HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Attenzione: la mossa a sorpresa che rilancia Tavecchio. Clamoroso: sono d'accordo con Abodi! Serie A ai minimi storici, retrocesse già a febbraio

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
29.02.2016 13.00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 42003 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Da quando Tavecchio si è seduto sulla poltrona di Presidente della Federazione Italiana Giuoco Calcio ha lavorato più per respingere le bordate che gli arrivavano che per cambiare realmente il calcio. Il tempo per lavorare è stato poco e neanche la possibilità di leggere tutte le carte che in un minuto ha dovuto pensare alla campagna elettorale. Stesso discorso per Gravina, nuovo Presidente della Lega Pro. Sta studiando per capire dove mettere le mani in un mare di problemi, ma tra poco dovrà pensare alla prossima tornata elettorale e non a risolvere i problemi di 54 società italiane. La cosa sconcertante sono i regolamenti e gli statuti. Gli uomini passano, ma siamo prigionieri di una legislatura che va cambiata al più presto. Tavecchio torna a sperare. Fino ad una settimana fa era considerato da tutti l'ex Presidente della Figc. Ha contro mezzo sistema del calcio italiano, il Coni spinge in altre direzioni e Lotito non ha più il potere di un anno fa. Infantino Presidente della Fifa, però, è l'ultima carta disperata di Tavecchio. Aveva giurato il voto a Infantino e, nonostante le tentazioni, ha rispettato la parola data. Siccome non siamo alla Caritas ma in un mondo di squali, tra poco Tavecchio si presenterà alla porta di Infantino per chiedere un appoggio ufficiale per le prossime elezioni. Nulla di sconvolgente. Bisogna, però, partire subito per arrivare in tempo al secondo mandato. La posizione di Carraro e Abete, tuttavia, risulta sempre determinante. Per il lettore classico, leggere i nomi di Carraro e Abete rievoca il passato, invece, nei salotti giusti di Roma i due ex Presidenti sono sempre attivi. Oggi più che mai. Carraro spinse Tavecchio alla Presidenza Federale, poi il rapporto si è incrinato. Sembrerebbe che Carletto - dopo l'appoggio ricevuto - abbia pensato più ai fattarelli suoi che a quelli di chi lo ha spinto su quella poltrona. Abete è un nome sempre forte. Il progetto più ambizioso sarebbe: Infantino Presidente Fifa, Abete in corsa per la presidenza Uefa e Tavecchio che scende a compromessi con i primi due che riconferma la leadership nazionale. Non è semplice, ci mancherebbe... Anche perché portare a capo del sistema del calcio mondiale un italiano e mezzo, per noi, sarebbe come fare bingo, ma per gli altri sarebbe come perdere potere. Sullo sfondo c'è Roma 2024: Malagò sta lavorando benissimo in quella direzione e sta cercando di allontanare la candidatura di Parigi, oggi tra le principali minacce per Roma. Il vento sta cambiando, la politica sta facendo passi importanti e l'Italia non sta a guardare. Prendiamo come esempio il golf: il Presidente della Federazione Golf, Chimenti, meriterebbe una statua vicino al Colosseo per aver portato in Italia la Ryder Cup del 2022, quando aveva avversari con più credenziali e più potere. Chimenti ha dimostrato che, con la buona volontà, l'ingegno e la fantasia si possono abbattere muri invalicabili. La politica del calcio è ancora indietro di qualche anno, ma qualcosa sta cambiando. Malagò studia ed esamina se chiude il cerchio con Roma 2024, al Colosseo servirebbe un'altra statua. Preferibilmente non da coprire. Si stanno facendo oggi i giochi anche per l'elezione del Presidente della Lega di serie B. Andrea Abodi è un po' come l'uomo che è sposato con la moglie ma in testa ha da sempre un'altra donna. Quella del piano di sopra. Bene, Abodi sogna la Lega di A ma nel frattempo non vuole perdere giustamente la Lega di B. Allora sta lavorando con i club per la conferma del mandato. Ad oggi manca una candidatura affidabile per la successione di Abodi, anche se il nome che circola potrebbe mettere tutti d'accordo. Il Presidente della Lega di B, settimana scorsa, ha detto una cosa che mi trova d'accordo. Clamoroso. Abodi ha giustamente fatto presente che il paracadute - per come è impostato - non è un principio sano e garante di competitività tra le società. In poche parole il prossimo anno, in B, ci sarà solo una promozione diretta e una attraverso i play off. Il Verona è già in serie A. Il paracadute sul quale potrà contare l'Hellas è di quelli di ferro e basterà costruire una squadra competitiva con i soldi delle Leghe per tornare immediatamente su. Stesso discorso valso due anni fa per il Palermo e quest'anno per il Cagliari. Quello che dice Abodi è giusto e sensato. In occasione dell'ultima assemblea hanno fatto passare per pazzo e visionario il Presidente della Pro Vercelli che avrebbe detto cose che vi raccontiamo da tempo. Ma questo è un altro capitolo. Triste ma vecchio.
In confidenza, vi volevo anche raccontare che, ormai, non dormo più bello e beato come faccio la domenica pomeriggio da 5-6 anni. Aspetto con ansia le partite di serie A della domenica, perché unite al divano e alla copertina conciliano il sonno. Le partite di domenica pomeriggio sono sempre meno, stadi sempre più vuoti, con le piccole che non riescono a riempire neanche metà stadio, e partite di qualità indecente. Ti ritrovi a fine febbraio con i verdetti già segnati per la retrocessione. Signore e Signori vi preannuncio chi retrocederà quest'anno... Verona, Carpi e Frosinone! Ho vinto "quacchecosa"? Bisogna trovare un rimedio serio e concreto. Oggi Crotone sogna e giustamente gode per una promozione storica che sta arrivando, ma faccia qualcosa, da subito, per evitare di essere la prossima vittima sacrificale. I Vrenna e Ursino sono bravi e qualcosa si inventeranno ma chi sale in A, con 4 soldi, non può essere mandato così al patibolo. Le favole degli anni '80 Ascoli, Avellino, Pisa e Cremonese esistevano sul serio. E c'era spazio per i sogni veri. Non mi parlate oggi di favola Sassuolo perché il Sassuolo non ha nulla di provinciale, se non i pochi tifosi allo stadio e lo status sulla cartina geografica. Il Sassuolo ha una proprietà talmente solida che potrebbe prendere, sicuramente, il posto del malandato Thohir.
In attesa di risposte, porgiamo i nostri più cordiali saluti...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il no per Tolisso, nasconde qualcosa di grosso (ma occhio ad Agnelli...). Milan: i fissati sulla questione cinese e un futuro grandi-nomi. Inter: occhio, arriva la "scelta di Pioli". Napoli: la "bellezza" della sofferenza 10.01 - Eccoci qua. Sono stato quattro giorni in ferie. In Valtellina. A mangiare pizzoccheri. La caratteristica dei pizzoccheri è che il primo giorno sono buonissimi, il secondo ti fanno venire l’acetone, il terzo cementano e al quarto non ci arrivi. Nel senso che muori. Siccome il 6 gennaio...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.