HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Antonio, spiegaci perché l'hai fatto! Napoli, aspettiamo un segnale. Roma, bene Iturbe ma le commissioni sono troppo alte. Macalli ha ragione, la B a 21 è un suicidio

Nato ad Avellino il 30-09-1983 vive e lavora a Milano dal 2005. Direttore di Sportitalia. Direttore di Tuttomercatoweb. Organizzatore e conduttore del Gran Galà del Calcio Aic 2011 e 2012. Twitter: MCriscitiello
21.07.2014 00.00 di Michele Criscitiello  Twitter:   articolo letto 63161 volte
© foto di Federico De Luca

Antonio, secondo me hai già nostalgia del tuo lavoro. Quando ti svegli la mattina cosa fai? Va bene coccolarsi figlia e moglie ma tu sei uno da battaglia. Non ti vedo proprio al sole 12 ore al giorno, anche se nell'intervista di addio ero nero più per la rabbia che per l'abbronzatura. Detto tra noi, Antonio da Lecce, hai fatto una grande fesseria. Almeno, spiegaci perché l'hai fatto. Una tua creatura non puoi abbandonarla così al secondo giorno di ritiro. Non è da te. Manda a quel paese Marotta, prendetevi a pugni a Vinovo ma non puoi prendere una decisione così drastica a stagione già iniziata. Quando un progetto va bene e due si lasciano, ci perdono entrambi anche se con percentuali diverse. Hai l'obbligo morale di spiegare a 14 milioni di persone che ti amano perché sei andato via. Morata ed Evra sono arrivati lo stesso, Pereyra te lo hanno chiuso tre mesi fa, forse, ti avrebbero preso anche Lavezzi non puoi andartene in silenzio. Con un'intervista che non ha detto nulla. Non puoi far passare in archivio l'ultima intervista da allenatore che ha vinto tutto con la Juve, dove sembri un cane bastonato. Ti hanno detto che ti avrebbero venduto Vidal? O Pogba? Incazzati ma non andare, perché la Juve può fare a meno di tutti ma non degli uomini vincenti. Ora ci devi dire cosa ti é saltato in mente e non fare la fesseria di allenare l'Italia perché non puoi, caro Antonio, pensare di sederti in panchina 7-8 volte all'anno. Ci mancheranno i tuoi "agghiaccianti" commenti, le urla, le incazzature di un animale da panchina. Chi lotta, vince. Vince chi ha fame. Non puoi alzarti da tavola quando c'è ancora tanto nel piatto. Dovevi vincere la tua sfida europea. Te ne sei andato da vincitore italiano e da sconfitto europeo. La Juve ti ha tutelato quando per scommessopoli ti hanno sbattuto nel gabbiotto, oggi dovevi restare per aiutare a crescere l'intera società. In attesa che tu faccia chiarezza, ti auguro buone vacanze. Devono approfittare di questo cambiamento Juventino, Napoli e Roma. Se De Laurentiis crede che si avvicina ai bianconeri con acquisti di secondo piano ha sbagliato parrocchia. Deve sferrare due-tre acquisti da Napoli. Rinforzi subito la difesa e cerchi un centrocampista che faccia la differenza. Lo faccia per il campionato italiano, in modo da farlo diventare sempre più interessante. Giusto ascoltare Benitez ma non disegni la squadra a completa immagine e somiglianza dell'allenatore. Napoli ha bisogno di calciatori pronti a vincere nel campionato italiano e che conoscano la Serie A. La Roma ha approfittato del caso bianconero, anche se Iturbe è costato di commissioni quanto costò Zidane nel passaggio dalla Juventus al Real Madrid. É diventato più ricco Mascardi che un vincitore alla lotteria del 6 gennaio. Non è un modo per fare cinema ma la verità. D'accordo le commissioni ma non le follie. Sabatini ha chiuso un'operazione eccellente, a livello tecnico, ma gli americani si staranno chiedendo perché Mascardi debba guadagnare quanto guadagnerà Iturbe in tre anni. Walter il magnifico è magnifico anche per questo. In chiusura spazio dedicato alla politica del calcio. Mario Macalli, spesso, viene etichettato come una mina vagante del nostro calcio. Attacca il Palazzo e lo manda giù, attacca gli Agnelli e non conta fino a 10 ma l'altro giorno, su Tuttomercatoweb, ha rilasciato dichiarazioni davvero interessanti sulla serie B a 21 squadre. "Sarebbe come tornare indietro di 20 anni". No, caro Presidente. Di più. È dal 1967 che non si gioca con la X. Siamo sicuri che il Presidente Abodi darà priorità alla credibilità del campionato e non alla burocrazia delle carte che ammazzano l'Italia. Macalli ha raggiunto il suo obiettivo, le 60 società in tre gironi, dopo anni di duro lavoro e campionati anonimi. La B a 20 la vogliamo tutti, a 21 nessuno. Immaginate se il Pescara di turno è in corsa per la promozione e viaggia a mille ed è reduce da 4 vittorie consecutive. Deve fermarsi per la sosta del campionato e subito dopo deve fermarsi per la X sul calendario. Chi lo spiega a Baroni che la sua squadra sta perdendo il treno mentre viaggia a 200 km/h? È una follia ed è per questo che alla fine prevarrà il buon senso e la voglia di Abodi (a proposito auguri per i 4 anni di presidenza compiuti sabato scorso) di andare oltre una stupida assemblea che tre mesi fa ha varato qualcosa che oggi non è più di attualità. Liberiamoci da un'Italia burocratica e guardiamo all'interesse del calcio. Proposta: assemblea straordinaria della Lega, per alzata di mano vediamo chi vota per la B a 21 e chi per la B a 22. Facciamo decidere ai club di che morte morire. A vincere sarebbe la democrazia. Buona settimana a tutti.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme, come...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...

Editoriale DI: Mauro Suma

Il 14 Dicembre del Milan. La confusione del Sassuolo. Pioli, il terzo scomodo. E' bruttissimo il calcio fra Biella e la Questura di Como 26.11 - All'esterno del Milan l'attesa spasmodica è per il 13 Dicembre. All'interno del Milan la curiosità e la suspence sono tutte per il 14 Dicembre. Chi entrerà a Casa Milan quel giorno? Le chiavi saranno sempre nelle stesse mani o saranno consegnate ai nuovi proprietari?...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

25.11 - L'ennesimo tentativo di agitare le acque attorno alla cessione del Milan è andato a vuoto. Questa volta è sceso in campo direttamente Silvio Berlusconi, spalleggiato dai soliti noti nel mondo della comunicazione, per cercare di depistare, spargere dubbi, insinuare situazioni...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.