HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Arabi, cinesi ed americani agitano i sogni dei tifosi del Napoli. L'unica verità è che De Laurentiis ha bisogno di soci e soldi per ristrutturare il San Paolo. Ce la farà?

Laurea in Giurisprudenza, scrittore, giornalista professionista, radiocronista dal 1985 e telecronista Mediaset Premium per le partite del Napoli. Corrispondente di Tuttosport, coordinatore per Piùenne, produce e conduce "Si gonfia la rete"
23.11.2014 00.00 di Raffaele Auriemma   articolo letto 23003 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Credere o meno? Innanzitutto vanno registrate tutte le informazioni che stanno vorticosamente girando sulla proprietà del Napoli e sul futuro di De Laurentiis al timone del prestigioso club azzurro. I soli segnali da raccogliere con certezza sono quelli relativi alle smentite ufficiali pubblicate sul sito web, tutto il resto è (per adesso) pour parler che lascia perplessi per la quantità di informazioni che stanno spuntando in ogni angolo del mondo. I qatarioti che dovrebbero subentrare a don Aurelio subito dopo la finale di Supercoppa con la Juve (il 22 dicembre), passando per le banche titolari di fondi d'investimento americane e con le quali De Laurentiis ha realmente avuto rapporti, fino al "bombazo" fatto esplodere dall'intermediario spagnolo Francois Gallardo: un poderoso gruppo economico cinese che gestisce i diritti di immagine di Lio Messi, comprerebbe il Napoli e porterebbe il fuoriclasse argentino insieme al Cholo Simeone per guidare una squadra stellare. Troppa grazia tutta insieme per una piazza che ha subìto fin troppe amarezze e delusioni nel decennio che ha preceduto l'arrivo di De Laurentiis. Diffidenza e ironia nel più comprensibile del "non è vero finchè non vedo" a corredo degli incontrollabili rumors. Come si può dare torto ai tifosi del Napoli? Procedere con i piedi di piombo su di un territorio nel quale raramente abbiamo incontrato un rappresentante del Napoli oppure lo stesso presidente che evita accuratamente di rispondere di persona a certe informazioni incontrollate. Perché? Probabilmente qualche cosina di vero c'è alla base di questa ridda incontrollata di soldi e persone che potrebbero rimanere per sempre nei sogni della gente di Napoli e vivere soltanto nelle fantasie di chiunque riceva uno spiffero dal primo passante che gli dice: "sai che De Laurentiis sta vendendo il Napoli?". Facciamo fatica a credere che sia possibile, visto l'impegno, la dedizione e, perché no, anche l'interesse da imprenditore che caratterizza l'esperienza partenopea di De Laurentiis. Qualcosina di vero ci sarà, ma solo nella misura in cui il patron ha bisogno di investitori, gente che venga con tanto di assegni circolari per fare insieme l'investimento sullo stadio San Paolo. Il nodo è quello lì, l'oggetto della disputa è l'impianto di proprietà del club azzurro. De Laurentiis cerca soci e ha pure fretta. La notizia dell'ennesima lite con il sindaco De Magistriis, conferma la tensione esistente tra club Napoli ed amministrazione comunale. Entro la fine del campionato bisognerà portare all'attenzione del consiglio comunale uno studio di fattibilità per la ristrutturazione del San Paolo e con esso, ovviamente, la copertura economica a sostegno della stessa. Riuscirà De Laurentiis a consegnare quanto chiesto dal Comune dopo tre anni e mezzo di tira e molla tra le parti? E poi, se ciò non dovesse verificarsi, cosa accadrebbe dopo: De Laurentiis andrebbe con i suoi soci a costruire un impianto altrove? Sono tutte domande lecite, al pari di quelle che portano a chiedersi come mai proprio adesso intorno alla proprietà del Napoli circolino così tante voci sul futuro gestionale del club. Vogliamo sapere, ci spetta, appena i tempi saranno maturi per individuare gli scenari futuri. Ha bisogno di informazioni certe anche Rafa Benitez, gli è dovuto, alla luce di quel contratto che scadrà il 30 giugno. Anche per questa ragione sta tergiversando, tanto da apparire anche un po' snob nel farsi attendere così tanto. No, almeno su questo argomento non lo è, perché c'è in ballo anche il futuro. Il suo e quello dei tifosi del Napoli. Questo è il momento del salto di qualità, di una politica societaria che necessita dell'arrivo di risorse (e soci) che diano una mano a De Laurentiis. In questi 10 anni il patron ha fatto fin troppo con le sole risorse che gli hanno dato i tifosi. Continuare da solo potrebbe costringere il Napoli e le proprie ambizioni a fare un passo indietro. Gli investitori, la tifoseria, Benitez: tutti hanno bisogno di sapere quali mosse ha in mente di fare Aurelio De Laurentiis.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il no per Tolisso, nasconde qualcosa di grosso (ma occhio ad Agnelli...). Milan: i fissati sulla questione cinese e un futuro grandi-nomi. Inter: occhio, arriva la "scelta di Pioli". Napoli: la "bellezza" della sofferenza 10.01 - Eccoci qua. Sono stato quattro giorni in ferie. In Valtellina. A mangiare pizzoccheri. La caratteristica dei pizzoccheri è che il primo giorno sono buonissimi, il secondo ti fanno venire l’acetone, il terzo cementano e al quarto non ci arrivi. Nel senso che muori. Siccome il 6 gennaio...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter-Gagliardini: avere i soldi non significa buttarli. Juve, batti un colpo da Juve. Ferrero, posa i fazzoletti. Basta con le mogli-addette stampa! 09.01 - Gasperini dovrebbe spiegare meglio il significato della frase: "Gagliardini non convocato per rispetto dell'Inter". E il rispetto per i tifosi dell'Atalanta dov'è? La verità è che il Mister ha sbagliato la risposta e avrebbe fatto più bella figura a dire la verità. Le parole che non...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.