HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Attenta Juve: "dicono" che qualcuno non sia felice... Milan: Berlusconi arrabbiato pensa a una coppia da urlo! Inter: quelli che "Icardi è un problema". Napoli: quella strana previsione. E #noistiamoconvale

Nato a Milano il 3/7/1978, laureato in Scienze ambientali presso l'Università dell'Insubria di Como, da ottobre 2008 è Capo Servizio Sport presso il quotidiano "Libero". Opinionista Rai, TeleLombardia e Sportitalia
27.10.2015 20.43 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 140859 volte
© foto di Alessio Alaimo

E niente, forte della coerenza che mi contraddistingue oggi parto dalle moto, che su Tuttomercatoweb c'entrano come la sigaretta elettronica in bocca a Sarri.

Premessa: non è mia intenzione spoilerare, per cui vi dirò soltanto che a Valentino Rossi è successo un casino con tutta una serie di piloti spagnoli. Lo so, la cosa è nota anche a mia nonna che non bazzica le due ruote dai tempi in cui andava in camporella in sella a una Moto Guzzi, ma meglio non correre il rischio, ché lo spoiler è meno fastidioso solo di quelli delle compagnie telefoniche che ti chiamano per fotterti a orari strani tipo le 9.20 di domenica o la sera di Pasquetta.

Loro: "Buongiorno! Lei è molto fortunato, le regaliamo un Galaxiaifon Quantoseibabbo5S!".

E tu: "Davvero? Il 5S? È gratis?".

E loro: "Certo signor Dì-Il-Nome, completamente gratis in quanto nostro affezionatissimo cliente. Dovrà solo pagare una ricarica da 5 euro al mese fino alla sua morte. Se è fortunato e muore presto spenderà molto poco signor Dì-Il-Nome".

E tu: "Grazie, però io non mi chiamo Dì-Il-Nome, mi chiamo Marcello".

E loro, bisbigliando: "Certo signora Carla. Ora dica "acconsento". Prego".

E tu: "Come? Non sento".

E loro: "Bene, ha appena sottoscritto un contratto vincolante modello "cazzituoi". Lo può disdire entro 3, 2, 1, 0 secondi. Lo Startac della Motorola arriverà presto a casa sua".

E tu: "Ma non era un Galaxiaifon?".

E loro: "Ha detto bene signor Gargiulo, "era", le ricordiamo che la telefonata le è costata 1,80 euro ogni 20 secondi. Saluti".

E tu: "Ma avete chiamato vo...".

Appendono.

Non va proprio così ma poco ci manca: chiamiamole pure "truffe legalizzate".

Comunque, stiamo divagando. Vi dicevo che domenica avevo programmato una mattinata mostruosa: sveglia con clamorosa ora legale, brioches con nutellona galattica, caffellatte in tazza modello "tinozza", doppio plaid, calzettone antiscivolo, visione totale del Gp di Sepang preventivamente registrato. Telefonino ovviamente spento per evitare la spoilerata degli amici mattinieri. Alle 9.20 sono sul divano. Faccio per pucciare il nutellone nella tinozza, squilla il telefono fisso, silente da tempo immemore. Penso "Saranno quelli delle compagnie telefoniche che provano a fottermi". Rispondo con cazzimma. E dall'altro capo della cornetta: "Sono la mamma, hai il cellulare spento, non farmi venire il nervoso che ti tiro una pedata come Valentino a Marquez al settimo giro, curva 14, del circuito di Sepang. Che poi se fai incazzare me, altro che partenza dal fondo nell'ultimo Gp di Valencia, come in effetti è capitato al Dottore. Concludo dicendoti: bene Pedrosa, primo, davanti a Lorenzo e a un Rossi che comunque ha conquistato il terzo posto. Per pranzo ti faccio l'ossobuco. Ciao". Appende. Risuona: "...". E io: "Mamma, non sento!". E loro: "Acconsente?! Bene! Insieme allo Startac vince un buono per non rischiare di essere chiamato nella casa del Grande Fratello. Siete rimasti in pochi". Son tornato a letto.

Bene, ora cerchiamo di solleticare lo spirito nazional-popolare pro-Vale con una serie di considerazioni anti-spagnole e poi parliamo di calcio.

