HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Attenzione! Sale la tensione in casa Inter: Thohir tace ma per Mazzarri non è una bella notizia... Milan, la retromarcia rischiosa di Inzaghi e un sottile mistero. La Juve di Allegri e quel passo indietro "dovuto"

Nato a Milano il 3/7/1978, laureato in Scienze ambientali presso l'Università dell'Insubria di Como, da ottobre 2008 è Capo Servizio Sport presso il quotidiano "Libero". Opinionista Rai, TeleLombardia e Sportitalia
30.09.2014 00.00 di Fabrizio Biasin  Twitter:   articolo letto 46148 volte
© foto di Federico De Luca

E niente, l'altra notte ho fatto un sogno orrendo. Colpa del brasato settembrino, è evidente. Possiamo tranquillamente parlare di incubo fetente. C'era questo tizio, Walter, allenatore di una squadra assai blasonata - l'Inter - che perde a San Siro 4-1 contro l'ultima in classifica - il Cagliari - e in conferenza dice "Probabilmente ho sbagliato io alcune valutazioni di turnover, la squadra era cotta. Quando siamo rimasti in 10 dovevamo comportarci diversamente: una squadra esperta si mette dietro, non prende 4 gol nel primo tempo, e prova a rimontare nella ripresa". Come dite? È successo per davvero? Sì, è successo per davvero.
Capiamoci bene, Mazzarri nel post partita se l'è cavata decentemente, addirittura si è assunto la colpa della più grande debacle nerazzurra recente (e chi doveva prendersela, mia nonna in carriola?). In ogni caso le buone intenzioni del tecnico non sono sufficienti perché tutto finisca in cavalleria alla voce "pace, carote, patate", proprio no.
Questione numero 1 che chiameremo "lo strano caso dei calciatori cotti a settembre". Dunque, sapete quante partite in più ha giocato l'Inter rispetto al Cagliari? Tre: due contro i dilettanti islandesi e una contro gli ucraini. Anzi due: il Cagliari ha giocato la Coppa Italia contro il Catania. E comunque a detta di Mazzarri i suoi giocatori erano stracotti.
Ora, certamente giocare tre partite in una settimana dev'essere stressante, sfiancante, talmente inaccettabile che bisognerebbe chiedere sostegno ad Amnesty International, ma non al punto di vedere Ibarbo che salta gli avversari neanche fosse Abatantuono nella mitica partitella di "Mediterraneo" (bambini greci saltati a decine, grande Diego). Non è accettabile sentir parlare di calciatori "cotti" a fine settembre e parlare di "turnover sbagliato", perché significa prendere per fessi tutti quanti. Per intenderci: Allegri sta facendo turnover? No, neanche per sbaglio. I suoi giocatori sono distrutti, cotti, da rottamare? Affatto.
E allora forse è il caso di passare alla questione numero 2 che definiremo "l'irrefrenabile tendenza del Walter a far passare se stesso come un allenatore esperto costretto a gestire un gruppo di pivelli alle prime armi". Dice il tecnico dell'Inter: "Siamo inesperti" o "stiamo lavorando per crescere" o anche "dobbiamo migliorare..." e "ci vuole pazienza". Ma, scusate, queste non erano le scuse della "collezione Mazzarri 2013/2014"? Quanti anni servono per smettere di parlare di "progetto appena nato" e "inesperienza"? Un tecnico che guadagna oltre tre milioni l'anno non è tenuto a ridurre al minimo il periodo del "dobbiamo migliorare"? E Palacio è così inesperto, lui che ha giocato la finale di un Mondiale? E Handanovic? E Vidic? E Hernanes? E Nagatomo? Non è che forse è l'amalgama che non funziona secondo l'improvvisata legge dello chef pasticcione: "Se in cambusa hai pasta di grano di prima qualità, guanciale di maiale reale, pepe finissimo e uova di gallina figa, ma la tua carbonara è nauseabonda, allora forse il problema è tuo, non di chi ha fatto la spesa". Parliamoci chiaro: la rosa dell'Inter difficilmente vincerà la coppa dei Tre Mondi, ma non è neppure così messa male da mettere in scena un match tragicomico del genere "Helsingborg" o "derby dello 0-6".
Sette giorni fa scrivemmo di Mazzarri: "Sta imparando a diventare interista". Così pareva. E invece niente, una settimana dopo sono riemersi i difetti di un tecnico che ieri è stato sì tradito dai suoi giocatori ma resta - per evidenti questioni legate a un ingaggio francamente esagerato - il primo responsabile. L'anno scorso qualcosa di simile accadde a Conte in quel di Firenze. Così parlò l'ex tecnico bianconero dopo la sconfitta con i viola: "Siamo la Juventus e non abbiamo scuse. In altri casi abbiamo reagito bene ma oggi in dieci minuti abbiamo preso quattro gol. Adesso andiamo in guerra sperando di avere sempre il fucile dalla parte del manico". Mazzarri: "Il Cagliari era concentrato e ha trovato un gol rocambolesco, siamo rimasti in dieci. E quando tutto va male, le cose vanno anche peggio". Trovate le differenze.
La palla passa a Thohir, cioè al presidente che ieri inquadrato in tribuna al termine del match palesava lo stesso coinvolgimento che può avere Rocco Siffredi a un congresso medico sui pistolini inceppati. Sembrava che non capisse quel che stava accadendo, quasi aspettasse l'inizio del secondo inning: "Adesso tocca a noi attaccare? Non vedo le mazze...". È evidente che l'indonesiano dopo aver recentemente rinnovato il contratto al suo tecnico non prenderà alcun provvedimento estremo. Giusto così, ci mancherebbe, ma forse è il caso che assorba uno zic di "zamparinismo", il temibile morbo che dopo un 4-1 rimediato in casa contro l'ultima in classifica (la squadra tra l'altro "monitorata" da colui che ti ha venduto l'Inter) ti fa gridare al cielo con classe oxfordiana "eccheccazzo boia ladra schifa maremma impestata!". E invece niente, solo sorrisoni e "ci vuole tempo...". Mah.
Segnaliamo infine che la Fondazione Zeman pare abbia inviato un telegramma di ringraziamento a casa Mazzarri per aver resuscitato Zdenek quando tutti lo davano per finito. Clamorosa tra l'altro l'esultanza del boemo nella sala stampa del Meazza subito dopo il successo. Giornalista: "È felice Zeman? Questo è il suo Cagliari finalmente!". Zeman: "Noi giocato benino. Avete zolfanello che appizzo siga?".

