HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus agli ottavi: ora può arrivare fino in fondo in Europa?
  Sì, la squadra ha le possibilità di tornare a giocarsi la Champions
  No, è presto per fare certi giudizi e servirà un mercato invernale importante
  Sì, col rientro progressivo degli infortunati la squadra è da titolo
  No, troppa la differenza con le big spagnole, inglesi e tedesche

TMW Mob
Editoriale

Allegri, la rivincita di Marotta e il fallimento di Galliani. Milan, vendere unica soluzione. Il sistema non sta in piedi: l’80% dei club italiani non in regola

Direttore di Tuttomercatoweb e Sportitalia
04.05.2015 00.00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 70285 volte
© foto di Balti Touati/PhotoViews

La Juventus vince il quarto scudetto consecutivo e nessuno se ne è accorto. Un brindisi negli spogliatoi di Genova, due foto su twitter e un comunicato sul sito. Champagne sì, ma senza bollicine ché c’è il Real Madrid alle porte. Vero, vincere aiuta a vincere ma diventa anche monotono. Lotti per un anno intero, alla ricerca di un traguardo, e quando lo ottieni con tanta semplicità neanche te lo gusti più. Immaginate se lo scudetto fosse andato a Roma o Napoli. Per tre mesi avrebbero festeggiato, un evento che si sarebbe trasformato in un pezzo di storia. Invece la Juventus non fa neanche più notizia. L’unica notizia è che i bianconeri vincevano non per merito di Conte ma per merito di un’organizzazione societeria che ha dato solidità e concretezza al progetto. Il calcio è divino. Quello che dici oggi non vale domani. Allegri non lo volevano a Torino, Marotta era un ebete che aveva fatto scappare Conte e dopo 9 mesi il parto. Conte è un traditore che non serviva a nulla perché vinceva grazie allo squadrone, Marotta vince sempre e le indovina tutte e Max Allegri ha le palle (cit Andrea Agnelli). La verità è che quando una squadra vince, lo fa perché la società è forte alle spalle. L’allenatore da solo non fa miracoli e non li fa neanche la squadra. Prendete l’esempio in B del Carpi. Castori è stato un grande ma il vero vincitore è Cristiano Giuntoli che negli anni ha costruito un gioiellino. Marotta, vecchio amico di Galliani, gli ha rubato tutti i trucchi del mestiere e ha vinto con gli scarti del Milan: Allegri esonerato e Pirlo rottamato. Di questo passo, la Juventus può vincere in Italia per altri 3-4 anni. Roma e Napoli hanno bisogno di rinforzi eccellenti, le milanesi (soprattutto l’Inter) stanno progettando ma serve ancora tempo ed il Milan è troppo indietro per pensare ad un futuro prossimo da vincente. La Juve ha vinto, comunque vada, con il Real Madrid. Due cose, da qui alla fine, sono fondamentali. Non uscire con risultati clamorosi dalla Champions, che sia in semifinale o finale, e vincere la Coppa Italia con la Lazio, Una cosa possiamo dirla: che noia questo campionato. Il peggiore degli ultimi anni, con verdetti scritti troppo in anticipo. Guardare la serie A ha lo stesso pathos del finale di “Mamma ho perso l’aereo” alla 125esima replica natalizia. Speravamo di divertirci con la lotta salvezza, nulla! Parma, Cesena e Cagliari ci hanno abbandonati prima del tempo. Ci resta la corsa Champions tra Roma, Lazio e Napoli. Vabbè, questo passa il convento. Ci siamo rifatti in Europa, allora, aspettiamo la settimana e non il week end. Tifiamo ad una clamorosa doppietta che sarebbe storica, nell’anno più mediocre del nostro campionato. Il teatrino Milan ancora non è finito. Berlusconi non vuole lasciare da perdente e lui che è sempre un giga avanti li ha incartati tutti. Mr Bee ha fatto la figura del turista per caso, a Milano, Fininvest ha messo i puntini sulle i e i cinesi navigano a vista per capire se davvero, un giorno, Berlusconi vorrà passare la mano. Vendere è l’unica soluzione, per cercare di portare liquidità e capitali freschi all’interno del club; Fininvest non può continuare a perdere milioni e milioni dietro al calcio e i tempi sono cambiati. Ci vogliono tanti soldi per ricostruire il Milan e, forse, Berlusconi non ha voglia, liquidità e soprattutto tempo. La situazione è drammatica per i tifosi. Un altro anno così, senza investimenti seri farebbe perdere l’ennesimo treno ai rossoneri. L’assenza in Europa è, ogni stagione, sempre più una catastrofe. Andare avanti con i tentativi, Seedorf e Inzaghi, non porta a nulla. In Italia il sistema non sta più in piedi. C’è poco da fare. Sabato sera Sassuolo-Palermo sembrava una partita di Lega Pro. Stadio vuoto, silenzio assoluto e pensare che quella partita era stata venduta anche all’estero. La Serie A ha perso notevolmente valore. Le piccole società che arrivano in serie A sono un esempio e un modello gestionale da seguire, quindi, il problema non sono loro, ma l’assenza delle grandi piazze porta ad un campionato sempre meno interessante. Non ci sono più colori né stadi pieni. Ripetiamo: il problema non sono i piccoli club ma una volta arrivavano in serie A uno alla volta e nascevano i miracoli Ascoli, Avellino, Messina, Pisa e Catania. Adesso ci ritroveremo un campionato con Chievo Verona, Sassuolo, Empoli, Carpi, forse il Frosinone… Lotito esprime male i suoi concetti ma rende l’idea. Club senza stadi o con stadi piccolissimi non aiutano a far crescere il sistema. Non possiamo permetterci una serie A senza i 60.000 di Bari, i 35.000 di Bologna, i 30.000 di Catania e così via. Il problema è come sempre a monte. Chi gestisce questo calcio non sa nulla di calcio. Andiamo per gradi, come stiamo facendo tutte le settimane. L’80% dei club italiani non è in regola, con modalità o tempistiche di pagamento. La Giustizia sportiva è un disastro e, come dice saggiamente il Prof Sandulli, è tutto da riformare. Non possiamo aspettare che, per puro caso, il Parma centri l’Europa League e viene bocciato dall’Uefa, per questo in Italia veniamo a sapere che a Parma qualcuno ha fatto disastri. Non possiamo iscrivere al campionato di serie B squadre con 25 e 12 milioni di euro di debiti, sperando che in 9 mesi arrivi lo Spirito Santo a salvarle, invece, puntualmente retrocedono dalla B alla Lega Pro per le montagne di debiti che hanno e per le penalizzazioni che devono scontare. Vedete dove sono Brescia e Varese, due club che non potevano iscriversi al campionato di serie B. Una volta si contavano le società con bilanci non in ordine, oggi, facciamo prima a verificare i club che pagano puntuale, senza giochi di prestigio e con i conti in ordine. Lazio, Juventus, Napoli, Udinese, Entella, Benevento, Salernitana, Fiorentina, Sassuolo, Empoli e pochi altri fortunati. In sintesi: esiste una sola vera riforma per far nascere il nostro calcio. La A a 18, B a 20 e Lega Pro con due gironi da 18. Tutti il resto a casa, per rendere davvero questi campionati professionistici. La Lega Pro oggi è messa peggio dei Dilettanti; almeni lì hanno privilegi fiscali non essendo Pro.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve, Verratti nel mirino. Il Lione libera Tolisso. Il Real non fa paura ma Allegri deve far giocare Higuain, Mandzukic e Dybala. Roma, Strootmann indifendibile. Napoli: 26 milioni per Kalinic. Milan, niente mercato 09.12 - Il primo posto nel girone di Champions era un obiettivo e la Juve l’ha conquistato, cosa volete di più? Su questo Allegri ha ragione. E, pensando al sorteggio, è altrettanto vero che se ti chiami Juventus e vuoi andare avanti devi mettere in conto che prima o poi squadre...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan senza closing che cambia? I dilemmi dell'Inter, Napoli arriva l'attaccante... A Torino (tutti) cercano un centrocampista 08.12 - Arrivato dicembre, il freddo, gli addobbi di Natale. Significa che è di nuovo mercato. Operativo. Non come avrebbe voluto il Milan. Il closing fra una settimana non ci sarà: di nuovo un rinvio, stavolta fino al 3 marzo, ancora una volta a mercato chiuso. Ancora una volta una...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Messi-Inter? Parliamo di Gabigol... Milan, tre al prezzo di uno! Dopo Drogba, ecco Eto'o e Tevez 07.12 - Sono anni, forse decenni, che mi interrogo sul perché attorno all'Inter succeda sempre qualcosa che ti lascia a bocca aperta, sbigottito, spesso incredulo. Perché si è solo ipotizzato un possibile matrimonio tra Messi e l'Inter? Non siamo più ai tempi in cui Moratti,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

