HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus agli ottavi: ora può arrivare fino in fondo in Europa?
  Sì, la squadra ha le possibilità di tornare a giocarsi la Champions
  No, è presto per fare certi giudizi e servirà un mercato invernale importante
  Sì, col rientro progressivo degli infortunati la squadra è da titolo
  No, troppa la differenza con le big spagnole, inglesi e tedesche

TMW Mob
Editoriale

Ausilio show. Juve, sveglia che il mercato sta finendo. #cairobraccino e il web impazza! Roma, prendi un portiere. Sinisa, ti dico due cose su Muriel...

Nato ad Avellino, vive e lavora a Milano dal 2005. Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb. Scrivi su Twitter: MCriscitiello
12.01.2015 00.00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 64381 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

E' un mercato di gennaio abbastanza insolito. Solitamente, in inverno, dormono tutti sonni profondi e poi qualcuno si sveglia l'ultima settimana. Questa volta non si capisce più nulla: sono passate meno di due settimane dall'inizio del calciomercato e siamo nel vivo delle trattative. Aeroporti pieni di tifosi, calciatori che arrivano ed altri che stanno per arrivare. W i top player dell'Inter. Podolski ha infiammato Linate, Shaqiri ha mandato in tilt Malpensa in un giorno infrasettimanale e San Siro è tornato magicamente ad essere frequentato dai tifosi interisti. Poi non dite che il mercato non ha poteri che neanche la classifica ha. La gente ama i sogni più dei fatti concreti. Anche perché la realtà è spesso illusoria. E' un gennaio che assomiglia tanto al 25 agosto. Ci divertiremo. Piero Ausilio sta facendo i miracoli veri per accontentare Mancini, quasi, in tutto e per tutto. Podolski lo prende in prestito e Shaqiri in "pagherò". Anche io voglio fare il Direttore Sportivo dell'Inter. Prendo grandi campioni, vado dalla banca, accumulo il debito e poi vediamo se i conti tornano. Ausilio ha solo un compito: prendere i calciatori richiesti dal Mister o che piacciono a lui. Sta facendo grandi cose. Il problema è della proprietà che deve tirar fuori tanti soldi e deve pensare ad una chiusura di bilancio del 2014 da brividi. Profondo rosso. E non è il titolo di un film. Se l'Inter porterà a termine un'altra operazione avrà chiuso alla grande il mercato di gennaio. C'è da dire che la corsa al terzo posto, obiettivo minimo stagionale, resta molto complicata. Troppi punti da recuperare e troppe squadre avanti in classifica.
La Juventus, invece, avrebbe bisogno di un difensore e un trequartista ma sembra arrivata a gennaio un po' troppo distratta. Un club come la Juve, che deve vincere in Italia e deve affermarsi in Europa, dovrebbe arrivare al famigerato mercato di riparazione con le idee più chiare ma soprattutto con maggiore praticità. Rolando, e non parliamo di Nesta, se è un obiettivo vero lo devi chiudere a metà dicembre. E l'alternativa chi sarebbe? Nessuno... Vediamo, decidiamo. Così non va. Sneijder ci piace! Bene, lo prendiamo, trattiamo l'ingaggio del calciatore ma non sappiamo cosa ci rispondono i turchi. Va bene che sono alla canna del gas ma alla Juventus serve prendere il calciatore in questi 30 giorni di mercato e se offri 6 milioni ma loro ne chiedono 20, a metà strada è dura trovarsi. Programmazione. In questo caso a Marotta è leggermente mancata. In tutto ciò la ferita di Doha è ancora aperta e la distanza da Garcia è la stessa della lunghezza di un violino.
Sta impazzando sul web l'hastag #cairobraccino vendi il Torino. I tifosi fanno, giustamente, i conti in tasca a Urbano Cairo che grazie al Toro è diventato un personaggio per l'opinione pubblica e ha un marchio da esibire che si riflette anche sul suo lavoro. I tifosi del Torino non hanno tutti i torti. Il rapporto con Cairo non è mai stato idilliaco ma quando ci sono i risultati è come quando la signora delle pulizie non viene: nascondi la polvere del salotto sotto il tappeto e quando entra tua moglie fai credere che la casa è in ordine. Ma se il tappeto è tarocco e non persiano e in cucina c'è la spazzatura fino a fuori il balcone, tua moglie ti prenderà con la scopa. Stesso discorso del tifoso granata. Non ne può più di Cairo. Il salto di qualità? Mai! Un investimento da Toro? Mai. Nocerina, Quagliarella, Amauri e qualche straniero sconosciuto che conosce solo Petrachi. E se lo conosce solo Petrachi un motivo ci sarà. O lui è troppo bravo o gli altri sono tutti fessi. Scegliete voi l'opzione A o l'opzione B. Cairo è un mago della finanza, fa quadrare i conti e non posa mai 1 se non prende 2. Il problema è che nel calcio la regola non è la stessa della tv o della pubblicità. La base è che ci perdi, se sei bravo pareggi. Vincere è complicatissimo. Ci riescono 2 su 80. Il calcio per Cairo è un veicolo importante ma non può essere un veicolo per far soldi; almeno non a Torino con una piazza gloriosa che sogna un calcio vero.
Roma-Lazio è stato un grande spot per il nostro calcio. Totti dovrebbero clonarlo. La Roma ha reagito da leone più che da lupa. La Lazio ha fatto un grande primo tempo e si sono affrontate due squadre eccezionali. Per una volta il derby lo hanno vinto entrambe. Una riflessione sul mercato della Roma: Sabatini cerca difensori, centrocampisti e attaccanti ma l'unica cosa da fare è trovare subito un buon portiere. De Sanctis ha ancora la forza per salvarti il risultato al 90' perché la qualità non si discute ma, ormai, è diventato inaffidabile e troppo rischioso. Ti fa perdere le partite, te le indirizza sul binario sbagliato e una squadra che ragiona da grande non può continuare ad andare avanti con uno scarto del Napoli.
Complimenti alla Sampdoria, sempre più protagonista di questo mercato invernale. Mihajlovic ha voluto fortemente Muriel, l'Udinese sperava di prendere 30 ma vista la non esplosione del colombiano 12 vanno più che bene. Praticamente un milione a gol, nell'ultimo anno e mezzo. Inserire dentro Coda (ingaggio elevato) è stato un colpo da fenomeno. Un consiglio a Sinisa: Muriel a Genova può esplodere. Il mare, il clima e il pugno duro del tecnico possono far schizzare il valore di Luis. Come qualità non dobbiamo neanche parlarne; questo è un ragazzo che da solo ti può fare la differenza. I tifosi della Samp si innamoreranno di Muriel quando prende palla al piede a centrocampo e se ne va da solo in porta. Gli avversari restano a centrocampo. Un talento unico, sono innamorato della sua classe ma odio la sua poca professionalità e spirito di sacrificio. A Udine aveva due tutor, uno staff che lo seguiva ovunque eppure nessuno ha potuto nulla. Classica storia che nasce male e finisce male. Sinisa, marcalo fino a casa, occhio a cosa mangia che lievita come il panettone, non deve toccare mezza birra e la sera deve rinchiudersi in casa. Deve fare campo-casa, casa-campo. Così avrai un fenomeno in squadra. Fagli sentire la tua fiducia e allenalo con la palla, odia ogni tipo di cronometro o controllo sulla condizione fisica. In bocca al lupo a Muriel e complimenti alla Samp che lo ha preso. Se ingrana, la Samp volerà.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Messi-Inter? Parliamo di Gabigol... Milan, tre al prezzo di uno! Dopo Drogba, ecco Eto'o e Tevez 07.12 - Sono anni, forse decenni, che mi interrogo sul perché attorno all'Inter succeda sempre qualcosa che ti lascia a bocca aperta, sbigottito, spesso incredulo. Perché si è solo ipotizzato un possibile matrimonio tra Messi e l'Inter? Non siamo più ai tempi in cui Moratti,...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

