HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Allegri, serve coraggio. Dybala deve giocare, è la coppia Morata-Mandzukic che non funziona. Milan tiene Mihajlovic e aspetta Conte. Inter, i conti non tornano

Giornalista professionista e scrittore, editorialista del Quotidiano Sportivo che ha rifondato e diretto per cinque anni. Opinionista radio e tv. Twitter @EnzoBucchioni
23.10.2015 19.48 di Enzo Bucchioni   articolo letto 86305 volte
© foto di Federico De Luca

Dybala dentro? Dybala fuori? E' questo l'interrogativo che sta turbando le notti bianconere di Allegri. E il tecnico ha preso la strada più facile: non decidere. O meglio, decidere per un dentro-fuori che non aiuta né la crescita né l'inserimento di questo talento pagato 40 milioni di euro e dico poco.

Il pareggio in Champions con il Borussia ha riproposto i soliti problemi della Juventus, uguali a quelli del campionato, vale a dire la difficoltà di fare gioco e trovare spazi negli ultimi trenta metri. Di muovere palla con intelligenza e velocità. Se in Europa il problema era stato mascherato grazie a due squadre scellerate come il City e il Siviglia che hanno offerto alla Juve il contropiede e grandi spazi, quando è arrivata una squadra come il Borussia M. che si difende bene e chiude le linee di passaggio, le difficoltà sono diventate uguali a quelle del campionato.

Proprio per questo un giocatore come Dybala, rapido, capace di saltare l'uomo, imprevedibile nell'ultimo passaggio, dovrebbe ormai trovare un posto fisso. Ha fatto bene Allegri a inserirlo gradualmente, a insegnargli cosa significa essere alla Juve, ma ormai la gavetta l'ha fatta e pochi minuti in tutte le gare non lo aiutano. Dybala deve giocare con continuità. Se il turn-over deve essere fatto, riguarda invece Mandzukic e Morata, due giocatori individualisti, egoisti, che difficilmente riusciranno a dialogare e lo si è visto chiaramente anche l'altra sera.

In un attacco a due la coppia giusta è Dybala più uno degli altri due. In un attacco a tre è diverso. Se Morata accetta di fare l'esterno e si sacrifica può essere una soluzione con Cuadrado a destra e Mandzukic in mezzo, ma comunque sarebbe una Juve sbilanciata.

Era chiaro già in estate che senza un centrocampista come Pirlo capace di lanciare lungo e di cambiare gioco, senza il trequartista non arrivato dal mercato, questa squadra avrebbe faticato a trovare soluzioni offensive. Marchisio, Khedira e Pogba sono centrocampisti importanti, ma tutti di gamba, di geometria. Ecco allora che un giocatore diverso serve. E non può essere neppure Cuadrado se viene usato come esterno nel 3-5-2, al massimo quando salta l'uomo può andare al cross.

Allora da Allegri mi aspetto soluzioni tattiche e moduli diversi. Il 4-3-2-1 con Cuadrado e Dybala dietro l'unica punta può essere una soluzione. Ma una intuizione decisiva potrebbe anche essere Dybala vertice alto del rombo se mentalmente viene preparato e istruito, il ragazzo ha tanta voglia, con Morata e Mandzukic davanti e Cuadrado abbassato sulla linea dei terzini dove ha giocato spesso e bene.

Juve spregiudicata? In Europa molte squadre giocano in questo modo quando gli allenatori ottengono dai giocatori umiltà e disponibilità. Tanto nel mercato invernale sarà difficile portare a casa quel grande trequartista che Allegri vuole e per Tevez (comunitario o no, la soluzione si può trovare) dopo una prima analisi, crescono le perplessità sulle sue eventuali motivazioni per un ritorno. Insomma una Juve che ha bisogno di trovare coraggio perché in campionato per me è impossibile risalire, ma una chance ci può essere solo giocando in modo meno tattico e sfruttando più le qualità dei singoli che sono tante e varie.

Problemi diversi, ma alla fine simili, in campionato li ha pure il Milan. Dopo aver speso 100 milioni sul mercato e non potendosela prendere con Galliani come sarebbe giusto, Berlusconi avrebbe voglia di scaricare tutto su Mihajlovic. In effetti dall'allenatore mi aspettavo di più anch'io, ma evidentemente è dura chiedere umiltà e sacrificio ai giocatori rossoneri. Anche qui sarebbe il tempo delle scelte drastiche, magari andando contro il mercato. E i giocatori di maggiore personalità come De Jong dovrebbero giocare sempre, mentre di quelli banali come Montolivo forse si può fare anche a meno. Di sicuro, però, Mihajlovic non sarà esonerato. Cambiare tecnico ora servirebbe a poco e questo lo sa bene anche Berlusconi. L'operazione si farà a giugno e Galliani ha una missione sola da compiere ora: convincere Conte. Berlusconi vuole solo il Ct sulla panchina con tutte le sue forze. E' convinto che solo Conte possa far tornare squadra questo povero Milan. Contatti con l'entourage del Ct ci sono già stati e pregiudiziali non ne esistono, Conte ha deciso di lasciare la Nazionale dopo gli Europei e il Milan è di sicuro una delle piazze che più lo stimolano. Quando c'è da ricostruire dalle macerie, come successe con la Juve cinque anni fa, è una impresa che piace molto a Conte.

