HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Assalto a Balotelli, Benatia e il Bayern, i viaggi di Sabatini e i difensori della Samp: pronti al rush finale

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
21.08.2014 00.00 di Luca Marchetti  articolo letto 34332 volte
© foto di Federico De Luca

Qui Londra, centro del mercato. Soprattutto se c'è Mino Raiola, dopo quella visita a Milanello che non poteva essere e non è stata casuale. Perché su Mario Balotelli adesso c'è chi si muove sotto traccia. E' il Liverpool, la più interessata tra le squadre che cercano un attaccante. Ha tentato per Falcao, poi per Benzema, niente da fare. E allora vorrebbe riportare in Premier Super Mario in prestito con diritto di riscatto, interesse concreto. Vero. Che però non può bastare. Il Milan ha le idee chiarissime: Mario non è incedibile ma neanche in svendita, per privarsene servono soldi subito e di certo non un prestito, per quanto oneroso possa essere. Anche perché il Milan dovrebbe cercare un sostituto, il tempo stringe. Per ora, insomma, solo un primo approccio. Da vedere se il Liverpool andrà oltre, intanto Rodgers per Balotelli ci prova davvero, sognando un tridente con Sterling e Sturridge che non faccia rimpiangere Suarez. Senza dimenticare Alessio Cerci: trattativa riaperta con il Torino che aspetta almeno 15 milioni, si continua a parlarne tra Galliani e Cairo. Con il nome di Lestienne in prestito le cui quotazioni sono in crescita, nella lista rossonera per l'ala. Con Taarabt che intanto aspetta, a Londra.
Sempre lei, Londra. Centro di tutti. Anche da Fiumicino è arrivato un volo. E non può essere un viaggio come tanti altri, specialmente se solo quattro giorni fa la meta era stata la stessa. Questa volta però Walter Sabatini, ds della Roma, era con il braccio destro Baldissoni. L'occasione buona per studiare concretamente le opportunità che offre il mercato, specialmente in difesa. Perché quel volo per l'Inghilterra, direzione Londra, servirà anche per capire come potersi tuffarsi su eventuali alternative per il dopo-Benatia. Già, perché cautelarsi può servire dato che il Bayern Monaco di Pep Guardiola fa sul serio per il marocchino. L'opportunità Bayern tenta Benatia, il giocatore vuole valutare questa possibilità e prende tempo sulla proposta di rinnovo della Roma. Anche Rudi Garcia l'ha capito, faccia a faccia con Mehdi che ha spiegato tutto. L'adeguamento offerto da Sabatini all'agente Sissoko resta nel cassetto, per ora. Anche perché Rummenigge ha fatto sul serio, nelle ultime ore: contatto diretto con Sabatini al telefono, nelle prossime ore offerta ufficiale da recapitare in sede alla Roma. Con il Bayern che vuole capire la richiesta precisa della Roma: 40 milioni di valutazione, ma Sabatini prende tempo per ottenere più dei 25 milioni più bonus che hanno in mente in Baviera per prendere l'ex Udinese. Senza andare oltre i 30 milioni. Tipico braccio di ferro di mercato, Benatia aspetta e Sabatini spera. Intanto, studia i possibili eredi: Vlad Chiriches del Tottenham è un'idea che affascinava già un anno fa, Marko Basa è tentato giorno dopo giorno dal ritorno con Garcia ma il Lille resiste, Matjia Nastasic del City è un'opportunità di mercato per un giovane di talento. La lista c'è, Sabatini con Baldissoni in UK prepara le mosse.
A Napoli, intanto, il pareggio con l'Athletic Bilbao ha lasciato il segno. Insigne non ha reagito bene, Higuain è nervoso. Il primo segnale di reazione è arrivato dal mercato: Jonathan De Guzman è ufficiale, 6 milioni a titolo definitivo dal Villarreal e QPR bruciato, contratto da 4 anni già firmato. Fellaini, invece, è uscito in stampelle a sorpresa dall'ultima seduta di allenamento del Manchester United: problema alla caviglia e timore di un lungo stop, sarebbe l'ennesima complicazione di una trattativa già complessa sul nascere per costi e condizioni economiche.
Villar Perosa invece resta sempre casa Juve, storia di tradizioni. Dal passato al presente, perché Allegri aspetta ancora un difensore: Marrone sta convincendo ma l'idea di prendere Luisao resta. Difficile, perché il Benfica per meno di 3 milioni non vuole neanche sedersi a trattare. Paratici e Marotta speravano nel colpo a zero, il triennale per il brasiliano è già pronto ma senza l'ok del Benfica non si può chiudere. Tempo al tempo. Intanto, l'Arsenal ha visto il PSG per Rabiot: chiesti 30 milioni, troppi. Se il francesino dovesse restare a Parigi ancora un anno senza rinnovare, allora la Juve è già pronta a prenderlo a zero dal prossimo giugno. Tempo anche di saluti e di giovani, a Torino: Ziegler ha rescisso e adesso valuterà offerte da Germania e Turchia; pensando anche al futuro, con Tomas Pochettino, classe '96 del Boca, ipotesi che piace con l'idea di girarlo a un altro club.
La Samp di Ferrero continua a cercare un centrale difensivo da regalare a Mihajlovic: ci sta lavorando proprio il presidente in prima persona, offerta da 6 milioni al River Plate per Balanta, un sogno realizzabile sì ma non certo facile. Perché sul colombiano ci sono anche Roma e Galatasaray, fila lunga e desiderio complesso. Con una lista ancora lunga: Lisandro Lopez del Benfica, Romagnoli della Roma (solo in prestito), Stendardo dell'Atalanta - garantisce Osti - e Silvestre dell'Inter, appuntamento domani ma non è facile. Atalanta che sta cercando un centrale: accordo di massima con la Juve per Sorensen, ma ci sono anche Genoa e Verona oltre al Rubin all'estero, agenti del giocatore adesso in Italia per la decisione definitiva. Il Sassuolo aspetta sempre il portiere, Storari è la prima scelta ma la Juve senza sostituto non lo libera. E allora restano in lizza Agazzi (ma solo se si convince il giocatore che vuole restare al Milan) e Amelia, senza scartare altre ipotesi. Per Cigarini ocn l'Atalanta c'è ancora distanza, a Bergamo vorrebbero Kurtic più soldi. E per la Primavera arriva il giovane Zappa, dal Beira Mar, classe '97. Alla Lazio è arrivato il difensore Santiago Gentiletti, visite mediche e firme per il centrale campeon di Libertadores con il San Lorenzo. Il Palermo invece sta chiudendo per Vojislav Stankovic, proprio la Lazio ci aveva pensato prima di Gentiletti: dopo il preliminare col Neftchi con il suo Partizan avrà il via libera per fargli firmare un triennale. Il Cagliari insiste per Husbauer, la richiesta si è ridotta da 5 a 3,5 milioni da parte dello Sparta Praga, si può fare. Aspettando un portiere col profilo di Almunia, occhi puntati sul mercato internazionale per regalare a Zeman un altro rinforzo tra i pali. Attenzione anche al Parma: scatto per avere Lodi dal Catania, si ragiona sulla contropartita dopo un incontro diretto con il Catania, si può chiudere nei prossimi giorni. Il Verona preme per Nico Lopez con l'Udinese, alternativa a Rubén Botta dell'Inter per cui c'è la fila, dal Parma al Chievo. Il Cesena può prendere presto Pavoletti: appuntamento con l'Hoffenheim, ma c'è il Genoa pronto a chiudere e girarlo proprio al ds Foschi per il suo Cesena.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...

