HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
-10 alla fine del mercato: da chi aspettarsi il grande colpo?
  Atalanta
  Bologna
  Cagliari
  Chievo Verona
  Crotone
  Empoli
  Fiorentina
  Genoa
  Inter
  Juventus
  Lazio
  Milan
  Napoli
  Palermo
  Pescara
  Roma
  Sampdoria
  Sassuolo
  Torino
  Udinese

TMW Mob
Editoriale

Asta Dybala, 30 milioni? Follie italiane. Allan, sorpasso Juve all'Inter. De Laurentiis, l'Europa non è l'Italia. In B hanno fallito Modena, Catania e Bari

Direttore di Tuttomercatoweb e Sportitalia
11.05.2015 00.00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 104553 volte
© foto di BALTI/PHOTOVIEWS

Sta per volgere al termine uno dei campionati più inutili della storia della serie A. Voi vi siete divertiti? Io no. Lo scudetto la Juventus lo vince a tavolino, nel senso che può fumarsi anche un sigaro che con il solo fumo annienta Roma, Napoli e milanesi. Allegri rende semplice anche ciò che realmente è difficile e quando dice "godiamoci la vita che è fatta di momenti" riferendosi alla Champions ha perfettamente ragione. Pensiamo sempre al domani ma godiamoci l'oggi. Ha detto tante altre cose giuste. Ad esempio, è meglio giocare la prima in casa. Perché se è vero che al ritorno hai la possibilità di recuperare, c'è anche il rischio che al ritorno non ci sia proprio gara; vedi la Fiorentina in Europa League. Comunque il campionato ci deve dire ancora chi andrà in Champions e poi saranno solo amichevoli. Pensate se la Juve non fosse andata in semifinale di Champions League cosa avremmo fatto per tutte queste settimane. Una partita a scopone scientifico parlando di Dybala che vale 30 milioni e se aggiungi le commissioni arriviamo anche a 35. Premesso che Zamparini a creare aste è un fenomeno, ci viene da domandarci come fanno ad abboccarci gli altri. Chiariamo un paio di punti: lo scorso anno Iturbe ha fatto il fenomeno in un Verona che viaggiava bene in gruppo. Sabatini ha aperto la bocca e c'è cascato con tutte le scarpe. Ha strapagato un calciatore, forte, che però non è un fenomeno. L'anno prossimo Iturbe, dopo il primo anno di rodaggio, farà bene ma comunque non giustifica il prezzo d'acquisto. Quest'anno va di moda Dybala. Conte lo ha adocchiato per la Nazionale, in assenza di italiani, la Juventus e l'Inter hanno fatto un sondaggio; con due articoli e 8-9 gol vedi che il prezzo sale a 30 milioni. Ma siamo pazzi? Il calciatore è fortissimo ma farlo passare per fenomeno ce ne vuole ancora. Almeno ci dia la controprova l'anno prossimo. Lo scorso anno era in B e quest'anno al Palermo ha dimostrato il suo valore solo perché Ceravolo, in estate, non ha accontentato Iachini che avrebbe voluto Nicola Pozzi. Altrimenti, di questi tempi, Dybala rischiava addirittura la panchina. Per l'attaccante del Palermo la soluzione ideale sarebbe Firenze. Una via di mezzo tra Palermo e la Juventus e sarebbe perfetto per giocare davanti a Pepito Rossi, sempre se quest'ultimo riuscirà a fare una stagione dalla prima all'ultima giornata.
In settimana abbiamo registrato il sorpasso della Juventus, ai danni dell'Inter, per il brasiliano dell'Udinese Allan. Il calciatore, in questi due anni, è cresciuto tantissimo. Grande quantità, motorino inesauribile e migliorato anche nella fase di possesso e conclusione. Si tratta su una base di 13-14 milioni di euro. I prezzi, all'Udinese, molte volto sono standard e si va per ruolo. 10 milioni il difensore, 15 il centrocampista e 25 l'attaccante. Poi ci sono i casi; nel bene (Sanchez venduto a 42) e nel male (Muriel ceduto a 11). La Juve ha bisogno di un centrocampista rubapalloni al fianco di tanti calciatori di qualità. Non diamo ancora per spacciata l'Inter che su Allan si è mossa prima di tutti, lo scorso dicembre. Per dirla alla Pedullà, nelle trasmissioni su Sportitalia: 55% Juve, 40% Inter, 5% altro...
