HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Ancelotti, ritorno ma non adesso. Buffon, 19 partite e 120 minuti non sono una botta di culo. Mazzarri, non parla ma resta all'Inter. Conte, solo questione di carattere. Gattuso, quella strada che porta a Varese

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
17.05.2014 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 38298 volte

Carlo Ancelotti è persona seria, uomo semplice e buono, ama le battute schiette e non i voli pindarici. Chi lo ha contattato in questi giorni di rimbalzo mediatico sul suo nome per la panchina del Milan si è sentito rispondere: Certo che torno, ma non adesso...Grande Carlo. Quello di sempre. Lo ricordiamo come se fosse oggi, invece erano cinque anni fa. Allenamento a Milanello, campo rialzato. Il Milan stava per andare a giocare a Firenze la gara decisiva per la Champions League. Era il Maggio 2009 e c'era verso l'esterno un mistero fitto attorno alla sua permanenza o meno al Milan, in realtà lui era arrivato al campo dopo aver registrato il filmato di benvenuto per il Sito ufficiale del Chelsea. Ci guarda fisso negli occhi, serio, ma con un sorriso appena accennato: "E comunque non finisce qui, io qui al Milan ci torno, non potrà che andare così". Cinque anni dopo Ancelotti è sempre Ancelotti. L'idea fissa rossonera sempre in testa e nel petto. Ritorno, ma non adesso. La vita continua, ma con una certezza. Carlo Ancelotti uomo vero e gli uomini veri non cambiano mai.

Domanda a Gigi Buffon, cambieresti tre Scudetti con una Champions League. Sospiro, attimo di attesa e risposta di Gigi: "Mi mettete in difficoltà, però tre Campionati sono tre anni di lavoro duro quotidiano, una Champions può anche essere una botta di culo". Eh no, caro Gigi! I milanisti che ascoltavano quell'intervista non l'hanno presa bene. Anche perché il pensiero è andato all'ultima finale di Champions giocata da Buffon, 28 Maggio 2003, Manchester, Milan-Juventus ai rigori. E' vero, il rigore ha una componente di attimo, di fortuna. Ma in quella Champions per il Milan la Finale era stata la gara numero 19: 2 preliminari, 6 partite prima fase a gironi, 6 partite seconda fase a gironi, 4 gare di Quarti e Semifinali, 1 Finale con 120 minuti di gioco. Una squadra che vince dopo 19 partite e che nelle 4 Champions League consecutive, anche lì quattro anni di lavoro, arriva 2 volte in Finale e fa 1 Semifinale e 1 Quarto di finale, sempre la migliore italiana, non vive di botte di culo. Non sappiamo se fosse proprio questo il riferimento di Gigi, forse abbiamo pensato male...

Qualcuno si è impressionato perché domani Walter Mazzarri non fa la conferenza stampa pre Chievo. E ancor di più perché Mihajlovic parla solo dopo la partita della Sampdoria. Hai visto mai? Intrecci, scambi, panchine girevoli. Ci sta tutto nel calcio, ma la nostra impressione è che Mazzarri non rinuncerà all'Inter. Vero che avrebbe gradito il prolungamento spalmato: un anno in più con meno soldi l'anno prossimo ma con più soldi nei due anni. Ma dal momento che Thohir non sembra sentirci da questo orecchio, pur facendo buon viso a cattiva sorte Mazzarri ha deciso di cambiar progetto: arrivare al prolungamento durante la prossima stagione, facendo bene nella prossima stagione. Resta comunque un allenatore destinato ad essere sempre al centro di chiarimenti e fasi concitate, ad ogni fine stagione. Era un po' così anche a Napoli.

Il presidente Agnelli pare aver colto la palla al balzo. Sapendo che Antonio Conte non ha squadre alternative e che non è fatto per un anno sabbatico, ha deciso di pungolare il suo carattere. Nessuno è indispensabile alla Juventus. Frase detta per dare un obiettivo ad Antonio Conte: dimostrare di essere indispensabile. Qualcosa che sul piano caratteriale vale forse più del quarto Scudetto di fila e un po' meno, ma poco meno sul piano dell'orgoglio, di una Champions che appare comunque irraggiungibile. Conte è simile a Mazzarri come pressione sanguigna. A fine stagione, deve scaricare la tensione, deve puntualizzare. Il presidente Agnelli lo ha capito, al volo, da presidente dinamico e giovane qual è, e senza troppi giri di parole ha risolto. E Conte, che pure si è guardato molto attorno, alla fine rimarrà.

Rino, Rino. L'esperienza di Palermo ha dimostrato che quello dell'allenatore è un mestiere in cui è fondamentale farne tanta di esperienza. Ragionevole, ponderata e misurata. Non al Videoton, con tutto il rispetto. Magari però in un'altra città che inizia per V, ma molto più vicina alla sua casa, alla sua famiglia, a quella stessa Milanello in cui lui, gloria rossonera allo stato puro, sarà sempre accolto come uno di casa. Una città di che si chiama Varese. La squadra si deve ancora salvare, le cose da vedere sono ancora tante. Ma Varese potrebbe essere, lo è già stato per altri allenatori importanti e di categoria in Serie A, il trampolino di lancio giusto per il grande Rino Gattuso.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il no per Tolisso, nasconde qualcosa di grosso (ma occhio ad Agnelli...). Milan: i fissati sulla questione cinese e un futuro grandi-nomi. Inter: occhio, arriva la "scelta di Pioli". Napoli: la "bellezza" della sofferenza 10.01 - Eccoci qua. Sono stato quattro giorni in ferie. In Valtellina. A mangiare pizzoccheri. La caratteristica dei pizzoccheri è che il primo giorno sono buonissimi, il secondo ti fanno venire l’acetone, il terzo cementano e al quarto non ci arrivi. Nel senso che muori. Siccome il 6 gennaio...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter-Gagliardini: avere i soldi non significa buttarli. Juve, batti un colpo da Juve. Ferrero, posa i fazzoletti. Basta con le mogli-addette stampa! 09.01 - Gasperini dovrebbe spiegare meglio il significato della frase: "Gagliardini non convocato per rispetto dell'Inter". E il rispetto per i tifosi dell'Atalanta dov'è? La verità è che il Mister ha sbagliato la risposta e avrebbe fatto più bella figura a dire la verità. Le parole che non...

EditorialeDI: Marco Conterio

Ferrero, Sarri & co: ora basta! Una decisione arbitrale sbagliata non può portare ancora a simili reazioni. Juventus, perdere Witsel non è un peccato. Roma, Feghouli bel colpo. Caso Kalinic: cifre folli, immobilismo viola e la reazione di Sousa 08.01 - Renzo Ulivieri, presidente dell'Assoallenatori, disse chiaramente che i tecnici arebbero dovuto evitare di parlare di decisioni arbitrali. E siccome nell'universo calcio, nel posto gara, i microfoni sono accesi anche per i presidenti, sarebbe stata cosa buona e giusta se quelle parole...

EditorialeDI: Mauro Suma

Merdeka e le Cayman, passi - Huarong e le Vergini, alt! Romagnoli out e Caldara in - Rincon: maquillage perfetto 07.01 - Dalle altre parti sono diventati bravi. Quando, qualche mese fa, il Corriere della Sera scoprì che le azioni Inter di Thohir erano in pegno alla finanziaria Merdeka, senza centralino telefonico e senza uffici, una sorta di società virtuale online alle Isole Cayman, tutto venne tacitato...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.