HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Magazine
SONDAGGIO
Grandi bomber in Italia: chi la spunterà come capocannoniere?
  Vincerà Dzeko, è il centravanti più in forma della Serie A
  La spunterà ancora Higuain, è il goleador della squadra più forte
  Il trono tornerà ad un italiano, la rivelazione Belotti
  La sorpresa sarà totale: vincerà il falso nove Mertens
  Il titolo tornerà ad Icardi, già re dei bomber nel 2015

TMW Mob
Editoriale

Allegri, solo soletto a Milano. Derby, Rocchi: malcostume italiano. Cassazione, Moggi: libero solo in Europa. Mihajlovic: il saltello di chi vede lungo

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
12.09.2015 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 45754 volte

Massimiliano Allegri ha presentato la sua app a Milano e non a Torino. Massimiliano Allegri ha presentato la sua app senza il contorno di dirigenti della Juventus, seguito comunque dalla bravissima e professionale Enrica Tarchi, ma alla presenza di un dirigente del Milan, Adriano Galliani. Cosa vuol dire? Tutto e niente, ma è certamente strano, curioso, inaspettato. Massimiliano Allegri non è l'ex allenatore del Milan. E' l'allenatore della Juventus, campione e supercampione d'Italia, vincitrice della coppa Italia e vice-campione d'Europa. Vero che l'ad Beppe Marotta era impegnato all'estero per le vicende ECA e UEFA, ma un po' più di Juventus e un po' più di Torino doveva esserci attorno ad Allegri. Dopo i distinguo e le sottili rettifiche sull'anno di transizione, ecco un altro particolare. Scollamento? Presto per dirlo e per pensarlo davvero. Ma, attenzione, nel calcio le crepe nascono dai piccoli dettagli e sempre nel calcio ci vuole molto a creare un blocco di granito a tutti i livelli, dal gruppo dei magazzinieri all'alta dirigenza, e basta poco per sfaldare tutto. Sensazioni, solo sensazioni.

Non saremo mai inglesi e sbagliamo a non esserlo. Ad ogni grande partita, il fuoco di sbarramento reciproco è un malvezzo italiano. Sbaglia chi da parte Inter ricorda le due espulsioni di Rocchi in Inter-Milan 2-0 del 2010 e sbaglia chi da parte Milan si sofferma su una statistica davvero sorprendente: Mancini mai sconfitto da allenatore nelle gare arbitrate da Rocchi e Milan che non vince da 13 gare con lo stesso fischietto fiorentino alla direzione della gara. Attenzione ad ambo le parti, perché Rocchi è un direttore di gara che sente le partite e se troppo strattonato alla vigilia e alle prese con qualche episodio difficile all'inizio della gara stessa, rischia di andare in emozione, in tensione, in sfiducia. Il derby di Milano è troppo patrimonio del calcio italiano ed europeo per rovinarlo preventivamente con le cattiverie sull'arbitro. Milano deve tenerlo presente. Milano, non una città qualunque: Milano.

