HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Doppio confronto Napoli-Juventus: come finirà?
  La Juve vincerà entrambe le gare
  Il Napoli avrà la meglio in entrambe le sfide
  La Juve mantiene il vantaggio in A ma perde in Coppa
  Il Napoli recupera in A ma esce in Tim Cup

TMW Mob
Editoriale

Allegri: non scappo, non resto. Di Francesco: Malesani e la confusione. Monaco: giù le mani da Trap e Monto. Milan: sano realismo

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
02.04.2016 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 24559 volte

Non vogliamo titillare a tutti i costi Massimiliano Allegri, persona bella e simpatica e ottimo allenatore. Ma il suo "non scappo" di ieri lascia dei dubbi. Non scappo, ovvero se ci sarà da spiegarvi qualcosa sarò qui a farlo. Senza misteri ma anche, in questo momento, senza certezze. Non scappo, non significa firmo, non significa resto, significa, forse, non voglio ripetere l'errore del pre Milan-Atalanta e quindi non dico nulla. A volte la situazione odierna fra Allegri e la Juventus ci ricorda quella fra Allegri e il Milan subito dopo la storicamente clamorosa vittoria del #MilanSenzaIbraeSenzaThiago del Febbraio 2013 a San Siro, 2-0, contro il Barcellona di Messi. Adesso firma, adesso firma, adesso firma...e invece niente rinnovo, sconfitta nel ritorno a Barcellona e undici mesi dopo quella vittoria pazzesca Allegri esonerato dal Milan. La firma è un attimo che va colto, finchè non arriva alimenta ipotesi e scenari. Il tecnico della Juventus conosce perfettamente questi aspetti.

Formalmente Di Francesco non fa nomi. Quindi nessuno al Milan si è sentito punto nel vivo e nessuno replica. Un modo sereno di fare spallucce, ma sempre spallucce sono. Al Milan c'è dialettica e movimento? Nessuno in casa rossonera lo nega, ma Di Francesco non può non sapere che questa è la natura del calcio. Il suo brillante ciclo al Sassuolo è nato proprio dalla confusione. L'ultima squadra allenata da Alberto Malesani è stata proprio il Sassuolo. Per cinque partite, dopo Di Francesco e prima del ritorno dello stesso Di Francesco, cinque sconfitte, porte girevoli in panchina, caos allo stato puro. Eppure adesso va tutto bene, la confusione va e viene, anche il nervo scoperto può essere presagio di momenti più confusi che, nel calcio, possono sempre sbucare da un momento all'altro dietro ogni angolo.

Non vogliamo essere piccati o assumere le sembianze di un disco rotto. O di una spuntata difesa d'ufficio. Ma al netto della modesta prestazione dell'Italia a Monaco, la prestazione di Riccardo Montolivo non è stata vista o valutata per quel che è stata. Molti avevano già deciso di giudicarla negativamente, la partita di Riccardo, ancor prima di scendere in campo. I social se ne sono appropriati per partito preso, per cattiveria allo stato brado. Ha giocato palla in avanti Riccardo a Monaco, pensate cosa riusciamo a scrivere. Presente nei flussi di gioco, attivo nei tentativi di chiusura, fluido e lineare per quel che si poteva in quel contesto. Non a caso Conte lo ha tenuto in campo 90 minuti e a fine gara ha parlato lui a bordo campo. Non stiamo parlando della prestazione della vita, ma il prevenuto accanimento anti-Riccardo ha dimostrato una volta di più quanto il nostro sia parafulmine. Prima di Buffon, di Bonucci, di Darmian, di Acerbi, di Motta, di Florenzi, di Bernardeschi, di Insigne e di Zaza sono andati a prendere e colpevolizzare lui. Sbagliato, ingiusto, a orologeria. Stesso discorso per il Trap. Lo sproloquio è stato da tempo non sono sdoganato ma anche usato a sproposito. Se al Trap capita di usarlo perché partecipa emotivamente al commento come fosse in panchina, ma ben venga. Che sia. Avanti Trap.

Non è autarchia, ma esercizio di sano realismo quello del presidente Berlusconi sul Milan giovane e italiano. E' la realtà con cui bisogna fare i conti e che va affrontata. Non fa sognare, non sana le ferite degli ultimi anni, non manda a nanna in sollucchero i tifosi rossoneri. Forse. Ci sta. Ma è una cosa detta con chiarezza, una linea precisa di indirizzo. Che già fa peraltro parte della realtà attuale del Milan. Da Donnarumma a Romagnoli, da Abate e Antonelli a De Sciglio e Calabria, da Bonaventura a tutti gli altri: ad ogni gara il Milan scende in campo con una media di 7/11 italiani. E i giovani continuano a crescere. Locatelli è il leader dell'Italia Under 19 fra le 8 migliori d'Europa, De Santis (difensore centrale da 10 gol quest'anno in Primavera) e Crociata ieri hanno prolungato al 30 Giugno 2018. Non sappiamo se questa sia o meno confusione, ma poche ore dopo un progetto annunciato e sostenuto dal presidente Berlusconi due giovani italiani si legano al Milan per altri due anni. L'italianità del Milan torna ciclicamente al centro del dna rossonero nei momenti in cui è necessario mettersi a testuggine, alzare la guardia, tenere duro, fare gruppo e andare avanti.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: polemiche a raffica, un arrivo e un solo vero pericolo. Milan: la svolta, le ultime sul closing e i segreti di Mr Li. Inter: si sogna un colpo da sceicchi (ma occhio alle bufale)! Napoli sospeso tra Sarri e Higuain 28.03 - In quel tempo c'era la pausa per la Nazionale. E la pausa per la Nazionale portava polemiche sterili e invenzioni di mercato. E tu chiamavi i direttori sportivi e chiedevi "si parla molto di mercato, dimmi tutto!". E loro: "C'è la pausa per la nazionale, siamo in vacanza, vatti a...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Le infiltrazioni mafiose nel calcio e i falsi moralisti. Milan, dopo la colletta il problema sarà di Mirabelli. Verona, comunque andrà sarà un fallimento! Foggia, da De Zerbi a Stroppa il vero vincitore è Di Bari 27.03 - Quando c'è la Nazionale bisogna cercare altre notizie, altrimenti televisioni e giornali chiudono. Si punta sul mercato o su questioni extra. Hanno aiutato, in questa fase, il closing del Milan e le indagini della Procura Federale sulle intercettazioni della Juventus. Se a fare i...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il closing del Milan: la figura di Yonghong Li e tutti gli scenari futuri del club. Valzer delle panchine: tanto ruota attorno a Spalletti. Tutti i colpi delle grandi da Bernardeschi a Manolas fino a Kessie 26.03 - Forse, ci siamo. Il Milan sta per diventare del misterioso Yonghong Li in... Prestito con obbligo di riscatto. Già. Perché i soldi per il closing arriverebbero al broker cinese dagli Stati Uniti, dal fondo Elliott, che finanzierebbe così la chiusura del passaggio del club. Li è rimasto...

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.