VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

Ancora Pogba (torna il Real?), ancora Higuain: palleggi, rimpianti e exit strategy. E poi chi arriva? Intanto Icardi ascolta l'Arsenal e la Roma aspetta... Ecco chi sono i nuovi proprietari del Milan (che sogna Cuadrado)

21.07.2016 08.56 di Luca Marchetti   articolo letto 69909 volte
© foto di Federico De Luca

Inutile dirlo: è sempre la Juventus (insieme al Napoli) che si prende la prima pagina del mercato. Questa sembra proprio essere l'estate bianconera: così tanto mercato che quello che sarebbe stato un colpo importantissimo in qualsiasi altra squadra italiana rischia di passare in secondo piano mel mezzo del vortice Higuain Pogba. Eh sì perché Pjaca è un grande talento che la Juve ha pagato quasi 23 milioni di euro, non una cifra insignificante, soffiandolo alla concorrenza del Milan che addirittura aveva viaggiato fino a Zagabria. Insomma i bianconeri mettono le mani (potenzialmente) anche sul futuro. Perché poi gli occhi sono puntati anche su Gabigol, il talento brasiliano che la Juve vorrebbe portare in Europa da subito per completare il reparto. E allora ecco che si torna al discorso principe: Higuain. De Laurentiis ha riparlato ed ha spiegato per bene qual è il suo pensiero. Insomma: se Higuain se ne va, proprio alla Juve, è un traditore. E anche la Juve sarebbe poco elegante se lo soffiasse al Napoli pagando la clausola. Sull'eleganza si può discutere, il tradimento chiaramente è una questione di cuore (da primo tifoso). Insomma tutto secondo copione. Certo: nessuno di noi può sapere se la Juventus veramente pagherà la clausola o meno, ma qualche indizio (in favore del sì) lo abbiamo. Tanto più che oltre all'acquisto del secolo (o quasi) ci sarà la cessione del secolo. Quella di Pogba. Il Manchester, come noto, ha offerto 101 milioni di euro. Non bastano. Ha rilanciato a 110. Non bastano. La Juve ne vuole almeno 120 e poi ci sarà da capire come trattare la percentuale di futura rivendita che Raiola si era tenuto quando portò Pogba a zero alla Juventus. E quindi attenzione alle telefonate che arrivano dal Real Madrid. Sembrava fosse uscuti di scena la casa blanca, ma ieri un contatto con la Juve c'è stato eccome: davvero vi private di Pogba? E davvero lo date al Manchester? E noi? Potrebbe essere troppo tardi, visto che ormai il Manchester ha convinto Pogba e ha già fatto offerte ufficiali. Quindi l'affare (come quello di Higuain) sembra destinato a concludersi, visto che ormai le volontà dei giocatori hanno un peso sempre più dominante, soprattutto se i giocatori sono campioni. E quindi dopo che succederà?
Alla Juve i nomi sotto osservazione sono due: Andre Gomes (ma c'è la concorrenza del Real Madrid) e Matic che Conte non vorrebbe lasciar andare. Altri nomi? Brozovic (ma non sarebbe una trattativa semplice) Sissoko e Witseo, anche se al momento non sarebbero prime scelte. Altro giocatore che la Juventus prenderebbe volentieri, anzi, riprenderebbe volentieri, è Cuadrado. Conte lo ritiene importante ma il ragazzo vuole rimanere in Italia, il Chelsea vorrebbe almeno 30 milioni, la Juve è arrivata a 25 (prestito con obbligo). Ma attenzione perché sul ragazzo si sta muovendo le milanesi. Il Milan (spieghiamo sotto perché) ha bisogno di un attaccante esterno forte e potrebbe accontentare il Chelsea ma in prestito con obbligo, l'Inter è interessata al colombiano come pista parallela a Candreva (che interessa ma non ai prezzi di Lotito, quindi o la Lazio abbassa le pretese o l'Inter difficilmente prenderà l'azzurro).
A proposito: il Napoli è una delle pretendenti per Candreva (ma il laziale sa che a Napoli non sarebbe la prima scelta visto Insigne Callejon e Mertens proprio nel suo ruolo nel 433 di Sarri) e anche il Napoli si sta muovendo. Perché l'errore più grande sarebbe quello di pensar edi rimpiazzare Higuain con un altro Higuan. Se viene tutto di guadagnato: un attaccante forte comunque arriverà (sempre che parta il Pipita): Zaza, Morata, Icardi, Slimani. Ma non solo. Si lavora per Tolisso, del Lione. Ieri a Dimaro, in gran segreto, c'è stato un incontro con i procuratori del ragazzo per stringere. Lui vorrebbe 3 milioni netti a stagione (il doppio di quanto guadagna ora), ma il Napoli ne offre 2,2. Quindi per ora si tratta. Una volta raggiunto l'accordo con il ragazzo si forzerà con il Lione.
