VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi sarà il prossimo allenatore dell'Inter?
  Stefano Pioli
  Antonio Conte
  Diego Pablo Simeone
  Mauricio Pochettino
  Leonardo Jardim
  Marco Silva
  Luciano Spalletti
  Unai Emery

TMW Mob
Editoriale

Attenta Juve, la Roma ha più fame. Mazzarri: non solo Zenga, Mancini, Moyes e Spalletti, sale Materazzi. Milan: Balo non ci manchi. Vidal-Cuadrado: Fiorentina più brava

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
18.10.2014 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 24483 volte

A metà settimana Massimiliano Allegri ha chiamato a raccolta gli juventini, sulle colonne del Corriere della Sera. Doveva essere l'adunata, il segnale di un ambiente che si ricompatta e si ripropone. Invece si è rivelata una chiamate alle armi all'incontrario. Dopo la sua intervista, si è scatenata la Roma. Parole giallorosse da tutte le parti. Mai una squadra italiana è andata giù così dura contro l'altra, forse neanche Mou. I suoi erano spot, ora contro questo ora contro quello. Ma da Roma contro la Juventus abbiamo assistito ad una offensiva strategica totale a tenaglia. Da De Sanctis a Garcia la manovra di accerchiamento è stata implacabile, a tutto campo. Altro che il violese degli anni Ottanta. De Sanctis piatto come pochi altri, Garcia addirittura virulento. E la Juventus? Tace e snobba. Snobba e tace. Forse perché si sente più forte, forse perché non ha voglia di estremizzare il confronto con l'alleato in Lega, forse perché è più importante il fronte aperto sul risarcimento post-Calciopoli con la Federcalcio. Ognuno la pensi come vuole. Ma la Juventus del 2012 era diversa. Ad ogni alito di vento del Milan, la Juve di Conte e Marotta replicava dura, quasi con la bava alla bocca. Quella Juventus aveva più fame del Milan e forse anche per quello vinse quello Scudetto 2011-2012. Oggi chi passa agli occhi dell'opinione pubblica per avere più passione civile nella reazione a Juve-Roma, è la Roma stessa. Dura, cazzuta, intransigente. Anche Allegri è diverso dal 2012. Da Milanello scattava come una molla ad ogni domande sulle bordate juventine. L'Allegri di ieri a Vinovo non ricorda per niente quello rossonero. Un Allegri da ordinaria amministrazione, quasi burocratico, assente, lontano. E la Roma con la sua fame azzanna...

Mazzarri accerchiato. Mazzarri nell'alveare dei pretendenti, veri e presunti, alla sua panchina. Il calcio è strano. I sette gol in due partite, i tanti infortunati, sembra scontato che l'Inter perda contro il Napoli. Tutto troppo facile, troppo scontato. Niente di più facile che il solito calcio stia preparando il terreno per la vittoria nerazzurra...In quel caso Walter Mazzarri sarebbe sempre più saldo sulla sua panchina, anche dopo le varie investiture presidenziali. A proposito: l'intervista di ieri al Sito dell'Inter, è la conferma di quanto Thohir abbia colto in pieno l'avversione al tecnico da parte della folla nerazzurra e abbia posto la questione di fiducia. Come spesso si fa in politica, quando il governo pone questioni di fondo. Sostenete la squadra, e quindi anche il tecnico, ve lo chiedo di cuore. Mazzarri ringrazia. In ogni caso l'alveare, nel caso malaugurato in cui la situazione precipiti, è così popolato: Zenga, in pole position. Ovvero, se la stagione prende una butta piega buttiamoci almeno sull'interismo. Moyes, per via del fascino United che Thohir subisce. Ma: costa troppo. Spalletti: idem. Mancini: sempreverde. Attenzione però all'outsider. Se volesse, potrebbe liberarsi dalla panchina indiana del Chennaiyin. E' Marco Materazzi, reduce da un buon avvio di stagione con la squadra indiana. Visto che il presidente Thohir si dichiara tifoso assoluto dell'Inter, lo sbocco potrebbe essere quello di uno degli idoli più recenti della gente nerazzurra.