Sotto questo aspetto, Mancini non ha problemi. La sua Inter gioca bene a tratti, a volte meno bene, ma la squadra c'è. Anzi, a gennaio Thohir vuole tornare sul mercato. Dalla Francia ieri rimbalzava ancora con insistenza un interessamento per Lavezzi. Possibile. Intanto il gioiellino Pjaca, 20 anni, esterno d'attacco, è stato valutato dalla Dinamo Zagabria 25 milioni cash e il buon Ausilio un po' si è spaventato. Basta aspettare.

Meno spaventati dai conti dell'Inter sono alcuni tifosi e forse fanno bene. I soldi non sono mica loro e poi qualcuno (se scattasse l'allarme) ci penserà.

Ma chi ha la testa sul collo e ha letto due cifre del bilancio, non può stare cosi' sereno. E' chiaro che Thohir ha scommesso sulla conquista della Champions per puntare a un incasso di circa 50 milioni e rimettere la società nel circuito virtuoso del grande calcio che porta sponsor e soldi.

Se non dovesse riuscirvi? E poi: come mai Moratti ha messo il vendita il suo trenta per cento nonostante il folle amore per l'Inter? Un altro elemento da valutare. Forse Moratti teme un aumento di capitale prossimo venturo con suo pesante esborso senza contare nulla a livello societario.

E perchè Pirelli sta decidendo se mollare o meno la sponsorizzazione? E poi la domanda delle domande alla quale nessuno mi sa dare una risposta convincente: forse sono duro io, ma non ho ancora capito perché Thohir sia entrato nell'Inter fortemente indebitata (300 milioni) con le banche alle porte. Il suo ingresso per ora è servito a consentire la ristrutturazione del debito, ma quale interesse ha spinto il magnate indonesiano a imbarcarsi in una impresa in rimessa con un ritorno di immagine assolutamente irrisorio? Certi giocattolini (ammesso che sia così) non se li può più permettere nessuno.

Quelli che sanno di finanza spiegano che tutto torna, ma dentro certe scatole cinesi i debiti restano e il futuro legato ai successi sportivi mi sembra molto rischioso. Auguri.

Rischiosissima invece la posizione di Delio Rossi che resta alla guida del Bologna tristemente ultimo, solo perché i probabili-possibili sostituti nicchiano. Il Carpi deciderà il futuro del tecnico, almeno si dice, ma una vittoria cosa può cambiare?

La verità è che Guidolin ha rifiutato. Delneri è in parola con il Verona per il dopo Mandorlini. Donadoni ha dettato delle condizioni che per ora non sono state accettate, mentre sull'idea Prandelli ci sono fortissime perplessità dopo il crac mondiale che l'ha ferito, il flop con esonero dal Galatasaray e la sua capacità di rituffarsi nelle difficoltà e nelle tensioni del campionato italiano dal quale manca ormai da cinque anni. Altri in attesa sono De Carlo e Cavasin. Un bel dilemma, con il bolognesissimo Colomba sempre all'orizzonte

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il no per Tolisso, nasconde qualcosa di grosso (ma occhio ad Agnelli...). Milan: i fissati sulla questione cinese e un futuro grandi-nomi. Inter: occhio, arriva la "scelta di Pioli". Napoli: la "bellezza" della sofferenza 10.01 - Eccoci qua. Sono stato quattro giorni in ferie. In Valtellina. A mangiare pizzoccheri. La caratteristica dei pizzoccheri è che il primo giorno sono buonissimi, il secondo ti fanno venire l’acetone, il terzo cementano e al quarto non ci arrivi. Nel senso che muori. Siccome il 6 gennaio...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter-Gagliardini: avere i soldi non significa buttarli. Juve, batti un colpo da Juve. Ferrero, posa i fazzoletti. Basta con le mogli-addette stampa! 09.01 - Gasperini dovrebbe spiegare meglio il significato della frase: "Gagliardini non convocato per rispetto dell'Inter". E il rispetto per i tifosi dell'Atalanta dov'è? La verità è che il Mister ha sbagliato la risposta e avrebbe fatto più bella figura a dire la verità. Le parole che non...

EditorialeDI: Marco Conterio

Ferrero, Sarri & co: ora basta! Una decisione arbitrale sbagliata non può portare ancora a simili reazioni. Juventus, perdere Witsel non è un peccato. Roma, Feghouli bel colpo. Caso Kalinic: cifre folli, immobilismo viola e la reazione di Sousa 08.01 - Renzo Ulivieri, presidente dell'Assoallenatori, disse chiaramente che i tecnici arebbero dovuto evitare di parlare di decisioni arbitrali. E siccome nell'universo calcio, nel posto gara, i microfoni sono accesi anche per i presidenti, sarebbe stata cosa buona e giusta se quelle parole...

EditorialeDI: Mauro Suma

Merdeka e le Cayman, passi - Huarong e le Vergini, alt! Romagnoli out e Caldara in - Rincon: maquillage perfetto 07.01 - Dalle altre parti sono diventati bravi. Quando, qualche mese fa, il Corriere della Sera scoprì che le azioni Inter di Thohir erano in pegno alla finanziaria Merdeka, senza centralino telefonico e senza uffici, una sorta di società virtuale online alle Isole Cayman, tutto venne tacitato...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.