Stessa classifica dell'Inter ma situazione diversa in casa Milan. I rossoneri per un tempo hanno giocato davvero molto bene: si sono divertiti e hanno divertito pur inquadrando poco la porta. Poi il crollo nel secondo tempo, soprattutto fisico ma in parte anche mentale.
Inzaghi a differenza di Mazzarri ha più attenuanti (guadagna la metà dello stipendio del collega ed è alla quinta panchina in serie A), ma non per questo rischia meno. La questione nel suo caso è legata alle scelte pre-gara e a quel vivere in bilico tra l'undici che vorrebbe schierare e quello che gli viene suggerito "dall'alto". Così disse Pippo qualche tempo fa: "Ora abbiamo un modulo ed è già difficile che venga appreso a pieno questo modulo. Se la squadra avesse avuto certezze allora avremmo potuto inserirne anche qualcuno in più, ma in questa situazione uno basta e avanza". E infatti in un amen si è passati dal 4-3-3 col falso nove, al 4-3-3 col vero nove, al 4-2-3-1 col nove griffato. Insomma, Pippo non ha dato retta a se stesso e ha preferito iscriversi al club degli "yes man": scelta azzeccata se hai idee ballerine o non sei simpatico ai più come Seedorf, ma parecchio sbagliata se invece credi in quello che fai ma non hai il coraggio di andare fino in fondo.
Resta in ballo la questione El Shaarawy. Da più parti si sente dire: "Non gioca perché non è al 100% e lui deve essere al 100% per rendere come sa". Al sottoscritto francamente pare una cazzata. Secondo questo assunto un giocatore dotato come il crestone (ma anche un giocatore qualunque) dovrebbe quindi essere schierato 10-15 volte al massimo a stagione. A 22 anni tra l'altro. No, c'è qualcosa che non torna. Chiunque se dispone di un potenziale fenomeno in rosa lo schiera anche al 50%, altrimenti che "potenziale fenomeno" è? Questione diversa se si ritiene il ragazzo fragile dal punto di vista psicologico e cioè "inadatto a rivestire il ruolo del leader", cosa che tra l'altro El Shaarawy fece alla grande a soli 20 anni nel semestre pre-Balotelli. In un caso o nell'altro ci rendiamo conto che non deve essere semplice per Inzaghi trovare spazio per tutti in una rosa fin troppo fornita "là davanti" e decisamente sguarnita a centrocampo.

