HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Allegri, solo soletto a Milano. Derby, Rocchi: malcostume italiano. Cassazione, Moggi: libero solo in Europa. Mihajlovic: il saltello di chi vede lungo

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
12.09.2015 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 45754 volte

Massimiliano Allegri ha presentato la sua app a Milano e non a Torino. Massimiliano Allegri ha presentato la sua app senza il contorno di dirigenti della Juventus, seguito comunque dalla bravissima e professionale Enrica Tarchi, ma alla presenza di un dirigente del Milan, Adriano Galliani. Cosa vuol dire? Tutto e niente, ma è certamente strano, curioso, inaspettato. Massimiliano Allegri non è l'ex allenatore del Milan. E' l'allenatore della Juventus, campione e supercampione d'Italia, vincitrice della coppa Italia e vice-campione d'Europa. Vero che l'ad Beppe Marotta era impegnato all'estero per le vicende ECA e UEFA, ma un po' più di Juventus e un po' più di Torino doveva esserci attorno ad Allegri. Dopo i distinguo e le sottili rettifiche sull'anno di transizione, ecco un altro particolare. Scollamento? Presto per dirlo e per pensarlo davvero. Ma, attenzione, nel calcio le crepe nascono dai piccoli dettagli e sempre nel calcio ci vuole molto a creare un blocco di granito a tutti i livelli, dal gruppo dei magazzinieri all'alta dirigenza, e basta poco per sfaldare tutto. Sensazioni, solo sensazioni.

Non saremo mai inglesi e sbagliamo a non esserlo. Ad ogni grande partita, il fuoco di sbarramento reciproco è un malvezzo italiano. Sbaglia chi da parte Inter ricorda le due espulsioni di Rocchi in Inter-Milan 2-0 del 2010 e sbaglia chi da parte Milan si sofferma su una statistica davvero sorprendente: Mancini mai sconfitto da allenatore nelle gare arbitrate da Rocchi e Milan che non vince da 13 gare con lo stesso fischietto fiorentino alla direzione della gara. Attenzione ad ambo le parti, perché Rocchi è un direttore di gara che sente le partite e se troppo strattonato alla vigilia e alle prese con qualche episodio difficile all'inizio della gara stessa, rischia di andare in emozione, in tensione, in sfiducia. Il derby di Milano è troppo patrimonio del calcio italiano ed europeo per rovinarlo preventivamente con le cattiverie sull'arbitro. Milano deve tenerlo presente. Milano, non una città qualunque: Milano.

Abbiamo cercato e ricercato. Spulciato e rispulciato. Nelle cronache del 10 Settembre, il giorno dopo la Cassazione calciopoliana. Moggi, Moggi, Moggi, Lotito, Della Valle. E ancora Moggi, Moggi, Moggi, Lotito, Della Valle. Abbiamo preso la lente d'ingrandimento, cercato il contropotere che ossessionava Guido Rossi e Francesco Saverio Borrelli. Cercato e ricercato. Niente, nemmeno un capello di Meani e un mugugno di Galliani. La Cassazione ha negato un ruolo al Milan e lo ha trasformato nel grande assente del redde rationem. E quelli per cui Berlusconi è ormai Cassazione, si sono trasformati al volo in quelli che ma che ne sa la Cassazione. Bene, non avevamo dubbi. Polemiche? Livore? Niente di tutto questo. Dio vede e provvede, è la filosofia, la fede. Tanto è vero che un anno dopo l'arancia meccanica di Calciopoli, il Milan ha vinto proprio i trofei in cui una spintarella dell'Altissimo è sempre necessaria: Coppa dei Campioni, Supercoppa Europea, Mondiale per Club. Il Milan, quel Milan. Che era libero di esprimersi per vincere davvero solo in Europa. Mai nessuna italiana è mai arrivata davanti al Milan in Europa in quei cinque anni, dal 2002 al 2007: Milan vittorioso in Champions nel 2003, Quarti di finale nel 2004, Finale nel 2005, Semifinale nel 2006 e ancora vittorioso nel 2007. Milan primo delle italiane, in Europa....in Italia no. In Italia c'era un altro strapotere. Ben diverso da quello del Milan e dello stesso buon presidente Giacinto Facchetti che il giudice Magi non può mai paragonare, e infatti non lo ha fatto, all'unico e vero Sistema. Piaccia o non piaccia ai moggiani di penna e di microfono: massimo rispetto sempre per la trasparenza di chi si dichiara, molto meno per chi tiene nascosto tutto dietro qualche sorrisetto.

