HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Attenta Juve, la Roma ha più fame. Mazzarri: non solo Zenga, Mancini, Moyes e Spalletti, sale Materazzi. Milan: Balo non ci manchi. Vidal-Cuadrado: Fiorentina più brava

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
18.10.2014 00.00 di Mauro Suma  articolo letto 24464 volte

A metà settimana Massimiliano Allegri ha chiamato a raccolta gli juventini, sulle colonne del Corriere della Sera. Doveva essere l'adunata, il segnale di un ambiente che si ricompatta e si ripropone. Invece si è rivelata una chiamate alle armi all'incontrario. Dopo la sua intervista, si è scatenata la Roma. Parole giallorosse da tutte le parti. Mai una squadra italiana è andata giù così dura contro l'altra, forse neanche Mou. I suoi erano spot, ora contro questo ora contro quello. Ma da Roma contro la Juventus abbiamo assistito ad una offensiva strategica totale a tenaglia. Da De Sanctis a Garcia la manovra di accerchiamento è stata implacabile, a tutto campo. Altro che il violese degli anni Ottanta. De Sanctis piatto come pochi altri, Garcia addirittura virulento. E la Juventus? Tace e snobba. Snobba e tace. Forse perché si sente più forte, forse perché non ha voglia di estremizzare il confronto con l'alleato in Lega, forse perché è più importante il fronte aperto sul risarcimento post-Calciopoli con la Federcalcio. Ognuno la pensi come vuole. Ma la Juventus del 2012 era diversa. Ad ogni alito di vento del Milan, la Juve di Conte e Marotta replicava dura, quasi con la bava alla bocca. Quella Juventus aveva più fame del Milan e forse anche per quello vinse quello Scudetto 2011-2012. Oggi chi passa agli occhi dell'opinione pubblica per avere più passione civile nella reazione a Juve-Roma, è la Roma stessa. Dura, cazzuta, intransigente. Anche Allegri è diverso dal 2012. Da Milanello scattava come una molla ad ogni domande sulle bordate juventine. L'Allegri di ieri a Vinovo non ricorda per niente quello rossonero. Un Allegri da ordinaria amministrazione, quasi burocratico, assente, lontano. E la Roma con la sua fame azzanna...

Mazzarri accerchiato. Mazzarri nell'alveare dei pretendenti, veri e presunti, alla sua panchina. Il calcio è strano. I sette gol in due partite, i tanti infortunati, sembra scontato che l'Inter perda contro il Napoli. Tutto troppo facile, troppo scontato. Niente di più facile che il solito calcio stia preparando il terreno per la vittoria nerazzurra...In quel caso Walter Mazzarri sarebbe sempre più saldo sulla sua panchina, anche dopo le varie investiture presidenziali. A proposito: l'intervista di ieri al Sito dell'Inter, è la conferma di quanto Thohir abbia colto in pieno l'avversione al tecnico da parte della folla nerazzurra e abbia posto la questione di fiducia. Come spesso si fa in politica, quando il governo pone questioni di fondo. Sostenete la squadra, e quindi anche il tecnico, ve lo chiedo di cuore. Mazzarri ringrazia. In ogni caso l'alveare, nel caso malaugurato in cui la situazione precipiti, è così popolato: Zenga, in pole position. Ovvero, se la stagione prende una butta piega buttiamoci almeno sull'interismo. Moyes, per via del fascino United che Thohir subisce. Ma: costa troppo. Spalletti: idem. Mancini: sempreverde. Attenzione però all'outsider. Se volesse, potrebbe liberarsi dalla panchina indiana del Chennaiyin. E' Marco Materazzi, reduce da un buon avvio di stagione con la squadra indiana. Visto che il presidente Thohir si dichiara tifoso assoluto dell'Inter, lo sbocco potrebbe essere quello di uno degli idoli più recenti della gente nerazzurra.

