HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Magazine
SONDAGGIO
Grandi bomber in Italia: chi la spunterà come capocannoniere?
  Vincerà Dzeko, è il centravanti più in forma della Serie A
  La spunterà ancora Higuain, è il goleador della squadra più forte
  Il trono tornerà ad un italiano, la rivelazione Belotti
  La sorpresa sarà totale: vincerà il falso nove Mertens
  Il titolo tornerà ad Icardi, già re dei bomber nel 2015

TMW Mob
Editoriale

Allegri: non scappo, non resto. Di Francesco: Malesani e la confusione. Monaco: giù le mani da Trap e Monto. Milan: sano realismo

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
02.04.2016 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 24537 volte

Non vogliamo titillare a tutti i costi Massimiliano Allegri, persona bella e simpatica e ottimo allenatore. Ma il suo "non scappo" di ieri lascia dei dubbi. Non scappo, ovvero se ci sarà da spiegarvi qualcosa sarò qui a farlo. Senza misteri ma anche, in questo momento, senza certezze. Non scappo, non significa firmo, non significa resto, significa, forse, non voglio ripetere l'errore del pre Milan-Atalanta e quindi non dico nulla. A volte la situazione odierna fra Allegri e la Juventus ci ricorda quella fra Allegri e il Milan subito dopo la storicamente clamorosa vittoria del #MilanSenzaIbraeSenzaThiago del Febbraio 2013 a San Siro, 2-0, contro il Barcellona di Messi. Adesso firma, adesso firma, adesso firma...e invece niente rinnovo, sconfitta nel ritorno a Barcellona e undici mesi dopo quella vittoria pazzesca Allegri esonerato dal Milan. La firma è un attimo che va colto, finchè non arriva alimenta ipotesi e scenari. Il tecnico della Juventus conosce perfettamente questi aspetti.

Formalmente Di Francesco non fa nomi. Quindi nessuno al Milan si è sentito punto nel vivo e nessuno replica. Un modo sereno di fare spallucce, ma sempre spallucce sono. Al Milan c'è dialettica e movimento? Nessuno in casa rossonera lo nega, ma Di Francesco non può non sapere che questa è la natura del calcio. Il suo brillante ciclo al Sassuolo è nato proprio dalla confusione. L'ultima squadra allenata da Alberto Malesani è stata proprio il Sassuolo. Per cinque partite, dopo Di Francesco e prima del ritorno dello stesso Di Francesco, cinque sconfitte, porte girevoli in panchina, caos allo stato puro. Eppure adesso va tutto bene, la confusione va e viene, anche il nervo scoperto può essere presagio di momenti più confusi che, nel calcio, possono sempre sbucare da un momento all'altro dietro ogni angolo.

Non vogliamo essere piccati o assumere le sembianze di un disco rotto. O di una spuntata difesa d'ufficio. Ma al netto della modesta prestazione dell'Italia a Monaco, la prestazione di Riccardo Montolivo non è stata vista o valutata per quel che è stata. Molti avevano già deciso di giudicarla negativamente, la partita di Riccardo, ancor prima di scendere in campo. I social se ne sono appropriati per partito preso, per cattiveria allo stato brado. Ha giocato palla in avanti Riccardo a Monaco, pensate cosa riusciamo a scrivere. Presente nei flussi di gioco, attivo nei tentativi di chiusura, fluido e lineare per quel che si poteva in quel contesto. Non a caso Conte lo ha tenuto in campo 90 minuti e a fine gara ha parlato lui a bordo campo. Non stiamo parlando della prestazione della vita, ma il prevenuto accanimento anti-Riccardo ha dimostrato una volta di più quanto il nostro sia parafulmine. Prima di Buffon, di Bonucci, di Darmian, di Acerbi, di Motta, di Florenzi, di Bernardeschi, di Insigne e di Zaza sono andati a prendere e colpevolizzare lui. Sbagliato, ingiusto, a orologeria. Stesso discorso per il Trap. Lo sproloquio è stato da tempo non sono sdoganato ma anche usato a sproposito. Se al Trap capita di usarlo perché partecipa emotivamente al commento come fosse in panchina, ma ben venga. Che sia. Avanti Trap.

