco delle partite. E quando il gioco si fa complicato e cerebrale, lontano da quello Stadium che nasconde tanti problemi, lo si vede a occhio nudo.

Quanto mancava al Milan e al calcio italiano. Un'ala tecnica, di spunto, che ingaggia duelli a non finire. Fino a che il suo diretto marcatore non osa nemmeno portargli il contrasto. E all'ennesimo scatto, sembra che dica: ancora?! Ma ne hai ancora?! Sì, Suso ha avuto scatti, spunti, affondi, cross e assist per 105 minuti. E al suo calo nel secondo tempo supplementare, è venuta fuori la Juventus sul finale. Ma Suso è tutta la stagione che segna, crea, costruisce, determina e decide. Suso, il parametro zero. Quello che arriva a Milanello e l'allenatore di turno sembra dire, ma pensa te, ma chi mi hanno mandato?! Sì, lui Suso, quello che in una amichevole di Marzo con dieci spettatori al Mapei di Reggio Emilia folgore il presidente Berlusconi in amichevole contro la Reggiana. Non sappiamo se la sua partita di ieri sia paragonabile a quella di un Bruno Conti o di un Donadoni, ma nella serata dell'impresa milanista è bello pensare che possa essere proprio così. Il problema di Suso in fondo sono le quattro lettere del suo cognome. Fossero sette o otto come quelle di qualche dirimpettaio milanese, allora sai che titoli sui giornali. Ma Suso è un ragazzo che non ci bada. Lui prende la palla, saluta la compagnia e punta la porta. Il resto è roba da social.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Spalletti, ora è addio. E la Juve aspetta. Allegri più lontano. Inter, Suning 150 milioni per lo Scudetto. Milan, se salta il closing Donnarumma al Real 17.03 - La Roma è fuori dall’Europa nonostante la vittoria e una gara di grande spessore tecnico e agonistico e, se tanto mi da tanto, Spalletti è fuori dalla Roma. Non faccio altro che seguire le sue indicazioni e il suo ragionamento. Ancora pochi giorni fa ha ribadito che senza tituli (alla...

EditorialeDI: Luca Marchetti

I giovani, la Champions e le scadenze 2018? Vendi o firmi? 16.03 - La Champions sa ancora riservare sorprese. Non che il Monaco potenzialmente sia (stato) meno ricco del City, ma nell’anno in cui gli inglesi volevano la glorificazione in campo internazionale è arrivato il fracaso di Pep. Lontano dalla testa della classifica in Premier, uscito per...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Troppe polemiche, ci si mette anche Mourinho... Spalletti-Totti, uno è di troppo! Milan, Donnarumma resta. 15.03 - La primavera è alle porte, speriamo che, con l’arrivo delle belle giornate, le menti più fumantine riescano a rilassarsi… Basta polemiche. Non mi interessa chi ha torto e chi ha ragione, so solo che stiamo esagerando (mi ci metto anche io). Seguiamo ogni partita con occhio clinico,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.