VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi sarà il prossimo allenatore dell'Inter?
  Stefano Pioli
  Antonio Conte
  Diego Pablo Simeone
  Mauricio Pochettino
  Leonardo Jardim
  Marco Silva
  Luciano Spalletti
  Unai Emery

TMW Mob
Editoriale

Allegri ha i campioni, Montella ha la squadra. Il Milan e la nemesi dei rigori. La Juventus senza cabina di regia. Suso, un Bruno Conti in salsa spagnola

24.12.2016 09.14 di Mauro Suma   articolo letto 44194 volte

Da che calcio è calcio, questo è uno sport che si ribella al mercato. E' una materia, quella del pallone, che non ammette l'ultima parola. Pronunci i nomi di Higuain e Pjanic e sembra che gli avversari si sbriciolino da soli. No, il calcio non è questo. Puoi comprare a destra e a manca, a poppa e a prua, ma se poi manca un certo tipo di spirito e la giusta coesione, i contratti dell'estate possono anche fallire la prova del nove. Nella partita secca, certo, non sul lungo periodo, ma quando la partita secca è importante e pesante come quella di Doha, sono conti molto salati quelli che non tornano alla Juventus. Dall'altra parte, un allenatore reduce da una parentesi nervosa e anomala come quella della Sampdoria, destinatario di un mercato spernacchiato da tutti, ha saputo mettere le mani nella pasta come si deve. Vincenzo Montella non ha in squadra i campioni che ha Allegri, ma ha costruito un campione che Allegri non ha: il gioco. Il gruppo. La squadra. Allegri ha uno zoccolo duro italiano di grandi uomini, addizionati dalle scelte di mercato. Ma Montella, questa volta senza l'alibi del gol di Pjanic, ha affrontato per la seconda volta in due mesi da pari a pari la squadra inarrivabile e inavvicinabile. L'ha affrontata con il suo gruppo di uomini finalmente sereni e liberi da tante scorie, cui ha dato meccanismi e fiducia. E ha vinto ancora, due su due. La prima con l'episodio favorevole, la seconda senza. Solo con tanto tanto merito.

I rigori sbagliati contro Crotone e Roma, il palo e i salvataggi sulla linea contro l'Atalanta. L'aereo che non parte. Sembrava il solito Milan del circolo vizioso, dei social che sfottono, di una terra di mezzo senza vie d'uscita e senza luci in fondo al tunnel. Ecco invece che in una sola serata, il Milan mette tutti d'accordo, tutti in fila, tutti giù per terra. A Roma, l'errore due punto zero di Niang aveva chiarito che non era stata la pressione di Lapadula ad indurlo in errore contro il Crotone, mentre nella serie finale con la Juventus lo stesso Lapadula ha evidenziato di non essere uno specialista dei calci di rigore. Al di fuori di questo avvitamento negativo, hanno segnato tutti. Dal lucidissimo Bonaventura allo straordinario Suso, dall'inevitabile Kucka al predestinato Pasalic. Nella serie dei rigori di Doha, ci sono tre giocatori che hanno sbattuto in cantina una spianata strepitosa di luoghi comuni: Suso era il solito parametro zero, Kucka era l'amico di Preziosi, Pasalic invece aveva l'onore di essere il nuovo Van Ginkel. Tutte balle, poverine e anodine.

Quando, dopo i due tempi regolamentari, Marchisio parlava sul campo di Doha con gli occhi della vera Juve ad un Higuain poco convinto e poco coinvolto, si è intuito quello che stava per accadere. Al Pipita arrivavano pochi palloni, ma dall'anima della Juventus gli arrivava forte e chiaro un segnale: sei tu che devi muoverti in maniera diversa. Ci sono momenti in cui, quando non gioca allo Juventus Stadium, quella bianconera sembra una squadra scollegata, fatta di compartimenti stagni. Con vasi potenti e celebrati, ma tutt'altro che comunicanti. La società ha spostato lo scrigno della qualità dal centrocampo all'attacco. La forza nel mezzo è diventata, nella rosa, la potenza della trazione anteriore. Poi però sul campo succede che i muscoli da soli non vanno lontano. E' un centrocampo che lotta, che si inserisce, ma che pensa tremendamente poco quello juventino di oggi, che non dispone della valigetta con i codici e i tempi di gioco delle partite. E quando il gioco si fa complicato e cerebrale, lontano da quello Stadium che nasconde tanti problemi, lo si vede a occhio nudo.

Quanto mancava al Milan e al calcio italiano. Un'ala tecnica, di spunto, che ingaggia duelli a non finire. Fino a che il suo diretto marcatore non osa nemmeno portargli il contrasto. E all'ennesimo scatto, sembra che dica: ancora?! Ma ne hai ancora?! Sì, Suso ha avuto scatti, spunti, affondi, cross e assist per 105 minuti. E al suo calo nel secondo tempo supplementare, è venuta fuori la Juventus sul finale. Ma Suso è tutta la stagione che segna, crea, costruisce, determina e decide. Suso, il parametro zero. Quello che arriva a Milanello e l'allenatore di turno sembra dire, ma pensa te, ma chi mi hanno mandato?! Sì, lui Suso, quello che in una amichevole di Marzo con dieci spettatori al Mapei di Reggio Emilia folgore il presidente Berlusconi in amichevole contro la Reggiana. Non sappiamo se la sua partita di ieri sia paragonabile a quella di un Bruno Conti o di un Donadoni, ma nella serata dell'impresa milanista è bello pensare che possa essere proprio così. Il problema di Suso in fondo sono le quattro lettere del suo cognome. Fossero sette o otto come quelle di qualche dirimpettaio milanese, allora sai che titoli sui giornali. Ma Suso è un ragazzo che non ci bada. Lui prende la palla, saluta la compagnia e punta la porta. Il resto è roba da social.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, Berlusconi takes it all. Il 4-3-3 di Montella. Mercato, il grande centravanti. Napoli, Mertens a Manchester 15.04 - Il bene di famiglia non è più della famiglia, ma non tutto è perduto. Silvio Berlusconi è entrato, salutatissimo presidente della Storia rossonera, nel mito uscendo dalla quotidianità, il suo caro amico fidato Paolo Scaroni siede nel Cda di Casa Milan, sua figlia Barbara presiede...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Nuovo Milan, ecco i piani di mister Li. Contratto a Donnarumma, risanamento e la borsa. Ma nel 2018 servono 350 milioni. Juve, Dybala simbolo di un grande progetto 14.04 - Tra nostalgia e qualche rimpianto, Berlusconi saluta il Milan con le lacrime agli occhi. Mancherà a tutti. Umano, molto umano. Ma, signori è fatta. Alla faccia di tutti quelli che fino all’ultimo hanno messo in dubbio perfino l’esistenza di Mister Li Yonghdong. Da ieri il Milan...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Champions, closing (Milan), rinnovi (Dybala) e panchine (tutti) 13.04 - A guardare i risultati delle altre l'impresa della Juve è ancora più rotonda. Nessuna delle magnifiche otto ha ottenuto un risultato così schiacciante, le altre grandi (Real a parte forza - ma se Vidal non avesse sbagliato il rigore...) scoprono di avere dei punti deboli e la Juve...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.