HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Magazine
SONDAGGIO
Grandi bomber in Italia: chi la spunterà come capocannoniere?
  Vincerà Dzeko, è il centravanti più in forma della Serie A
  La spunterà ancora Higuain, è il goleador della squadra più forte
  Il trono tornerà ad un italiano, la rivelazione Belotti
  La sorpresa sarà totale: vincerà il falso nove Mertens
  Il titolo tornerà ad Icardi, già re dei bomber nel 2015

TMW Mob
Editoriale

Ancelotti, ritorno ma non adesso. Buffon, 19 partite e 120 minuti non sono una botta di culo. Mazzarri, non parla ma resta all'Inter. Conte, solo questione di carattere. Gattuso, quella strada che porta a Varese

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
17.05.2014 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 38300 volte

Carlo Ancelotti è persona seria, uomo semplice e buono, ama le battute schiette e non i voli pindarici. Chi lo ha contattato in questi giorni di rimbalzo mediatico sul suo nome per la panchina del Milan si è sentito rispondere: Certo che torno, ma non adesso...Grande Carlo. Quello di sempre. Lo ricordiamo come se fosse oggi, invece erano cinque anni fa. Allenamento a Milanello, campo rialzato. Il Milan stava per andare a giocare a Firenze la gara decisiva per la Champions League. Era il Maggio 2009 e c'era verso l'esterno un mistero fitto attorno alla sua permanenza o meno al Milan, in realtà lui era arrivato al campo dopo aver registrato il filmato di benvenuto per il Sito ufficiale del Chelsea. Ci guarda fisso negli occhi, serio, ma con un sorriso appena accennato: "E comunque non finisce qui, io qui al Milan ci torno, non potrà che andare così". Cinque anni dopo Ancelotti è sempre Ancelotti. L'idea fissa rossonera sempre in testa e nel petto. Ritorno, ma non adesso. La vita continua, ma con una certezza. Carlo Ancelotti uomo vero e gli uomini veri non cambiano mai.

Domanda a Gigi Buffon, cambieresti tre Scudetti con una Champions League. Sospiro, attimo di attesa e risposta di Gigi: "Mi mettete in difficoltà, però tre Campionati sono tre anni di lavoro duro quotidiano, una Champions può anche essere una botta di culo". Eh no, caro Gigi! I milanisti che ascoltavano quell'intervista non l'hanno presa bene. Anche perché il pensiero è andato all'ultima finale di Champions giocata da Buffon, 28 Maggio 2003, Manchester, Milan-Juventus ai rigori. E' vero, il rigore ha una componente di attimo, di fortuna. Ma in quella Champions per il Milan la Finale era stata la gara numero 19: 2 preliminari, 6 partite prima fase a gironi, 6 partite seconda fase a gironi, 4 gare di Quarti e Semifinali, 1 Finale con 120 minuti di gioco. Una squadra che vince dopo 19 partite e che nelle 4 Champions League consecutive, anche lì quattro anni di lavoro, arriva 2 volte in Finale e fa 1 Semifinale e 1 Quarto di finale, sempre la migliore italiana, non vive di botte di culo. Non sappiamo se fosse proprio questo il riferimento di Gigi, forse abbiamo pensato male...

Qualcuno si è impressionato perché domani Walter Mazzarri non fa la conferenza stampa pre Chievo. E ancor di più perché Mihajlovic parla solo dopo la partita della Sampdoria. Hai visto mai? Intrecci, scambi, panchine girevoli. Ci sta tutto nel calcio, ma la nostra impressione è che Mazzarri non rinuncerà all'Inter. Vero che avrebbe gradito il prolungamento spalmato: un anno in più con meno soldi l'anno prossimo ma con più soldi nei due anni. Ma dal momento che Thohir non sembra sentirci da questo orecchio, pur facendo buon viso a cattiva sorte Mazzarri ha deciso di cambiar progetto: arrivare al prolungamento durante la prossima stagione, facendo bene nella prossima stagione. Resta comunque un allenatore destinato ad essere sempre al centro di chiarimenti e fasi concitate, ad ogni fine stagione. Era un po' così anche a Napoli.

Il presidente Agnelli pare aver colto la palla al balzo. Sapendo che Antonio Conte non ha squadre alternative e che non è fatto per un anno sabbatico, ha deciso di pungolare il suo carattere. Nessuno è indispensabile alla Juventus. Frase detta per dare un obiettivo ad Antonio Conte: dimostrare di essere indispensabile. Qualcosa che sul piano caratteriale vale forse più del quarto Scudetto di fila e un po' meno, ma poco meno sul piano dell'orgoglio, di una Champions che appare comunque irraggiungibile. Conte è simile a Mazzarri come pressione sanguigna. A fine stagione, deve scaricare la tensione, deve puntualizzare. Il presidente Agnelli lo ha capito, al volo, da presidente dinamico e giovane qual è, e senza troppi giri di parole ha risolto. E Conte, che pure si è guardato molto attorno, alla fine rimarrà.