Per concludere il solito "bla bla" di incitamento alle italiane che affrontano il turno di Champions. Sfidiamo i campioni di Spagna e d'Inghilterra bla bla, il ranking bla bla, Allegri è più bravo di Conte in Europa bla bla, forza Roma forza Lupi son finiti i tempi cupi bla bla. E così via. Un sacco di chiacchiere insomma.

In realtà preferisco dedicare due righe ad Allegri Massimiliano, il tesserato che personalmente negli ultimi anni ho trattato peggio di chiunque altro. Per intenderci: il giorno in cui il tecnico toscano venne scelto come successore di Conte scrissi troiate del genere "non sarà mai degno erede di Conte", "è un miracolato", "lo spogliatoio lo sbranerà" ecc ecc...
Dal canto suo non ha mai degnato di una risposta me e neppure quelli che come me l'hanno attaccato anche oltre i suoi demeriti. Segno evidente che o non sa leggere, o non gliene frega una cippa di quello che scrivono 4 giornalisti da strapazzo, oppure sa quanto vale e banalmente risponde con i fatti. Chapeau.
Spero che questa clamorosa leccata di culo infine mi consenta di arrivare a un'intervista esclusiva con Max entro, diciamo, massimo dieci giorni. W Max, alè Max, in fondo ti ho sempre voluto bene anche perché sei sempre stato pieno di gnagna. Fine.

Ps. Sogno un giorno di poter intervistare anche il presidente della Samp Ferrero. Anche su di lui avevo dei dubbi. Forse ne ho ancora, ma converrete che da solo vale il prezzo del biglietto.

Ps2. Per concludere la serie "complimentoni", osanna anche a Stramaccioni, trattato come un pirla per mesi da tutti quanti e "riesumato" da quei fenomeni dei Pozzo. Leccatona anche a Stankovic, ottimo vice. A guardar bene a Udine ci sono più "interisti" che all'Inter. Forse è normale, forse no... (Twitter: @FBiasin)


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme, come...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...

Editoriale DI: Mauro Suma

Il 14 Dicembre del Milan. La confusione del Sassuolo. Pioli, il terzo scomodo. E' bruttissimo il calcio fra Biella e la Questura di Como 26.11 - All'esterno del Milan l'attesa spasmodica è per il 13 Dicembre. All'interno del Milan la curiosità e la suspence sono tutte per il 14 Dicembre. Chi entrerà a Casa Milan quel giorno? Le chiavi saranno sempre nelle stesse mani o saranno consegnate ai nuovi proprietari?...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

25.11 - L'ennesimo tentativo di agitare le acque attorno alla cessione del Milan è andato a vuoto. Questa volta è sceso in campo direttamente Silvio Berlusconi, spalleggiato dai soliti noti nel mondo della comunicazione, per cercare di depistare, spargere dubbi, insinuare situazioni...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.