VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi sarà il prossimo allenatore dell'Inter?
  Stefano Pioli
  Antonio Conte
  Diego Pablo Simeone
  Mauricio Pochettino
  Leonardo Jardim
  Marco Silva
  Luciano Spalletti
  Unai Emery

TMW Mob
Editoriale

Arbitraggi e Milan: i pesi e le misure. Allegri e Milano: strana cattiveria. De Boer: tifosi Inter avanti, come per Guarin-Vucinic. Inter: tra Leonardo e la Sampdoria

29.10.2016 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 15156 volte
Arbitraggi e Milan: i pesi e le misure. Allegri e Milano: strana cattiveria. De Boer: tifosi Inter avanti, come per Guarin-Vucinic. Inter: tra Leonardo e la Sampdoria

Zero dossier e totale serenità. Così il Milan vive e continuerà a vivere la stagione arbitrale. In silenzio e con rispetto, nel bene e nel male. Ma sulla scena non c'è solo il Milan. C'è tutto uno scenario, che la cronaca non può ignorare. Dopo il gol di Muntari del 2012, l'arbitro Tagliavento non proferì parola. Dopo il rigore su Bacca affossato nell'area piccola di Milan-Udinese a Settembre, il post partita è stato il processo al Milan sconfitto. Dopo il rigore netto di Veloso su Locatelli in Genoa-Milan, stessa cosa. Quando ci sono episodi arbitrali che riguardano il Milan vengono volati via dai vertici istituzionali e ignorati dai media. Quando ci sono episodi arbitrali a favore del Milan, cambia tutto. In Sampdoria-Milan è rimasto nel file del Campionato solo il gol annullato a Torreira, nulla di nulla invece sui falli da rigore su Niang e, soprattutto, clamoroso, su Bonaventura. In Milan-Sassuolo sono stati cancellati i 4 gol del Milan e non passa giorno senza che il presidente Squinzi non torni ossessivamente e compulsivamente su quella partita solo per parlare dell'arbitro Guida (lo stesso di Sassuolo-Milan 3-2 del Maggio 2015, gara infarcita di errori contro il Milan) e di una partita da invalidare, da ripetere, nemmeno fosse stata una finale Scudetto paragonabile a quella del gol di Muntari. Dopo Milan-Sassuolo, ha parlato il designatore Messina. Dopo Milan-Juventus, nel filmato della mixed zone di San Siro in cui Allegri rivolge una battuta sorridente all'addizionale Massa, l'espressione di Rizzoli è molto contrita, in cuor suo vorrebbe forse scusarsi già lì, nella pancia dello stadio di Milano. Giochiamo, tutti, che è meglio.

Da sempre non giudichiamo e non sentenziamo Allegri, ma lo osserviamo nella sua semplicità e nella sua bravura. Proprio per questo le stranezze di quest'anno balzano all'occhio. E' un Allegri più appuntito del solito quello di questa stagione, a tratti anche acido. Il primo indizio dopo Inter-Juventus: l'ha definita la partita più brutta degli ultimi 30 anni. Ma non è vero. L'Inter ha fatto una grande partita e anche la Juve si è battuta. Per l'osservatore esterno e non coinvolto, è stata una gara avvincente e intensa. Poi, il dopo Milan-Juventus. Al termine di Juventus-Sampdoria, Allegri ha coinvolto un ragazzo di 18 anni: "Il calcio è così, Locatelli aveva perso 4 contrasti e poi ha fatto un gol. Bello". Come dire, Locatelli stava giocando male e poi ha pescato il jolly. Su un ragazzo di 18 anni che è agli inizi e che non fa male a nessuno, questa sottolineatura poteva tranquillamente essere evitata. Con sensibilità e con eleganza.

Nel Gennaio 2014 come nell'Ottobre 2016. I tifosi dell'Inter confermano di essere i custodi dell'ortodossia, nel dopo Moratti. Prima c'era il presidente, adesso ci sono loro. Quasi tre anni fa sono stati loro per primi ad accorgersi che lo scambio fra Guarin e Vucinic non andasse fatto, sul piano tecnico e su quello sportivo, sul piano degli equilibri fra grandi squadre e dell'opportunità complessiva. E lo scambio, giustamente, non si fece. Vucinic era agli ultimi fuochi, mente Guarin è stato ceduto un anno dopo per 15 milioni tondi tondi. La stessa cosa sta accadendo oggi. Il tifoso interista si è accorto che il problema attuale non è De Boer. Non lo è la sua serietà, non lo è la sua buona fede. Che sono evidentissime, ad occhio nudo. C'è molto altro, dal mercato alle procedure interne, dall'organigramma all'operatività quotidiana, da mettere a posto prima della panchina. Il sostenitore nerazzurro lo ha colto alla perfezione ed è grazie al clima positivo sugli spalti che la squadra, senza farsi attanagliare dal destino di De Boer, ha poi battuto il Torino.

Eppure De Boer è agli sgoccioli. Leonardo avanza. Nulla di male. Leonardo ha giocato un ottimo calcio con il Milan 2009-2010, ha riportato su in classifica l'Inter 2010-2011 ed è andato al Paris Saint Germain con la benedizione di Moratti che aveva iniziato le grandi e lunghe manovre della cessione del Club. Ma per i tifosi dell'Inter è un uomo che ha abbandonato, ormai la vicenda, anche se non correttamente, è passata così. E dovranno lavorare molto di dialogo con i tifosi interisti, se davvero arriverà Leonardo, sia Moratti e Zanetti che i grandi media supporter. A proposito di Inter: domani Sampdoria con il coltello fra i denti. Con gran parte dei titolari che a Torino, contro la Juventus, hanno riposato dando vita ad una formazione quasi da Coppa Italia. Tutte legittime le scelte dell'ottimo Giampaolo che fa quello che meglio crede per programmare e dosare le fatiche della propria squadra. Ma che sia tutto giusto e sacrosanto a livello di principio forse no, probabilmente no. All'Inter in ogni caso nessuno se ne è occupato.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, Berlusconi takes it all. Il 4-3-3 di Montella. Mercato, il grande centravanti. Napoli, Mertens a Manchester 15.04 - Il bene di famiglia non è più della famiglia, ma non tutto è perduto. Silvio Berlusconi è entrato, salutatissimo presidente della Storia rossonera, nel mito uscendo dalla quotidianità, il suo caro amico fidato Paolo Scaroni siede nel Cda di Casa Milan, sua figlia Barbara presiede...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Nuovo Milan, ecco i piani di mister Li. Contratto a Donnarumma, risanamento e la borsa. Ma nel 2018 servono 350 milioni. Juve, Dybala simbolo di un grande progetto 14.04 - Tra nostalgia e qualche rimpianto, Berlusconi saluta il Milan con le lacrime agli occhi. Mancherà a tutti. Umano, molto umano. Ma, signori è fatta. Alla faccia di tutti quelli che fino all’ultimo hanno messo in dubbio perfino l’esistenza di Mister Li Yonghdong. Da ieri il Milan...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.