HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Assalto a Balotelli, Benatia e il Bayern, i viaggi di Sabatini e i difensori della Samp: pronti al rush finale

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
21.08.2014 00.00 di Luca Marchetti   articolo letto 34351 volte
© foto di Federico De Luca

Qui Londra, centro del mercato. Soprattutto se c'è Mino Raiola, dopo quella visita a Milanello che non poteva essere e non è stata casuale. Perché su Mario Balotelli adesso c'è chi si muove sotto traccia. E' il Liverpool, la più interessata tra le squadre che cercano un attaccante. Ha tentato per Falcao, poi per Benzema, niente da fare. E allora vorrebbe riportare in Premier Super Mario in prestito con diritto di riscatto, interesse concreto. Vero. Che però non può bastare. Il Milan ha le idee chiarissime: Mario non è incedibile ma neanche in svendita, per privarsene servono soldi subito e di certo non un prestito, per quanto oneroso possa essere. Anche perché il Milan dovrebbe cercare un sostituto, il tempo stringe. Per ora, insomma, solo un primo approccio. Da vedere se il Liverpool andrà oltre, intanto Rodgers per Balotelli ci prova davvero, sognando un tridente con Sterling e Sturridge che non faccia rimpiangere Suarez. Senza dimenticare Alessio Cerci: trattativa riaperta con il Torino che aspetta almeno 15 milioni, si continua a parlarne tra Galliani e Cairo. Con il nome di Lestienne in prestito le cui quotazioni sono in crescita, nella lista rossonera per l'ala. Con Taarabt che intanto aspetta, a Londra.
Sempre lei, Londra. Centro di tutti. Anche da Fiumicino è arrivato un volo. E non può essere un viaggio come tanti altri, specialmente se solo quattro giorni fa la meta era stata la stessa. Questa volta però Walter Sabatini, ds della Roma, era con il braccio destro Baldissoni. L'occasione buona per studiare concretamente le opportunità che offre il mercato, specialmente in difesa. Perché quel volo per l'Inghilterra, direzione Londra, servirà anche per capire come potersi tuffarsi su eventuali alternative per il dopo-Benatia. Già, perché cautelarsi può servire dato che il Bayern Monaco di Pep Guardiola fa sul serio per il marocchino. L'opportunità Bayern tenta Benatia, il giocatore vuole valutare questa possibilità e prende tempo sulla proposta di rinnovo della Roma. Anche Rudi Garcia l'ha capito, faccia a faccia con Mehdi che ha spiegato tutto. L'adeguamento offerto da Sabatini all'agente Sissoko resta nel cassetto, per ora. Anche perché Rummenigge ha fatto sul serio, nelle ultime ore: contatto diretto con Sabatini al telefono, nelle prossime ore offerta ufficiale da recapitare in sede alla Roma. Con il Bayern che vuole capire la richiesta precisa della Roma: 40 milioni di valutazione, ma Sabatini prende tempo per ottenere più dei 25 milioni più bonus che hanno in mente in Baviera per prendere l'ex Udinese. Senza andare oltre i 30 milioni. Tipico braccio di ferro di mercato, Benatia aspetta e Sabatini spera. Intanto, studia i possibili eredi: Vlad Chiriches del Tottenham è un'idea che affascinava già un anno fa, Marko Basa è tentato giorno dopo giorno dal ritorno con Garcia ma il Lille resiste, Matjia Nastasic del City è un'opportunità di mercato per un giovane di talento. La lista c'è, Sabatini con Baldissoni in UK prepara le mosse.
A Napoli, intanto, il pareggio con l'Athletic Bilbao ha lasciato il segno. Insigne non ha reagito bene, Higuain è nervoso. Il primo segnale di reazione è arrivato dal mercato: Jonathan De Guzman è ufficiale, 6 milioni a titolo definitivo dal Villarreal e QPR bruciato, contratto da 4 anni già firmato. Fellaini, invece, è uscito in stampelle a sorpresa dall'ultima seduta di allenamento del Manchester United: problema alla caviglia e timore di un lungo stop, sarebbe l'ennesima complicazione di una trattativa già complessa sul nascere per costi e condizioni economiche.
Villar Perosa invece resta sempre casa Juve, storia di tradizioni. Dal passato al presente, perché Allegri aspetta ancora un difensore: Marrone sta convincendo ma l'idea di prendere Luisao resta. Difficile, perché il Benfica per meno di 3 milioni non vuole neanche sedersi a trattare. Paratici e Marotta speravano nel colpo a zero, il triennale per il brasiliano è già pronto ma senza l'ok del Benfica non si può chiudere. Tempo al tempo. Intanto, l'Arsenal ha visto il PSG per Rabiot: chiesti 30 milioni, troppi. Se il francesino dovesse restare a Parigi ancora un anno senza rinnovare, allora la Juve è già pronta a prenderlo a zero dal prossimo giugno. Tempo anche di saluti e di giovani, a Torino: Ziegler ha rescisso e adesso valuterà offerte da Germania e Turchia; pensando anche al futuro, con Tomas Pochettino, classe '96 del Boca, ipotesi che piace con l'idea di girarlo a un altro club.
La Samp di Ferrero continua a cercare un centrale difensivo da regalare a Mihajlovic: ci sta lavorando proprio il presidente in prima persona, offerta da 6 milioni al River Plate per Balanta, un sogno realizzabile sì ma non certo facile. Perché sul colombiano ci sono anche Roma e Galatasaray, fila lunga e desiderio complesso. Con una lista ancora lunga: Lisandro Lopez del Benfica, Romagnoli della Roma (solo in prestito), Stendardo dell'Atalanta - garantisce Osti - e Silvestre dell'Inter, appuntamento domani ma non è facile. Atalanta che sta cercando un centrale: accordo di massima con la Juve per Sorensen, ma ci sono anche Genoa e Verona oltre al Rubin all'estero, agenti del giocatore adesso in Italia per la decisione definitiva. Il Sassuolo aspetta sempre il portiere, Storari è la prima scelta ma la Juve senza sostituto non lo libera. E allora restano in lizza Agazzi (ma solo se si convince il giocatore che vuole restare al Milan) e Amelia, senza scartare altre ipotesi. Per Cigarini ocn l'Atalanta c'è ancora distanza, a Bergamo vorrebbero Kurtic più soldi. E per la Primavera arriva il giovane Zappa, dal Beira Mar, classe '97. Alla Lazio è arrivato il difensore Santiago Gentiletti, visite mediche e firme per il centrale campeon di Libertadores con il San Lorenzo. Il Palermo invece sta chiudendo per Vojislav Stankovic, proprio la Lazio ci aveva pensato prima di Gentiletti: dopo il preliminare col Neftchi con il suo Partizan avrà il via libera per fargli firmare un triennale. Il Cagliari insiste per Husbauer, la richiesta si è ridotta da 5 a 3,5 milioni da parte dello Sparta Praga, si può fare. Aspettando un portiere col profilo di Almunia, occhi puntati sul mercato internazionale per regalare a Zeman un altro rinforzo tra i pali. Attenzione anche al Parma: scatto per avere Lodi dal Catania, si ragiona sulla contropartita dopo un incontro diretto con il Catania, si può chiudere nei prossimi giorni. Il Verona preme per Nico Lopez con l'Udinese, alternativa a Rubén Botta dell'Inter per cui c'è la fila, dal Parma al Chievo. Il Cesena può prendere presto Pavoletti: appuntamento con l'Hoffenheim, ma c'è il Genoa pronto a chiudere e girarlo proprio al ds Foschi per il suo Cesena.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Spalletti, ora è addio. E la Juve aspetta. Allegri più lontano. Inter, Suning 150 milioni per lo Scudetto. Milan, se salta il closing Donnarumma al Real 17.03 - La Roma è fuori dall’Europa nonostante la vittoria e una gara di grande spessore tecnico e agonistico e, se tanto mi da tanto, Spalletti è fuori dalla Roma. Non faccio altro che seguire le sue indicazioni e il suo ragionamento. Ancora pochi giorni fa ha ribadito che senza tituli (alla...

