HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Arbitraggi e Milan: i pesi e le misure. Allegri e Milano: strana cattiveria. De Boer: tifosi Inter avanti, come per Guarin-Vucinic. Inter: tra Leonardo e la Sampdoria

29.10.2016 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 15082 volte
Arbitraggi e Milan: i pesi e le misure. Allegri e Milano: strana cattiveria. De Boer: tifosi Inter avanti, come per Guarin-Vucinic. Inter: tra Leonardo e la Sampdoria

Zero dossier e totale serenità. Così il Milan vive e continuerà a vivere la stagione arbitrale. In silenzio e con rispetto, nel bene e nel male. Ma sulla scena non c'è solo il Milan. C'è tutto uno scenario, che la cronaca non può ignorare. Dopo il gol di Muntari del 2012, l'arbitro Tagliavento non proferì parola. Dopo il rigore su Bacca affossato nell'area piccola di Milan-Udinese a Settembre, il post partita è stato il processo al Milan sconfitto. Dopo il rigore netto di Veloso su Locatelli in Genoa-Milan, stessa cosa. Quando ci sono episodi arbitrali che riguardano il Milan vengono volati via dai vertici istituzionali e ignorati dai media. Quando ci sono episodi arbitrali a favore del Milan, cambia tutto. In Sampdoria-Milan è rimasto nel file del Campionato solo il gol annullato a Torreira, nulla di nulla invece sui falli da rigore su Niang e, soprattutto, clamoroso, su Bonaventura. In Milan-Sassuolo sono stati cancellati i 4 gol del Milan e non passa giorno senza che il presidente Squinzi non torni ossessivamente e compulsivamente su quella partita solo per parlare dell'arbitro Guida (lo stesso di Sassuolo-Milan 3-2 del Maggio 2015, gara infarcita di errori contro il Milan) e di una partita da invalidare, da ripetere, nemmeno fosse stata una finale Scudetto paragonabile a quella del gol di Muntari. Dopo Milan-Sassuolo, ha parlato il designatore Messina. Dopo Milan-Juventus, nel filmato della mixed zone di San Siro in cui Allegri rivolge una battuta sorridente all'addizionale Massa, l'espressione di Rizzoli è molto contrita, in cuor suo vorrebbe forse scusarsi già lì, nella pancia dello stadio di Milano. Giochiamo, tutti, che è meglio.

Da sempre non giudichiamo e non sentenziamo Allegri, ma lo osserviamo nella sua semplicità e nella sua bravura. Proprio per questo le stranezze di quest'anno balzano all'occhio. E' un Allegri più appuntito del solito quello di questa stagione, a tratti anche acido. Il primo indizio dopo Inter-Juventus: l'ha definita la partita più brutta degli ultimi 30 anni. Ma non è vero. L'Inter ha fatto una grande partita e anche la Juve si è battuta. Per l'osservatore esterno e non coinvolto, è stata una gara avvincente e intensa. Poi, il dopo Milan-Juventus. Al termine di Juventus-Sampdoria, Allegri ha coinvolto un ragazzo di 18 anni: "Il calcio è così, Locatelli aveva perso 4 contrasti e poi ha fatto un gol. Bello". Come dire, Locatelli stava giocando male e poi ha pescato il jolly. Su un ragazzo di 18 anni che è agli inizi e che non fa male a nessuno, questa sottolineatura poteva tranquillamente essere evitata. Con sensibilità e con eleganza.

Nel Gennaio 2014 come nell'Ottobre 2016. I tifosi dell'Inter confermano di essere i custodi dell'ortodossia, nel dopo Moratti. Prima c'era il presidente, adesso ci sono loro. Quasi tre anni fa sono stati loro per primi ad accorgersi che lo scambio fra Guarin e Vucinic non andasse fatto, sul piano tecnico e su quello sportivo, sul piano degli equilibri fra grandi squadre e dell'opportunità complessiva. E lo scambio, giustamente, non si fece. Vucinic era agli ultimi fuochi, mente Guarin è stato ceduto un anno dopo per 15 milioni tondi tondi. La stessa cosa sta accadendo oggi. Il tifoso interista si è accorto che il problema attuale non è De Boer. Non lo è la sua serietà, non lo è la sua buona fede. Che sono evidentissime, ad occhio nudo. C'è molto altro, dal mercato alle procedure interne, dall'organigramma all'operatività quotidiana, da mettere a posto prima della panchina. Il sostenitore nerazzurro lo ha colto alla perfezione ed è grazie al clima positivo sugli spalti che la squadra, senza farsi attanagliare dal destino di De Boer, ha poi battuto il Torino.

Eppure De Boer è agli sgoccioli. Leonardo avanza. Nulla di male. Leonardo ha giocato un ottimo calcio con il Milan 2009-2010, ha riportato su in classifica l'Inter 2010-2011 ed è andato al Paris Saint Germain con la benedizione di Moratti che aveva iniziato le grandi e lunghe manovre della cessione del Club. Ma per i tifosi dell'Inter è un uomo che ha abbandonato, ormai la vicenda, anche se non correttamente, è passata così. E dovranno lavorare molto di dialogo con i tifosi interisti, se davvero arriverà Leonardo, sia Moratti e Zanetti che i grandi media supporter. A proposito di Inter: domani Sampdoria con il coltello fra i denti. Con gran parte dei titolari che a Torino, contro la Juventus, hanno riposato dando vita ad una formazione quasi da Coppa Italia. Tutte legittime le scelte dell'ottimo Giampaolo che fa quello che meglio crede per programmare e dosare le fatiche della propria squadra. Ma che sia tutto giusto e sacrosanto a livello di principio forse no, probabilmente no. All'Inter in ogni caso nessuno se ne è occupato.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.