Leonardo va all'Inter dopo 13 anni di Milan, il Sito ufficiale dell'Inter non nomina il Milan nella sua presentazione e non succede nulla, nessuno dice nulla. Sinisa Mihajlovic va al Milan dopo aver allenato la Sampdoria e dopo 4 anni ormai alle spalle di Inter, il Sito del Milan fa più o meno la stessa cosa e succede il finimondo. Mica è finita: Leonardo e Cassano si dimostrano uomini liberi rispettivamente nei confronti di Silvio Berlusconi e Adriano Galliani e sotto i pezzi, sotto le corrispondenza, si percepisce quel plauso che trasforma tutto in schiaffi al Milan. Sinisa Mihajlovic fa due saltelli sorridenti e per gioco, e diventa subito l'apostata che calpesta il passato e fa cose choc. Non è vittimismo. E' cronaca. I tifosi del Milan hanno capito che è la preparazione dell'ambientino per la sera del derby. Mihajlovic lo sapeva da due settimane. E' proprio da due settimane infatti che dice alla sua squadra di giocare il derby con una sola dote: il coraggio. Ci aveva visto lungo.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il no per Tolisso, nasconde qualcosa di grosso (ma occhio ad Agnelli...). Milan: i fissati sulla questione cinese e un futuro grandi-nomi. Inter: occhio, arriva la "scelta di Pioli". Napoli: la "bellezza" della sofferenza 10.01 - Eccoci qua. Sono stato quattro giorni in ferie. In Valtellina. A mangiare pizzoccheri. La caratteristica dei pizzoccheri è che il primo giorno sono buonissimi, il secondo ti fanno venire l’acetone, il terzo cementano e al quarto non ci arrivi. Nel senso che muori. Siccome il 6 gennaio...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter-Gagliardini: avere i soldi non significa buttarli. Juve, batti un colpo da Juve. Ferrero, posa i fazzoletti. Basta con le mogli-addette stampa! 09.01 - Gasperini dovrebbe spiegare meglio il significato della frase: "Gagliardini non convocato per rispetto dell'Inter". E il rispetto per i tifosi dell'Atalanta dov'è? La verità è che il Mister ha sbagliato la risposta e avrebbe fatto più bella figura a dire la verità. Le parole che non...

EditorialeDI: Marco Conterio

Ferrero, Sarri & co: ora basta! Una decisione arbitrale sbagliata non può portare ancora a simili reazioni. Juventus, perdere Witsel non è un peccato. Roma, Feghouli bel colpo. Caso Kalinic: cifre folli, immobilismo viola e la reazione di Sousa 08.01 - Renzo Ulivieri, presidente dell'Assoallenatori, disse chiaramente che i tecnici arebbero dovuto evitare di parlare di decisioni arbitrali. E siccome nell'universo calcio, nel posto gara, i microfoni sono accesi anche per i presidenti, sarebbe stata cosa buona e giusta se quelle parole...

EditorialeDI: Mauro Suma

Merdeka e le Cayman, passi - Huarong e le Vergini, alt! Romagnoli out e Caldara in - Rincon: maquillage perfetto 07.01 - Dalle altre parti sono diventati bravi. Quando, qualche mese fa, il Corriere della Sera scoprì che le azioni Inter di Thohir erano in pegno alla finanziaria Merdeka, senza centralino telefonico e senza uffici, una sorta di società virtuale online alle Isole Cayman, tutto venne tacitato...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Clamoroso dalla Cina: stop del governo alle spese folli per il calcio. Il Milan trema. Ma per Gagliardini all'Inter nessun problema. Juve, Dybala al Real per 100 milioni più Morata 06.01 - Qualcuno lo sperava, altri lo auspicavano, ieri sera a tarda ora è arrivata la vera bomba di mercato. Secondo il sito del Financial Times il governo cinese è stufo della corsa alle spese folli per i calciatori, non piace l’immagine negativa del Paese che viene fuori dal mercato calcistico...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.