HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Arbitraggi e Milan: i pesi e le misure. Allegri e Milano: strana cattiveria. De Boer: tifosi Inter avanti, come per Guarin-Vucinic. Inter: tra Leonardo e la Sampdoria

29.10.2016 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 15146 volte
Arbitraggi e Milan: i pesi e le misure. Allegri e Milano: strana cattiveria. De Boer: tifosi Inter avanti, come per Guarin-Vucinic. Inter: tra Leonardo e la Sampdoria

Zero dossier e totale serenità. Così il Milan vive e continuerà a vivere la stagione arbitrale. In silenzio e con rispetto, nel bene e nel male. Ma sulla scena non c'è solo il Milan. C'è tutto uno scenario, che la cronaca non può ignorare. Dopo il gol di Muntari del 2012, l'arbitro Tagliavento non proferì parola. Dopo il rigore su Bacca affossato nell'area piccola di Milan-Udinese a Settembre, il post partita è stato il processo al Milan sconfitto. Dopo il rigore netto di Veloso su Locatelli in Genoa-Milan, stessa cosa. Quando ci sono episodi arbitrali che riguardano il Milan vengono volati via dai vertici istituzionali e ignorati dai media. Quando ci sono episodi arbitrali a favore del Milan, cambia tutto. In Sampdoria-Milan è rimasto nel file del Campionato solo il gol annullato a Torreira, nulla di nulla invece sui falli da rigore su Niang e, soprattutto, clamoroso, su Bonaventura. In Milan-Sassuolo sono stati cancellati i 4 gol del Milan e non passa giorno senza che il presidente Squinzi non torni ossessivamente e compulsivamente su quella partita solo per parlare dell'arbitro Guida (lo stesso di Sassuolo-Milan 3-2 del Maggio 2015, gara infarcita di errori contro il Milan) e di una partita da invalidare, da ripetere, nemmeno fosse stata una finale Scudetto paragonabile a quella del gol di Muntari. Dopo Milan-Sassuolo, ha parlato il designatore Messina. Dopo Milan-Juventus, nel filmato della mixed zone di San Siro in cui Allegri rivolge una battuta sorridente all'addizionale Massa, l'espressione di Rizzoli è molto contrita, in cuor suo vorrebbe forse scusarsi già lì, nella pancia dello stadio di Milano. Giochiamo, tutti, che è meglio.

Da sempre non giudichiamo e non sentenziamo Allegri, ma lo osserviamo nella sua semplicità e nella sua bravura. Proprio per questo le stranezze di quest'anno balzano all'occhio. E' un Allegri più appuntito del solito quello di questa stagione, a tratti anche acido. Il primo indizio dopo Inter-Juventus: l'ha definita la partita più brutta degli ultimi 30 anni. Ma non è vero. L'Inter ha fatto una grande partita e anche la Juve si è battuta. Per l'osservatore esterno e non coinvolto, è stata una gara avvincente e intensa. Poi, il dopo Milan-Juventus. Al termine di Juventus-Sampdoria, Allegri ha coinvolto un ragazzo di 18 anni: "Il calcio è così, Locatelli aveva perso 4 contrasti e poi ha fatto un gol. Bello". Come dire, Locatelli stava giocando male e poi ha pescato il jolly. Su un ragazzo di 18 anni che è agli inizi e che non fa male a nessuno, questa sottolineatura poteva tranquillamente essere evitata. Con sensibilità e con eleganza.

Nel Gennaio 2014 come nell'Ottobre 2016. I tifosi dell'Inter confermano di essere i custodi dell'ortodossia, nel dopo Moratti. Prima c'era il presidente, adesso ci sono loro. Quasi tre anni fa sono stati loro per primi ad accorgersi che lo scambio fra Guarin e Vucinic non andasse fatto, sul piano tecnico e su quello sportivo, sul piano degli equilibri fra grandi squadre e dell'opportunità complessiva. E lo scambio, giustamente, non si fece. Vucinic era agli ultimi fuochi, mente Guarin è stato ceduto un anno dopo per 15 milioni tondi tondi. La stessa cosa sta accadendo oggi. Il tifoso interista si è accorto che il problema attuale non è De Boer. Non lo è la sua serietà, non lo è la sua buona fede. Che sono evidentissime, ad occhio nudo. C'è molto altro, dal mercato alle procedure interne, dall'organigramma all'operatività quotidiana, da mettere a posto prima della panchina. Il sostenitore nerazzurro lo ha colto alla perfezione ed è grazie al clima positivo sugli spalti che la squadra, senza farsi attanagliare dal destino di De Boer, ha poi battuto il Torino.

Eppure De Boer è agli sgoccioli. Leonardo avanza. Nulla di male. Leonardo ha giocato un ottimo calcio con il Milan 2009-2010, ha riportato su in classifica l'Inter 2010-2011 ed è andato al Paris Saint Germain con la benedizione di Moratti che aveva iniziato le grandi e lunghe manovre della cessione del Club. Ma per i tifosi dell'Inter è un uomo che ha abbandonato, ormai la vicenda, anche se non correttamente, è passata così. E dovranno lavorare molto di dialogo con i tifosi interisti, se davvero arriverà Leonardo, sia Moratti e Zanetti che i grandi media supporter. A proposito di Inter: domani Sampdoria con il coltello fra i denti. Con gran parte dei titolari che a Torino, contro la Juventus, hanno riposato dando vita ad una formazione quasi da Coppa Italia. Tutte legittime le scelte dell'ottimo Giampaolo che fa quello che meglio crede per programmare e dosare le fatiche della propria squadra. Ma che sia tutto giusto e sacrosanto a livello di principio forse no, probabilmente no. All'Inter in ogni caso nessuno se ne è occupato.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Le infiltrazioni mafiose nel calcio e i falsi moralisti. Milan, dopo la colletta il problema sarà di Mirabelli. Verona, comunque andrà sarà un fallimento! Foggia, da De Zerbi a Stroppa il vero vincitore è Di Bari 27.03 - Quando c'è la Nazionale bisogna cercare altre notizie, altrimenti televisioni e giornali chiudono. Si punta sul mercato o su questioni extra. Hanno aiutato, in questa fase, il closing del Milan e le indagini della Procura Federale sulle intercettazioni della Juventus. Se a fare i...
Telegram

EditorialeDI: Marco Conterio

Il closing del Milan: la figura di Yonghong Li e tutti gli scenari futuri del club. Valzer delle panchine: tanto ruota attorno a Spalletti. Tutti i colpi delle grandi da Bernardeschi a Manolas fino a Kessie 26.03 - Forse, ci siamo. Il Milan sta per diventare del misterioso Yonghong Li in... Prestito con obbligo di riscatto. Già. Perché i soldi per il closing arriverebbero al broker cinese dagli Stati Uniti, dal fondo Elliott, che finanzierebbe così la chiusura del passaggio del club. Li è rimasto...

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.