Poi ancora manca il terzino: il nome nuovo è Donati dei Mainz. Anche qui incontro con l'agente a Dimaro. Il problema ora è il club tedesco che ha già detto di no al Cagliari qualche giorno fa. Alternativa sempre Widmer dell'Udinese. E nel frattempo si parla di rinnovi con Hamsik, Insigne e Hysaj.
Chi vorrebbe rinnovare (anche se lo ha fatto da poco) è Icardi. Anche per questo Wanda continua ad ascoltare tutti quelli che sono interessati al ragazzo. Ieri è toccato all'Arsenal: incontro interlocutorio e conoscitivo. La destinazione è gradita: ora la palla passa all'Inter. L'Inter intanto continua a monitorare i giovani italiani ed ora punta Verre. In realtà ci sta provando la Samp, ma l'Inter potrebbe inserirsi e magari lasciarlo a Pescara ancora un anno.
La Roma continua ad aspettare Nacho. Ora manca la risposta del Real Madrid alla proposta dei giallorossi (riscatto a 10 e controriscatto a 16, ma la Roma sarebbe disposta anche ad aumentare la cifra del riscatto pur di chiudere l'affare) e il definitivo ok di Zidane che si è preso del tempo ulteriore per decidere. Si sta sbloccamdo anche la situazione Szczesny e rimane viva la pista Caceres. In uscita la Roma dice no alle offerte di Zenit e Schalke per Paredes, mentre Ponce va allo Sporting Gjion dove può raggiungerlo Casasola. La Lazio venerdì farà fare le visite mediche a Jordan Lukaku e nel frattempo continua a trattare Immobile: ora bisogna capire le comdizioni che il Siviglia impone per il trasferimento.
Al Milan non è invece tempo per il mercato dal 100 milioni, almeno a sentire le ultime indiscrezioni che arrivano. Il preliminare di cessione sarà firmato a fine luglio, il closing ci sarà a mercato finito. I famosi 400 milioni pe 4 anni ci saranno solo a closing avvenuto, quindi per il momento si va avanti con i soldi di Berlusconi e con 15 milioni che mettono comunque i nuovi soci. Al momento (dopo l'acquisto di Lapadula) nelle casse del Milan ci somo 6 milioni e 700mila euro più le cessioni (Bacca). La priorità è Musacchio e poi Sosa. Le altre operazioni il Milan le potrà fare o a gennaio o con l'obbligo di riscatto. Chi sta comprando il Milan? Ecco i primi nomi non ufficialment smentiti: Sonny Wu e Steven Zheng.
Il Torino ha ricevuto le chiamate da Leicester e Arsenal per conoscere la situazione di Bruno Peres, il Crotone ha prso Simmy, attaccante del Gil Vicente, capocannoniere della B portoghese con 20 gol, classe 92, nigeriano: un colosso visto che è alto 198 cm. A Bergamo arriva Zukanovic, a Pescara Leskovic è a un passo: siamo alle modalità di pagamento e si aspetta ancora Simeone. A Bologna potrebbe arrivare Dzemail che ha ricevuto una buona offerta dal Genoa (4 anni di contratto) ma che potrebbe andare a giocare nel Montreal Impact e prima fare almeno fino a gennaio proprio a Bologna. Isla è un obiettivo del Cagliari (la Juve chiede 6 milioni, il Cagliari arriva a 4,5)
La Samp inisite per Verre, ha preso Djuricic del Benfica, continua a lavorare per Praet dell'Anderlecht e raffredda la pista Dodo visto che il ragazzo non appare così convinto di rimanere in blucerchiato. L'Udinese ha ufficializzato l'arrivo di De Paul dal Valencia.
Siamo arrivati alla fine. Tenetvi forte: il bello deve ancora venire.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: il segreto di una macchina perfetta (e una guida sul Monaco). Inter: terremoto in panchina, occhio ai nomi (e alle priorità). Milan: il pessimismo sui cinesi, la mossa sul mercato e 2 appunti a Montella. Napoli: non scherziamo su Sarri 25.04 - Come ogni anno dal lontano 2006 è iniziato il drammatico torneo di calcetto dedicato ai giornalisti: si chiama “Press League”, lo organizza un tizio di nome Luca Mastrorocco che poi è il papà di “Zona Gol” (questa citazione dovrebbe valere almeno due arbitraggi “comodi”: Luca, ci...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.