Abbiamo cercato e ricercato. Spulciato e rispulciato. Nelle cronache del 10 Settembre, il giorno dopo la Cassazione calciopoliana. Moggi, Moggi, Moggi, Lotito, Della Valle. E ancora Moggi, Moggi, Moggi, Lotito, Della Valle. Abbiamo preso la lente d'ingrandimento, cercato il contropotere che ossessionava Guido Rossi e Francesco Saverio Borrelli. Cercato e ricercato. Niente, nemmeno un capello di Meani e un mugugno di Galliani. La Cassazione ha negato un ruolo al Milan e lo ha trasformato nel grande assente del redde rationem. E quelli per cui Berlusconi è ormai Cassazione, si sono trasformati al volo in quelli che ma che ne sa la Cassazione. Bene, non avevamo dubbi. Polemiche? Livore? Niente di tutto questo. Dio vede e provvede, è la filosofia, la fede. Tanto è vero che un anno dopo l'arancia meccanica di Calciopoli, il Milan ha vinto proprio i trofei in cui una spintarella dell'Altissimo è sempre necessaria: Coppa dei Campioni, Supercoppa Europea, Mondiale per Club. Il Milan, quel Milan. Che era libero di esprimersi per vincere davvero solo in Europa. Mai nessuna italiana è mai arrivata davanti al Milan in Europa in quei cinque anni, dal 2002 al 2007: Milan vittorioso in Champions nel 2003, Quarti di finale nel 2004, Finale nel 2005, Semifinale nel 2006 e ancora vittorioso nel 2007. Milan primo delle italiane, in Europa....in Italia no. In Italia c'era un altro strapotere. Ben diverso da quello del Milan e dello stesso buon presidente Giacinto Facchetti che il giudice Magi non può mai paragonare, e infatti non lo ha fatto, all'unico e vero Sistema. Piaccia o non piaccia ai moggiani di penna e di microfono: massimo rispetto sempre per la trasparenza di chi si dichiara, molto meno per chi tiene nascosto tutto dietro qualche sorrisetto.

Leonardo va all'Inter dopo 13 anni di Milan, il Sito ufficiale dell'Inter non nomina il Milan nella sua presentazione e non succede nulla, nessuno dice nulla. Sinisa Mihajlovic va al Milan dopo aver allenato la Sampdoria e dopo 4 anni ormai alle spalle di Inter, il Sito del Milan fa più o meno la stessa cosa e succede il finimondo. Mica è finita: Leonardo e Cassano si dimostrano uomini liberi rispettivamente nei confronti di Silvio Berlusconi e Adriano Galliani e sotto i pezzi, sotto le corrispondenza, si percepisce quel plauso che trasforma tutto in schiaffi al Milan. Sinisa Mihajlovic fa due saltelli sorridenti e per gioco, e diventa subito l'apostata che calpesta il passato e fa cose choc. Non è vittimismo. E' cronaca. I tifosi del Milan hanno capito che è la preparazione dell'ambientino per la sera del derby. Mihajlovic lo sapeva da due settimane. E' proprio da due settimane infatti che dice alla sua squadra di giocare il derby con una sola dote: il coraggio. Ci aveva visto lungo.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Svolta Milan: Fassone e Mirabelli, ecco cosa c'è in agenda. De Laurentiis, squadra e mister in pubblico vanno sempre difesi. Figc, Tavecchio 60%-Abodi 40%. E quell'assalto a Renzo... 20.02 - Il calcio è strano e per questo ci piace così tanto. Zeman torna a Pescara e in un colpo solo consente di festeggiare il primo successo sul campo agli abruzzesi e fa più gol lui in 90 minuti che Oddo in un girone e mezzo. Il Torino è durato 3 mesi poi Sinisa si è squagliato come già...
Telegram

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

De Laurentiis, lo sai che hai affrontato Modric e CR7 al Bernabeu? Marotta, Verratti come Higuain: si migliora solo con un'altra 'follia'. Rodriguez, trattativa alla Perisic: dettagli e retroscena di una lunga maratona 19.02 - Ma cosa si aspettava De Laurentiis? Mercoledì sera, in attesa dell'arrivo di Sarri nella sala stampa, ammetto di essere rimasto spiazzato dalle dichiarazioni del presidente del Napoli. Stupito. E mi sono presto accorto che non ero l'unico. Venivamo da giorni in cui il numero...