Rino, Rino. L'esperienza di Palermo ha dimostrato che quello dell'allenatore è un mestiere in cui è fondamentale farne tanta di esperienza. Ragionevole, ponderata e misurata. Non al Videoton, con tutto il rispetto. Magari però in un'altra città che inizia per V, ma molto più vicina alla sua casa, alla sua famiglia, a quella stessa Milanello in cui lui, gloria rossonera allo stato puro, sarà sempre accolto come uno di casa. Una città di che si chiama Varese. La squadra si deve ancora salvare, le cose da vedere sono ancora tante. Ma Varese potrebbe essere, lo è già stato per altri allenatori importanti e di categoria in Serie A, il trampolino di lancio giusto per il grande Rino Gattuso.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
La Juve d'Europa non si ferma neanche sul mercato, Bacca ancora Cina, l'Inter guarda alla Roma e al futuro 23.02 - Promossa. A pieni voti. La Juventus versione Europa viaggia, come in campionato. Uno 0-2 pesante sul campo sempre delicato del Porto, il modulo offensivo confermato da Allegri senza timori e la tensione con Bonucci già alle spalle: la Juve risponde con una vittoria importante, fondamentale,...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan, un ex Juve per l'attacco... Inter-Berardi, passi avanti! Roma, troppe parole sullo stadio. Napoli, Sarri deve restare 22.02 - Forse neppure Beautiful, mitica soap opera statunitense (in onda dal 1987…), è durata di più. Il tanto agognato closing pare alle porte. Finalmente il Milan scoprirà i suoi nuovi capi e, altrettanto finalmente, ci comincerà a pensare, in grande, per il mercato. Saranno due i primi,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve, Allegri e gli sfoghi: ecco cosa c'è dietro la multa a Bonucci. Milan: 2 cose sui cinesi (ma occhio al "boicottaggio"). Inter: decisioni prese e da prendere a prescindere dalla Champions (e Pioli...). Napoli: c'è il "patto"  21.02 - Ciao. Vogliamo stupire De Laurentiis. Lui e quelli che non credono in noi. Noi abbiamo la "cazzimma" e lo dimostreremo compilando il primo editoriale "a caso" della storia. Partiamo dalle cose importanti: le marchette. Questa settimana ne abbiamo raccolte cinque. (Le marchette...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Svolta Milan: Fassone e Mirabelli, ecco cosa c'è in agenda. De Laurentiis, squadra e mister in pubblico vanno sempre difesi. Figc, Tavecchio 60%-Abodi 40%. E quell'assalto a Renzo... 20.02 - Il calcio è strano e per questo ci piace così tanto. Zeman torna a Pescara e in un colpo solo consente di festeggiare il primo successo sul campo agli abruzzesi e fa più gol lui in 90 minuti che Oddo in un girone e mezzo. Il Torino è durato 3 mesi poi Sinisa si è squagliato come già...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

De Laurentiis, lo sai che hai affrontato Modric e CR7 al Bernabeu? Marotta, Verratti come Higuain: si migliora solo con un'altra 'follia'. Rodriguez, trattativa alla Perisic: dettagli e retroscena di una lunga maratona 19.02 - Ma cosa si aspettava De Laurentiis? Mercoledì sera, in attesa dell'arrivo di Sarri nella sala stampa, ammetto di essere rimasto spiazzato dalle dichiarazioni del presidente del Napoli. Stupito. E mi sono presto accorto che non ero l'unico. Venivamo da giorni in cui il numero...

EditorialeDI: Mauro Suma

Simeone-Juve e Conte-Inter, le ultime dal fronte. De Laurentiis non protegge il Napoli di Madrid. Milan, il lavoro di Montella. C'è Valeri, ma il Milan deve stare calmo 18.02 - Sognare e ipotizzare non cosa nulla. E soprattutto può essere utile ad uscire, finalmente, non se ne può più, dall'ultimo Juventus-Inter. Nella speranza che non ci siano più dettagli e pagliuzze da esaminare per intere trasmissioni di quella partita, i tifosi bianconeri e nerazzurri...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sarri prigioniero del Napoli, divorzio impossibile. Chelsea accelera per Bernardeschi, ieri mezza Europa a seguire l'asso viola. Milan, pronti cento milioni per il mercato. Spalletti prima scelta per la Juve 17.02 - Le accuse a Sarri, inaspettate e immotivate, del presidente De Laurentiis (con due i, mi raccomando) hanno fatto saltare in aria lo spogliatoio del Bernabeu e trasformato una onesta sconfitta in un’altra drammatica puntata della serie "I due nemici". E adesso cosa succederà? Ho...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il peso della Champions e le panchine che iniziano i loro valzer con largo anticipo… 16.02 - Dobbiamo essere onesti e realisti. Il Napoli ha giocato con coraggio: ha guardato il Real negli occhi. Gli ha messo anche paura. Poi la qualità delle giocate (anche quelli “improvvisate” come il gol di Casemiro) e soprattutto la personalità e l’esperienza degli avversari ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Real Madrid-Napoli, il giorno del giudizio... Cassano, nessuno si fa avanti! C'è la fila per Allegri ma... 15.02 - Finalmente ci siamo. Oggi è il giorno della verità. Il blasonato Real Madrid, la squadra delle stelle, quella del Pallone d’Oro CR7, ospita, nel mitico Bernabeu, il bel Napoli di Sarri, ossia la compagine che gioca il miglior calcio in tutt’Europa. Una sfida “galattica”, un confronto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: le pulci al Pipita e l'ultima (scomoda) parola sul caso-arbitri. Inter: la "scoperta" di Pioli, un partente...Eun nuovo arrivo! Turbolenze Milan, strane telefonate, risposte sul campo: occhio alle scelte cinesi...Napoli: dimentica i complimenti 14.02 - Ciao. È finito Sanremo. Ha vinto uno che cantava con uno scimmione di fianco. Davvero bravo (anche il cantante). Sanremo è incredibile perché puoi avere tutte le rotture di balle del mondo ma fa niente "tanto c'è Sanremo". "Mamma hai cambiato le pile del polmone d'acciaio della...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.