Due momenti. Babacar, giocatore con tutto il rispetto molto meno dotato da madre natura di Mario Balotelli, due settimane fa si dannava l'anima da solo contro l'Inter nella Fiorentina dei grandi assenti. Lottava su tutti i palloni, si proponeva da tutte le parti e aggrediva scattando tutte le zolle del Franchi. La squadra aveva bisogno e lui era al suo servizio. Quante volte Montolivo e compagni avevano chiesto questo a Balo nella scorsa stagione...Altro momento. Le agenzie battevano questa settimana le frasi dello stesso Mario Balotelli dirette a Cesare Prandelli. Un brivido, la fonte imperlata di sudore: Oddio, adesso la vigilia di Verona-Milan diventa come l'anno scorso un lungo, teso, nervoso, batti e ribatti attorno a Mario Balotelli. No, ci svegliamo. Mario non è più al Milan, E' al Liverpool. Ed è così che ci siamo ripresi, accogliendo anche la notizia dei recuperi di tutti gli infortunati, da Diego Lopez a Bonaventura, da Menez a Van Ginkel. L'anno scorso la vigilia di Verona-Milan, con la rivalità fra bresciani impersonati da Balotelli e i veronesi, era stata sorniona e tranquilla per i gialloblù, elettrica e fuorviante per i rossoneri che sono stati contagiati dall'uno contro uno voluto e poi subito da Mario contro l'intero Bentegodi che lo avrebbe poi sopraffatto puntando sull'ironia. Nulla contro Balotelli. Ma la lettura di questa settimana, di come è stata e di come invece avrebbe potuto essere se Balo fosse ancora qui, ci ha confermato come Mario non manchi al Milan. Lo ha confermato nelle trasmissioni di Milan Channel, Paolo Berlusconi splendido padrone di casa a Segrate al secondo derby vintage per il nostro Claudio Lippi ottimamente organizzato da Veronese e Francioso. Ed è la stessa serenità che abbiamo trovato a Riccione, Romagna rossonera. Sono nati nel 1984 quelli del Milan Club Riccione, quando il Milan era una matricola e perdeva sempre i derby. Ma i Milanisti avevano lo stesso il sacro fuoco. Bene, va riacceso. Fin da domani, a Verona. Dove è dura sempre, ma dove lo sarà soprattutto domani.

La Fiorentina in estate è stata sul punto di cedere Cuadrado, nello stesso identico modo in cui la Juventus è stata ad un millimetro dall'operazione Vidal in uscita. Sono sempre situazioni delicate quelle in cui un giocatore è ormai psicologicamente ceduto, concettualmente partito. Se poi per mille e un motivo l'affare non si concretizza, riattaccare la spina è tutt'altro che facile. Non c'è niente di automatico nel calcio. Soprattutto quando un rapporto è ormai concluso e rimane formalmente in piedi solo per la mancanza di una firma, per un contratto non compilato, un dialogo di mercato non portato a termine. Riavvolgere può essere un problema irrisolvibile. In questo senso però la Fiorentina è stata più brava con Cuadrado. Il colombiano ha resettato. Sente quanto la città e la squadra abbiano bisogno di lui con tanti assenti e lui c'è. Corre, tira, segna. Vidal invece è psicologicamente ingolfato. Forse perché non sente più il morso di Conte. Forse perché in cuor suo pensa che se si fosse operato prima avrebbe giocato meglio con il Cile quel Mondiale a cui teneva tantissimo. Oppure perché con tutti i campioni nell'organico della Juventus, sente di potersi permettere qualche lungaggine. Vai a capire. Innegabile però che il mercato del tira e molla abbia restituito un campione alla Fiorentina e ne abbia invece sottratto uno alla Juventus.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...
Telegram

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, Berlusconi takes it all. Il 4-3-3 di Montella. Mercato, il grande centravanti. Napoli, Mertens a Manchester 15.04 - Il bene di famiglia non è più della famiglia, ma non tutto è perduto. Silvio Berlusconi è entrato, salutatissimo presidente della Storia rossonera, nel mito uscendo dalla quotidianità, il suo caro amico fidato Paolo Scaroni siede nel Cda di Casa Milan, sua figlia Barbara presiede...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.