Considerazioni anti-spagnole a caso: Spagna cattivi, Spagna complottisti, Spagna avete solo il Real e il Barcellona che stanno a galla grazie alle banche foraggiate dall'Europa e quindi anche da noi, Spagna Nadal con i muscoli sospetti, Francia o Spagna purché se magna, Ciccio Benitez purché se magna, spagnoli sempre a pensare alla movida, vin brûlé batte sangria, risotto e salciccia batte paella, le spagnole hanno i baffi, alla Corrida tengo per il toro, Formentera è in Italia giusto?, Assisi molto più miracolosa di Santiago de Compostela, Iannone #escilo.

Le cose serie (più o meno) su questa faccenda le trovate in fondo al pezzo. Ora il calcio. Che ci porta bei sereni a parlare del Napoli, bello e vincente da quando Maradona ha battezzato Sarri come allenatore «non adatto» al Napoli: Diego non può essere infallibile in tutto. Higuain tra gli altri non la pensa come il Pibe e a furia di gol e sorrisi ha deciso di voler dimenticare le figuracce con l'Argentina regalando uno scudetto agli azzurri proprio come il suo connazionale. Ah, ho detto scudetto? No amici napoletani, sto scherzando. É stata solo un'impressione. Non si dice scudetto, almeno fino a giugno (ma pensarlo si può, eccome se si può).

Non bisognerebbe nominarlo nemmeno a Roma, visto come è andata l'anno scorso. E infatti i giallorossi sembrano aver imparato la lezione. Baldissoni dice: «Siamo attrezzati per vincere, ma anche gli altri lo sono». Ecco l'atteggiamento giusto per tenere la chiesa al centro del villaggio. E se poi Gervinho continua così...

Ma oggi è già campionato. E allora il gioco del weekend è stato "spara a Icardi", dopo la settimana dello "spara a Dybala". Ecco, siccome l'altro argentino ha dimostrato di essere un campione, lasciate stare pure il centravanti dell'Inter. I gol li ha sempre fatti, anzi pochissimi han segnato come lui all'età che si ritrova. E ha continuato a farli pure con Wanda Nara al suo fianco, ché altri avrebbero perso la testa e diverse diottrie. I problemi dell'Inter - tre punti in quattro partite - sono altri, ma i nerazzurri restano una squadra in corsa per la Champions. Perché il vero problema è far capire a tutti (media in primis) che questa squadra ha un solo obbligo: conquistare il terzo posto (e non è poco...).

Parlavamo di Dybala, appunto. Che non ringrazia Allegri nel post partita ma dovrebbe farlo. Max si è preso la solita spernacchiata nazional-popolare (da Pirlo in poi è il passatempo preferito urlarne di tutte al livornese), ma ha avuto ancora una volta ragione nel gioco del bastone e della carota con i giovani. Ricordate quando diceva a El Shaarawy di stare tranquillo, di continuare a lavorare mentre tutto il Paese lo eleggeva futuro faraone d'Italia? Poi Max ha lasciato il Milan e sapete tutti com'è finita. Intanto la Juve è tornata in corsa per lo scudetto. Esageriamo? Troppi gli otto punti dalla vetta? Macché, il gioco dei bianconeri visto con l'Atalanta dice che certi distacchi sono ancora colmabili.

A proposito di Milano e Torino, girano curiose voci nell'ambiente. Si parla di un dirigente bianconero infastidito dopo un'estate turbolenta. Quella - per capirci - che ha portato il «non fenomeno» Hernanes a Torino invece dell'attesissimo Draxler. Le parole forti di Agnelli agli azionisti, ma soprattutto il patto non più d'acciaio con Paratici, pare abbiano tolto il sorriso a Marotta. Qualcuno tra i soliti ben informati, addirittura, parla di un contatto con Silvio Berlusconi, deluso dal Milan costruito con i suoi milioni. Le critiche dei tifosi sembrano aver colpito almeno in parte il patron, che medita un futuro diverso. Da questo a dire addio al fedelissimo Adriano Galliani ce ne passa, ma non è inverosimile pensare alla rinascita della coppia Marotta-Conte a Milano dopo l'Europeo.

Finiamo qui, ma prima come promesso torniamo in sella. Di seguito quel che penso della faccenda Valentino vs. Spagna. Anzi, Spagna vs. Valentino. Questo e altri cazzibibboli mentali li potete trovare sul blog ilsensodelgol.it col quale vi ammorbo da due settimane. Continuerò ad ammorbarvi. Ammorbiamoci tutti insieme.

Per evitare che qualcuno arrivi in fondo a queste poche righe e dica "sei un fottuto italiano di parte" chiarisco subito: "Sono un fottuto italiano di parte".