Non è autarchia, ma esercizio di sano realismo quello del presidente Berlusconi sul Milan giovane e italiano. E' la realtà con cui bisogna fare i conti e che va affrontata. Non fa sognare, non sana le ferite degli ultimi anni, non manda a nanna in sollucchero i tifosi rossoneri. Forse. Ci sta. Ma è una cosa detta con chiarezza, una linea precisa di indirizzo. Che già fa peraltro parte della realtà attuale del Milan. Da Donnarumma a Romagnoli, da Abate e Antonelli a De Sciglio e Calabria, da Bonaventura a tutti gli altri: ad ogni gara il Milan scende in campo con una media di 7/11 italiani. E i giovani continuano a crescere. Locatelli è il leader dell'Italia Under 19 fra le 8 migliori d'Europa, De Santis (difensore centrale da 10 gol quest'anno in Primavera) e Crociata ieri hanno prolungato al 30 Giugno 2018. Non sappiamo se questa sia o meno confusione, ma poche ore dopo un progetto annunciato e sostenuto dal presidente Berlusconi due giovani italiani si legano al Milan per altri due anni. L'italianità del Milan torna ciclicamente al centro del dna rossonero nei momenti in cui è necessario mettersi a testuggine, alzare la guardia, tenere duro, fare gruppo e andare avanti.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Il futuro di Allegri, Sousa, Spalletti, Sarri e la carta Ranieri: novità e previsioni su uno dei più grandi domini degli allenatori del calcio italiano 26.02 - Mentre il Napoli ha ufficialmente detto addio ai sogni Scudetto, la Juventus vola spedita verso l'ennesimo titolo. Sì, dietro c'è la Roma, arrembante, vigorosa, ma la sensazione è che per l'ennesima volta la proprietà americana resterà a bocca asciutta mentre a festeggiare sarà Massimiliano...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Allegri-Bonucci: tutta una finta! Il 3 Marzo del Milan, il 24 Febbraio della Roma. Arbitri: Carnevali come Donadoni. 25.02 - Ci avevano convinto. Erano stati proprio bravi. In diretta, il primo commento di pelle alle "parole grosse" fra Allegri e Bonucci, era stato "non è per forza un male". Ma l'approfondimento, forse solo una battuta..., era stato ancora meglio: "Hanno fatto finta di litigare, visto che...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sousa verso l'esonero, disastro Fiorentina. E adesso Kalinic può andare in Cina. Ranieri finito il fattore C. Allegri, ecco perché andrà via. Dybala firma fino al 2021 24.02 - Succede l’incredibile a Firenze. La Fiorentina in vantaggio per 2-0 dopo l’1-0 dell’andata, si fa battere 4-2. Un crollo verticale di una squadra che chiude la stagione qui, a febbraio: fuori da tutto. E adesso? Dopo la contestazione a caldo, allo stadio, nella notte c’è stato un...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve d'Europa non si ferma neanche sul mercato, Bacca ancora Cina, l'Inter guarda alla Roma e al futuro 23.02 - Promossa. A pieni voti. La Juventus versione Europa viaggia, come in campionato. Uno 0-2 pesante sul campo sempre delicato del Porto, il modulo offensivo confermato da Allegri senza timori e la tensione con Bonucci già alle spalle: la Juve risponde con una vittoria importante, fondamentale,...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan, un ex Juve per l'attacco... Inter-Berardi, passi avanti! Roma, troppe parole sullo stadio. Napoli, Sarri deve restare 22.02 - Forse neppure Beautiful, mitica soap opera statunitense (in onda dal 1987…), è durata di più. Il tanto agognato closing pare alle porte. Finalmente il Milan scoprirà i suoi nuovi capi e, altrettanto finalmente, ci comincerà a pensare, in grande, per il mercato. Saranno due i primi,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve, Allegri e gli sfoghi: ecco cosa c'è dietro la multa a Bonucci. Milan: 2 cose sui cinesi (ma occhio al "boicottaggio"). Inter: decisioni prese e da prendere a prescindere dalla Champions (e Pioli...). Napoli: c'è il "patto"  21.02 - Ciao. Vogliamo stupire De Laurentiis. Lui e quelli che non credono in noi. Noi abbiamo la "cazzimma" e lo dimostreremo compilando il primo editoriale "a caso" della storia. Partiamo dalle cose importanti: le marchette. Questa settimana ne abbiamo raccolte cinque. (Le marchette...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Svolta Milan: Fassone e Mirabelli, ecco cosa c'è in agenda. De Laurentiis, squadra e mister in pubblico vanno sempre difesi. Figc, Tavecchio 60%-Abodi 40%. E quell'assalto a Renzo... 20.02 - Il calcio è strano e per questo ci piace così tanto. Zeman torna a Pescara e in un colpo solo consente di festeggiare il primo successo sul campo agli abruzzesi e fa più gol lui in 90 minuti che Oddo in un girone e mezzo. Il Torino è durato 3 mesi poi Sinisa si è squagliato come già...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

De Laurentiis, lo sai che hai affrontato Modric e CR7 al Bernabeu? Marotta, Verratti come Higuain: si migliora solo con un'altra 'follia'. Rodriguez, trattativa alla Perisic: dettagli e retroscena di una lunga maratona 19.02 - Ma cosa si aspettava De Laurentiis? Mercoledì sera, in attesa dell'arrivo di Sarri nella sala stampa, ammetto di essere rimasto spiazzato dalle dichiarazioni del presidente del Napoli. Stupito. E mi sono presto accorto che non ero l'unico. Venivamo da giorni in cui il numero...

EditorialeDI: Mauro Suma

Simeone-Juve e Conte-Inter, le ultime dal fronte. De Laurentiis non protegge il Napoli di Madrid. Milan, il lavoro di Montella. C'è Valeri, ma il Milan deve stare calmo 18.02 - Sognare e ipotizzare non cosa nulla. E soprattutto può essere utile ad uscire, finalmente, non se ne può più, dall'ultimo Juventus-Inter. Nella speranza che non ci siano più dettagli e pagliuzze da esaminare per intere trasmissioni di quella partita, i tifosi bianconeri e nerazzurri...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sarri prigioniero del Napoli, divorzio impossibile. Chelsea accelera per Bernardeschi, ieri mezza Europa a seguire l'asso viola. Milan, pronti cento milioni per il mercato. Spalletti prima scelta per la Juve 17.02 - Le accuse a Sarri, inaspettate e immotivate, del presidente De Laurentiis (con due i, mi raccomando) hanno fatto saltare in aria lo spogliatoio del Bernabeu e trasformato una onesta sconfitta in un’altra drammatica puntata della serie "I due nemici". E adesso cosa succederà? Ho...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.