Parliamo di Europa League? Vabbè, facciamolo. La Fiorentina è arrivata ben cotta, neanche al sangue, a questo finale di stagione. Montella avrà sbagliato qualcosa nella gestione degli uomini e nella preparazione atletica. Forse neanche loro credevano di arrivare a maggio a giocare due volte a settimana, tra coppe e campionato. Morale: i viola rischiano di bruciare tutto l'anno e di non portare a casa nulla, per il prossimo campionato. Il Napoli, invece, aveva e ha la grande opportunità di vincere questa coppetta che non serve a nulla (come dice De Laurentiis) se non alla qualificazione alla prossima fase a gironi di Champions League. Certo, se Benitez avesse dato più continuità in campionato, la scorciatoia sarebbe stata un secondo o terzo posto in serie A e non la conquista della Coppa. Detto questo, De Laurentiis deve ricordarsi che quando parla in Europa non è come se parlasse in Italia dove si rivolge come vuole a Lega e Federazioni. In Europa rappresenta l'Italia e non solo il Napoli, così ci fa risultare tutti antipatici e maleducati. Non si può dare degli straccioni a tutti e, pur dicendo parziali verità su Platini, bisogna indovinare il bersaglio dell'attacco. Gli arbitri sbagliano in Italia, come in Europa. Però De Laurentiis ha rimosso troppo in fretta il gol viziato dal tocco con la mano di Higuain contro il Wolfsburg che di fatto gli ha spalancato le porte della semifinale. Il Napoli, giovedì scorso, è stato fortemente danneggiato ma contro il Dnipro non ti devi ridurre ad un pericoloso 1-0 casalingo. Comunque il Napoli è più forte e può passare il turno, se ci crederà.
In serie B ci sono 3 società che hanno completamente toppato la stagione. Catania, Bari e Modena. Il Catania ha perso a Brescia e ha chiuso di fatto una stagione disastrosa. I 4 gol di Brescia sono la fotografia dell'annata dei siciliani che credevano in un immediato ritorno in serie A ma non avevano fatto i conti con Pablo Cosentino. Quest'anno ci ha messo la faccia, dicendo: se questa stagione il Catania non va in A la colpa sarà unicamente la mia. Bene, già è troppo che il Catania si sia salvato con 3-4 partite decenti fatte ad aprile. Il Modena, invece, paga le nefandezze economiche e societarie del suo Presidente, Antonio Caliendo. Un procuratore vecchio stampo, che oggi farebbe fatica a piazzare anche Trezeguet al Cittadella, ha deciso di giocare a fare il Presidente con i soldi della mutualità della Lega. Sperava di calare l'asso con la promozione in A, gli è andata male e soprattutto difficilmente riuscirà a concedere un futuro roseo al Modena. Spocchioso e presuntuoso ma soprattutto fuori ruolo. Male anche il nuovo Bari. Quando non c'erano i soldi la squadra volava verso la serie A, con i soldi si naviga a metà classifica. Molte scelte sono state sbagliate in sede di calciomercato e sia Mangia che Nicola hanno pagato alcune diatribe interne al club. Bari è una piazza che merita la serie A e non può permettersi annate così anonime dove regali punti e partite come fossero i bollini del supermercato.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Inter, Pioli ha deciso: se ne vanno in tre, ecco dove! Milan: l'addio di Niang nasconde una verità. Juve: l’assalto di Marotta e quello degli anti-Allegri. Napoli: il giorno di Pavoletti (ma attenti a Gabbiadini…) 24.01 - Ciao. Il mercato di gennaio è molto bello. Bellissimo. Succedono un sacco di cose. Ci sono le trasmissioni. I siti sempre aggiornati. Quelli come me che scrivono le cose. E fanno la gara a chi arriva prima. “L’ho detto io!”. “No, io!”. “E io chi sono, il più stronzo?”. C’è un baraccone...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, se tutto va bene sarà l'ultimo Deulofeu della storia. Habemus "Papum", che esplosione! Inter, tre anni per arrivare sul tetto d'Europa. Un Manolo in "Gabbia"  23.01 - E' arrivato Gerard Deulofeu. Erano circa le 19:00 in Italia, Malpensa era presa d'assalto dai cronisti sportivi italiani e Rai e Canale 5 interrompevano la programmazione per darne la notizia. Ad accoglierlo il noto Direttore Sportivo rossonero Rocco Maiorino, conosciuto per le operazioni...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Una settimana da Kalinic. La Juventus chiude il mercato, la Roma lo apre, il Milan con Deulofeu aspetta Gomez dall'anno prossimo. Serie A più divertente: sarebbe meglio ridistribuire i proventi televisivi 22.01 - Non mi capita molto spesso di parlare bene della mia categoria professionale. Anche perché è in continuo movimento, c'è chi si ancora a vecchi capisaldi - perché nato con la carta stampata e, più in generale, non digitale - e chi mette zizzania perché pensa di cambiare completamente...

EditorialeDI: Mauro Suma

Cercasi fotografo per Deulofeu. Juve-Milinkovic Savic: qualcosa è cambiato. Allegri circondato dagli Inzaghi. Simeone, nuovo snodo Inter-Juve 21.01 - Esattamente due anni fa. Il sabato precedente Milan-Atalanta, il Milan sognava Witsel. Ma nel frattempo si preparava ad accontentarsi di Suso. Svanito infatti in poche ore il sogno Witsel, stessa sorte che sarebbe capitata ad altri Club notoriamente più capaci sul mercato, e persa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.