EditorialeDI: Luca Marchetti

I giovani, la Champions e le scadenze 2018? Vendi o firmi? 16.03 - La Champions sa ancora riservare sorprese. Non che il Monaco potenzialmente sia (stato) meno ricco del City, ma nell’anno in cui gli inglesi volevano la glorificazione in campo internazionale è arrivato il fracaso di Pep. Lontano dalla testa della classifica in Premier, uscito per...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Troppe polemiche, ci si mette anche Mourinho... Spalletti-Totti, uno è di troppo! Milan, Donnarumma resta. 15.03 - La primavera è alle porte, speriamo che, con l’arrivo delle belle giornate, le menti più fumantine riescano a rilassarsi… Basta polemiche. Non mi interessa chi ha torto e chi ha ragione, so solo che stiamo esagerando (mi ci metto anche io). Seguiamo ogni partita con occhio clinico,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: tira una strana e “nuova” aria attorno alla Signora. Inter: Zhang e il destino di Pioli (occhio al dato su Simeone). Milan: ultime sul closing (con sorpresa sulla data?). Napoli: un assist a Sarri. E sul regolamento… 14.03 - Eccoci qui. Volevo spiegarvi le regole del calcio. Che sono semplici. Perché se non lo fossero, allora sarebbe un problema. E noi non vogliamo problemi. Quindi eccovi le regole del calcio, così come le abbiamo capite. REGOLA DEL FALLO DI MANO A meno che tu non sia il portiere...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.