EditorialeDI: Mauro Suma

Simeone-Juve e Conte-Inter, le ultime dal fronte. De Laurentiis non protegge il Napoli di Madrid. Milan, il lavoro di Montella. C'è Valeri, ma il Milan deve stare calmo 18.02 - Sognare e ipotizzare non cosa nulla. E soprattutto può essere utile ad uscire, finalmente, non se ne può più, dall'ultimo Juventus-Inter. Nella speranza che non ci siano più dettagli e pagliuzze da esaminare per intere trasmissioni di quella partita, i tifosi bianconeri e nerazzurri...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sarri prigioniero del Napoli, divorzio impossibile. Chelsea accelera per Bernardeschi, ieri mezza Europa a seguire l'asso viola. Milan, pronti cento milioni per il mercato. Spalletti prima scelta per la Juve 17.02 - Le accuse a Sarri, inaspettate e immotivate, del presidente De Laurentiis (con due i, mi raccomando) hanno fatto saltare in aria lo spogliatoio del Bernabeu e trasformato una onesta sconfitta in un’altra drammatica puntata della serie "I due nemici". E adesso cosa succederà? Ho...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il peso della Champions e le panchine che iniziano i loro valzer con largo anticipo… 16.02 - Dobbiamo essere onesti e realisti. Il Napoli ha giocato con coraggio: ha guardato il Real negli occhi. Gli ha messo anche paura. Poi la qualità delle giocate (anche quelli “improvvisate” come il gol di Casemiro) e soprattutto la personalità e l’esperienza degli avversari ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Real Madrid-Napoli, il giorno del giudizio... Cassano, nessuno si fa avanti! C'è la fila per Allegri ma... 15.02 - Finalmente ci siamo. Oggi è il giorno della verità. Il blasonato Real Madrid, la squadra delle stelle, quella del Pallone d’Oro CR7, ospita, nel mitico Bernabeu, il bel Napoli di Sarri, ossia la compagine che gioca il miglior calcio in tutt’Europa. Una sfida “galattica”, un confronto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: le pulci al Pipita e l'ultima (scomoda) parola sul caso-arbitri. Inter: la "scoperta" di Pioli, un partente...Eun nuovo arrivo! Turbolenze Milan, strane telefonate, risposte sul campo: occhio alle scelte cinesi...Napoli: dimentica i complimenti 14.02 - Ciao. È finito Sanremo. Ha vinto uno che cantava con uno scimmione di fianco. Davvero bravo (anche il cantante). Sanremo è incredibile perché puoi avere tutte le rotture di balle del mondo ma fa niente "tanto c'è Sanremo". "Mamma hai cambiato le pile del polmone d'acciaio della...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Forza Napoli, regalaci la notte perfetta! Juve-Ascoli e il paradosso di mercato. Toni, ti presento Avellino. Abodi contro Tavecchio: la scimmia nuda balla 13.02 - Se dieci anni fa avessero detto a Gabbani che, sul palco dell'Ariston, uno contro uno avrebbe battuto Sua Maestà Mannoia, anche lui si sarebbe messo a ridere. Invece i tempi cambiano e, a volte, i miracoli esistono. Se il Napoli non si presenterà battuto al Bernabeu, il pronostico...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Juventus-Inter, una rivalità che si estenderà al mercato. Il Beijing vale più del Milan. Napoli e Roma hanno perso la loro occasione, a meno che non arrivi una Superlega. Gomez, ma dove vai? 12.02 - A metà gennaio il Beijing Guoan, club di Pechino, è stato venduto al gruppo immobiliare Sinobo Land per 3,6 miliardi di yuan. Poiché le quote acquistate erano del 64%, virtualmente la società cinese ne vale ben 2 in più. Significa che il valore intero è di circa 754 milioni di euro,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Juve-Inter: Andrea, il grande assente Deulofeu: peccato per Rabiot e Pjaca Sosa: M'Vila e Felipe Melo Radja: l'odio, no! Bernabeu: forza Napoli! 11.02 - Non è un derby, c'è qualcosa di molto più acre. Lo sappiamo per esperienza, ad esempio fra Milan e Inter: dopo un derby vero, gli sbertucciamenti e le frecciate durano al massimo 24 ore. Quella fra Juventus e Inter è ben altro, è un guanto si sfida di potere. La posta in palio non...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.