 Juve: Allegri ha un'idea per il presente, Marotta pensa al futuro: ecco il (super) colpo per l'estate! Inter: la "bomba Simeone" nasconde una verità. Milan e il closing in ritardo: così cambia il mercato. Napoli: occhio a Pavo... 06.12 - Ciao. Volevo commentare insieme a voi gli esiti del referendum, ma mentre ci pensavo mi si è materializzata in testa l'immagine di Brunetta che esulta e se la tira come se avesse qualche merito. Mi sono spaventato. Sono cose più grosse di me: i referendum, non Brunetta....

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, un consiglio a Piero: occhio al tuo "miglior nemico". Udinese, 120 anni di storia e 30 anni di come si fa mercato. Il Verona primo e brutto, l'Alessandria ha già fatto il check-in 05.12 - Mi e vi devo fare una promessa: in questo mio spazio del lunedì non parlerò più del closing Milan fino alla firma del contratto, alla stipula davanti al notaio, ai comunicati ufficiali e alle foto di rito. Anche se dovessero arrivare altri 100 milioni di euro dalle banche...

EditorialeDI: Andrea Losapio

401 milioni di euro spesi sul mercato per non vincere nulla: l'Inter è un fallimento conclamato. Closing parola dell'anno a Milano. La fortuna aiuta gli audaci, come Conte 04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, trovato l'uomo per la difesa! Inter, ma Gabigol? Drogba è libero... 30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.