 Juve: Allegri ha un'idea per il presente, Marotta pensa al futuro: ecco il (super) colpo per l'estate! Inter: la "bomba Simeone" nasconde una verità. Milan e il closing in ritardo: così cambia il mercato. Napoli: occhio a Pavo... 06.12 - Ciao. Volevo commentare insieme a voi gli esiti del referendum, ma mentre ci pensavo mi si è materializzata in testa l'immagine di Brunetta che esulta e se la tira come se avesse qualche merito. Mi sono spaventato. Sono cose più grosse di me: i referendum, non Brunetta....

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, un consiglio a Piero: occhio al tuo "miglior nemico". Udinese, 120 anni di storia e 30 anni di come si fa mercato. Il Verona primo e brutto, l'Alessandria ha già fatto il check-in 05.12 - Mi e vi devo fare una promessa: in questo mio spazio del lunedì non parlerò più del closing Milan fino alla firma del contratto, alla stipula davanti al notaio, ai comunicati ufficiali e alle foto di rito. Anche se dovessero arrivare altri 100 milioni di euro dalle banche...

EditorialeDI: Andrea Losapio

401 milioni di euro spesi sul mercato per non vincere nulla: l'Inter è un fallimento conclamato. Closing parola dell'anno a Milano. La fortuna aiuta gli audaci, come Conte 04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, trovato l'uomo per la difesa! Inter, ma Gabigol? Drogba è libero... 30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Closing Milan: in un Paese normale sarebbe già intervenuta la Procura della Repubblica. Disastro Juve nel deserto delle rivali. Palermo, lo specchio di Zamparini. De Zerbi, te lo avevamo detto... 28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.