Ehi Casey, dico a te: fatti i rombi tuoi. Scrivi che al posto di Valentino chiunque altro si sarebbe dovuto inchinare di fronte alla bandiera nera? Hai ragione. È vero. Solo che questa cosa non sarebbe potuta capitare a te, e sai perché? Perché qualche anno fa ti sei tirato fuori dalla mischia, hai tolto il culo dalla sella. Per intenderci: alla manopola dell'acceleratore hai preferito la tastiera dell'iphone. Vale no, è ancora lì e combatte.

Ehi Lolly, dico a te: mi ricordi certi vigliacchissimi compagni delle elementari. Quelli che faccia a faccia ti dicono "Ti stimo, sei un grande" ma poi voltato l'angolo borbottano, fanno i capricci, provano maledetta invidia: "Quello è uno stronzo, pensa di essere chissà chi, merita una lezione e io comunque sono meglio di lui". Sappi Lolly che giocare al "branco", fare il tutti contro uno, porta risultati nel beve periodo ma a lungo termine ti si ritorce contro. E sai perché? Perché quelli che ora ti dicono "Ti stimo, sei grande", domani volteranno l'angolo e si accorderanno con un altro capo branco per farti pelo e contropelo. Vale no, se gli stai sulle balle te lo dice, poi va in pista e combatte.

Ehi Marcolino, sì sì ce l'ho con te. Guarda, io non so cosa significhi stravincere un Mondiale e l'anno dopo fare la fine del terzo incomodo, quello che "ehi guardatemi, ci sono anch'io", ma so cosa vuol dire essere meschini, combattere in pista non per vincere un titolo, ma per impedire che lo vinca "quell'altro". Succede quando un tarlo scava dentro, quando si ha la sensazione di essere bravi ma di non avere il potenziale per diventare leggenda. E allora piuttosto che combattere per elevarsi, molto meglio sporcare l'immagine di chi è già mito. Ci sei riuscito Marcolino, Vale non potrà rendere la pariglia perché presto smetterà. Ma intanto è in pista e combatte.

Ehi Vale, parlo proprio con te. Ci sei cascato. Come un pivello tra l'altro. Certo, nei tuoi panni sarebbe sbroccato anche un asceta, figurati tu che Santo non sei. Però hai toppato, caduto nella più prevedibile delle provocazioni. Ora stanno completando l'opera, vogliono proprio cuocerti a puntino, farti crollare, dare il colpo di grazia a te che - diciamolo - in questi tre giorni ti sei colpevolmente fatto prendere dal nervoso. Ora puoi fare due cose: 1) Dargliela vinta. 2) Rompere il cazzo a mezza Spagna fino all'ultima curva dell'ultimo Gp. Probabilmente non servirà, e certo non devi dimostrare niente a nessuno, neanche ai tanti che per un attimo hanno pensato "cazzo stai facendo Vale? Sei matto?". Torna in pista e combatti, Vale, chi ha visto come sono andate le cose sa che Lolly passerà alla storia non per aver vinto il titolo della MotoGp, ma il Mondiale di sidecar con Marcolino seduto accanto.

Ehi Sic, ciao. Ci sei mancato a Sepang. Tanto, tantissimo, molto più del solito. Senti, hai da fare fra due settimane? A Valencia c'è Spagna-Italia, abbiamo bisogno di te...

(Twitter: @FBiasin @ilsensodelgol)


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Una settimana da Kalinic. La Juventus chiude il mercato, la Roma lo apre, il Milan con Deulofeu aspetta Gomez dall'anno prossimo. Serie A più divertente: sarebbe meglio ridistribuire i proventi televisivi 22.01 - Non mi capita molto spesso di parlare bene della mia categoria professionale. Anche perché è in continuo movimento, c'è chi si ancora a vecchi capisaldi - perché nato con la carta stampata e, più in generale, non digitale - e chi mette zizzania perché pensa di cambiare completamente...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Mauro Suma

Cercasi fotografo per Deulofeu. Juve-Milinkovic Savic: qualcosa è cambiato. Allegri circondato dagli Inzaghi. Simeone, nuovo snodo Inter-Juve 21.01 - Esattamente due anni fa. Il sabato precedente Milan-Atalanta, il Milan sognava Witsel. Ma nel frattempo si preparava ad accontentarsi di Suso. Svanito infatti in poche ore il sogno Witsel, stessa sorte che sarebbe capitata ad altri Club notoriamente più capaci sul mercato, e persa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.