HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Allegri, solo soletto a Milano. Derby, Rocchi: malcostume italiano. Cassazione, Moggi: libero solo in Europa. Mihajlovic: il saltello di chi vede lungo

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
12.09.2015 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 45754 volte

Massimiliano Allegri ha presentato la sua app a Milano e non a Torino. Massimiliano Allegri ha presentato la sua app senza il contorno di dirigenti della Juventus, seguito comunque dalla bravissima e professionale Enrica Tarchi, ma alla presenza di un dirigente del Milan, Adriano Galliani. Cosa vuol dire? Tutto e niente, ma è certamente strano, curioso, inaspettato. Massimiliano Allegri non è l'ex allenatore del Milan. E' l'allenatore della Juventus, campione e supercampione d'Italia, vincitrice della coppa Italia e vice-campione d'Europa. Vero che l'ad Beppe Marotta era impegnato all'estero per le vicende ECA e UEFA, ma un po' più di Juventus e un po' più di Torino doveva esserci attorno ad Allegri. Dopo i distinguo e le sottili rettifiche sull'anno di transizione, ecco un altro particolare. Scollamento? Presto per dirlo e per pensarlo davvero. Ma, attenzione, nel calcio le crepe nascono dai piccoli dettagli e sempre nel calcio ci vuole molto a creare un blocco di granito a tutti i livelli, dal gruppo dei magazzinieri all'alta dirigenza, e basta poco per sfaldare tutto. Sensazioni, solo sensazioni.

Non saremo mai inglesi e sbagliamo a non esserlo. Ad ogni grande partita, il fuoco di sbarramento reciproco è un malvezzo italiano. Sbaglia chi da parte Inter ricorda le due espulsioni di Rocchi in Inter-Milan 2-0 del 2010 e sbaglia chi da parte Milan si sofferma su una statistica davvero sorprendente: Mancini mai sconfitto da allenatore nelle gare arbitrate da Rocchi e Milan che non vince da 13 gare con lo stesso fischietto fiorentino alla direzione della gara. Attenzione ad ambo le parti, perché Rocchi è un direttore di gara che sente le partite e se troppo strattonato alla vigilia e alle prese con qualche episodio difficile all'inizio della gara stessa, rischia di andare in emozione, in tensione, in sfiducia. Il derby di Milano è troppo patrimonio del calcio italiano ed europeo per rovinarlo preventivamente con le cattiverie sull'arbitro. Milano deve tenerlo presente. Milano, non una città qualunque: Milano.

Abbiamo cercato e ricercato. Spulciato e rispulciato. Nelle cronache del 10 Settembre, il giorno dopo la Cassazione calciopoliana. Moggi, Moggi, Moggi, Lotito, Della Valle. E ancora Moggi, Moggi, Moggi, Lotito, Della Valle. Abbiamo preso la lente d'ingrandimento, cercato il contropotere che ossessionava Guido Rossi e Francesco Saverio Borrelli. Cercato e ricercato. Niente, nemmeno un capello di Meani e un mugugno di Galliani. La Cassazione ha negato un ruolo al Milan e lo ha trasformato nel grande assente del redde rationem. E quelli per cui Berlusconi è ormai Cassazione, si sono trasformati al volo in quelli che ma che ne sa la Cassazione. Bene, non avevamo dubbi. Polemiche? Livore? Niente di tutto questo. Dio vede e provvede, è la filosofia, la fede. Tanto è vero che un anno dopo l'arancia meccanica di Calciopoli, il Milan ha vinto proprio i trofei in cui una spintarella dell'Altissimo è sempre necessaria: Coppa dei Campioni, Supercoppa Europea, Mondiale per Club. Il Milan, quel Milan. Che era libero di esprimersi per vincere davvero solo in Europa. Mai nessuna italiana è mai arrivata davanti al Milan in Europa in quei cinque anni, dal 2002 al 2007: Milan vittorioso in Champions nel 2003, Quarti di finale nel 2004, Finale nel 2005, Semifinale nel 2006 e ancora vittorioso nel 2007. Milan primo delle italiane, in Europa....in Italia no. In Italia c'era un altro strapotere. Ben diverso da quello del Milan e dello stesso buon presidente Giacinto Facchetti che il giudice Magi non può mai paragonare, e infatti non lo ha fatto, all'unico e vero Sistema. Piaccia o non piaccia ai moggiani di penna e di microfono: massimo rispetto sempre per la trasparenza di chi si dichiara, molto meno per chi tiene nascosto tutto dietro qualche sorrisetto.

Leonardo va all'Inter dopo 13 anni di Milan, il Sito ufficiale dell'Inter non nomina il Milan nella sua presentazione e non succede nulla, nessuno dice nulla. Sinisa Mihajlovic va al Milan dopo aver allenato la Sampdoria e dopo 4 anni ormai alle spalle di Inter, il Sito del Milan fa più o meno la stessa cosa e succede il finimondo. Mica è finita: Leonardo e Cassano si dimostrano uomini liberi rispettivamente nei confronti di Silvio Berlusconi e Adriano Galliani e sotto i pezzi, sotto le corrispondenza, si percepisce quel plauso che trasforma tutto in schiaffi al Milan. Sinisa Mihajlovic fa due saltelli sorridenti e per gioco, e diventa subito l'apostata che calpesta il passato e fa cose choc. Non è vittimismo. E' cronaca. I tifosi del Milan hanno capito che è la preparazione dell'ambientino per la sera del derby. Mihajlovic lo sapeva da due settimane. E' proprio da due settimane infatti che dice alla sua squadra di giocare il derby con una sola dote: il coraggio. Ci aveva visto lungo.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Spalletti, ora è addio. E la Juve aspetta. Allegri più lontano. Inter, Suning 150 milioni per lo Scudetto. Milan, se salta il closing Donnarumma al Real 17.03 - La Roma è fuori dall’Europa nonostante la vittoria e una gara di grande spessore tecnico e agonistico e, se tanto mi da tanto, Spalletti è fuori dalla Roma. Non faccio altro che seguire le sue indicazioni e il suo ragionamento. Ancora pochi giorni fa ha ribadito che senza tituli (alla...

EditorialeDI: Luca Marchetti

I giovani, la Champions e le scadenze 2018? Vendi o firmi? 16.03 - La Champions sa ancora riservare sorprese. Non che il Monaco potenzialmente sia (stato) meno ricco del City, ma nell’anno in cui gli inglesi volevano la glorificazione in campo internazionale è arrivato il fracaso di Pep. Lontano dalla testa della classifica in Premier, uscito per...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.