Editoriale DI: Mauro Suma

Il 14 Dicembre del Milan. La confusione del Sassuolo. Pioli, il terzo scomodo. E' bruttissimo il calcio fra Biella e la Questura di Como 26.11 - All'esterno del Milan l'attesa spasmodica è per il 13 Dicembre. All'interno del Milan la curiosità e la suspence sono tutte per il 14 Dicembre. Chi entrerà a Casa Milan quel giorno? Le chiavi saranno sempre nelle stesse mani o saranno consegnate ai nuovi proprietari?...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

25.11 - L'ennesimo tentativo di agitare le acque attorno alla cessione del Milan è andato a vuoto. Questa volta è sceso in campo direttamente Silvio Berlusconi, spalleggiato dai soliti noti nel mondo della comunicazione, per cercare di depistare, spargere dubbi, insinuare situazioni...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Berlusconi insiste: si chiude, ma altrimenti... il Napoli stoppato in Champions, prenota una stellina brasiliana. E i giovani... 24.11 - La notte dopo il derby Berlusconi aveva dato certezze: il closing ci sarà, ma se così non dovesse essere sarei pronto a rimanere e vincere con un Milan giovane e italiano. Sembrava più una sorta di rassicurazione ai tanti tifosi del Milan contenti per come stavano andando le...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.