Due momenti. Babacar, giocatore con tutto il rispetto molto meno dotato da madre natura di Mario Balotelli, due settimane fa si dannava l'anima da solo contro l'Inter nella Fiorentina dei grandi assenti. Lottava su tutti i palloni, si proponeva da tutte le parti e aggrediva scattando tutte le zolle del Franchi. La squadra aveva bisogno e lui era al suo servizio. Quante volte Montolivo e compagni avevano chiesto questo a Balo nella scorsa stagione...Altro momento. Le agenzie battevano questa settimana le frasi dello stesso Mario Balotelli dirette a Cesare Prandelli. Un brivido, la fonte imperlata di sudore: Oddio, adesso la vigilia di Verona-Milan diventa come l'anno scorso un lungo, teso, nervoso, batti e ribatti attorno a Mario Balotelli. No, ci svegliamo. Mario non è più al Milan, E' al Liverpool. Ed è così che ci siamo ripresi, accogliendo anche la notizia dei recuperi di tutti gli infortunati, da Diego Lopez a Bonaventura, da Menez a Van Ginkel. L'anno scorso la vigilia di Verona-Milan, con la rivalità fra bresciani impersonati da Balotelli e i veronesi, era stata sorniona e tranquilla per i gialloblù, elettrica e fuorviante per i rossoneri che sono stati contagiati dall'uno contro uno voluto e poi subito da Mario contro l'intero Bentegodi che lo avrebbe poi sopraffatto puntando sull'ironia. Nulla contro Balotelli. Ma la lettura di questa settimana, di come è stata e di come invece avrebbe potuto essere se Balo fosse ancora qui, ci ha confermato come Mario non manchi al Milan. Lo ha confermato nelle trasmissioni di Milan Channel, Paolo Berlusconi splendido padrone di casa a Segrate al secondo derby vintage per il nostro Claudio Lippi ottimamente organizzato da Veronese e Francioso. Ed è la stessa serenità che abbiamo trovato a Riccione, Romagna rossonera. Sono nati nel 1984 quelli del Milan Club Riccione, quando il Milan era una matricola e perdeva sempre i derby. Ma i Milanisti avevano lo stesso il sacro fuoco. Bene, va riacceso. Fin da domani, a Verona. Dove è dura sempre, ma dove lo sarà soprattutto domani.

La Fiorentina in estate è stata sul punto di cedere Cuadrado, nello stesso identico modo in cui la Juventus è stata ad un millimetro dall'operazione Vidal in uscita. Sono sempre situazioni delicate quelle in cui un giocatore è ormai psicologicamente ceduto, concettualmente partito. Se poi per mille e un motivo l'affare non si concretizza, riattaccare la spina è tutt'altro che facile. Non c'è niente di automatico nel calcio. Soprattutto quando un rapporto è ormai concluso e rimane formalmente in piedi solo per la mancanza di una firma, per un contratto non compilato, un dialogo di mercato non portato a termine. Riavvolgere può essere un problema irrisolvibile. In questo senso però la Fiorentina è stata più brava con Cuadrado. Il colombiano ha resettato. Sente quanto la città e la squadra abbiano bisogno di lui con tanti assenti e lui c'è. Corre, tira, segna. Vidal invece è psicologicamente ingolfato. Forse perché non sente più il morso di Conte. Forse perché in cuor suo pensa che se si fosse operato prima avrebbe giocato meglio con il Cile quel Mondiale a cui teneva tantissimo. Oppure perché con tutti i campioni nell'organico della Juventus, sente di potersi permettere qualche lungaggine. Vai a capire. Innegabile però che il mercato del tira e molla abbia restituito un campione alla Fiorentina e ne abbia invece sottratto uno alla Juventus.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...

Editoriale DI: Mauro Suma

Il 14 Dicembre del Milan. La confusione del Sassuolo. Pioli, il terzo scomodo. E' bruttissimo il calcio fra Biella e la Questura di Como 26.11 - All'esterno del Milan l'attesa spasmodica è per il 13 Dicembre. All'interno del Milan la curiosità e la suspence sono tutte per il 14 Dicembre. Chi entrerà a Casa Milan quel giorno? Le chiavi saranno sempre nelle stesse mani o saranno consegnate ai nuovi proprietari?...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

25.11 - L'ennesimo tentativo di agitare le acque attorno alla cessione del Milan è andato a vuoto. Questa volta è sceso in campo direttamente Silvio Berlusconi, spalleggiato dai soliti noti nel mondo della comunicazione, per cercare di depistare, spargere dubbi, insinuare situazioni...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Berlusconi insiste: si chiude, ma altrimenti... il Napoli stoppato in Champions, prenota una stellina brasiliana. E i giovani... 24.11 - La notte dopo il derby Berlusconi aveva dato certezze: il closing ci sarà, ma se così non dovesse essere sarei pronto a rimanere e vincere con un Milan giovane e italiano. Sembrava più una sorta di rassicurazione ai tanti tifosi del Milan contenti per come stavano andando le...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.